Romanzo storico

Il libro dell’angelo

Colitto Alfredo

Descrizione: Venezia, maggio 1313. Mentre fervono i preparativi per la festa della Sensa, che culminerà con lo Sposalizio del Mare, l'acqua alta trascina in piazza San Marco i cadaveri di tre bambini crocifissi. Un anziano ebreo ingiustamente accusato dell'omicidio si toglie la vita in carcere, lasciando sul muro della cella una frase latina che non svela nulla. Ma allora perché si è dato la pena di scriverla con il sangue? La macabra scoperta sembra in qualche modo collegata al Sefer-ha-Razim, il Libro dei Misteri, dettato secondo la leggenda dall'angelo Raziel a Noè che lo trascrisse su una tavoletta di zaffiro. Questo è il mistero che Mondino de' Liuzzi, medico anatomista dello Studium di Bologna, è chiamato a risolvere a Venezia. Ma subito Mondino si scontra con il nobile che ha ordinato l'arresto dell'ebreo, con la donna che ama, con quella che ha amato e forse ama ancora e persino con il suo amico Gerardo. Il giovane, che un tempo aveva fatto parte dell'ordine dei Templari, si rifiuta di aiutarlo, perché anche lui ha una missione da compiere: mettere in salvo la mappa per raggiungere le misteriose Terre Australi al di là dell'oceano, di cui qualcuno ha trovato traccia nel Liber Floridus di Lamberto di Saint-Omer. Ha inizio così una vicenda d'intrigo e di morte, in cui Mondino sfidando il potere di Venezia, e a rischio della sua stessa vita, dovrà sciogliere l'enigma di una stirpe di custodi che risale ai tempi del diluvio, in un'implacabile corsa contro il tempo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788856625196

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

 

Vincitore del Premio Azzeccagarbugli al Romanzo poliziesco

Omnino Insons, denego donum tibi

Protagonista indiscusso del premio Azzeccagarbugli, oltre che del romanzo Il Libro dell’Angelo di Alfredo Colitto, è Mondino de’ Liuzzi, medico dello studium di Bologna, personaggio realmente esistito, nato nel 1275 a Bologna, primo anatomista che riprese la pratica delle dissezioni del corpo umano.

Già personaggio chiave dei due romanzi precedenti di Colitto (Cuore di ferro e I discepoli del fuoco), Mondino si trova questa volta a dover affrontare un intrigo misterioso che vede come protagonista Venezia, città sconosciuta al saggio medico, dove un atroce delitto ha sconvolto la popolazione cristiana.

Nel maggio del 1313, durante la preparazione della festa della Sensa, il mare trascina in Piazza San Marco i cadaveri di tre bambini crocifissi. Viene accusato del delitto un anziano ebreo, Eleazar da Worms, mercante di stoffe che poi si scopre essere il custode segreto del libro dei Misteri, Sefer-ha-Razim, inciso da Noè sotto dettatura dell’angelo Raziel su una tavoletta di zaffiro.

E’ Davide, il figlio di Eleazar, a chiamare a Venezia Mondino, attraverso un messaggio di Aidia, un’alchimista araba alla quale il medico era legato in passato da un grande amore, ora gravemente malata. Mondino, nonostante le imminenti nozze con la giovane e colta Mina, decide di recarsi da Aidia nel tentativo di guarirla, ma ciò che lo attende è un intrigante mistero da risolvere che coinvolge non solo la cruenta lotta tra cristiani ed ebrei, ma anche i Templari attraverso la figura di Gerardo da Castelbretone, già amico e aiutante di Mondino nei romanzi passati, il quale ha anch’egli una missione da svolgere: quella di proteggere Pietro da Bologna, l’ex avvocato dei Templari, possessore di una mappa delle terre Australi che gli emissari del Re di Francia vogliono a tutti i costi.

