Il matrimonio di Chani Kaufman

Harris Eve

Descrizione: Chani sta per sposarsi con Baruch, che ha visto pochissime volte. È piena di dubbi, come del resto anche lui, perché entrambi sentono ‘qualcosa’, ma non sanno neanche da dove cominciare a costruire le basi della loro vita insieme. Perché nessuno racconta loro le cose importanti. Perché non si sono mai tenuti per mano, non hanno mai fatto niente insieme. Vivono una vita imposta dagli altri, consapevoli e, per questo, spaventati. Nel frattempo Rivka, la Rebbetzin (la moglie del rabbino), che dovrebbe guidare le giovani donne della comunità Charedi di cui fa parte, vive una profonda crisi con se stessa e suo marito, per il quale ha cambiato tutta la sua vita, sembra non capire. E Avromi, giovane rampollo della comunità, figlio di Rivka e del rabbino Chaim, scopre che fuori dal castello ‘dorato’ della religione ultraortodossa della loro comunità, c’è un mondo intero che lo chiama a pieni polmoni: c’è il sesso, l’amore, un’altra vita.

Categoria:

Editore: Liber Aria

Collana:

Anno: 2016

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Il matrimonio di Chani Kaufman è in libro delizioso. Un mattone di oltre trecento pagine che, considerato l’argomento, a uno gli verrebbe voglia subito di bersi una birra o tirarsi una bottigliata sui santissimi.

Invece fila via senza intoppi, o quasi, in quanto a metà forse un po’ di ritmo in più sarebbe servito.

Il matrimonio di Chani Kaufman narra dei matrimoni combinati nella comunità ultra ortodossa ebraica, ma non cento anni fa e in Palestina bensì nel 2008 a Londra. Possibile? Certo che sì. Anche nel nostro Meridione fino a qualche decennio fa molte famiglie di giovani di belle speranze mandavano una persona di fiducia a casa di qualche ragazza in età da marito per sondare il terreno in previsione di un apparentamento.

In questi casi a volte i due giovani nemmeno si erano mai visti, relegando l’iniziativa alle aspirazioni dei genitori che valutavano i beni economici delle famiglie, la posizione sociale, il buon nome e altri parametri che nulla avevano a che fare con i sentimenti. Il matrimonio non si svolge tra due che si amano, dopo tutto?

Invece no. Chani e il suo aspirante sposo Baruch si sono intravisti a una festa. O meglio, lui ha visto lei e ha preso l’iniziativa, parlandone con i genitori e coinvolgendo una sensale ad hoc, retribuita e tenuta in considerazione da tutta la comunità ebraica. “Abbiamo già fatto affari, noi” si dicono, a intendere che già si erano rivolti a lei per altre pratiche.

Viene fuori un ritratto dei giorni nostri anacronistico, con maschietti che non conoscono l’anatomia femminile e che prima del matrimonio vanno a sbirciare su qualche tomo in biblioteca per orientarsi su ciò che li attende la prima notte di matrimonio tra le cosce delle ragazze. Un poster con una donna costretta nelle sue forme pettorali prorompenti basta a scatenare un’erezione che il povero Baruch nella metropolitana cerca di celare poggiandovi un libro sopra.

Accadono degli impedimenti: la suocera di lei, pur assecondando i sentimenti del figlio, briga per impedire che una ragazza di una famiglia non particolarmente abbiente diventi sua nuora.

I due giovani riescono a gestire gli eventi, seguono corsi di preparazione al matrimonio, con il rabbino lui e con la moglie del rabbino, lei. Chani vorrebbe sapere che succede “quella” notte. La moglie del rabbino, così come le altre donne della comunità, divaga.

La moglie del rabbino è una convertita per amore che ha abbracciato la fede ebraica delle Scritture relegandosi a una vita di ristrettezze e infelicità che fanno da sfondo e corollario agli eventi principali così come altre figure di contorno, come il figlio del rabbino che si innamora di una ragazza nera non religiosa che va in giro in minigonna attillata.

C’è tenerezza da parte di due ragazzi che affrontano una prova della quale ignorano tutto, anche dove bisogna infilare il “coso” da qualche parte nella donna.

Come in tutte le comunità oltranziste, siano cattoliche, ebraiche o musulmane, c’è molta grettezza e ignoranza. O meglio, false credenze demodè. I social non esistono, a casa del rabbino viene tolto anche il televisore costringendo la moglie a sbirciare le soap nelle sale da té muovendosi con circospezione per non essere riconosciuta da altri membri frum.

Il matrimonio di Chani Kaufman oltre che un buon libro costituisce un ottimo trattato di sociologia della religione ebraica mostrando ciò che succede nel resto del mondo, anche nel nostro mondo.

