Romanzo storico

Il libro segreto di Dante

Fioretti Francesco

Descrizione: Chi ha ucciso Dante? Quale segreto doveva sparire con lui? Dopo la morte del poeta, la figlia, suor Beatrice, un Cavaliere Templare e un medico iniziano un’indagine per fare chiarezza sull’accaduto. Quale codice si nasconde tra le pagine della Divina Commedia? Chi voleva impedire che l’opera fosse terminata? Perché Dante aveva occultato gli ultimi tredici canti del Paradiso? E chi ha rubato il manoscritto del poema? Teoremi raffi nati, intrighi complessi e personaggi oscuri si celano tra le righe dell’Inferno e del Purgatorio, come la vera identità del Veltro, o l’annuncio dell’arrivo di un enigmatico vendicatore… Sullo sfondo, un periodo storico decisivo: la crisi del Trecento, adombrata da misteri, intrecci e inquietanti interrogativi.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854129856

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Sin dalle sue origini la Commedia di Dante ha sempre catturato l’interesse di studiosi e letterati, che ne hanno variamente interpretato il contenuto. L’opera dell’Alighieri, definita Divina dal Boccaccio, ha senza dubbio costituito una svolta per il suo tempo. Nessuno sino a quel momento aveva osato citare (o meglio, accusare) apertamente personaggi allora influenti o mettere in discussione l’operato della chiesa (senza venir travolto inevitabilmente dalle conseguenze delle proprie affermazioni).

L’autore di questo romanzo, Francesco Fioretti, ambienta la sua storia nel periodo immediatamente successivo alla morte di Dante. In quel periodo, la Commedia, seppur non ancora completata, aveva raggiunto ampia popolarità in Italia. La scomparsa prematura dell’Alighieri era avvenuta prima della diffusione degli ultimi tredici canti del Paradiso, generando la convinzione che Dante non avesse avuto tempo di completare il proprio capolavoro.

In quel periodo giungeva a Ravenna, allora casa di Dante e luogo della sua morte, Giovanni da Lucca, figlio adottivo del poeta, che inconsapevole del decesso, avrebbe voluto con lui parlare di alcuni fatti del passato. In luogo dell’autore, Giovanni trova nella casa i suoi figli e la moglie, oltre ad un continuo andirivieni di persone in visita per rendere onore al grande scrittore. Tra i molti visitatori Giovanni incontra un ex templare alla ricerca degli ultimi canti della Commedia, certo che gli stessi contenessero un messaggio che, una volta interpretato, avrebbe condotto al Santo Graal, scomparso dopo la perdita dei territori d’oltremare.

La morte di Dante è quindi avvenuta veramente per via della malaria, o qualcuno forse ha voluto impedirgli di portare a compimento il suo capolavoro? Certamente erano molte le persone alle quali la Commedia non andava propriamente a genio. Tra chi si sentiva attaccato, chi criticava aspramente l’uso della lingua volgare (considerata impura) e chi semplicemente ne contestava il contenuto (ritenendo che l’autore volesse far credere di aver seriamente intrapreso il viaggio narrato), di persone senza scrupoli disposte a tutto per interrompere il lavoro dell’Alighieri ve n’erano in gran numero.

Sarà Giovanni ad investigare sula morte di Dante,che tanto lo aveva aiutato negli anni precedenti. Parallelamente procederà la ricerca dei canti mancanti, il cui nascondiglio è abilmente indicato da Dante mediante un messaggio in codice occultato tra i versi della Commedia.

“Allora si avvicinò lentamente al morto, e lo osservò. Vide che aveva il volto sereno, appena un po’ accigliato, come quando era assorto nei suoi pensieri. Era magro e le guance, scavate in due solchi ai lati della bocca, facevano risaltare, più di quanto ricordasse, le larghe mandibole. La fronte alta, che gli sembrò gigantesca, era coronata d’alloro. Notò che aveva le labbra nere, e questa circostanza lo inquietò. Di cosa era morto? In giro si diceva della malaria delle paludi di Comacchio, mentre si recava a Venezia per conto del Polenta. Come il suo amico d’un tempo, Guido Cavalcanti, il destino aveva voluto che fossero accomunati dalla stessa morte: i veleni dell’aria, quando erano sopravvissuti a quelli della politica.
Da medico, era abituato a vedere volti senza vita, corpi abbandonati dall’anima, e quasi non ne aveva più paura. Ma adesso gli si stringeva il cuore, come se si fosse spenta di colpo una parte importante del suo mondo, oscurata per sempre una zona ampia dell’universo in cui viveva. Le labbra nere gli parvero però indizio d’altra sorta di veleni che quelli dell’aria.

Un’avventura intrigante, che strada facendo perde parte del suo fascino per giungere ad un finale poco concludente e forse un po’ frettoloso, probabilmente dovuto alla volontà di non dilungarsi troppo. Eccessivamente complessi e difficilmente digeribili alcuni passaggi del libro (specialmente quelli ove si interpretano i codici nascosti nella Commedia).

Nel complesso un buon libro da leggere. L’autore è certamente molto preparato e in questo libro profonde tutta la sua passione per la Divina Commedia. Chi ha avuto la fortuna ed il piacere di leggere e studiare la Commedia nel corso della propria vita, leggerà con piacere queste pagine.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Fioretti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fioretti Francesco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati...

Dannati

Cooper Glenn

Può l’insegnante riappropriarsi del suo ruolo e nello stesso tempo parlare un linguaggio più vicino a quello degli studenti? E’ possibile sfruttare tutte le informazioni che sono già accessibili agli studenti tramite i diversi canali dell’era della comunicazione? E’ possibile tornare ad essere quelle figure di riferimento e orientamento fondamentali nella società civile in modo da essere la guida capace di insegnare ad apprendere da soli? E’ possibile fare in modo che i ragazzi si sentano più responsabili del loro apprendimento? Il flipped learning, l’approccio proposto in questo volume, consiste nell’invertire il luogo dove si segue la lezione (a casa propria anziché a scuola) con quello in cui si studia e si fanno i compiti (a scuola anziché a casa). In queste pagine gli autori presentano questa modalità didattica, dando ampio spazio al racconto di esperienze e buone prassi realizzate a livello nazionale e internazionale.

La classe capovolta

Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Lunedì o martedì, un racconto di Virginia Woolf

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro