Romanzo storico

IL MERCANTE DI LIBRI MALEDETTI

Simoni Marcello

Descrizione: Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Categoria: Romanzo storico

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854131941

Trama

Le Vostre recensioni

Il doppio premio al romanzo d’esordio di Marcello Simoni è dovuto alla somma di due meriti: quello di aver scritto un romanzo d’avventura, di fantasia e di viaggio – componenti tutte essenziali per evocare lo spirito di Salgari – in una sintesi che rende l’opera gradevole al grande pubblico delle librerie tradizionali, del mercato virtuale degli e-booK o dell’artigianale “Bancarella”.

A proposito del Bancarella, ricordo ancora un paio di estati negli anni settanta a Viareggio: quando adolescente, mi aggiravo tra baracchini di librai e bancarelle colorate da fascette gialle che annunciavano il premio, sul lungomare celebre tanto per il Carnevale quanto per la ‘movida’ italiana.

Ma, bando alla nostalgia, non divago oltre con i miei ricordi e passo in medias res, anticipandovi:

I personaggi del romanzo

Tanti, sono davvero tanti. Nel finale l’elevato numero si riduce a causa di uccisioni e grazie a un paio di sorprese nell’identificazione dei mandanti. Qui segnalo soltanto i principali attori, senza rispettare l’ordine di apparizione e senza pretesa di esaurirli.

Vivien de Narbonne: monaco in odore di negromanzia, è il depositario del libro “Uter ventorum”, che provvede a smembrare in quattro parti con l’intento di difenderne il segreto.

Ignazio da Toledo: è il protagonista assoluto con due fidi seguaci (il francese Willalme, riscattato dalla schiavitù, e il giovane converso Uberto, “ottimo amanuense”). Ignazio l’ispanico è mercante di reliquie, ma è “uomo razionale e curioso, sempre in bilico fra il mondo dei laici e quello dei chierici”. “Le sue azioni nascondevano sempre un secondo fine”.

Uno stuolo di monaci: come l’abate Maynulfo da Silvacandida, probabilmente assassinato, o il suo ambiguo successore Rainerio da San Donnino. E il misterioso, spettrale Scipio Lazarus, frate dal volto orribilmente sfregiato.

I membri della Saint-Vehme: una setta disposta a tutto pur di intercettare il libro misterioso. Di essa fanno parte  Dominus, capo violento che sole indossare una maschera rossa, e il suo vassallo, il boemo Slawnik.

Due nobili: il conte Enrico Scalò, amico del doge e frequentatore di bordelli, orribilmente giustiziato dopo una tortura crudele; e il conte Dodiko, inviato per proteggere Ignazio …

L’oggetto della ricerca di Ignazio e di tutti gli inseguitori che si porta appresso.

Il libro misterioso, Uter Ventorum o Otre dei venti, è lo strumento per realizzare un fine molto ambito (possibile?): evocare gli angeli “disposti a rivelare i segreti dei poteri celesti”. Ma non pensate ai soliti Michele, Gabriele e Raffaele, perché le creature alate sono quelle del libro di Enoch.

Il libro è stato suddiviso in quattro frammenti, ciascuno custodito in un luogo designato da un crittogramma. Per individuare i nascondigli, occorre risolvere quattro coppie di indovinelli.

Il primo elemento del libro è un tatuaggio, asportabile come può esserlo (!) un tatuaggio marchiato a fuoco sulla pelle. Si riferisce all’angelo Temel, colui che insegnò l’astrologia e che viene rappresentato in mezzo ai segni zodiacali.

Il secondo pezzo è una combinazione di nove caselle contenenti lettere ebraiche da trasformare in numeri arabi attraverso la ghimatriah. L’angelo di riferimento è Kobabel, che insegnò la lettura degli astri.

Il terzo frammento è un segnalibro di cuoio inciso, da leggere con tecnica cartaginese per ottenere un encolpio, possibilmente assumendo la portentosa haoma. L’angelo è Amezarak, maestro delle virtù delle radici.

Dulcis in fundo, il collage è completato da una pergamena custodita nella basilica di San Saturnino a Tolosa, che rivela gli incantesimi dell’angelo Armaros.

Se dopo questo sunto non avrete capito nulla – perché magari non sapete cos’è un encolpio o, pur esperti di sostanze  psicoattive, non conoscete le virtù della haoma – non disperate: il romanzo di Marcello Simoni spiega tutto e, leggendolo, potrete addirittura verificare se l’evocazione degli angeli riesce. O se piuttosto, Ignazio da Toledo dovrà “accontentarsi” di raggiungere un traguardo più terreno, ma parimenti gratificante.

Genere e stile narrativo

Io non so se il romanzo rientra nel genere storico, nel thriller o nel fantasy. O se è un geniale ibrido di queste categorie. So che lo stile di Marcello è limpido, colto, pieno di belle descrizioni paesaggistiche. E di atmosfere. Un esempio? “Tutto taceva intorno alla basilica di san Marco. Sulle mura dell’attiguo castello del doge le fiaccole danzavano fatue. Un’aria pesante, gravida di salsedine, spirava sulla piazza.”

La narrazione è veloce, serrata, con sapienti impennate nella tensione. Tutti ingredienti che apprezza il lettore in astratto e, in concreto, …


… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcello

Simoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simoni Marcello

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

Francesco De Gregori

Vivono a Roma, madre e figlia. Laury si cura con le alghe, racconta di viaggi a Goa e cena con gli amici hippy. Un dettaglio: ha quasi settant’anni. Sua figlia Elena ne ha trentasette ed è l’opposto. Fa l’impiegata e ha poche ambizioni. Nasconde un’inquietudine che viene dal passato: non sa chi è suo padre. Yves invece sta a Parigi, in una chiatta sulla Senna che affitta a turisti russi, mangia nel bistrot della bella Yvonne ma ogni tanto si sente solo. Anche lui sta cercando qualcosa, una compagna o una famiglia… Personaggi tragicomici e indimenticabili, pagine piene di ritmo, per un romanzo che racconta un conflitto attualissimo, quello tra due generazioni che non si capiscono ma devono provarci.

Il futuro di una volta

Dandini Serena

Camillo è un cagnolino diverso da tutti gli altri. Anzi, a dire il vero non siamo nemmeno troppo sicuri che si tratti di un cane. Non abbiamo dubbi però sul fatto che sia un animaletto intraprendente e coraggioso. Spinto dal desiderio di ritrovare la sua famiglia di origine, parte alla volta del Polo Nord, accompagnato dai suoi fedeli amici Benjamin e Holly. Lungo la strada, i nostri tre piccoli eroi incontreranno bizzarri personaggi e affronteranno incredibili avventure, e Camillo finalmente imparerà il significato della parola famiglia.

LE AVVENTURE DI CAMILLO

Nava Francesca