Classici

IL MAESTRO E MARGHERITA – di Michail Bulgakov

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

maestro_margheritaTitolo: Il maestro e Margherita
Autore: Michail Bulgakov
Anno: 1967

In un’ora in cui sembrava che non si avesse più la forza di respirare”, due uomini, Michail Aleksandrovič Berlioz, presidente dell’associazione letteraria MASSOLIT, e Ivan Nikolaevič Ponyrëv, poeta, s’incontrarono ai laghi Patriaršie.

La coppia dibatteva della, secondo Ivan, discutibile bontà di Gesù Cristo e della sua, secondo Berlioz, discutibile esistenza. Nel bel mezzo della conversazione si intromise un sedicente professore, esperto di magia nera, che affermava con assoluta certezza che Gesù Cristo esisteva e, con la stessa convinzione, che Berlioz sarebbe morto di lì a poco.

Lo straniero si chiama Woland e altri non è che il Diavolo che, accompagnato da una strana combriccola (Korov’ev “il tizio a quadretti”, Behemoth “un gatto grosso come un maiale”, Azazello “un tale, piccolo, ma straordinariamente largo di spalle, con un tubino in testa, e una zanna che spuntava dalla bocca...”, Hella “una ragazza completamente nuda, rossa di capelli, con gli occhi che ardevano di un bagliore fosforescente“), sconvolge la routine moscovita.

 

Ebbene, la morte del direttore, così prontamente predetta, dà avvio ad un’incredibile sequela di avvenimenti e ad un affollamento di personaggi le cui vite si aggrovigliano nel corso del romanzo.

Satana è in visita nella Mosca stalinista, in cerca di una compagna per il ballo del plenilunio di primavera e, in attesa che arrivi quel giorno, si diverte a mettere a nudo la superficialità della popolazione moscovita corrosa dal vizio dei soldi e della merce.

Allestisce uno spettacolo di magia, smaschera le debolezze e la viltà dei membri della MASSOLIT e, soprattutto, recupera un manoscritto. Questo costituisce la seconda storia in cui s’imbatte il lettore: un romanzo nel romanzo.

 

Nella seconda parte, compare la tanto attesa Margherita e comincia a prendere forma la vicenda sua e del Maestro (il cui percorso richiama quello personale e biografico dell’autore) ed è a questo punto che la situazione si complica e si fa estremamente più intrigante.

Contenuta nella storia generale del romanzo c’è quella di matrice cristiana (una reinterpretazione dell’incontro tra Gesù Cristo e Ponzio Pilato, della Crocifissione e del tradimento di Giuda raccontato dai Vangeli); le due si muovono parallelamente ma con dei geniali punti di contatto, fino a confluire verso la fine del romanzo.

 

Sarebbe impossibile (e imperdonabile) soffermarsi sui dettagli di una trama così perfettamente intessuta e così fitta; ci si deve assolutamente fidare e leggere questo “miracolo”, come lo definì Eugenio Montale.

Sotto gli occhi increduli del lettore, sfilano una fiumana di personaggi. Questi prendono vita, parola dopo parola e fuoriescono letteralmente dal testo.

Se dovesse capitare di leggere qualche pagina al mattino, si correrebbe il rischio di portarsi dietro Behemoth o Azazello, per tutta la giornata.

Formidabile e spiazzante nell’intreccio, nell’incastro di vite e nella caratterizzazione dei personaggi, nella tecnica narrativa, nel linguaggio spesso amaramente ironico, nei dialoghi sprezzanti e molte volte esilaranti.

I temi principali sono, oltre alla contrapposizione Bene/Male che si evince già dall’epigrafe, la superficialità, la corruttibilità e la codardia dell’essere umano, la passione, il perdono e una satira socio-politica rivolta alla Russia del tempo in cui vive lo scrittore.

 

Nella nota introduttiva dell’edizione Einaudi, vengono riportate le parole di un critico russo, Vladimir Lakšin, scritte nel 1967, che descrive con estrema precisione cosa prova il lettore quando, finita la storia, si trova davanti la quarta di copertina: “Volti l’ultima pagina del libro e non fai ancora in tempo a renderti conto delle tue impressioni, a confrontare e a unire le scene, le osservazioni e le idee molteplici (per trovarne il senso generale e l’unità bisogna allontanarsene un poco), ma nelle orecchie resta il rumore confuso di voci d’un’enorme folla, e nella memoria s’addensano volti, colori, suoni. […] Libero, poetico, lieve, ma non frivolo, traboccante di forze copiose, l’ingegno dell’autore crea un flusso narrativo sorprendente per ritmo e vitalità. […] Come sempre accade dopo un incontro con l’arte autentica, ti resta l’impressione di aver vissuto una festa.”

 

La tristezza mi ha presa al pensiero della lunga strada che ci attende. Non è vero, Messere, che essa è perfettamente naturale anche quando si sa che alla fine della strada attende la felicità?”.

 

Un romanzo magico e, allo stesso tempo, incredibilmente realistico ed emozionante che non può mancare all’appello dei libri letti o di quelli da leggere.

 

button_acquista_feltrinelli

 

{nice1} {jcomments on}

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La Scienza si è illusa di aver già compreso la natura della realtà: le questioni fondamentali hanno già trovato risposta, lasciando solo i dettagli da definire. Rupert Sheldrake, uno degli scienziati più innovativi ed esponente di quello che viene definito un approccio «organicista», pensa invece che le scienze stiano attraversando una impasse determinata proprio da ipotesi date regolarmente per sottintese, mai messe in dubbio, accettate come un articolo di fede. Egli sostiene che la «visione scientifica», ancorandosi ai suoi assunti trasformati in dogmi, sia diventata un sistema di credenze: tutta la realtà è o materiale o fisica, il mondo è una macchina, e la materia è priva di coscienza, il libero arbitrio è illusorio, le leggi di natura sono costanti e la natura è senza finalità, la coscienza non è altro che l'attività fisica del cervello e Dio vive solo come un'idea nella mente umana, la medicina meccanicistica è l'unica che funziona veramente, e così via. Sheldrake individua dieci «dogmi» del materialismo, trasforma ciascuno di essi in una domanda e a ciascuno dedica uno dei capitoli del libro, in cui sottopone a esame la sua credibilità, i problemi e le anomalie che possono metterlo in crisi, le ricadute nella pratica della vita e della ricerca dell'atteggiamento fideistico che lo supporta. Aprendo nuovi possibili percorsi di indagine, svincolandosi da tali dogmi, la scienza sarebbe migliore: più libera, più interessante, più divertente.

LE ILLUSIONI DELLA SCIENZA

Sheldrake Rupert

Un'amica. Ecco cosa vorrebbe più di ogni altra cosa Cecelia Rose Honeycutt, detta CeeCee. Un desiderio normale, per una dodicenne. Ma CeeCee, fuori dalla scuola, evita i coetanei, per sfuggire alle loro battute e alle domande inopportune sulle stramberie di sua madre, che se ne va in giro vestita a festa con fascia e corona da reginetta di bellezza: quanto basta per farne lo zimbello di quella piccola città. Mentre suo padre è sempre assente, con la scusa del lavoro, CeeCee deve prendersi cura della mamma, nei suoi momenti di follia e in quelli di tristezza, quando fa volare i piatti in cucina imprecando contro le bugie del marito e quando dimentica di lavarsi, con lo sguardo fisso nel vuoto. Sono i libri gli unici amici di CeeCee, le storie il suo unico rifugio: un mondo fantastico scoperto grazie a Mrs Odell, la vicina ottantenne il cui pranzo della domenica ha il sapore di una famiglia vera. Finché, un giorno, la mamma perde la vita in un incidente. Il padre di CeeCee sembra non vedere l'ora di affidarla a una prozia, spuntata all'improvviso con l'intenzione di occuparsi della bambina. Comincia così un nuovo capitolo nel Libro della sua Vita, come le spiega Mrs Odell. Messo qualche romanzo in valigia, CeeCee parte con la bizzarra zia Tootie alla volta di una lontana città del Sud. Là, sarà accolta da un mondo variopinto e profumato tutto al femminile: da Mrs Goodpepper - che crede nel karma e nel kamasutra ma anche in qualsiasi rimedio antietà - a Oletta, la cuoca di colore, che custodisce gelosamente la ricetta dei suoi favolosi dolcetti alla cannella. Un mondo pronto ad amarla e a proteggerla. E ad aiutarla a trovare la sua strada, la più luminosa possibile.

