Saggi

IL LIBRO SEGRETO DI GESU’

Venturini Simone

Descrizione: Gerusalemme, 7 aprile dell’anno 30: Gesù viene crocifisso sul Golgota e deposto in una tomba poco distante. Secondo le testimonianze riportate nei Vangeli, il corpo resta nel sepolcro per circa quaranta ore, dalla sera di venerdì fino all’alba di domenica 9 aprile. Quella mattina, alcune donne che avevano assistito alla crocifissione si recano sul posto per rendergli omaggio, ma con loro grande stupore trovano una tomba vuota. Cos’è accaduto durante questo lasso di tempo? Tante sono le ipotesi, alcune delle quali si fondano sull’idea che il cadavere di Gesù sia stato trafugato. Eppure un’altra teoria, meno nota, vuole far luce su quanto sarebbe accaduto dentro il sepolcro. I Vangeli tacciono completamente su questo punto. Ma oggi, sulla base di alcune prove archeologiche e nuovi risultati scientifici, è possibile indagare più a fondo su tale mistero. Subito dopo la morte, Gesù inizia un viaggio in un altro mondo, in un’altra dimensione. Un viaggio che nasconde ancora un grande segreto da svelare…

Categoria: Saggi

Editore: Newton Compton

Collana: I volti della storia

Anno: 2011

ISBN: 9788854131286

Trama

Le Vostre recensioni

Chi, tra i personaggi dell’antichità, ebbe una fama così grande e duratura da portare ancor oggi milioni e milioni di persone sulla sua tomba? DI molti profeti ed eroi conosciamo la vita, ben poco però sappiamo del luogo dove furono sepolti. […] Eppure, fra le domande decisive che ognuno di noi si pone, vi è proprio ciò che accadrà dopo la morte. Che sarà di noi quando esaleremo l’ultimo respiro?

E’ proprio questo il percorso seguito dall’autore, Simone Venturini, Officiale dell’Archivio Segreto Vaticano e docente di Esegesi del Pentateuco alla Pontificia Università della Santa Croce di Roma. Seguendo l’indice del libro già si comprende quale sia il filo logico che segue la ricerca dell’autore, che inizia con un’analisi di ciò che accadde in occasione della morte di Gesù e nei giorni successivi ed immediatamente precedenti la resurrezione narrata dai Vangeli. Condotta con un metodo che nulla ha da invidiare ai tanto noti poliziotti della serie CSI, l’autore ci presente un numero di reperti archeologici contenenti frammenti di testo che suffragherebbero le tesi supportate e sembrerebbero poter fornire delle spiegazioni in merito a ciò che accadde in quei giorni che, sembra ombra di dubbio, segnarono la storia dell’umanità.
Lo studio di Venturini prosegue poi, giunti al momento della resurrezione, con un capitolo interamente dedicato alle esperienze che solitamente vengono identificate con le parole inglesi near death experiences (NDE). Qui ci vengono presentate una serie di testimonianze che ci consentono di formulare delle ipotesi su ciò che potrebbe essere accaduto a Gesù dopo la resurrezione. Ed è proprio questo lo scopo dell’autore, che già nel primo capitolo chiarisce come non possa restare confinata all’interno delle speculazioni astratte degli esperti la questione di ciò che accadde a Gesù nelle ore che seguirono la sua morte, che merita invece l’apertura di una vera e propria indagine investigativa.
Come tutte le investigazioni (o ricerche) che si rispettino, anche questa finisce con delle conclusioni. Qui l’autore, ricordando tutti i vari passaggi delle indagini, tira le fila di un lavoro di ricerca che senza dubbio è stato importante (testimoniato anche dalle numerose fonti dalle quali l’autore ha attinto materiale). Come ci dice l’autore stesso, però:  per svolgere adeguatamente un’inchiesta di questo tipo, ritengo necessario ricorrere anche a un supplemento d’indagine, che permetterà di usare anche tutti quegli indizi inspirati dal cuore – più che dalla testa – e che servono a comprendere molto più di ciò che gli ordinari strumenti investigativi possono dire. Per chi decidesse quindi di leggere il libro di Venturini, quindi, non posso che consigliare di seguire il proprio cuore, senza necessariamente affrontare ogni nuova pagina con eccessivo spirito critico, come forse in certe occasioni mi è capitato di fare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simone

