Romanzo storico

Il libro segreto di Dante

Fioretti Francesco

Descrizione: Chi ha ucciso Dante? Quale segreto doveva sparire con lui? Dopo la morte del poeta, la figlia, suor Beatrice, un Cavaliere Templare e un medico iniziano un’indagine per fare chiarezza sull’accaduto. Quale codice si nasconde tra le pagine della Divina Commedia? Chi voleva impedire che l’opera fosse terminata? Perché Dante aveva occultato gli ultimi tredici canti del Paradiso? E chi ha rubato il manoscritto del poema? Teoremi raffi nati, intrighi complessi e personaggi oscuri si celano tra le righe dell’Inferno e del Purgatorio, come la vera identità del Veltro, o l’annuncio dell’arrivo di un enigmatico vendicatore… Sullo sfondo, un periodo storico decisivo: la crisi del Trecento, adombrata da misteri, intrecci e inquietanti interrogativi.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854129856

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Sin dalle sue origini la Commedia di Dante ha sempre catturato l’interesse di studiosi e letterati, che ne hanno variamente interpretato il contenuto. L’opera dell’Alighieri, definita Divina dal Boccaccio, ha senza dubbio costituito una svolta per il suo tempo. Nessuno sino a quel momento aveva osato citare (o meglio, accusare) apertamente personaggi allora influenti o mettere in discussione l’operato della chiesa (senza venir travolto inevitabilmente dalle conseguenze delle proprie affermazioni).

L’autore di questo romanzo, Francesco Fioretti, ambienta la sua storia nel periodo immediatamente successivo alla morte di Dante. In quel periodo, la Commedia, seppur non ancora completata, aveva raggiunto ampia popolarità in Italia. La scomparsa prematura dell’Alighieri era avvenuta prima della diffusione degli ultimi tredici canti del Paradiso, generando la convinzione che Dante non avesse avuto tempo di completare il proprio capolavoro.

In quel periodo giungeva a Ravenna, allora casa di Dante e luogo della sua morte, Giovanni da Lucca, figlio adottivo del poeta, che inconsapevole del decesso, avrebbe voluto con lui parlare di alcuni fatti del passato. In luogo dell’autore, Giovanni trova nella casa i suoi figli e la moglie, oltre ad un continuo andirivieni di persone in visita per rendere onore al grande scrittore. Tra i molti visitatori Giovanni incontra un ex templare alla ricerca degli ultimi canti della Commedia, certo che gli stessi contenessero un messaggio che, una volta interpretato, avrebbe condotto al Santo Graal, scomparso dopo la perdita dei territori d’oltremare.

La morte di Dante è quindi avvenuta veramente per via della malaria, o qualcuno forse ha voluto impedirgli di portare a compimento il suo capolavoro? Certamente erano molte le persone alle quali la Commedia non andava propriamente a genio. Tra chi si sentiva attaccato, chi criticava aspramente l’uso della lingua volgare (considerata impura) e chi semplicemente ne contestava il contenuto (ritenendo che l’autore volesse far credere di aver seriamente intrapreso il viaggio narrato), di persone senza scrupoli disposte a tutto per interrompere il lavoro dell’Alighieri ve n’erano in gran numero.

Sarà Giovanni ad investigare sula morte di Dante,che tanto lo aveva aiutato negli anni precedenti. Parallelamente procederà la ricerca dei canti mancanti, il cui nascondiglio è abilmente indicato da Dante mediante un messaggio in codice occultato tra i versi della Commedia.

“Allora si avvicinò lentamente al morto, e lo osservò. Vide che aveva il volto sereno, appena un po’ accigliato, come quando era assorto nei suoi pensieri. Era magro e le guance, scavate in due solchi ai lati della bocca, facevano risaltare, più di quanto ricordasse, le larghe mandibole. La fronte alta, che gli sembrò gigantesca, era coronata d’alloro. Notò che aveva le labbra nere, e questa circostanza lo inquietò. Di cosa era morto? In giro si diceva della malaria delle paludi di Comacchio, mentre si recava a Venezia per conto del Polenta. Come il suo amico d’un tempo, Guido Cavalcanti, il destino aveva voluto che fossero accomunati dalla stessa morte: i veleni dell’aria, quando erano sopravvissuti a quelli della politica.
Da medico, era abituato a vedere volti senza vita, corpi abbandonati dall’anima, e quasi non ne aveva più paura. Ma adesso gli si stringeva il cuore, come se si fosse spenta di colpo una parte importante del suo mondo, oscurata per sempre una zona ampia dell’universo in cui viveva. Le labbra nere gli parvero però indizio d’altra sorta di veleni che quelli dell’aria.

Un’avventura intrigante, che strada facendo perde parte del suo fascino per giungere ad un finale poco concludente e forse un po’ frettoloso, probabilmente dovuto alla volontà di non dilungarsi troppo. Eccessivamente complessi e difficilmente digeribili alcuni passaggi del libro (specialmente quelli ove si interpretano i codici nascosti nella Commedia).

Nel complesso un buon libro da leggere. L’autore è certamente molto preparato e in questo libro profonde tutta la sua passione per la Divina Commedia. Chi ha avuto la fortuna ed il piacere di leggere e studiare la Commedia nel corso della propria vita, leggerà con piacere queste pagine.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Fioretti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fioretti Francesco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Iniziato nella primavera del 1972 - durante la crisi petrolifera mondiale - e portato avanti fino alla prematura scomparsa di Pasolini nel 1975, questo romanzo-saggio-zibaldone esistenziale racconta uno spaccato dell'Italia del boom e della sua politica economica tra oscuri complotti di potere e stragi di stato impunite. Pensato come l'opera definitiva, il capolavoro di una vita, l'incompiuto "Petrolio" ricerca nella novellistica medievale i suoi antenati illustri fondendoli con l'attualità più scottante delle cronache giornalistiche in un'opera dai forti contenuti sociali e sessuali che non teme di dare scandalo e che, infatti, suscitò ampie polemiche e dibattiti fin dal suo primo apparire, nel 1992.

Petrolio

Pasolini Pier Paolo

Renato Pappalardi, titolare di una importante azienda veneta, ha appena concluso un grosso affare con un cliente estero che potrebbe evitare la chiusura della fabbrica. L'incubo della cassa integrazione, già in essere per molti dei suoi dipendenti, sembra essere vicino alla fine. Eppure qualcosa non quadra. Nonostante la commessa in arrivo, Pappalardi non recede dalla politica di taglio dei costi. Franco Garritano, operaio esperto e dal carattere determinato, decide di giocarsi il tutto per tutto e avanzare richieste giuste, ma rischiose. Al destino della fabbrica sono legate molte cose: la carriera; la salvaguardia del lavoro e dell'unità delle famiglie, loro malgrado coinvolte; persino un amore appena nato e una relazione dai contorni imprevedibili. La vicenda si gonfia sempre più, con i media pronti come pescecani a imbastire il loro sensazionale scoop. Così ciascuno, pur di salvare il proprio angolo di felicità, è pronto anche a ordire inimmaginabili piani. Nessuno, però, ha fatto i conti con la carta degli imprevisti, pronta a saltar fuori come un asso dalla manica.

A galla

Toso Alessandro

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Il club delle cattive ragazze

Hart Sophie