Giallo - thriller - noir

IL LEOPARDO

Nesbø Jo

Descrizione: Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2011

ISBN: 9788806208127

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Una premessa: Il leopardo non c’entra nulla. Il titolo norvegese “panserhjerte” evoca un cuore blindato che, senza dubbio, è quello del protagonista, Harry Hole. Non evoca nemmeno le caratteristiche del killer, che gli investigatori battezzano “il cavaliere”. Ora, anche dando per scontato che un feroce assassino seriale in Einaudi non avrebbe mai potuto essere chiamato “Il Cavaliere” e che qualsiasi romanzo intitolato così nel nostro paese avrebbe evocato altro, il mistero sulla scelta del titolo italiano permane.

Altra premessa, più importante (poi ritorniamo ad Harry, promesso): sino a tre quarti, questo romanzo è uno dei migliori thriller scandinavi mai usciti! Poi Nesbø, magistrale sino a quel momento, la butta un po’ in vacca (si può dire?) ma resta il fatto che mi ha tenuto inchiodato per tutte le 759 pagine!

Torniamo ad Harry. Harry Hole è messo male. Buttato in una fumeria d’oppio a cercare di ricucire le proprie ferite nell’anima e nel corpo. Vorrebbe essere dimenticato, ma non succede. Non succede perché lui è il miglior investigatore norvegese e a Oslo sono state trovate morte due donne con ventiquattro ferite in bocca. Morti identiche e tremende: è stato il loro stesso sangue a soffocarle. Perciò la bella Kaja Solness va a cercare di riportarlo in patria. Per farlo è pronta a tutto, anche a rivelare a Hole che l’anziano padre è in fin di vita. E’ l’argomento vincente: Hole rientra in Norvegia e, da quel momento, la sua vita è spaccata tra l’assistenza al genitore, con cui tenta di tessere o ritessere un tardivo rapporto, e un’indagine intricatissima, nella quale solo Hole, nonostante tutto e nonostante tutti (a partire dall’ambizioso capo di Kaja, il capitano Mikael Bellman) riesce a scorgere nessi tra altre morti, apparentemente senza legami.

Un ottimo thriller, che sconta solo un po’ di eccessi di colpi di scena e di “hard-to-die”ismo del protagonista nell’ultima parte. Un po’ alla Deaver, per capirci. E questo, per tanti lettori, non è certo un difetto!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jo

Nesbø

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nesbø Jo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Attraverso le avventure di Gulliver l'autore si sfogò contro una congiuntura sociale e politica dell'Inghilterra del primo Settecento e soprattutto contro l'intolleranza, la corruzione, l'avidità, l'ipocrisia della cieca fiducia nella scienza.

I viaggi di Gulliver

Swift Jonathan

"Il libro più intelligente - ma anche il più divertente - di questi ultimi anni." Lars Gustafsson, Der Spiegel "Il libro è così ricco che permette tutti i livelli di lettura... Eco, ancora bravo!" Robert Maggiori, Liberation "Brio e ironia. Eco è andato a scuola dai migliori modelli." Richard Ellmann, The New York Review of Books "Precisamente il genere di libro che, se fossi un milionario, comanderei su misura." Punch "Quando Baskerville e Adso entrarono nella stanza murata allo scoccare della mezzanotte e all'ultima parola del capitolo, ho sentito, anche se è fuori moda, un caratteristico sobbalzo al cuore." Nicholas Shrimpton, The Sunday Times "E' riuscito a scrivere un libro che si legge tutto d'un fiato, accattivante, comico, inatteso..." Mario Fusco, Le Monde "E' un tipo di libro che ci trasforma, che sostituisce la nostra realtà con la sua... ci presenta un mondo nuovo nella tradizione di Rabelais, Cervantes, Sterne, Melville, Dostoevskij, lo stesso Joyce e Garcfa Marquez." Kenneth Atchity, Los Angeles Times "Mi rallegro e tutto il mondo delle lettere si rallegrerà con me, che si possa diventare best seller contro i pronostici cibernetici, e che un'opera di letteratura genuina possa soppiantare il ciarpame... L'alta qualità e il successo non si escludono a vicenda." Anthony Burgess, The Observer

Il nome della rosa

Eco Umberto

In queste settimane, il mondo della politica internazionale è in subbuglio: sono stati pubblicati numerosi e compromettenti documenti diplomatici riservati, provenienti dal Dipartimento di Stato americano. A farlo è stato Julian Assange, l’attivista Internet che con il suo sito, Wikileaks, ha aperto una nuova era nel giornalismo investigativo, svelando on line scandali e fenomeni di corruzione politica ripresi da decine di testate. Quello di Wikileaks è uno dei tanti e significativi esempi della rivoluzione dei modi e delle forme in atto nel giornalismo, internazionale e italiano, che vengono trattati nell’originale e interessantissima inchiesta di Bruno e Mastrolonardo, due giornalisti di crescente visibilità impegnati nella divulgazione dei temi legati ai nuovi media e alla cultura digitale. In un viaggio tra le divisioni online dei media più innovativi, centri universitari all’avanguardia, minuscole agenzie di comunicazione che uniscono design, tecnologia e, talvolta, guardano alla controinformazione, il libro osserva da vicino l’universo dei creativi e dei rivoluzionari della notizia, raccontandoci le loro storie, invenzioni e progetti.

La scimmia che vinse il Pulitzer

Bruno Nicola

Ci sono mondi che da lontano sembrano brutti e grigi. Mondi poveri, in cui il cibo era poco, in cui la libertà di scelta era poca, in cui la fatica sembrava non finire mai. Eppure, proprio di questi mondi, pur ricordandone tutte le ombre, decenni dopo si sente nostalgia, si avverte la mancanza. Confrontata all’anonimato consumistico contemporaneo, la Russia d’un tempo, la Grande Russia del socialismo, rappresentava una fede, una identità, una sfida. Attraverso le testimonianze di decine e decine di donne e uomini che hanno attraversato e creduto alla Perestrojka, Svetlana Aleksievic ci racconta l’utopia di un mondo finito, che non ha saputo restituire al suo popolo l’orgoglio di un tempo.

Tempo di seconda mano

Alesksievič Svetlana