Comunque a Chani e Baruch come regalo di nozze gli si potrebbero regalare due account su Facebook e Instagram. Capirebbero più cose lì che nelle sinagoghe e tra candelabri a sette braccia.

Qui anche la recensione del Guardian

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eve

Harris

Libri dallo stesso autore

Intervista a Harris Eve


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tutto ha inizio con una lista di nomi. Non sono nomi qualunque, ma quelli di pericolosi terroristi che minacciano la sicurezza internazionale tanto da dover essere eliminati uno a uno. Solo sette persone nelle segrete stanze di Washington conoscono l¿esistenza della "lista nera", tra queste il presidente degli Stati Uniti. La minaccia è reale, ma deve rimanere top secret o si scatenerà il panico. Il primo di questi nomi è anche il più temibile: "il Predicatore", un fondamentalista islamico senza scrupoli che ha come unico scopo la distruzione degli infedeli. Incita all'odio attraverso messaggi che diffonde tramite il web e riesce a raccogliere attorno a sé una folla di proseliti che scatenano una serie incontrollabile di eventi mortali. Gli omicidi si moltiplicano, non solo negli Stati Uniti ma anche sul territorio inglese, dove cadono altre vittime. Troppe. Solo un uomo può compiere quella che sembra una missione impossibile: l'ex marine Kit Carson, soprannominato "il Segugio", che viene prontamente incaricato di trovare e uccidere il responsabile di quell'inferno. Kit, però, non sa che faccia abbia il suo nemico, dove si nasconda e quale sia il suo vero nome. Sarà un giovane ed espertissimo hacker a rintracciare per lui le postazioni del Predicatore e dei suoi complici utilizzando solo la tecnologia. Si scatena così una guerra tra due schieramenti, totalmente diversi tra loro ma con un obiettivo comune: la distruzione dell'avversario. Con La lista nera Frederick Forsyth si riconferma un maestro del genere firmando un thriller che non lascia scampo, in cui attualità e fiction si mescolano grazie a un eccellente lavoro di documentazione che svela i retroscena dei servizi segreti britannici, americani, pachistani e israeliani.

LA LISTA NERA

Forsyth Frederick

Anna, in seguito a un fortuito errore durante un'operazione di neurochirurgia, non riesce più a parlare del proprio passato: ogni volta che è chiamata a farlo si esprime con un linguaggio onirico, privo di riferimenti comprensibili. Ezio, brillante neurologo responsabile dell'errore chirurgico, è colpito e amareggiato dalla patologia di Anna. I due si frequentano, si innamorano, ma il mistero della donna persiste, e diventa per il medico un'irrinunciabile ossessione: più si avvicina all'enigma, più questo si nasconde dietro una fitta rete di coincidenze. È Anna a non saper comunicare il proprio passato o è Ezio a non saperlo comprendere? Gli amanti si inseguono dall'Italia a Berlino, tra sospetti, eminenti psichiatri e rapporti epistolari, correndo affiancati, come rette parallele, a costruire il percorso di un amore impossibile; per scoprire che la loro storia si può leggere da una parte o dall'altra, proprio come un palindromo.

Anna. Storia di un palindromo

D'Isa Francesco

Dietro le sembianze di una sonnolenta località di villeggiatura dell'Appennino, il paese di Castagneto nasconde un enigma collettivo fatto di insanabili rivalità, odi non saziati, antichi amori mai sopiti, nuove e disperate passioni e cocenti solitudini. Vittorio, uno storico quarantenne impegnato in una ricerca sui campi di battaglia della Linea Gotica, vi giunge per due settimane di vacanza con la famiglia, ancora oppresso da un lutto recente che rischia di trasformarsi in una cupa ossessione di morte; Carla, sua moglie, nutre invece il bruciante desiderio di una seconda: maternità. Durante il trascorrere delle due settimane, la coppia senza quasi rendersene conto si troverà coinvolta nei conflitti in corso dietro la rassicurante facciata del paese: un vortice in cui Vittorio e Carla rischieranno di precipitare irrimediabilmente, finché una repentina esplosione di violenza degna di una tragedia elisabettiana non verrà a tracciare il confine tra i perduti e i salvati. Un romanzo che ha il respiro e la lingua di un piccolo classico e il cuore duro di un thriller, in cui il lettore viene risucchiato pagina dopo pagina.

PAESAGGIO CON INCENDIO

Aloia Ernesto

«Chi nasce il 29 febbraio vive il tempo in un modo davvero strano: salta da 4 a 8, da 8 a 12, e così via». Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato gli anni migliori. Amara Lakhous racconta una generazione, un paese che ha anticipato, in qualche modo, quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo arabo. Hassinu vuole il pane e la libertà, come i giovani arabi di oggi che si stanno ribellando alle dittature.

UN PIRATA PICCOLO PICCOLO

Lakhous Amara