Giallo - thriller - noir

Il mistero dei dodici portici

Lusetti Lorena

Descrizione: 12 sono i portici di Bologna candidati a patrimonio dell'umanità UNESCO, i più belli e ricchi di storia di tutta la città. Sono portici costruiti in epoche diverse, legati ai palazzi nobiliari, alle piazze che abbracciano, al quartiere dove sorgono. I portici, amati dai bolognesi che senza di loro non sanno stare, di certo sono rappresentativi di Bologna al pari dei Tortellini, delle Due Torri e dell'Università. Altrettanto rappresentativa di Bologna è l'investigatrice privata Stella Spada, unica e senza rivali, che dal suo studio di via dell'Inferno indaga sui casi che le vengono affidati, a patto che siano tutti nel centro di Bologna o poco distante. In questo romanzo breve, un caso molto speciale la obbliga ad una corsa contro il tempo dall'uno all'altro dei 12 portici candidati dall'UNESCO per ritrovare Filippo, il cane della vicina rapito da un misterioso personaggio che le lascia indizi in rima. Riuscirà Stella a ritrovare l'amato sanbernardo? Scoprirà e punirà il crudele rapitore?

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Damster

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9788868104412

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Lorena Lusetti, dopo averci deliziato con l’avvincente vicenda del Nano rapito, torna in libreria con Il mistero dei dodici portici: protagonista assoluta l’investigatrice Stella Spada.
Chi è costei? Risponde lei a questa domanda: sono “un’investigatrice privata, il mio studio è (…) nel cuore di Bologna, nell’antico Ghetto Ebraico. C’è scritto anche in una targa posta fuori dalla porta d’ingresso. Chi ha bisogno di me di solito mi contatta attraverso un sito internet, ma anche la targa mi ha fruttato qualche cliente.”

Stella vIve a stretto contatto con Alda, una  donna molto simpatica: “Abita al piano di sotto, e posso dire che è la mia sola amica. (…) Vive da sola con un cane sanbernardo di enormi dimensioni di nome Filippo. Si potrebbe definire una signora un po’  eccentrica.”

Sembra un giorno di normale routine, quando Alda piomba in ufficio in preda alla disperazione assoluta. Il suo cagnone Filippo, tanto amato, è stato rapito! E per di più il rapitore chiede un riscatto cifrato in poesia: “Un affetto per un affetto, un cuore per un cuore. Cosa sei disposta a fare per il tuo amore? Se Filippo vuoi riabbracciare sotto al treno, ti devi lanciare, riuscirai a farlo senza annegare? Attenzione Stella, ti aspetto alle dieci, se non ti vedo Filippo muore.”

Così Stella, aiutata dal fido e paziente stagista Giacomo, inizia una particolare caccia al ladro, condotta con astuzia lungo tutti i portici di Bologna.
Riuscirà alla fine a recuperare il fido e amato cane?
Chi può aver ingaggiato un simile rapimento?

Lorena Lusetti scrive un libro giallo perfettamente anomalo nel suo genere. Conduce, con perizia e sapienza narrativa, il lettore per mano in una caccia al “ritrovamento” alquanto intrigante. L’autrice fa conoscere la storia e le leggende legate ai portici di Bologna, che sono dodici e candidati a essere decretati patrimonio dell’Unesco.
Le curiosità sono tante e affascinanti. Una su tutte, quella che riguarda la Pietra di Bologna: “La Pietra di Bologna è un’iscrizione latina scritta su una finta lapide della defunta Aelia Laelia Crispi. Sono secoli che la Bologna colta, e persino la nobiltà europea, cercano di risolvere l’enigma delle sue parole, che probabilmente sono solo uno scherzo goliardico. Però è intrigante e ha contribuito a dare fama a Bologna. E’ custodita presso il lapidario del Castellaccio del Museo Civico Medievale di Palazzo Ghisilardi – Fava. “

Una lettura, quindi, indicata a chi ama la città di Bologna e i suoi portici, dei quali l’opera presenta un ricco apparato iconografico, e a chi ama i gialli avvincenti e di suspense.

 ————————————————————————————-—————

Clicca sui titoli per leggere i commenti a tutti gli episodi della serie che ha per protagonista Stella Spada:

