Il matrimonio di Chani Kaufman

Harris Eve

Descrizione: Chani sta per sposarsi con Baruch, che ha visto pochissime volte. È piena di dubbi, come del resto anche lui, perché entrambi sentono ‘qualcosa’, ma non sanno neanche da dove cominciare a costruire le basi della loro vita insieme. Perché nessuno racconta loro le cose importanti. Perché non si sono mai tenuti per mano, non hanno mai fatto niente insieme. Vivono una vita imposta dagli altri, consapevoli e, per questo, spaventati. Nel frattempo Rivka, la Rebbetzin (la moglie del rabbino), che dovrebbe guidare le giovani donne della comunità Charedi di cui fa parte, vive una profonda crisi con se stessa e suo marito, per il quale ha cambiato tutta la sua vita, sembra non capire. E Avromi, giovane rampollo della comunità, figlio di Rivka e del rabbino Chaim, scopre che fuori dal castello ‘dorato’ della religione ultraortodossa della loro comunità, c’è un mondo intero che lo chiama a pieni polmoni: c’è il sesso, l’amore, un’altra vita.

Categoria:

Editore: Liber Aria

Collana:

Anno: 2016

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Il matrimonio di Chani Kaufman è in libro delizioso. Un mattone di oltre trecento pagine che, considerato l’argomento, a uno gli verrebbe voglia subito di bersi una birra o tirarsi una bottigliata sui santissimi.

Invece fila via senza intoppi, o quasi, in quanto a metà forse un po’ di ritmo in più sarebbe servito.

Il matrimonio di Chani Kaufman narra dei matrimoni combinati nella comunità ultra ortodossa ebraica, ma non cento anni fa e in Palestina bensì nel 2008 a Londra. Possibile? Certo che sì. Anche nel nostro Meridione fino a qualche decennio fa molte famiglie di giovani di belle speranze mandavano una persona di fiducia a casa di qualche ragazza in età da marito per sondare il terreno in previsione di un apparentamento.

In questi casi a volte i due giovani nemmeno si erano mai visti, relegando l’iniziativa alle aspirazioni dei genitori che valutavano i beni economici delle famiglie, la posizione sociale, il buon nome e altri parametri che nulla avevano a che fare con i sentimenti. Il matrimonio non si svolge tra due che si amano, dopo tutto?

Invece no. Chani e il suo aspirante sposo Baruch si sono intravisti a una festa. O meglio, lui ha visto lei e ha preso l’iniziativa, parlandone con i genitori e coinvolgendo una sensale ad hoc, retribuita e tenuta in considerazione da tutta la comunità ebraica. “Abbiamo già fatto affari, noi” si dicono, a intendere che già si erano rivolti a lei per altre pratiche.

Viene fuori un ritratto dei giorni nostri anacronistico, con maschietti che non conoscono l’anatomia femminile e che prima del matrimonio vanno a sbirciare su qualche tomo in biblioteca per orientarsi su ciò che li attende la prima notte di matrimonio tra le cosce delle ragazze. Un poster con una donna costretta nelle sue forme pettorali prorompenti basta a scatenare un’erezione che il povero Baruch nella metropolitana cerca di celare poggiandovi un libro sopra.

Accadono degli impedimenti: la suocera di lei, pur assecondando i sentimenti del figlio, briga per impedire che una ragazza di una famiglia non particolarmente abbiente diventi sua nuora.

I due giovani riescono a gestire gli eventi, seguono corsi di preparazione al matrimonio, con il rabbino lui e con la moglie del rabbino, lei. Chani vorrebbe sapere che succede “quella” notte. La moglie del rabbino, così come le altre donne della comunità, divaga.

La moglie del rabbino è una convertita per amore che ha abbracciato la fede ebraica delle Scritture relegandosi a una vita di ristrettezze e infelicità che fanno da sfondo e corollario agli eventi principali così come altre figure di contorno, come il figlio del rabbino che si innamora di una ragazza nera non religiosa che va in giro in minigonna attillata.

