Narrativa

IL MIO IMPERO E’ NELL’ARIA

Ricuperati Gianluigi

Descrizione: Vic Gamalero è un ragazzo nevrotico e geniale: ossessionato dal denaro, incapace di distinguere la linea che separa la gratuità dell'affetto dalla pervasiva presenza dei soldi, se ne fa prestare continuamente da genitori, amici, fidanzate, sconosciuti, provando ogni volta qualcosa di simile al sentimento amoroso. Imbastisce menzogne di ogni genere, inventa e veste molteplici identità (si improvvisa giornalista e impresario teatrale, si spaccia per architetto e consulente d'impresa), nessuna delle quali pare essere definitiva; nel frattempo, la sua natura camaleontica e la sua stupefacente capacità di entrare nelle vite degli altri lo portano a contatto con persone di ogni tipo: disadattati, miliardari, attori precari, recuperatrici di credito, giovani di buona famiglia, eroine del volontariato. Fino a quando, tra truffe e debiti accumulati in modo sempre più disordinato, Vic si ritroverà sull'orlo del baratro. Scritto con una lingua rapida e avvincente, tra dialoghi battenti, scene indimenticabili e squarci di pura comicità, “Il mio impero è nell'aria” è il ritratto di un formidabile antieroe italiano del terzo millennio: cattolico, borghese ma sempre ai margini della convivenza civile, il suo rapporto patologico col denaro lo conduce nelle viscere di un paese che proprio del denaro - il suo desiderio, la sua cronica mancanza o la sua scandalosa abbondanza - sembra aver fatto una malattia inguaribile.

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana: Minimum fax

Anno: 2011

ISBN: 9788875213039

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Il primo romanzo di Gianluigi Ricuperati ha la sincerità e l’umorismo che si vorrebbe sempre trovare in un libro. Senza mai perdersi in un già visto, già sentito, già pensato, l’autore costruisce pagina dopo pagina il protagonista di questa storia, tenendolo costantemente in bilico tra il divenire “personaggio” e il descrivere un – possibile? – uomo qualunque. Una anti eroe qualunque.

L’autore riesce, senza deludere, a confrontarsi con la cultura cattolica, con l’annosa (e ansiogena) indagine sull’importanza del denaro e sul pericoloso baratro del consumismo, costruendo un universo completamente autografo su una vita che avrebbe potuto appartenere a un italiano qualunque.

Figlio di una media o forse alta borghesia (se oggi di borghesia si può ancora parlare), con genitori – ex sessantottini – convertiti al cattolicesimo più integralista, fratello di due realizzati professionisti e dotato di non poche doti e qualità, Vic Gamalero spicca per estraneità alla famiglia, all’amore, alla crescita professionale e personale, eccelle nel patologico radicamento in uno spirito che rifiuta l’età adulta, la responsabilità, il sacrificio e lo pone costantemente in contrasto con la realtà.

Fin qui, potrebbe essere un romanzo già scritto, ma sono l’intelligenza e l’originalità che pervadono l’intera narrazione a fare di questo romanzo un’ opera eccellente.

I personaggi che prendono parte alla giostra che ruota attorno alla personalità emotivamente instabile del protagonista sono vivi, autentici, mai improvvisati o resi opachi da una caratterizzazione che, se pure c’è, non è mai fuori misura.

Bellissima l’antitesi tra la religiosità della madre e la spiritualità del padre di Vic, davvero pregevole, di nuovo, la maestria nel rendere i personaggi multidimensionali e mai monolitici, quindi credibili, seppure fuori dal comune.

Sorprendenti sono poi le tragicomiche e allucinanti vicende in cui si trova continuamente coinvolto il protagonista, che con irriducibile tenacia alimenta un’esistenza di stratagemmi, tragedie, errori e imprese alla Don Chisciotte, seppure privato di un qualunque Sancho Panza, poiché in fondo, Vic è un solitario.

Divertente per le variegate vicende rievocate, per le rutilanti opinioni allucinate del protagonista, Gianluigi Ricuperati riesce anche ad orchestrare immagini di degnissimo umorismo, capacità molto rara di questi tempi.

Ottima prova d’autore, consigliatissimo. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianluigi

Ricuperati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ricuperati Gianluigi

Shuggie è un adolescente obeso, che racconta la propria storia e quella della sua famiglia, composta dalla madre Glenda e dal patrigno Red, un uomo brutale e ignorante che odia il ragazzo ma lo usa nei suoi furti di medicine e di qualsiasi altra cosa che possa poi rivendere. Glenda tira avanti occupandosi del cimitero locale e passa il tempo cercando di distrarre Red da suo figlio, che lei invece adora: lo chiama Sweet Mister e non fa che promettergli che prima o poi avranno una vita migliore. Ma quando un giorno Glenda vede una Thunderbird verde coi sedili di pelle e il suo giovane guidatore, Jimmy Vin Pearce, si innesca una catena di eventi che potrebbe generare solo dolore e sangue... così la donna deve tenere segreta la sua infatuazione per i soldi e i bei vestiti di Jimmy Vin, mentre lei e suo figlio sognano di scappare dalla loro vita d’inferno per trovarne una priva della violenza che hanno conosciuto finora.

IO E GLENDA

Woodrell Daniel

Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars

Gabriele ha lavorato tanto per arrivare in cima, da cameriere a proprietario di una catena di alberghi di lusso. E ora che è a un passo dal traguardo, il matrimonio con una ricca ereditiera, è disposto a tutto, anche a uccidere la donna che ama. Filippo ha solo la sua famiglia, una moglie e una figlia che adora, per cui ha messo finalmente la testa a posto. Ma proprio per garantire loro un futuro migliore è costretto a sporcarsi le mani. Marco è sempre stato un debole, succube di un padre padrone, non ha mai scelto nulla nella sua vita, neanche il lavoro in polizia. Solo l'omicidio di sua sorella riesce a scuoterlo dal torpore, ma lo metterà di fronte a una parte di se stesso che lo terrorizza. Tre uomini, tre destini che si intrecciano lungo la discesa verso un luogo dove non ci sono vincitori: l'inferno.

L’uomo nero

Poldelmengo Luca

Le emozioni, in questo romanzo, ci sono tutte. Poi ci sono coraggio, dolore e piacere. La protagonista è l'ombra. L'ombra da cui ognuno di noi cerca di fuggire, ma che poi ci prende. Ma cosa fare quando la tua parte nascosta finisce dentro il corpo della persona che ami? Forse, non resta che mollare le cime dal pontile e salpare verso la follia. E qual è la follia? Quella di ritrovarsi all'Inferno senza aver peccato? Oppure affidarsi a un sistema non strutturato per la presa in cura, che si affida alla tecnica, che non approfondisce e non si pone troppe domande? In questo romanzo il tempo sembra scandire la vita, ma il tempo qui non c'è. La vita ha un sapore magico e nella vita c'è qualcosa di più forte di tutte le emozioni e di tutti i sistemi, un amore, qualcosa che va contro la morte. Qualcosa che non muore. Il volume è corredato da esclusivi contenuti extra, spunti e approfondimenti nella cultura contemporanea: film e serie TV, musica, arte, libri, fumetti e graphic novel.

Il Signore delle Mosche

Golding William