Narrativa

IL MIO IMPERO E’ NELL’ARIA

Ricuperati Gianluigi

Descrizione: Vic Gamalero è un ragazzo nevrotico e geniale: ossessionato dal denaro, incapace di distinguere la linea che separa la gratuità dell'affetto dalla pervasiva presenza dei soldi, se ne fa prestare continuamente da genitori, amici, fidanzate, sconosciuti, provando ogni volta qualcosa di simile al sentimento amoroso. Imbastisce menzogne di ogni genere, inventa e veste molteplici identità (si improvvisa giornalista e impresario teatrale, si spaccia per architetto e consulente d'impresa), nessuna delle quali pare essere definitiva; nel frattempo, la sua natura camaleontica e la sua stupefacente capacità di entrare nelle vite degli altri lo portano a contatto con persone di ogni tipo: disadattati, miliardari, attori precari, recuperatrici di credito, giovani di buona famiglia, eroine del volontariato. Fino a quando, tra truffe e debiti accumulati in modo sempre più disordinato, Vic si ritroverà sull'orlo del baratro. Scritto con una lingua rapida e avvincente, tra dialoghi battenti, scene indimenticabili e squarci di pura comicità, “Il mio impero è nell'aria” è il ritratto di un formidabile antieroe italiano del terzo millennio: cattolico, borghese ma sempre ai margini della convivenza civile, il suo rapporto patologico col denaro lo conduce nelle viscere di un paese che proprio del denaro - il suo desiderio, la sua cronica mancanza o la sua scandalosa abbondanza - sembra aver fatto una malattia inguaribile.

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana: Minimum fax

Anno: 2011

ISBN: 9788875213039

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Il primo romanzo di Gianluigi Ricuperati ha la sincerità e l’umorismo che si vorrebbe sempre trovare in un libro. Senza mai perdersi in un già visto, già sentito, già pensato, l’autore costruisce pagina dopo pagina il protagonista di questa storia, tenendolo costantemente in bilico tra il divenire “personaggio” e il descrivere un – possibile? – uomo qualunque. Una anti eroe qualunque.

L’autore riesce, senza deludere, a confrontarsi con la cultura cattolica, con l’annosa (e ansiogena) indagine sull’importanza del denaro e sul pericoloso baratro del consumismo, costruendo un universo completamente autografo su una vita che avrebbe potuto appartenere a un italiano qualunque.

Figlio di una media o forse alta borghesia (se oggi di borghesia si può ancora parlare), con genitori – ex sessantottini – convertiti al cattolicesimo più integralista, fratello di due realizzati professionisti e dotato di non poche doti e qualità, Vic Gamalero spicca per estraneità alla famiglia, all’amore, alla crescita professionale e personale, eccelle nel patologico radicamento in uno spirito che rifiuta l’età adulta, la responsabilità, il sacrificio e lo pone costantemente in contrasto con la realtà.

Fin qui, potrebbe essere un romanzo già scritto, ma sono l’intelligenza e l’originalità che pervadono l’intera narrazione a fare di questo romanzo un’ opera eccellente.

I personaggi che prendono parte alla giostra che ruota attorno alla personalità emotivamente instabile del protagonista sono vivi, autentici, mai improvvisati o resi opachi da una caratterizzazione che, se pure c’è, non è mai fuori misura.

Bellissima l’antitesi tra la religiosità della madre e la spiritualità del padre di Vic, davvero pregevole, di nuovo, la maestria nel rendere i personaggi multidimensionali e mai monolitici, quindi credibili, seppure fuori dal comune.

Sorprendenti sono poi le tragicomiche e allucinanti vicende in cui si trova continuamente coinvolto il protagonista, che con irriducibile tenacia alimenta un’esistenza di stratagemmi, tragedie, errori e imprese alla Don Chisciotte, seppure privato di un qualunque Sancho Panza, poiché in fondo, Vic è un solitario.

Divertente per le variegate vicende rievocate, per le rutilanti opinioni allucinate del protagonista, Gianluigi Ricuperati riesce anche ad orchestrare immagini di degnissimo umorismo, capacità molto rara di questi tempi.

Ottima prova d’autore, consigliatissimo. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianluigi

Ricuperati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ricuperati Gianluigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Celeste Ardemagni, hacker per passione, è una ragazza solitaria e dallo humor tagliente. La sua vita scorre tranquilla fino al giorno in cui incontra Vitaliano Spatuzzo, un improbabile fotomodello che le suggerisce l'idea giusta per fare soldi a palate. Una truffa mediatica che coinvolgerà la famosa attrice Bianca Del Prado, donna sensibile e problematica sul viale del tramonto. Il piano sembra funzionare ma una segretaria sull'orlo di una crisi di nervi, un manager senza scrupoli e un latitante mafioso troppo attratto dalle donne, complicheranno le cose fino a scatenare una serie di eventi imprevedibili (e disastrosi).

Una diabolica celeste

Violet Enrico

Per cucinare gli spaghetti all'assassina, il piatto più famoso di Bari, ci vuole la padella in ferro nero che si trova solo nella città vecchia. Ed è proprio lì che sorge il ristorante di Colino Stramaglia, inventore della famosa ricetta. Una mattina di primavera, all'apertura del locale, il grande chef viene trovato morto ammazzato in maniera talmente efferata da far sospettare un torbido movente passionale. Quale grave sgarbo avrebbe commesso l'illustre personaggio per meritare una fine così orrenda? E quanti misteri si celano dietro al mondo sempre più competitivo dell'alta cucina? Fra le persone informate sui fatti, un affascinante cuoco algerino, una spogliarellista brasiliana e un capocameriere con un'aria da becchino uscito da un film western. A indagare è il commissario Lolita Lobosco, che stavolta trova imbrattate di sangue le sue due attività preferite: l'amore e la cucina. Sullo sfondo di una città sempre più pulp, una nuova intricata indagine, con fosche tinte da noir mediterraneo, metterà a dura prova l'abilità e l'istinto della caparbia investigatrice barese.

Spaghetti all’assassina

Genisi Gabriella

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, che nomina incessantemente il suo morto: è piccola e astuta, un’abile mercante che venderebbe l’acqua santa al diavolo. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo. Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer. Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote...

Le sultane

Oliva Marilù

Sergio Scozzacane è un impresario musicale. Lo chiamano "lo squalo" per la forma a pinna del suo naso. Un soprannome, ma anche un destino da carnivoro: è il proprietario della casa discografica Musica Blue Records, che produce dischi a pagamento vendendo illusioni a cantanti privi di talento. Alloggiato in una pensione d'infimo ordine e sommerso dai debiti contratti con la camorra, lo squalo progetta una improbabile uscita di scena. Ma quando tutto sembra perduto, una speranza si riaccende: Mattia, un giovane cantante che ha ancora sotto contratto per due mesi, vince un talent show televisivo, e portarlo a cantare a Sanremo sembra l'occasione di riscatto della sua vita da agente fallito e per salvare la pelle. Ma anche il "viaggio della speranza" nella città dei fiori, che lo squalo affronta assieme a Mattia (bella voce ma leggermente autistico) e alla sorella Sofia (cieca, bellissima e determinata), con la camorra alle costole, si rivela l'ennesimo buco nell'acqua.

IL FIUTO DELLO SQUALO

Solla gianni