Narrativa

IL MIO REGALO SEI TU

Spinazzola Sarah

Descrizione: Oggi vede suo padre per la prima volta. Sono diciotto anni che aspetta questo momento. Una settimana fa l'ha visto in televisione, l'ha cercato e ora eccola lì, che sposta il peso da un piede all'altro nella portineria di uno studio televisivo. Lui ha qualcosa da finire, le chiede soltanto un attimo; diciotto anni e un attimo. "Hai fatto bene a cercarmi tu, perché io non l'avrei mai fatto" le dice poi. Non ci sono abbracci. Gelido freddo invernale, dentro e fuori di lì. Ha un bel salire e scendere da autobus e tram, Lidia, per andarlo a trovare. Passano i mesi e non c'è disgelo. Ma il destino è disegnato nel cielo, ha un cappello bianco da cowboy, è da anni che la cerca dappertutto e ancora non l'ha trovata. Aspettami, non ti muovere, gli dice Lidia, ti troverò io. Va a cercarlo lontano, su una montagna a duemila metri, dove il lavoro principale è sorridere, e non fermarsi mai. E proprio lì, di colpo, una pioggia di sms cambia tutto. Per tanto tempo la vita non ha fatto che dirle no no no, dopo dopo dopo, e ora finalmente le dice sì sì sì, ora! ora! ora! Suo padre le scrive sono cambiato, prima non ero pronto e adesso sì. Adesso vuole stare con lei. Ha trovato il grande amore ed è pronto a cominciare una nuova fase della vita. Ecco come si stanno mettendo le cose. Davvero molto bene. Talmente bene che Lidia ogni due minuti si chiede: ma sarà vero? Non ci sarà qualcosa che non va? "Il mio regalo sei tu" è la storia di un amore negato: l'avventura di una piccola donna coraggiosa nelle spire di un padre serpente.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 2012

ISBN: 9788871686301

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Prima di iniziare a leggere siamo avvisati: “Questo romanzo è opera di fantasia. L’autrice ha elaborato, come spesso succede, esperienze personali: pensieri ed emozioni sono autentici, vicende e personaggi immaginari.”

Bene – direbbe il lettore – allora non è vero niente! E invece il poverino sarà contraddetto perché la storia raccontata da Sarah Spinazzola avviene nelle migliori famiglie e sempre più spesso. Non è reale, ma è molto realistica!

Una ragazza vive sola con sua madre e questo è un copione diffuso. Suo padre, un giornalista, le ha abbandonate da sempre. Un bel giorno, a 18 anni, Lidia lo vede in Tv e decide di andarlo a cercare.

Quando lo trova l’uomo sembra pronto a cambiare: ora è innamorato di una donna e vorrebbe aggiustare tutto.

Lidia gli crede, ma non riesce a fidarsi fino in fondo.

Sta cercando gli abbracci che non ha mai avuto, li ottiene ma non sente il calore che si aspettava. Vorrebbe abbandonarsi al suo sogno, alla necessità di colmare il grande vuoto che sente dentro, ma l’istinto l’aiuta a discernere ciò che sarebbe bello da ciò che lo è davvero. Le sue illusioni devono fare i conti con la realtà e ci riescono serenamente.

Il percorso di consapevolezza la porta a capire che la vita è fatta di concretezza e non conta quello che gli altri si aspettano da noi o ciò che pretendiamo da noi stessi. In questa vicenda di sofferenza e di amore desiderato Lidia impara a vivere e riesce a trovare una sua dimensione.

Il romanzo si legge piacevolmente: la storia è un po’ triste ma non manca di poesia e romanticismo, perché è frutto della fresca fantasia di una giovane autrice.

Una nota la merita anche la copertina: il disegno è molto azzeccato e rende l’idea dell’allegra precarietà della ragazza, che fluttua nell’aria ma capisce dove aggrapparsi per non cadere.

«Oggi sono rimasta io ad aspettare con una bambina. Dopo mezz’ora arriva il papà. Non lo vedeva da tutto il giorno, e lei gli corre incontro con un regalino in mano.

“Questo regalo è per te!”

“Grazie!” dice lui “ma il mio regalo sei tu.”»

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sarah

Spinazzola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spinazzola Sarah

Questa antologia contiene gli autori che hanno aderito all'iniziativa editoriale e che hanno partecipato alle sezioni Racconto Breve Inedito e Poesia Inedita del Premio Letterario il Borgo Italiano 2021, la cui cerimonia di premiazione è stata ospitata dal borgo di Lanzo Torinese.

Il borgo italiano

AA. VV.

Serao, Matilde – ZIG ZAG (L’Infedele, 1897)

Cosa accadrebbe se a James Joyce venisse rifiutato ogni libro? E se Tolstoj fosse ospitato in radio a Roma, per ascoltare il parere di Ilaria da Foggia? E se William Shakespeare finisse alla sbarra con l'accusa di plagio? Sono solo alcuni dei ritratti paradossali che questo libro ha in serbo per il lettore. Con una prosa scanzonata, L'unico scrittore buono è quello morto illumina splendori e miserie del mondo letterario, senza risparmiare i mostri sacri. Autori e lettori, editori e traduttori finiscono in un frullatore di racconti che miscela una metafisica Praga ribattezzata Kafkania (dove i bordelli si chiamano "Il castello", "La condanna" o "La colonia penale") con una San Francisco iperletteraria dove vagano i sosia dei beat, uno scrittore beone alle prese con una lettrice assatanata e un poetastro in gara nel poetry slam più sgangherato della storia. Una parodia per aspiranti scrittori e lettori sgamati, che snocciola una carrellata di personaggi afasici, perduti, smarriti nel tragicomico labirinto delle lettere. Un libro per tutti quelli che vogliono scrivere e per chi li farebbe fuori volentieri, ma anche un grande atto d'amore per la forza della scrittura.

L’UNICO SCRITTORE BUONO E’ QUELLO MORTO

Rossari Marco

La detective ipovedente Blanca e i suoi colleghi, il commissario Martusciello, l’agente scelto Carità, Liguori e Micheli, si ritrovano a dover risolvere due casi che sembrano scollegati: il traffico di animali illegali provenienti dall’estero e la morte di una donna, apparentemente avvenuta a causa del morso di un ragno, rarissimo e letale. Nel primo caso, delle circostanze fortuite porteranno a galla indizi che provocheranno la morte di due veterinari, mentre il secondo caso sembra opera di un assassino seriale che usa i ragni come armi, ma le vittime non sono collegate in alcun modo. Nel commissariato regna l’anarchia, ognuno conosce solamente un pezzo dell’indagine e spesso lo nasconde agli altri, il puzzle fatica a comporsi fino all’ultimo perché le vicende private dei personaggi si ergono come muri tra di loro: ognuno come un animale ferito cerca con le proprie forze di aprirsi la strada verso la verità, senza accorgersi di essere mutilato lontano dal resto della squadra. Blanca si dibatte nei suoi sentimenti per Liguori e cerca un riparo nell’amore di Micheli, pur non ricambiandolo. Di tutte le bestie che abitano questo romanzo è proprio Blanca la più selvatica.

La danza dei veleni

Rinaldi Patrizia