Saggi

IL LIBRO SEGRETO DI GESU’

Venturini Simone

Descrizione: Gerusalemme, 7 aprile dell’anno 30: Gesù viene crocifisso sul Golgota e deposto in una tomba poco distante. Secondo le testimonianze riportate nei Vangeli, il corpo resta nel sepolcro per circa quaranta ore, dalla sera di venerdì fino all’alba di domenica 9 aprile. Quella mattina, alcune donne che avevano assistito alla crocifissione si recano sul posto per rendergli omaggio, ma con loro grande stupore trovano una tomba vuota. Cos’è accaduto durante questo lasso di tempo? Tante sono le ipotesi, alcune delle quali si fondano sull’idea che il cadavere di Gesù sia stato trafugato. Eppure un’altra teoria, meno nota, vuole far luce su quanto sarebbe accaduto dentro il sepolcro. I Vangeli tacciono completamente su questo punto. Ma oggi, sulla base di alcune prove archeologiche e nuovi risultati scientifici, è possibile indagare più a fondo su tale mistero. Subito dopo la morte, Gesù inizia un viaggio in un altro mondo, in un’altra dimensione. Un viaggio che nasconde ancora un grande segreto da svelare…

Categoria: Saggi

Editore: Newton Compton

Collana: I volti della storia

Anno: 2011

ISBN: 9788854131286

Trama

Le Vostre recensioni

Chi, tra i personaggi dell’antichità, ebbe una fama così grande e duratura da portare ancor oggi milioni e milioni di persone sulla sua tomba? DI molti profeti ed eroi conosciamo la vita, ben poco però sappiamo del luogo dove furono sepolti. […] Eppure, fra le domande decisive che ognuno di noi si pone, vi è proprio ciò che accadrà dopo la morte. Che sarà di noi quando esaleremo l’ultimo respiro?

E’ proprio questo il percorso seguito dall’autore, Simone Venturini, Officiale dell’Archivio Segreto Vaticano e docente di Esegesi del Pentateuco alla Pontificia Università della Santa Croce di Roma. Seguendo l’indice del libro già si comprende quale sia il filo logico che segue la ricerca dell’autore, che inizia con un’analisi di ciò che accadde in occasione della morte di Gesù e nei giorni successivi ed immediatamente precedenti la resurrezione narrata dai Vangeli. Condotta con un metodo che nulla ha da invidiare ai tanto noti poliziotti della serie CSI, l’autore ci presente un numero di reperti archeologici contenenti frammenti di testo che suffragherebbero le tesi supportate e sembrerebbero poter fornire delle spiegazioni in merito a ciò che accadde in quei giorni che, sembra ombra di dubbio, segnarono la storia dell’umanità.
Lo studio di Venturini prosegue poi, giunti al momento della resurrezione, con un capitolo interamente dedicato alle esperienze che solitamente vengono identificate con le parole inglesi near death experiences (NDE). Qui ci vengono presentate una serie di testimonianze che ci consentono di formulare delle ipotesi su ciò che potrebbe essere accaduto a Gesù dopo la resurrezione. Ed è proprio questo lo scopo dell’autore, che già nel primo capitolo chiarisce come non possa restare confinata all’interno delle speculazioni astratte degli esperti la questione di ciò che accadde a Gesù nelle ore che seguirono la sua morte, che merita invece l’apertura di una vera e propria indagine investigativa.
Come tutte le investigazioni (o ricerche) che si rispettino, anche questa finisce con delle conclusioni. Qui l’autore, ricordando tutti i vari passaggi delle indagini, tira le fila di un lavoro di ricerca che senza dubbio è stato importante (testimoniato anche dalle numerose fonti dalle quali l’autore ha attinto materiale). Come ci dice l’autore stesso, però:  per svolgere adeguatamente un’inchiesta di questo tipo, ritengo necessario ricorrere anche a un supplemento d’indagine, che permetterà di usare anche tutti quegli indizi inspirati dal cuore – più che dalla testa – e che servono a comprendere molto più di ciò che gli ordinari strumenti investigativi possono dire. Per chi decidesse quindi di leggere il libro di Venturini, quindi, non posso che consigliare di seguire il proprio cuore, senza necessariamente affrontare ogni nuova pagina con eccessivo spirito critico, come forse in certe occasioni mi è capitato di fare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simone

Venturini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Venturini Simone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IL SIGNORE DI BARCELLONA – di José Lloréns

INTENSITY

Koontz Dean

"Alessandria finalmente! Alessandria goccia di rugiada. Esplosione di nubi bianche. Sei come un fiore in boccio bagnato da raggi irrorati dall'acqua del cielo. Cuore di ricordi impregnati di miele e di lacrime." Inizia così la storia del Miramar, la pensione di un'eleganza un po' decaduta che conserva le tracce di un passato grandioso sotto le macchie d'umidità. Ma la vera protagonista è Alessandria, che offre un ritratto complesso e profondo dell'Egitto, della sua anima contraddittoria e problematica, con un senso di nostalgia che sa tuttavia mescolarsi al sorriso. Al Miramar i clienti sfilano davanti al lettore, incarnando le diverse anime della società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente, di voce narrante in voce narrante, sfilano le storie dei diversi ospiti: Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione che ha militato nel partito nazionalista liberale e ora fa ritorno dopo vent'anni al Miramar per stabilirvisi e non ripartire più, l'anziano esponente dell'aristocrazia Tolba Marzuq, il giovane conquistatore Sarhan al-Buheyri, il proprietario terriero Hosni Allam, l'annunciatore di Radio Alessandria Mansur Bahi, oltre alla padrona della pensione, madame Marianna, e alla sua domestica, Zahra, una bella giovane contadina le cui relazioni con gli altri rispecchiano simbolicamente le principali realtà politiche e sociali del paese.

Miramar

Mahfuz Nagib

Si può sparire nel nulla a undici anni? Si può far pagare a un bambino per le colpe degli adulti? No che non si può, pensa il commissario Sergio Striggio al suo primo incarico a Bolzano. Ha chiesto lui di essere mandato in una sede abbastanza lontana da Bologna – ma non troppo, perché nella sua città natale vive ancora l’anziano padre, da poco rimasto vedovo per la seconda volta. Per i due uomini è giunto il momento di riaprire un contenzioso antico: Pietro, che è stato a sua volta poliziotto, non perdona al figlio di averlo voluto imitare. Aveva per lui una prospettiva diversa, e ora tra loro si è insinuato il peso di tutte le cose che non sono mai riusciti a dirsi veramente. La ricerca del bambino scomparso per il commissario Striggio è qualcosa di più che lavoro: diventerà ben presto un viaggio dentro se stesso, in cui fare i conti con la sua identità. Perché al centro di ogni indagine c’è un punto oscuro, e nell’animo di ogni indagatore un luogo inesplorato.

Del dirsi addio

Fois Marcello