1) L’ombra della Stella

2) Terra alla terra

3) Grigio come il sangue

4) L’orecchio del diavolo

5) I vasi di Ariosto

6) Il nano 

7) Il mistero dei dodici portici

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorena

Lusetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lusetti Lorena

"Prima del silenzio". Una notte d'inverno, la strada ghiacciata, neve tutt'intorno, un'auto sbanda, si schianta contro un albero, il guidatore è gravemente ferito. Aveva appuntamento con lo sconosciuto che poche ore prima aveva rapito suo figlio Sven, mentre era fuori casa con il fratello maggiore. Adesso tutto è inutile: l'uomo sa che sta per morire. E sa che anche suo figlio morirà. "Dopo il silenzio". Da ventitré anni lo psichiatra Jan Forstner vive con l'angoscia della scomparsa del fratellino. Tutto ciò che gli resta è un registratore che Jan aveva portato con sé la notte in cui erano usciti insieme e dove sono incise le ultime parole di Sven: "Quando torniamo a casa?" E poi il silenzio. E gli incubi che da quella notte non hanno smesso di tormentarlo. La notte in cui il padre è morto in un incidente d'auto. La vita di Jan si riassume tutta in quella notte: ha studiato psichiatria come suo padre, si è specializzato in criminologia e ora è tornato al punto di partenza: alla Waldklinik, la clinica dove lavorava il padre e dove adesso lavorerà anche lui. Vorrebbe ricominciare a vivere, lasciarsi alle spalle l'incubo, ma quando una paziente della clinica si suicida. Jan si trova coinvolto in un'indagine che svelerà un segreto atroce rimasto sepolto per ventitré anni...

IL SUPERSTITE

Dorn Wulf

«L'amore, mia cara, è un sentimento di lusso!»: questo cerca di spiegare una madre che ha molto vissuto (e che dalla vita ha imparato una grande lezione: «Dare pochissimo e pretendere ancora meno») alla figlia innamorata e infelice. Ma lei, Denise, non lo capisce: quando suo marito glielo ha presentato sulla spiaggia di Hendaye, Yves le è apparso come un giovanotto elegante, raffinato, di bell'aspetto; e poiché alloggiava nel suo stesso albergo, ha creduto che fosse ricco quanto l'uomo che ha sposato, e a cui la lega un affetto tiepido e un po' annoiato. Poi il marito è stato richiamato a Londra da affari urgenti, e quelle giornate di settembre «piene e dorate» sono state come un sogno: la scoperta della reciproca attrazione, le passeggiate, le notti d'amore. Il ritorno a Parigi ha significato anche un brusco ritorno alla realtà: no, Yves non è ricco, tornato dal fronte si è reso conto di aver perduto tutto, ed è stato costretto (lui, cresciuto in un mondo in cui «c'erano ancora persone che potevano permettersi di non fare niente») a trovare un impiego che lo avvilisce e lo mortifica. In questa cronaca di un amore sghembo, in cui si fronteggiano due inconsapevoli egoismi, la giovanissima Irène Némirovsky sfodera già il suo sguardo acuminato e una perfetta padronanza della tecnica narrativa.

Il malinteso

Némirovsky Irène

In questo libro Jesper Juul condensa numerosi spunti di riflessione e indirizza il lettore verso possibili soluzioni relative alle questioni che più di frequente caratterizzano i rapporti nelle famiglie ricostituite, sostitutive, patchwork o, nelle parole dell'autore, famiglie bonus, quelle cioè in cui si intrecciano le relazioni dei figli con i nuovi partner dei propri genitori. Il bonus è il vantaggio dato dall'ingresso di un nuovo adulto in un nucleo familiare dopo una separazione. Il loro ruolo non è semplice: Jesper Juul propone alcuni accorgimenti per coglierne le migliori opportunità e non cadere nelle trappole più comuni, illustrando le une e le altre con interessanti esempi tratti dalla sua esperienza di terapeuta della famiglia. Rivolgendosi ai nuovi adulti che si introducono nella famiglia del partner, Juul invita a riflettere su alcuni temi basilari: l'importanza di scegliere con cura quando e come introdurre un nuovo adulto nella vita familiare; la necessità di un buon contatto, nel rispetto dei limiti altrui e dei propri; l'inutilità di recitare la parte degli educatori e l'invito a divenire amici adulti; il ruolo degli ex partner, ma non ex genitori; la necessità di condividere la responsabilità dei loro precedenti insuccessi nelle relazioni di coppia; la necessaria consapevolezza che nessun consiglio potrà servire, se l'amore e la disponibilità verso gli altri, i figli, non andranno di pari passo con la voglia di maturare e di crescere insieme con loro.

Un genitore in più

Juul Jesper

Uno sguardo affilato e un punto di vista originale danno vita a uno zibaldone di pensieri e giudizi. Barbara Alberti, nota scrittrice e voce di Radio 24, in questo libro analizza a modo suo la contemporaneità complessa che stiamo vivendo attraverso tre grandi temi. Il primo è la politica. La Alberti porta avanti una vera e propria analisi antropologica dell'uomo politico, visto nelle sue sfaccettature e nella sua complessità umana. Il secondo è l'amore, visto come passione travolgente ma anche come percorso consapevole, come viaggio. Con un'attenzione particolare al suo divenire più recente sul versante dell'eros e delle sue manifestazioni più modaiole ed estreme. Il terzo è la letteratura, che dopo un periodo di buio vede in questi anni una rinascita tutta italiana, portata avanti da giovani bravissimi autori.

LA GUARDIANA DEL FARO

Alberti Barbara