Narrativa

IL LIBRO DELL’INQUIETUDINE

Pessoa Fernando

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Impronte

Anno: 1999

ISBN: 9788807050404

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

 

Mi ci sono voluti circa tre anni per leggere le quasi trecento pagine di cui è composto il libro di Fernando Pessoa. Non è stata una questione di tempo “materiale” ma, piuttosto, del tempo che mi ci è voluto per assorbire ogni riga, per attutire il colpo del messaggio o della riflessione che l’autore vi ha lasciato filtrare.

L’autore portoghese, dal 1913 al 1935, prende degli appunti, note, riflessioni per un suo possibile, “ipotetico” romanzo. Purtroppo però, Pessoa muore prima di portare a termine il suo progetto che viene comunque messo insieme, postumo, da diversi editori nel corso degli anni fino a costituire il “romanzo” che abbiamo oggi tra le mani.

Il protagonista Bernardo Soares è un contabile di Lisbona che si muove assiduamente per le strade della città (di cui è riportata anche una mappa). Passando da una via all’altra, le riflessioni metafisiche sul mondo, sugli esseri umani e sulla sua persona in particolare, si accumulano e vengono riportate su materiale d’occasione, come una specie di diario.

“Ho creato in me varie personalità. Creo costantemente personalità. Ogni mio sogno, appena lo comincio a sognare, è incarnato in un’altra persona che inizia a sognarlo, e non sono io. Per creare, mi sono distrutto; mi sono così esteriorizzato dentro di me che dentro di me non esisto se non esteriormente. Sono la scena viva sulla quale passano svariati attori che recitano svariati drammi.”

Non c’è una trama, Antonio Tabucchi che ne ha curato la prefazione dell’edizione Feltrinelli, scrive che si può immaginare il romanzo “come un mazzo di carte capace di essere letto in infinite combinazioni.”

E, di fatto, di questo si tratta. Ma, quelle osservazioni che vengono riportate sono così profonde, riflettono e descrivono così bene, oltre che liricamente, la natura dell’uomo che divengono commoventi, che hanno bisogno di tempo per essere comprese e assimilate.

Il libro dell’Inquietudine è una lettura assolutamente consigliata purché si abbia la pazienza di affrontarla con calma e in silenzio.

“Non so cos’è il tempo. Non so quale è la sua vera misura, ammesso che ne abbia una. So che la misura dell’orologio è falsa: divide il tempo in modo spaziale, dal di fuori. Quella delle emozioni è falsa anch’essa, lo so: non divide il tempo ma la sensazione di esso. La misura dei sogni è sbagliata, li sfioriamo col tempo, a volte lungamente, altre volte in fretta, e cioè che viviamo è frettoloso o lento secondo un decorso di cui ignoro la natura.

A volte ho l’impressione che tutto sia falso, e che il tempo non sia altro che una cornice per inquadrare ciò che gli è estraneo.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fernando

Pessoa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pessoa Fernando


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... Questo è il secondo attesissimo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo.

Cinquanta sfumature di nero

James E. L.

L’innesto

Crimini su donne e bambine originarie delle società patriarcali e tribali

Novelli Noemi

La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo