Narrativa

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI FIORI

Diffenbaugh Vanessa

Descrizione: Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C'è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. I fiori, che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città, sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce. È attraverso il loro linguaggio che Victoria comunica le sue emozioni più profonde. La lavanda per la diffidenza, il cardo per la misantropia, la rosa bianca per la solitudine. Perché Victoria non ha avuto una vita facile. Abbandonata in culla, ha passato l'infanzia saltando da una famiglia adottiva a un'altra. Fino all'incontro, drammatico e sconvolgente, con Elizabeth, l'unica vera madre che abbia mai avuto, la donna che le ha insegnato il linguaggio segreto dei fiori. E adesso, è proprio grazie a questo magico dono che Victoria ha preso in mano la sua vita: ha diciotto anni ormai, e lavora come fioraia. I suoi fiori sono tra i più richiesti della città, regalano la felicità e curano l'anima. Ma Victoria non ha ancora trovato il fiore in grado di rimarginare la sua ferita. Perché il suo cuore si porta dietro una colpa segreta. L'unico capace di estirparla è Grant, un ragazzo misterioso che sembra sapere tutto di lei. Solo lui può levare quel peso dal cuore di Victoria, come spine strappate a uno stelo. Solo lui può prendersi cura delle sue radici invisibili. Solo così il cuore più acerbo della rosa bianca può diventare rosso di passione.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811686613

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

L’odio può essere ardente o distaccato, può nascere dall’avversione, ma anche dalla paura. Se mi dici esattamente cosa provi, potrò aiutarti a trovare il fiore giusto per esprimerlo ”.

Per Victoria i fiori sono le parole. Dopo aver messo tra il suo corpo e il resto del mondo “pareti, tavoli o oggetti di metallo pesante”, i fiori sono l’alternativa al silenzio e alla solitudine.

Dopo un’infanzia difficile trascorsa in una comunità di minori abbandonati e dopo i numerosi e fallimentari tentativi di trovare una famiglia adottiva, a diciotto anni Victoria entra nel mondo per scoprire di essere sola e delusa. Ma la vita per lei ha in serbo altro e affidarsi ad un prato di eriche in McKinley park a San Francisco o al retro di un negozio di piante non basteranno a tenerla lontana da persone come Renata, mamma Ruby, Grant, Marlena ed Elizabeth, capaci di interpretare i suoi silenzi e penetrare la diffidenza di chi – come lei – non conosce altro linguaggio che quello dei fiori.

Vanessa Diffenbaugh ci conduce per mano in un viaggio straordinario alla scoperta di un mondo che non pensavamo, dove i fiori parlano di sentimenti e ci raccontano delle storie, quelle dei personaggi di questo delicato romanzo.

In questo modo anche il lettore imparerà che l’amore è una rosa rossa o un fiore di mirto, ma che se vuole dare voce a quel sentimento dovrà portare in dono un tulipano (“dichiarazione d’amore”). Saprà che, se un giorno riceverà un giacinto viola, la persona che gliene farà dono avrà qualcosa da farsi perdonare e che, per una coppia che convola a nozze, il caprifoglio è certamente da preferire ad un mazzo di girasoli.

I sentimenti sono una componente necessaria nella vita delle persone ma importante – questo ci dice la scrittrice statunitense Vanessa Diffenbaugh – è anche comunicare a chi ci sta vicino l’amore e l’affetto che proviamo. Senza dare nulla per scontato.

Per quanto Victoria preferisca a delle giunchiglie (“desiderio”) un cardo (“misantropia”)  e ad un cactus (“amoreappassionato) un prato di eriche (“solitudine”), presto la vita – in modo del tutto inaspettato – la porterà a ritrovare se stessa proprio nell’amore imperfetto e senza radici del muschio (“amore materno”).

Al lettore non rimane che leggere questa storia commovente per scoprire – grazie anche ad un dizionario in appendice al romanzo – il segreto linguaggio dei fiori.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanessa

Diffenbaugh

Libri dallo stesso autore

Intervista a Diffenbaugh Vanessa

«Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza piú che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i fi gli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrifi care, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è piú radicale dell’abbandono, ma niente è piú tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffi orare quello che abbiamo provato a mettere da parte.

Lacci

Starnone Domenico

Venezia,1762. La città della Laguna è uno sfavillio di palazzi sontuosi e balli in maschera. La bellissima Leonora Pucci, cresciuta in un convento di suore a Vicenza, viene richiamata in città da suo padre. Il suo destino è di andare in sposa, un matrimonio concordato per fini politici. Ma lontano dalle feste di Carnevale e dalle cerimonie per l’elezione del Doge, qualcuno trama nell’ombra... Il giorno delle nozze il padre di Leonora verrà arrestato e rinchiuso nelle segrete di Palazzo Ducale e presto la giovane si accorgerà che anche la sua stessa vita è in pericolo. Nel perverso gioco di maschere che la circonda, Leonora dovrà imparare a distinguere gli amici dai nemici. Fino a scoprire che nel dedalo di vicoli bui della città si nasconde un terribile segreto…

La spia del doge

Loredan

VENGO E MI SPIEGO

Astori Diego

Un giovane uomo e una giovanissima donna. Lei è vivace e brillante, insieme vivono un amore tempestoso. Dopo l’ennesimo litigio, a Teresa viene un’idea: raccontami qualcosa che non hai mai detto a nessuno – dice a Pietro –, raccontami un tuo segreto inconfessabile, e io farò altrettanto. Così rimarremo legati per sempre. Si lasceranno, naturalmente, poco dopo. Pietro incontra Nadia, e Nadia lo incanta. La morbidezza del suo corpo e del suo carattere sono come un respiro lungo, dopo tanti spigoli. Ma pochi giorni prima delle nozze Teresa magicamente ricompare. E con lei l’ombra di quello che si sono confessati a vicenda, quasi un avvertimento: «Attento a te». Da quel momento in poi la confidenza lo seguirà minacciosa: la buona volontà poggia sulla cattiva coscienza, e Pietro non potrà mai più dimenticarlo. Anche perché Teresa si riaffaccia sempre, puntualmente, davanti a ogni bivio esistenziale. Dopo Lacci e Scherzetto, Domenico Starnone aggiunge una pagina potente al suo lavoro di scavo sull’ambivalenza delle persone e delle relazioni.

Confidenza

Starnone Domenico