Giallo - thriller - noir

Il ladro gentiluomo

Gazzola Alessia

Descrizione: Alice Allevi, finalmente specialista in Medicina legale, ha dovuto affrontare scelte difficili sia sul piano professionale che su quello sentimentale. Dopo un lungo e burrascoso corteggiamento, sembrava che tra lei e Claudio Conforti, l'affascinante e imprevedibile medico legale con il quale ha condiviso ogni disavventura dai tempi della specializzazione, fosse nato qualcosa. Per un attimo, Alice ha creduto finalmente di aver raggiunto un periodo di serenità, almeno al di fuori dell'Istituto di Medicina legale. Ma in un momento di smarrimento sentimentale chiede un trasferimento. E lo ottiene: a Domodossola. Per sua fortuna, o suo malgrado, Alice non avrà molto tempo per indugiare sul proprio destino, perché subito un nuovo caso la travolge. Durante quella che credeva essere un'autopsia di routine, Alice ritrova un diamante nello stomaco del cadavere. Una pietra di notevole caratura e valore, ma anche una prova materiale importante per il caso. Per questo, Alice si premura di convocare un ufficiale giudiziario a cui consegnarlo in custodia. L'ufficiale che si presenta da lei è un uomo distinto ed elegante, dai modi cortesi ed impeccabili, e Alice non esita ad affidargli il diamante. Ed è a quel punto che il fantomatico ufficiale sparisce nel nulla e i guai per Alice iniziano a farsi enormi...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Anno: 2018

ISBN: 9788830449633

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il ladro gentiluomo di Alessia Gazzola, premio Bancarella 2019, è un romanzo della serie che ha per protagonista il medico legale Alice Allevi, più innamorata che mai del collega Claudio Conforti, ma – ahinoi! – osteggiata dalla responsabile di reparto, Valeria Boschi detta Wally, che non esita ad allontanarla da Roma con destinazione estremo nord: Domodossola per l’esattezza – altrimenti detta Domo o Domodossoland -, alle dipendenze del prof. Velasco.

Per l’occasione Alice alloggia da una simpatica signora che fa le veci della nonna (“Noi ci occupiamo solo di cadaveri… Si starà chiedendo: ma a che serve studiare medicina se poi uno sceglie di avere a che fare con i morti?”) e il primo compito che le viene affidato – l’autopsia di tal Arsen, ladro precipitato mentre fuggiva dalla proprietà dei Megretti Savi – si trasforma subito in una caso poliziesco (“È un diamante. Enorme. Come ha fatto a inghiottirlo senza rovinarsi l’esofago?”).

Credendo di affidare il prezioso a un emissario della Procura, che si qualifica con il nome di… Alessandro Manzoni, Alice consegna il diamante a… Il ladro gentiluomo (“Il mio modus operandi è sempre improntato alla correttezza. Nei limiti di quella che è la mia occupazione, s’intende”)!

Tra le incursioni a Domodossola dell’amato Claudio (“Io volevo portarti a sciare e tu mi porti in obitorio”), i viaggi a Roma e i sospetti sulla famiglia derubata (“Hanno già i loro guai a dover dimostrare di non aver truffato l’assicurazione”), Alice agisce sospinta da curiosità e sentimenti. Intanto i sospetti si allungano su un’altra morte (“Luigi Megretti Savi, cavaliere del lavoro dal 1977, portava bene i suoi 69 anni”) e il diamante (“Il Beloved Beryl… è un diamante rosa proveniente da Galconda, in India, dove ornava la statua di Brahma. Lì fu rubato…”) ricompare inaspettatamente (“La pietra… è misteriosamente riapparsa in un catalogo di una casa d’aste”).

Il finale è un tripudio di medicina legale (“Le sostanze velenose cardioattive sono molte più di quante pensassi”) con note zuccherine (“Mad honey. Un miele attenuto dai fiori di Rhododendron Ponticum”) e melodrammatiche (“Il mio fidanzato… è in realtà l’Houdini dell’escapologia sentimentale”), sempre sostenute dall’umorismo di paragrafi intitolati all’insegna di uno stile scanzonato, gradevole e divertente (“I brillanti a volte fanno cafona – Paul Varriak, Colazione da Tiffany”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessia

Gazzola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gazzola Alessia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Una delle poche cose, anzi forse la sola ch'io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal', è l'incipit del romanzo più noto di Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (1904). In esso è contenuta la cellula generativa dell'intero libro. Quando lo scrisse, lo scrittore siciliano ne sapeva quanto chi, scorse queste prime righe, si predispone alla lettura. Scelti nome e cognome, cominciano le peripezie del personaggio, il quale presto si trova in una situazione simile a quella dell'autore: deve lui stesso dare vita a "un uomo inventato". Durante questa vera e propria avventura dei nomi, il libro assume la sua forma pienamente novecentesca, nella quale autobiografia e biografia immaginaria si confondono. Consanguineo di quelli che saranno i sei personaggi in cerca d'autore, Mattia Pascal sembra a tratti lanciare messaggi al lettore perché lo liberi dal vincolo cartaceo e dunque dalla sua muta solitudine.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Il ruolo economico dello stato

Stiglitz Joseph E.

Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfetto. La notte di San Valentino, Giò trova un biglietto che sua nonna aveva scritto all'angelo custode, per ringraziarlo. Con lo sconforto, ma anche il coraggio, di chi non ha niente da perdere, Giò ci prova: scrive anche lei al suo angelo. Che, incredibilmente, le risponde. E le fa una promessa: avrò cura di te. L'angelo ha un nome: Filemone, ha una storia. Soprattutto ha la capacità di comprendere Giò come Giò non si è mai compresa. Di ascoltarla come non si è mai ascoltata. Nasce così uno scambio intenso, divertente, divertito, commovente, che coinvolge anche le persone che circondano Giò. Uno scambio che indaga non solo le mancate ragioni di Giò: ma le mancate ragioni di ognuno di loro. Perché a ognuno di loro, grazie a Filemone, voce dell'interiorità prima che dell'aldilà, sia possibile silenziare la testa e l'istinto. Per ascoltare il cuore. Anche e soprattutto quando è chiamato a rispondere a prove complicate, come quella a cui sarà messa davanti Giò proprio dal suo fedele Filemone, in un finale sorprendente che sembrerà confondere tutto. Ma a tutto darà un senso.

Avrò cura di te

Gramellini Massimo Gamberale Chiara

Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena