Raccolte

Il male naturale

Mozzi Giulio

Descrizione: Torna finalmente disponibile “Il male naturale” di Giulio Mozzi. un libro di racconti bello e intenso, scritto da quello che è oggi in Italia il maestro riconosciuto della forma breve. Pubblicato originariamente nel 1998, “Il male Naturale” è straordinario per lo sguardo che contiene: uno sguardo attentissimo alle cose che crediamo di conoscere (l'amore, l'amicizia, il dolore dell'abbandono, la speranza negli eventi che verranno) e che, messe in pagina da Mozzi, ci sembra di capire per la prima volta. In ogni momento siamo lì, con i suoi personaggi, e attraverso le loro vite sentiamo che la nostra si fa più ricca di esperienza e di sentimento. I temi a volte sgradevoli - la pedofilia, la morte in giovane età, l'alcolismo e altri ancora - portarono il libro a un fraintendimento e a una interpellanza parlamentare promossa da un deputato che lo giudicò “a carattere pornografico". La conseguenza fu che la Mondadori privò del suo sostegno il volume, facendolo sparire dalle librerie e privando i lettori della possibilità di leggere un libro che è, semplicemente, molto bello. Per questo Laurana Editore ritiene che sia un atto di civiltà ripubblicarlo: per restituirlo ai suoi destinatari, cui in questi lunghi anni non è potuto giungere. Questa nuova edizione è corredata da due testi scritti appositamente: uno dello stesso Mozzi, che racconta cosa accadde nel 1998, e uno scritto di Demetrio Paolin, che delinea l'importanza di Mozzi come scrittore-maestro per la generazione successiva.

Categoria: Raccolte

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896999011

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

La raccolta di racconti Il male naturale è un libro da meditare, che non si può leggere solo per ammazzare il tempo salendo e scendendo da un treno, la sera per conciliare il sonno o unicamente aspettandosi un’ora di svago la domenica pomeriggio.

Potremmo essere tentati di dire: “nessun libro, in realtà, dovrebbe essere letto con questo spirito”. Infatti, no. Ma ci sono alcune buone ragioni, che proverò a raccontare, per cui consiglio una lettura meditata di quest’opera.

Innanzitutto, il rischio di non cogliere altro che il primo strato narrativo, in una lettura veloce di un testo tanto pulito e scorrevole, è altissimo.
Ci sono parti che forzatamente spingono il lettore a fermarsi e riflettere, cercare di capire: mi riferisco ad alcuni passi di racconti come “Ruota“, “Super nivem“, “Un male personale” ad esempio, dove i pensieri dei protagonisti del racconto, snocciolando un ragionamento affatto scontato, ci guidano in una meditazione forzata.

Ci sono al contrario alcuni racconti che non fanno altro che lucidamente descrivere e scoprire le possibili forme del particolare male indagato. Il contenuto qui è terribile, e il male impregnato nell’umana miseria e debolezza viene raccontato con attenzione quasi scientifica, che non rinuncia, secondo me, a una certa compassione – la definisco così in quanto non giudica, ma unicamente riporta.

Uno dei brani, “Amore“, che causò il ritiro dell’opera dagli scaffali delle librerie, polemiche e un’interrogazione parlamentare (non riporto la vicenda, poiché chi è interessato può trovarla ampiamente documentata nella parte finale del libro), descrive una scena di pedofilia, senza alcuna edulcorazione o censura.

In racconti come questo, così come in “Apertura“, è necessario fare una riflessione personale, cercare di capire cosa, esattamente, volesse dire l’autore, perché il rischio di vederli come una mera descrizione di scene aberranti, secondo me, c’è.

Mi son persuasa, però, che l’autore volesse farci compiere questo sforzo: se un male c’è, bisogna affrontarlo, guardarlo bene da vicino e capirlo, anziché distogliere il viso e passare oltre.
Come a dire, citando Ruth E. Renkel “non temere le ombre, significa che lì, da qualche parte, c’è la luce che illumina“: dunque, anche il male lo riconosciamo perché sappiamo che esiste il bene.

La distorsione della cultura cattolica in queste pagine è onnipresente e fortissima, ossessivamente concentrata sulla fisicità (malattia, autolesionismo, senso di estraneità verso il proprio corpo) e sugli istinti sessuali, ostinatamente distorti.

Il senso di smarrimento e colpa mi pare altrettanto evidente.

In “Super nivem“, racconto centrale anche nella collocazione in raccolta, probabilmente è racchiusa la summa di quel che l’autore comunica in quest’opera.

Ed è proprio in questo racconto l’indagine più accurata ed esplicita che viene compiuta sul male.

La sensazione è che nella lotta tra senso di colpa e istinto del male, il cattolico non possa che restare intrappolato in una logica culturale conosciuta: il peccato e tutto ciò che è contro la nostra natura positiva e accettabile (qui, in una parola, il male) sono qualcosa che lavora dentro di noi, che, esattamente come la grazia e la fede ci spingono in un’evoluzione positiva, al contrario ci guida e fermenta in noi come stimolo verso ciò che è sbagliato.

Non si vede un tentativo di prendere le distanze da una logica culturale conosciuta, sembra che ci si fermi un passo prima: è la descrizione disperata e intrisa di senso di colpa di un’accettazione del male, in una descrizione speculare del processo di salvezza, che diventa qui percorso di consapevolezza del male dentro di noi.

In fondo, a chiusura, una riflessione inedita sull’opera dell’autore (“Notizia 2010“) e un’attenta considerazione di Demetrio Paolin sull’opera, la quale offre una cifra critica molto utile e che consiglio di leggere prima della raccolta di racconti, come guida.

{jcomments on} {nice1}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giulio

Mozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mozzi Giulio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un incidente di macchina. Una giovane donna è stata investita. Eppure, ai medici appare subito evidente come le ferite che offendono quel corpo non possano essere dovute solo all’impatto contro il veicolo. Qualcuno, prima dell’incidente, deve averle inflitto sofferenze impensabili: una mente malata che forse, in quello stesso istante, sta scegliendo un terreno di caccia, una potenziale vittima, un nuovo corpo da seviziare. Starà all’agente speciale Will Trent, con l’aiuto del medico Sara Linton, scoprire l’atroce verità, nascosta in una camera degli orrori incuneata nel buio dei sotterranei della città...

GENESI

Slaughter Karin

Presentazione dell'autore. Argomento principe della storia, narrata in questo romanzo, è il tormento che Sofia e Marcello sono costretti a subire ad opera della sorella di lei, Viviana, che con l'aiuto dei genitori ostacola, con tutte le sue forze, l'unione dei due amanti fino ad ottenerne la separazione. Viviana va oltre… ma prima di raccontarlo bisogna fare un passo indietro. Sofia e Marcello si innamorano quando entrambi sono rispettivamente fidanzati da oltre dieci anni. Sarà proprio questa loro condizione a far scatenare Viviana che, attraverso il suo impianto accusatorio fondato su pregiudizi e retaggi culturali, oltre a separare i due amanti, costringerà Sofia a riconciliarsi con Roberto, il vecchio fidanzato. La forzata separazione porrà Sofia e Marcello in uno stato inverosimile, di totale disperazione, dal quale cercheranno con ogni forza di tirarsi fuori per rivendicare la loro vita… il loro amore.

Un incontro d’amore

Capolongo Antonio

"Giuseppe Bonura è stato un grande autore di racconti. Per vocazione e per necessità, com'è giusto che sia, perché il Novecento - il secolo al quale Bonura ha voluto conservarsi fedele con furiosa ostinazione - ha metodicamente costretto gli scrittori a misurarsi con i rigori della ferialità e addirittura con le spietatezze del mercato. Altra definizione discutibile, quest'ultima, che tuttavia trova una giustificazione almeno parziale nell'insistenza con cui, negli ultimi anni della sua vita, Bonura ha denunciato lo strapotere del "capitalismo energumeno", in un crescendo di invettive che costituiva in effetti una continua variazione del tema che, fin dall'esordio, gli era parso decisivo: il feroce dissidio che, nell'era industriale e post-industriale, oppone l'individuo alla massa. Era la sua cifra nel tappeto, la sua successione di Fibonacci". Dalla prefazione di Alessandro Zaccuri.

RACCONTI DEL GIORNO E DELLA NOTTE

Bonura Giuseppe

Un ritratto femminile, in cui l'amore, il lavoro, l'amicizia, nascono e si esauriscono assolutamente per caso.

Donna per caso

Coe Jonathan