Romanzo storico

IL MERCANTE DI LIBRI MALEDETTI

Simoni Marcello

Descrizione: Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Categoria: Romanzo storico

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854131941

Trama

Le Vostre recensioni

Il doppio premio al romanzo d’esordio di Marcello Simoni è dovuto alla somma di due meriti: quello di aver scritto un romanzo d’avventura, di fantasia e di viaggio – componenti tutte essenziali per evocare lo spirito di Salgari – in una sintesi che rende l’opera gradevole al grande pubblico delle librerie tradizionali, del mercato virtuale degli e-booK o dell’artigianale “Bancarella”.

A proposito del Bancarella, ricordo ancora un paio di estati negli anni settanta a Viareggio: quando adolescente, mi aggiravo tra baracchini di librai e bancarelle colorate da fascette gialle che annunciavano il premio, sul lungomare celebre tanto per il Carnevale quanto per la ‘movida’ italiana.

Ma, bando alla nostalgia, non divago oltre con i miei ricordi e passo in medias res, anticipandovi:

I personaggi del romanzo

Tanti, sono davvero tanti. Nel finale l’elevato numero si riduce a causa di uccisioni e grazie a un paio di sorprese nell’identificazione dei mandanti. Qui segnalo soltanto i principali attori, senza rispettare l’ordine di apparizione e senza pretesa di esaurirli.

Vivien de Narbonne: monaco in odore di negromanzia, è il depositario del libro “Uter ventorum”, che provvede a smembrare in quattro parti con l’intento di difenderne il segreto.

Ignazio da Toledo: è il protagonista assoluto con due fidi seguaci (il francese Willalme, riscattato dalla schiavitù, e il giovane converso Uberto, “ottimo amanuense”). Ignazio l’ispanico è mercante di reliquie, ma è “uomo razionale e curioso, sempre in bilico fra il mondo dei laici e quello dei chierici”. “Le sue azioni nascondevano sempre un secondo fine”.

Uno stuolo di monaci: come l’abate Maynulfo da Silvacandida, probabilmente assassinato, o il suo ambiguo successore Rainerio da San Donnino. E il misterioso, spettrale Scipio Lazarus, frate dal volto orribilmente sfregiato.

I membri della Saint-Vehme: una setta disposta a tutto pur di intercettare il libro misterioso. Di essa fanno parte  Dominus, capo violento che sole indossare una maschera rossa, e il suo vassallo, il boemo Slawnik.

Due nobili: il conte Enrico Scalò, amico del doge e frequentatore di bordelli, orribilmente giustiziato dopo una tortura crudele; e il conte Dodiko, inviato per proteggere Ignazio …

L’oggetto della ricerca di Ignazio e di tutti gli inseguitori che si porta appresso.

Il libro misterioso, Uter Ventorum o Otre dei venti, è lo strumento per realizzare un fine molto ambito (possibile?): evocare gli angeli “disposti a rivelare i segreti dei poteri celesti”. Ma non pensate ai soliti Michele, Gabriele e Raffaele, perché le creature alate sono quelle del libro di Enoch.

Il libro è stato suddiviso in quattro frammenti, ciascuno custodito in un luogo designato da un crittogramma. Per individuare i nascondigli, occorre risolvere quattro coppie di indovinelli.

Il primo elemento del libro è un tatuaggio, asportabile come può esserlo (!) un tatuaggio marchiato a fuoco sulla pelle. Si riferisce all’angelo Temel, colui che insegnò l’astrologia e che viene rappresentato in mezzo ai segni zodiacali.

Il secondo pezzo è una combinazione di nove caselle contenenti lettere ebraiche da trasformare in numeri arabi attraverso la ghimatriah. L’angelo di riferimento è Kobabel, che insegnò la lettura degli astri.

Il terzo frammento è un segnalibro di cuoio inciso, da leggere con tecnica cartaginese per ottenere un encolpio, possibilmente assumendo la portentosa haoma. L’angelo è Amezarak, maestro delle virtù delle radici.

Dulcis in fundo, il collage è completato da una pergamena custodita nella basilica di San Saturnino a Tolosa, che rivela gli incantesimi dell’angelo Armaros.

Se dopo questo sunto non avrete capito nulla – perché magari non sapete cos’è un encolpio o, pur esperti di sostanze  psicoattive, non conoscete le virtù della haoma – non disperate: il romanzo di Marcello Simoni spiega tutto e, leggendolo, potrete addirittura verificare se l’evocazione degli angeli riesce. O se piuttosto, Ignazio da Toledo dovrà “accontentarsi” di raggiungere un traguardo più terreno, ma parimenti gratificante.

Genere e stile narrativo

Io non so se il romanzo rientra nel genere storico, nel thriller o nel fantasy. O se è un geniale ibrido di queste categorie. So che lo stile di Marcello è limpido, colto, pieno di belle descrizioni paesaggistiche. E di atmosfere. Un esempio? “Tutto taceva intorno alla basilica di san Marco. Sulle mura dell’attiguo castello del doge le fiaccole danzavano fatue. Un’aria pesante, gravida di salsedine, spirava sulla piazza.”

