Giallo - thriller - noir

IL LEOPARDO

Nesbø Jo

Descrizione: Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2011

ISBN: 9788806208127

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Una premessa: Il leopardo non c’entra nulla. Il titolo norvegese “panserhjerte” evoca un cuore blindato che, senza dubbio, è quello del protagonista, Harry Hole. Non evoca nemmeno le caratteristiche del killer, che gli investigatori battezzano “il cavaliere”. Ora, anche dando per scontato che un feroce assassino seriale in Einaudi non avrebbe mai potuto essere chiamato “Il Cavaliere” e che qualsiasi romanzo intitolato così nel nostro paese avrebbe evocato altro, il mistero sulla scelta del titolo italiano permane.

Altra premessa, più importante (poi ritorniamo ad Harry, promesso): sino a tre quarti, questo romanzo è uno dei migliori thriller scandinavi mai usciti! Poi Nesbø, magistrale sino a quel momento, la butta un po’ in vacca (si può dire?) ma resta il fatto che mi ha tenuto inchiodato per tutte le 759 pagine!

Torniamo ad Harry. Harry Hole è messo male. Buttato in una fumeria d’oppio a cercare di ricucire le proprie ferite nell’anima e nel corpo. Vorrebbe essere dimenticato, ma non succede. Non succede perché lui è il miglior investigatore norvegese e a Oslo sono state trovate morte due donne con ventiquattro ferite in bocca. Morti identiche e tremende: è stato il loro stesso sangue a soffocarle. Perciò la bella Kaja Solness va a cercare di riportarlo in patria. Per farlo è pronta a tutto, anche a rivelare a Hole che l’anziano padre è in fin di vita. E’ l’argomento vincente: Hole rientra in Norvegia e, da quel momento, la sua vita è spaccata tra l’assistenza al genitore, con cui tenta di tessere o ritessere un tardivo rapporto, e un’indagine intricatissima, nella quale solo Hole, nonostante tutto e nonostante tutti (a partire dall’ambizioso capo di Kaja, il capitano Mikael Bellman) riesce a scorgere nessi tra altre morti, apparentemente senza legami.

Un ottimo thriller, che sconta solo un po’ di eccessi di colpi di scena e di “hard-to-die”ismo del protagonista nell’ultima parte. Un po’ alla Deaver, per capirci. E questo, per tanti lettori, non è certo un difetto!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jo

Nesbø

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nesbø Jo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IL CIRCOLO DE I-LIBRI – Incontro

Infanzia e adolescenza costituiscono la trama quasi romanzesca di Memorie d'una ragazza perbene, prima parte dell'autobiografia di Simone de Beauvoir. Le tappe obbligate d'una educazione sentimentale, l'inevitabile scontro con la famiglia e l'ambiente sociale dell'alta borghesia francese conservatrice e bigotta, i meschini pregiudizi d'un mondo in declino insieme con i primi dubbi, i contrasti sentimentali, le tensioni, accompagnano il lungo viaggio verso la conquista di sé, fino agli anni dell'università e l'incontro con alcune tra le piú note figure della cultura francese, da Simone Weil a Raymond Aron, da Merleau-Ponty a Roger Vailland e Jean-Paul Sartre.

MEMORIE DI UNA RAGAZZA PERBENE

De Beauvoir Simone

Quando il piccolo Dito, di soli dieci anni, viene rapito e i suoi genitori fatti assassinare dal potente tiranno dell'isola di Santerra, sua sorella potrebbe cedere alla disperazione, oppure progettare liberazione e vendetta grazie all'immenso potere che sta crescendo dentro di lei. Ma perché un bambino come tanti dovrebbe costituire una minaccia per un sovrano che regna incontrastato ormai da un decennio? Iugerin cercherà di scoprirlo, e nel farlo imparerà a governare l'energia dell'universo che le permette di levitare, guarire, modificare la forma e la sostanza delle cose. Da una battaglia personale per scarcerare il fratello e vendicare i genitori, si troverà coinvolta in una vera e propria guerra per la liberazione dell'isola dal tiranno che la tiene soggiogata. Combatterà a fianco di eroi che mostreranno il loro lato oscuro e contro creature metà umane e metà ferro, acqua, terra, frutto dei crudeli esperimenti del re.

Energeia

Silvotti Alessandra

Grenoble, Francia. L'ispettore Eric Darrieux si ritrova immerso in un caso che da subito appare psicologicamente difficile. La scomparsa di un ragazzino, poi di un secondo, entrambi studenti dello stesso istituto. Il romanzo è ambientato nel quartiere di Eaux-Claires, quello nel quale Darrieux è cresciuto; quartiere da sempre luogo di immigrazione italiana che verrà battuto in ogni angolo, al quale verrà fatta una vera e propria autopsia, scavando nel profondo dei suoi abitanti, nelle loro storie che porteranno alla verità grazie a un lavoro di maieutica che lo stesso Eric compirà a sua insaputa su se stesso. Darrieux è uno sbirro che ama il proprio lavoro, mette anima e corpo nelle ricerche, lavora nell'ombra in aiuto dei colleghi e ha una storia privata complicata, diviso tra l'amore semplice per le proprie figlie e la moglie e quello carnale e forte verso la collega Catherine. Un ispettore attaccato al collo della bottiglia che alterna brevi attimi di coscienza e lucidità a fasi in cui l'alcol fa il suo corso, portandolo tra le nebbie delle scoperte e i fumi indefiniti del passato. Poi, una terza fuga. Eric dovrà camminare su strade scomode e segrete portando avanti un'indagine personale e lasciando all'oscuro alcuni colleghi fino a quando il caso gli verrà tolto, fino a quando scoprirà la verità accompagnandoci verso un finale stupefacente per logica fluidità e fredda coerenza. È a questo punto che Marin Ledun, autore del romanzo, presenta il tema della pedofilia con delicata incertezza, mostrandola dall'interno, dal lavoro deleterio e corrosivo che porta allo sfinimento delle persone. Un tema che si attacca alla memoria e lacera da dentro finché esplode nelle strade di un quartiere e le stanze buie del passato. “Quasi innocenti” è un thriller psicologico, una cronaca sociale, un giallo che mette in luce il rapporto tra aggressore e vittima con quel gioco crudele di deresponsabilizzazione del primo che impedisce al secondo di sentirsi libero per sempre.

QUASI INNOCENTI

Ledun Marin