Punto cruciale del romanzo è il suicidio in cella dell’anziano ebreo Eleazar, torturato e costretto all’estremo gesto da Gradenigo, un membro del Consiglio dei Dieci a cui è affidata la guida della Repubblica, desideroso di ottenere il Sefer ha Razim. Il vecchio, prima di morire, lascia sul muro della cella una scritta in latino che dice: “Del tutto innocente ti nego il dono“. E’ questa la chiave che Mondino utilizzerà per trovare il libro del Mistero e per risolvere il delitto dei bambini crocifissi.

Il Libro dell’Angelo è un thriller storico che appassiona gli amanti del genere, grazie soprattutto a una scrittura semplice e diretta, funzionale alla creazione di un climax ascendente, denso di suspance e di tensione narrativa. La presenza di temi cari al grande pubblico, come il mistero dell’Ordine dei Templari o la tradizione esoterica ebraica, ha influito certamente al successo del romanzo; tuttavia è la presenza di un personaggio ricco di sfumature, come quello del medico anatomista Mondino, a craere il legame con il lettore, il quale si ritrova inevitabilmente a simpatizzare per lui, sia nei suoi aspetti più carismatici che in quelli più “umani”, come ad esempio il desiderio di abbandonarsi a un amore passato.

Importante è il ruolo della donna in questo romanzo. Mina, la promessa sposa, e Aidia, l’alchimista araba, rapprentano un mondo femminile “altro” dell’epoca. Sono donne colte e decise, capaci di affrontare la vita con grinta e tenacia, sicure delle proprie scelte.

Una domanda nasce spontanea: la scelta di questa tipologia di donna sarà stata dettata dalla stima dell’autore verso un mondo femminile capace di autoffermazione, o solo dalla necessità di esaltare ancora di più il personaggio maschile di Mondino? A voi lettori e lettrici la risposta…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alfredo

Colitto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colitto Alfredo

Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Il bambino con il pigiama a righe

Boyne John

Una sera, un affermato regista turco, che vive a Roma da alcuni anni, prende in gran fretta un aereo per Istanbul, la città dov'è nato e cresciuto. L'improvviso ritorno a casa scatena una serie di ricordi che sembravano sopiti: oltre alla madre affascinante ed elegantissima, il padre, misteriosamente scomparso per dieci anni (in Italia?), e altrettanto misteriosamente ricomparso; le zie zitelle, assetate di vita e di Martini, e i loro giovani amanti; e poi i fratelli, la fedele cuoca. E un amore, un amore perduto. Ma mai dimenticato. Stanza dopo stanza, i ricordi diventano più reali e la Istanbul della sua infanzia e adolescenza sembra riprendere forma. Ma con il passato il protagonista dovrà anche fare i conti. A questa storia se ne intreccia, imprevedibilmente, un'altra. Perché sullo stesso aereo Roma-Istanbul c'è, insieme al marito e a una coppia di amici, una donna. Il loro è un viaggio d'affari e di piacere, per festeggiare un evento importante. Finché accade qualcosa, e il loro futuro cambia direzione. Tra caffè e hammam, amori irrisolti e tradimenti svelati, melanconia e voluttà, il regista e la donna si sfiorano e, alla fine, si incontrano. Proprio come in un film di Ozpetek. Solo che stavolta è lui - forse - il protagonista.

Rosso Istanbul

Ozpetek Ferzan

II re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l'odore dell'uomo, dell'assassino di sua madre. Anche l'uomo, quell'uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell'uomo porta, impropriamente, il nome di "re dei camosci" - per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l'abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l'imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l'immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l'attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. "In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove," dice De Luca. E qui si racconta, per l'appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.

Il peso della farfalla

De Luca Erri

Angelo Moral è un antropologo alla ricerca di suo padre, creduto a lungo morto. La sua irruzione, improvvisa e casuale, nella realtà apparentemente immutabile di due paesini della provincia toscana si innesta nella vicenda di una setta che predica l'eternità sulla Terra sfruttando debolezze e fragilità dell'animo umano. In un gioco di scambi e di specchi, "La mala eternità" racconta come una minuscola casella di un passato dimenticato, forse per convenienza o paura, spostata avanti nel tempo, scateni il disordine e l'imprevedibile, portando in superficie, dal profondo, la parte più oscura di ognuno.

La mala eternità

Frascati Daniela