C’è tenerezza da parte di due ragazzi che affrontano una prova della quale ignorano tutto, anche dove bisogna infilare il “coso” da qualche parte nella donna.

Come in tutte le comunità oltranziste, siano cattoliche, ebraiche o musulmane, c’è molta grettezza e ignoranza. O meglio, false credenze demodè. I social non esistono, a casa del rabbino viene tolto anche il televisore costringendo la moglie a sbirciare le soap nelle sale da té muovendosi con circospezione per non essere riconosciuta da altri membri frum.

Il matrimonio di Chani Kaufman oltre che un buon libro costituisce un ottimo trattato di sociologia della religione ebraica mostrando ciò che succede nel resto del mondo, anche nel nostro mondo.

Comunque a Chani e Baruch come regalo di nozze gli si potrebbero regalare due account su Facebook e Instagram. Capirebbero più cose lì che nelle sinagoghe e tra candelabri a sette braccia.

Qui anche la recensione del Guardian

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eve

Harris

Libri dallo stesso autore

Intervista a Harris Eve


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Torna l’attesa voce di Derfel Cadarn, il guerriero fattosi monaco, un tempo protetto di Merlino e paladino fedele di Artù, per accompagnarci lungo un nuovo capitolo delle sue memorie, che lo vede impegnato a lottare su due fronti ugualmente insidiosi: l’amore e la guerra. Dopo aver affrontato i demoni dell’Isola dei Morti per liberare la sacerdotessa Nimue, Derfel è accanto al suo signore, Artù, nella sanguinosa battaglia contro il regno del Powys. Il re di quelle terre vuole infatti vendicare a caro prezzo l’offesa subita da sua figlia Ceinwyn, ripudiata da Artù che le ha preferito Ginevra. Artù e i suoi cavalieri riescono a vincere solo grazie ai poteri di Merlino, e si decide di sancire la ristabilita unità dei britanni celebrando l’unione tra Ceinwyn e Lancillotto. Neanche questa volta però è destino che il matrimonio della nobile fanciulla abbia luogo: durante la cerimonia di fidanzamento, Ceinwyn abbandona il promesso sposo e fugge con Derfel, di cui si è innamorata. Un amore che rischia di mettere a repentaglio il fragile equilibrio politico raggiunto a costo di molte, troppe vite umane...

IL CUORE DI DERFEL

Cornwell Bernard

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno

malgama di slanci e ritrosie, il dubbio è il vero e imponderabile (abarico) motore di quella ricerca che rende possibili i nostri esigui brandelli di verità: a questi a volte ci arrocchiamo, spacciandoli con orgoglio per grandi certezze, incuranti o inconsapevoli della loro ossidante caligine che cela l’orma davanti alla nostra e la lunghezza della strada… «Per la nostra autrice la Poesia è predestinazione e salvezza, impegno vitale, ricerca ed esperimento: “tra ritrosi belati dell’io / continua a chiamarmi un canto”.» (dalla Prefazione di Anna Maria Bonfiglio) «Angela Caccia, in questa raccolta, lascia al lettore il compito di percepire le profonde scanalature che il fondale sommuove, inesorabilmente, nel giro dell’esistenza. Non siamo dentro le acque quiete del mare che conosciamo. Leggendo i versi compare la poeta che recita nel chiuso della nostra postazione un puzzle multicolore, un labirinto enigmatico delle ore, nel transito del quotidiano. Il nostro tempo si sospende. Il racconto poetico prende corpo. Poesia intimista che libera energia costruttiva e catartica. Un notturno alla Chopin. Un esercizio virtuoso delle mani, tumultuoso e cieco: “(…) e sono l’orma di passi nel vicolo cieco / un ammasso di venti senza scampo” (da Fantasie).» (Vincenzo D’Alessio)

Il tocco albarico del dubbio

Angela Caccia

Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Berman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato...

Colazione da Tiffany

Capote Truman