Romanzo storico

Il libro dell’angelo

Colitto Alfredo

Descrizione: Venezia, maggio 1313. Mentre fervono i preparativi per la festa della Sensa, che culminerà con lo Sposalizio del Mare, l'acqua alta trascina in piazza San Marco i cadaveri di tre bambini crocifissi. Un anziano ebreo ingiustamente accusato dell'omicidio si toglie la vita in carcere, lasciando sul muro della cella una frase latina che non svela nulla. Ma allora perché si è dato la pena di scriverla con il sangue? La macabra scoperta sembra in qualche modo collegata al Sefer-ha-Razim, il Libro dei Misteri, dettato secondo la leggenda dall'angelo Raziel a Noè che lo trascrisse su una tavoletta di zaffiro. Questo è il mistero che Mondino de' Liuzzi, medico anatomista dello Studium di Bologna, è chiamato a risolvere a Venezia. Ma subito Mondino si scontra con il nobile che ha ordinato l'arresto dell'ebreo, con la donna che ama, con quella che ha amato e forse ama ancora e persino con il suo amico Gerardo. Il giovane, che un tempo aveva fatto parte dell'ordine dei Templari, si rifiuta di aiutarlo, perché anche lui ha una missione da compiere: mettere in salvo la mappa per raggiungere le misteriose Terre Australi al di là dell'oceano, di cui qualcuno ha trovato traccia nel Liber Floridus di Lamberto di Saint-Omer. Ha inizio così una vicenda d'intrigo e di morte, in cui Mondino sfidando il potere di Venezia, e a rischio della sua stessa vita, dovrà sciogliere l'enigma di una stirpe di custodi che risale ai tempi del diluvio, in un'implacabile corsa contro il tempo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788856625196

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

 

Vincitore del Premio Azzeccagarbugli al Romanzo poliziesco

Omnino Insons, denego donum tibi

Protagonista indiscusso del premio Azzeccagarbugli, oltre che del romanzo Il Libro dell’Angelo di Alfredo Colitto, è Mondino de’ Liuzzi, medico dello studium di Bologna, personaggio realmente esistito, nato nel 1275 a Bologna, primo anatomista che riprese la pratica delle dissezioni del corpo umano.

Già personaggio chiave dei due romanzi precedenti di Colitto (Cuore di ferro e I discepoli del fuoco), Mondino si trova questa volta a dover affrontare un intrigo misterioso che vede come protagonista Venezia, città sconosciuta al saggio medico, dove un atroce delitto ha sconvolto la popolazione cristiana.

Nel maggio del 1313, durante la preparazione della festa della Sensa, il mare trascina in Piazza San Marco i cadaveri di tre bambini crocifissi. Viene accusato del delitto un anziano ebreo, Eleazar da Worms, mercante di stoffe che poi si scopre essere il custode segreto del libro dei Misteri, Sefer-ha-Razim, inciso da Noè sotto dettatura dell’angelo Raziel su una tavoletta di zaffiro.

E’ Davide, il figlio di Eleazar, a chiamare a Venezia Mondino, attraverso un messaggio di Aidia, un’alchimista araba alla quale il medico era legato in passato da un grande amore, ora gravemente malata. Mondino, nonostante le imminenti nozze con la giovane e colta Mina, decide di recarsi da Aidia nel tentativo di guarirla, ma ciò che lo attende è un intrigante mistero da risolvere che coinvolge non solo la cruenta lotta tra cristiani ed ebrei, ma anche i Templari attraverso la figura di Gerardo da Castelbretone, già amico e aiutante di Mondino nei romanzi passati, il quale ha anch’egli una missione da svolgere: quella di proteggere Pietro da Bologna, l’ex avvocato dei Templari, possessore di una mappa delle terre Australi che gli emissari del Re di Francia vogliono a tutti i costi.

Punto cruciale del romanzo è il suicidio in cella dell’anziano ebreo Eleazar, torturato e costretto all’estremo gesto da Gradenigo, un membro del Consiglio dei Dieci a cui è affidata la guida della Repubblica, desideroso di ottenere il Sefer ha Razim. Il vecchio, prima di morire, lascia sul muro della cella una scritta in latino che dice: “Del tutto innocente ti nego il dono“. E’ questa la chiave che Mondino utilizzerà per trovare il libro del Mistero e per risolvere il delitto dei bambini crocifissi.

Il Libro dell’Angelo è un thriller storico che appassiona gli amanti del genere, grazie soprattutto a una scrittura semplice e diretta, funzionale alla creazione di un climax ascendente, denso di suspance e di tensione narrativa. La presenza di temi cari al grande pubblico, come il mistero dell’Ordine dei Templari o la tradizione esoterica ebraica, ha influito certamente al successo del romanzo; tuttavia è la presenza di un personaggio ricco di sfumature, come quello del medico anatomista Mondino, a craere il legame con il lettore, il quale si ritrova inevitabilmente a simpatizzare per lui, sia nei suoi aspetti più carismatici che in quelli più “umani”, come ad esempio il desiderio di abbandonarsi a un amore passato.

Importante è il ruolo della donna in questo romanzo. Mina, la promessa sposa, e Aidia, l’alchimista araba, rapprentano un mondo femminile “altro” dell’epoca. Sono donne colte e decise, capaci di affrontare la vita con grinta e tenacia, sicure delle proprie scelte.

Una domanda nasce spontanea: la scelta di questa tipologia di donna sarà stata dettata dalla stima dell’autore verso un mondo femminile capace di autoffermazione, o solo dalla necessità di esaltare ancora di più il personaggio maschile di Mondino? A voi lettori e lettrici la risposta…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alfredo

Colitto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colitto Alfredo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.

Susi ha trent'anni e vive a New York. Ha un fiuto straordinario per gli uomini sbagliati, tanto che ha inanellato una lunga serie di relazioni fallimentari. L'ultima le brucia ancora. Quando il padre decide di affidarle la gestione del ristorante di famiglia, "Da Totò", Susi è convinta che sia arrivata l'occasione giusta per dimostrare finalmente le proprie capacità. Ma una sorpresa indesiderata la attende dietro l'angolo: ad affiancarla ci sarà Michael Di Bella, chef tanto geniale quanto presuntuoso e maledettamente bello, per il quale Susi prova un odio profondo dai tempi del liceo... Ma, come spesso accade, la convivenza forzata, complici cibo e fornelli, può scatenare reazioni inaspettate e anche l'astio più antico può mutarsi in scintille. E passione...

Ti odio con tutto il cuore

Luzi Valeria

Vivere di Ilaria Spes in una videopoesia di Massimo Rotundo

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène