Narrativa

IL MARE DI SPALLE

Sofia Antonio

Descrizione: La violenza degli adulti irrompe nel mondo dei ragazzi, troncando i sogni e le speranze per portarvi in cambio, inaspettata e apparentemente casuale, la tragedia. Ispirandosi a un fatto di cronaca, l’autore descrive con occhio acuto e grande sensibilità le vite, straordinarie nella loro quotidianità, di un gruppo di adolescenti, in una taciuta ma ben riconoscibile città del Meridione italiano. La scuola e gli amori, i progetti per il futuro e le difficoltà dell’oggi, i problemi familiari e l’accettazione di sé sono gli elementi che vanno a formare un quadro realistico, ma dalle tinte delicate.Uno straordinario affresco corale, ora poetico e ora ruvido, dedicato a tutti quei ragazzi che, tra mille difficoltà, non accettano di perdere la speranza.

Categoria: Narrativa

Editore: Autodafé Edizioni

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897044154

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Dov’era la città? Nel mattino del primo martedì di settembre la città era alla stazione ferroviaria: la conclusione delle ferie aveva iniziato ad affollare i treni dei pendolari. Le facce, disturbate dalla sveglia e dall’incombenza degli abiti, si stringevano in espressioni di insofferenza come cartocci di alluminio. I pochi disgraziati che non avevano  interrotto la continuità lavorativa seguivano il rientro con soddisfazione paradossale.

Nel mattino del primo martedì di settembre la città era ospite dei barbieri; la chiusura del lunedì non era più un obbligo, ciò nonostante gli esercizi continuavano a gradire il fine settimana lungo. I pensionati, qualche ragazzino, l’impiegato discolo e ciarliero, attendevano un posto sulle poltrone; poche forbici ambiziose continuavano a fregiarsi del titolo di maestro. La conversazione tra le generazioni s’innestava spedita, partorendo riflessioni antropologiche sulla natura della donna. Si distinguevano con perizia i sottoinsiemi delle fidanzate, delle mogli e delle puttane. O il discorso finiva per impaludarsi nelle drastiche considerazioni sul governo ladro, il futuro dei giovani e il campionato di calcio.

Al mattino del primo martedì di settembre la città era assiepata nelle aule dell’università. Scivolava sulle fronti imperlate di sudore, si inorgogliva di battute pronunciate sottovoce: un docente incapace di argomentare leggeva appunti secchi ed inibiti; un altro, sciorinando retorica d’accattone, trascinava la logica in spirali d’intrattenimento.

Al mattino del primo martedì di settembre la città era nelle stanze degli amanti, uniti dall’ozio o dall’indolenza, cresciuti in cartoline dove manchi solo tu, abbeverati d’ansia per il desiderio di superare una scadenza o per il timore di non averne una; nelle stanze degli amanti epici, nelle stanze degli amanti bugiardi, ostaggi, terapeutici”.

É una città senza nome, quella che fa da sfondo al bel romanzo di Antonio Sofia. Senza nome perché non c’è bisogno di scriverlo, perché fa male scriverlo. E se anche il mare pone troppe domande, forse è meglio lasciarlo di spalle…

Protagonista è un gruppo di ragazzi, di cui seguiamo le storie in parallelo. Maria e Veronica, due amiche che stanno sempre insieme, senza inibizioni e senza segreti; Claudio, il fratello più piccolo di Maria, con la passione per il calcio e l’insicurezza di chi non si piace abbastanza; Domenico, che ogni tanto pensa di voler lasciare la scuola e aiutare i suoi al mercato; Diego, l’unico biondo del gruppo, “uno dei più bravi nel campo di calcio, uno dei pochi a saper suonare la chitarra sul serio, uno che difficilmente parlava a caso e che ancor più difficilmente restava zitto”.

Una prosa attenta, lucida ed originale ci fa vivere gli anni di un’adolescenza pigra, in cui i sogni sono soffocati da una realtà che sembra impossibile da cambiare e che puntualmente delude e scoraggia. L’amore conforta, aiuta a sperare, però non pare sufficiente quando il mondo degli adulti, consapevolmente o inavvertitamente, finisce per soffocare il tuo.

Persino andare in guerra rappresenta una valida alternativa se può portarti via, persino schierarti dalla parte dei cattivi e rinunciare alla tua libertà può apparire una scelta intelligente se ti dà l’illusione di appartenere a qualcosa di grande, di essere protetto.

In una città in cui l’esplosione di una bomba non sconvolge più di tanto se è un semplice avvertimento, una sorta di lettera scritta col fragore di vetri frantumati, la morte fa capolino prematuramente…

Sofia esordisce con l’affresco amaro e lucido di una realtà complessa e senza tempo, appassionante e pregno di riflessioni accennate o taciute, mai banali. Non vuole facili consensi, non cerca il plauso del pubblico. Racconta. E racconta bene.

Devi studiare e prenderti la laurea. Se no al mercato ci muori, come ci moriremo io e tuo padre. Tu non devi vendere scarpe su una bancarella. E se puoi, vattene da ‘sta città

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Sofia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sofia Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett

Londra, i ricordi, la giovinezza trascorsa ma non ancora sepolta, una libreria molto particolare, un'amica che sembra svanita nel nulla, un buffo editore, una vitalità che si rifiuta di essere domata, nonostante le disillusioni. Uno scavo leggero e spesso ironico nei miti giovanili, in ciò che ci si aspetta dalla vita, nella forza di rigenerazione di chi sa mantenere, nonostante tutto, la grande dote della leggerezza.

Dare il resto e poi sorridere di Laura Angeloni

Angeloni Laura

Due romanzi brevi, "Atti impuri" e "Amado mio", entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de "Il sogno di una cosa". Il primo - che dello stesso tema è una variante sofferta - si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci.

Amado mio

Pasolini Pier Paolo

Anna, una donna sensibile che ama il bello e ricerca i sapori autentici e indecifrabili della vita; Pietro, un nuovo collega arrivato da circa un anno nello studio di architetto dove entrambi lavorano. Tra loro due si sviluppa un complesso e inconfessato rapporto d'amicizia e d'attrazione. Anna e Pietro sono diventati due labirinti comunicanti così emozionanti e coinvolgenti da far paura, soprattutto a lui, già legato sentimentalmente a un'altra donna. Poi arriva l'estate e Anna si concede una lunga vacanza in un borgo di mare un po' aspro e selvaggio del Ponente ligure. Lì si nutre dei colori e della voce del mare e tesse una trama di rapporti delicati con altre persone. Tutto sembra procedere per il meglio fino a che una svolta dai contorni incerti e drammatici la strapperà da quei luoghi e da quei legami appena sbocciati. Senza una parola. In un allontanamento improvviso ingoiato da un temporale.

Nella spira di una conchiglia

Spes Ilaria