LEZIONI DI VOLO PER PRINCIPIANTI

Hoffman Beth

Esme ama ogni angolo di New York e soprattutto il suo posto speciale: The Owl, la piccola libreria nell'Upper West Side. Un luogo magico in cui si narra che Pynchon amasse passare pomeriggi d'inverno. Un luogo che può nascondere insoliti tesori, come una prima edizione del Vecchio e il mare di Hemingway. Tra quei vecchi e polverosi scaffali Esme si sente felice. Ed è lì che il destino decide di sorriderle. Sulla vetrina della libreria è appeso un cartello: cercasi libraia. È l'occasione che aspettava, il lavoro di cui ha tanto bisogno. Perché a soli ventitré anni è incinta e non sa cosa fare: il fidanzato Mitchell l'ha lasciata prima che potesse parlargli del bambino. La più grande passione di Esme è la lettura, ma non ha nessuna idea di come funzioni una libreria. Eppure ad aiutarla ci sono i sui curiosi colleghi: George che crede ancora che le parole possano cambiare i mondo; Linda che ha un consiglio per tutti; David e il suo sogno di fare l'attore. E poi c'è Luke timido e taciturno che comunica con lei con la sua musica, con le note della sua chitarra. Sono loro a insegnarle la difficile arte di indovinare i desideri dei lettori: il Mago di Oz può salvare una giornata storta, il Giovane Holden fa vedere le cose da una nuova prospettiva e tra le opere di Shakespeare si trova sempre una risposta per ogni domanda. E proprio quando Esme riesce di nuovo a guardare al futuro con fiducia, la vita la sorprende ancora: Mitchell scopre del bambino e vuole tornare con lei...

Lo strano caso dell’apprendista libraia

Meyler Deborah

Una sera, un affermato regista turco, che vive a Roma da alcuni anni, prende in gran fretta un aereo per Istanbul, la città dov'è nato e cresciuto. L'improvviso ritorno a casa scatena una serie di ricordi che sembravano sopiti: oltre alla madre affascinante ed elegantissima, il padre, misteriosamente scomparso per dieci anni (in Italia?), e altrettanto misteriosamente ricomparso; le zie zitelle, assetate di vita e di Martini, e i loro giovani amanti; e poi i fratelli, la fedele cuoca. E un amore, un amore perduto. Ma mai dimenticato. Stanza dopo stanza, i ricordi diventano più reali e la Istanbul della sua infanzia e adolescenza sembra riprendere forma. Ma con il passato il protagonista dovrà anche fare i conti. A questa storia se ne intreccia, imprevedibilmente, un'altra. Perché sullo stesso aereo Roma-Istanbul c'è, insieme al marito e a una coppia di amici, una donna. Il loro è un viaggio d'affari e di piacere, per festeggiare un evento importante. Finché accade qualcosa, e il loro futuro cambia direzione. Tra caffè e hammam, amori irrisolti e tradimenti svelati, melanconia e voluttà, il regista e la donna si sfiorano e, alla fine, si incontrano. Proprio come in un film di Ozpetek. Solo che stavolta è lui - forse - il protagonista.

Rosso Istanbul

Ozpetek Ferzan