La narrazione è veloce, serrata, con sapienti impennate nella tensione. Tutti ingredienti che apprezza il lettore in astratto e, in concreto, …


… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcello

Simoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simoni Marcello


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questa è la storia di un individuo dal destino già scritto. Un ragazzino che ha avuto come scuola la strada. Come madre una zoccola. Come padre un bidello cornuto. Come miglior amico la coca. Come amante un trans. È così che si vive nella periferia nord di Napoli. La coca non è sballo a Scampia. È il mezzo attraverso il quale diventare ricchi. Acquisire denaro e potere. Questa è la storia di uno spacciatore improvvisato. Uno spacciatore per scelta - la scelta di non aver scelto - che, come Pablo Emilio Escobar Gaviria, si rivela bravissimo nel commercio della cocaina. Perché la droga è un business. Anzi, è il business del millennio. Si guadagna molto perché il rischio è alto. Molto alto. I creditori. Gli sbirri. La concorrenza. La galera. I debitori. Ma non finisce ammazzato come El Patron. Finisce a Milano, cambia lavoro, mette su famiglia e scrive un libro. Un manuale che parla di un'attività particolare, per di più illegale, analizzandola con un approccio manageriale. "Per farvi accumulare una vera fortuna senza farvi arrestare. Perché, come ogni altra impresa, anche vendere la droga è un'attività che deve essere pianificata con cura e attenzione. Quindi anche con un business-plan." Manuale del perfetto venditore di droga è un romanzo autobiografico con business plan. La prima parte è il diario degli anni raminghi dell 'autore, un Gomorra raccontato da protagonista, la seconda è un vero manuale di management, se non fosse per il tema potrebbe essere edito dalla Harvard University Press.

MANUALE DEL PERFETTO VENDITORE DI DROGA

Esposito Alessandro

Anna, in seguito a un fortuito errore durante un'operazione di neurochirurgia, non riesce più a parlare del proprio passato: ogni volta che è chiamata a farlo si esprime con un linguaggio onirico, privo di riferimenti comprensibili. Ezio, brillante neurologo responsabile dell'errore chirurgico, è colpito e amareggiato dalla patologia di Anna. I due si frequentano, si innamorano, ma il mistero della donna persiste, e diventa per il medico un'irrinunciabile ossessione: più si avvicina all'enigma, più questo si nasconde dietro una fitta rete di coincidenze. È Anna a non saper comunicare il proprio passato o è Ezio a non saperlo comprendere? Gli amanti si inseguono dall'Italia a Berlino, tra sospetti, eminenti psichiatri e rapporti epistolari, correndo affiancati, come rette parallele, a costruire il percorso di un amore impossibile; per scoprire che la loro storia si può leggere da una parte o dall'altra, proprio come un palindromo.

Anna. Storia di un palindromo

D'Isa Francesco

Le tre minestre che danno il titolo a questo libro rappresentano in realtà tre ministre, come Vitali ribattezza segretamente le zie che hanno accompagnato la sua infanzia: Cristina, ministro degli Interni, è preposta alle faccende domestiche e alla cucina; Colomba, ministro dell'Agricoltura, si occupa dell'orto e delle attività agricole di famiglia; Paola infine, ministro degli Esteri, è impegnata professionalmente fuori casa e cura le relazioni con vicini e parenti. Le zie circondano il ragazzino di un affetto "rustico ma profumato", dettato dal buon senso ma ancora pregno di superstizioni, retaggio di una cultura popolare di altri tempi. Siamo infatti in un'Italia di provincia, negli anni Sessanta, dove ancora si parla il dialetto e "la saggezza si esprime in assiomi che non ammettono repliche". Dal racconto autobiografico di Andrea Vitali emerge uno spaccato di vita vissuta e di costume di grande suggestione, delicatamente nostalgico e al contempo ironico. Un autentico tuffo nel passato al quale contribuisce anche il ricettario della tradizione locale che affonda le radici nel territorio, tra le sponde del lago di Como e le valli retrostanti.

Le tre minestre

Vitali Andrea

"Un giorno ti innamorerai, Travis. E quando succederà, combatti per il tuo amore. Non smettere di lottare. Mai". Travis Maddox è solo un bambino quando sua madre, ormai con un filo di voce, gli lascia queste ultime parole. Parole che Travis conserva come un tesoro prezioso. Adesso Travis ha vent'anni e non conosce l'amore. Conosce le donne e sa che in molte sarebbero disposte a tutto per un suo bacio. Eppure nessuna di loro ha mai conquistato il suo cuore. Provare dei sentimenti significa diventare vulnerabili. E Travis ha scelto di essere un guerriero. Finché un giorno i suoi occhi scuri non incontrano quelli grigi di Abby Abernathy. E l'armatura di ghiaccio che si è scolpito intorno al cuore si scioglie come neve al sole. Abby è diversa da tutte le ragazze con cui è sempre uscito. Cardigan abbottonato, occhi bassi, taciturna. E soprattutto apparentemente per niente interessata a lui. Ma Travis riesce a vedere dietro il suo sorriso e la sua aria innocente quello che nessuno sembra notare. Un'ombra, un segreto che Abby non riesce a rivelare a nessuno, ma che pesa come un macigno. Solo lui può aiutarla a liberarsene, solo lui possiede le armi per proteggerla. L'ultima battaglia di Travis Maddox sta per cominciare e la posta in palio è troppo importante per potervi rinunciare. Solo combattendo insieme Abby e Travis potranno dare una casa al loro cuore sempre in fuga...

Il mio disastro sei tu

McGuire Jamie