Venturini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Venturini Simone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Giuseppe Bonura è stato un grande autore di racconti. Per vocazione e per necessità, com'è giusto che sia, perché il Novecento - il secolo al quale Bonura ha voluto conservarsi fedele con furiosa ostinazione - ha metodicamente costretto gli scrittori a misurarsi con i rigori della ferialità e addirittura con le spietatezze del mercato. Altra definizione discutibile, quest'ultima, che tuttavia trova una giustificazione almeno parziale nell'insistenza con cui, negli ultimi anni della sua vita, Bonura ha denunciato lo strapotere del "capitalismo energumeno", in un crescendo di invettive che costituiva in effetti una continua variazione del tema che, fin dall'esordio, gli era parso decisivo: il feroce dissidio che, nell'era industriale e post-industriale, oppone l'individuo alla massa. Era la sua cifra nel tappeto, la sua successione di Fibonacci". Dalla prefazione di Alessandro Zaccuri.

RACCONTI DEL GIORNO E DELLA NOTTE

Bonura Giuseppe

Echi di Nostalgia

Mita Feri

"Dunque realismo! - proclama l'autore nella premessa al suo romanzo - E realismo vuol dire verità, vuol dire ricerca di ciò che veramente succede, sia pur doloroso e brutto; vivisezione, fisiologia palpitante, studio della vita quale essa si mostra, senza rispetti umani e senza reticenze." E l'esortazione è decisamente messa in atto nelle pagine del volume, che sono dense di vividi personaggi - primo fra tutti, la camaleontica protagonista Nanà, che, partita da Parigi, Arrighi fa capitare "per caso a Milano sullo scorcio del 1869" - e che fotografano un mondo, quello della Milano della seconda metà dell'Ottocento, con la lucidità di chi non è disposto a nascondere proprio nulla. "...Nanà giunta a Milano non era più né poteva essere più la stessa donna ch'ella era a Parigi. Io l'ho conosciuta nei pochi mesi che stette nella mia città, l'ho studiata e ho trovato che il mutamento avvenuto in lei era cosa degnissima di studio attento e profondo, e che il mondo milanese che s'aggirava intorno a lei sarebbe stato un vero peccato mortale se lo si fosse trascurato e non si fosse pensato da alcuno a portarlo innanzi ai lettori, fotografato a caldo in una fisiologia di costumi contemporanei."

NANA’ A MILANO

Arrighi Cletto

Limonov non è un personaggio inventato. Esiste davvero: «è stato teppista in Ucraina, idolo dell'underground sovietico, barbone e poi domestico di un miliardario a Manhattan, scrittore alla moda a Parigi, soldato sperduto nei Balcani; e adesso, nell'immenso bordello del dopo comunismo, vecchio capo carismatico di un partito di giovani desperados. Lui si vede come un eroe, ma lo si può considerare anche una carogna: io sospendo il giudizio» si legge nelle prime pagine di questo libro. E se Carrère ha deciso di scriverlo è perché ha pensato «che la sua vita romanzesca e spericolata raccontasse qualcosa, non solamente di lui, Limonov, non solamente della Russia, ma della storia di noi tutti dopo la fine della seconda guerra mondiale». La vita di Eduard Limonov, però, è innanzitutto un romanzo di avventure: al tempo stesso avvincente, nero, scandaloso, scapigliato, amaro, sorprendente, e irresistibile. Perché Carrère riesce a fare di lui un personaggio a volte commovente, a volte ripugnante – a volte perfino accattivante. Ma mai, assolutamente mai, mediocre. Che si trascini gonfio di alcol sui marciapiedi di New York dopo essere stato piantato dall'amatissima moglie o si lasci invischiare nei più grotteschi salotti parigini, che vada ad arruolarsi nelle milizie filoserbe o approfitti della reclusione in un campo di lavoro per temprare il «duro metallo di cui è fatta la sua anima», Limonov vive ciascuna di queste esperienze fino in fondo, senza mai chiudere gli occhi, con una temerarietà e una pervicacia che suscitano rispetto. Ed è senza mai chiudere gli occhi che Emmanuel Carrère attraversa questa esistenza oltraggiosa, e vi si immerge e vi si rispecchia come solo può fare chi, come lui, ha vissuto una vita che ha qualcosa di un «romanzo russo».

LIMONOV

Carrère Emmanuel