Narrativa

Il morbo di Haggard

MacGrath Patrick

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 2002

ISBN: 9788845916731

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il morbo di Haggard di Patrick MacGrath riecheggia Follia per l’ambientazione clinica, risulta affine a Grottesco per l’ambiguità del protagonista, anticipa La guardarobiera per il tema della persistenza e della trasmigrazione della passione (cliccate sui titoli dei romanzi per leggere i commenti alle altre opere di McGrath).

Anche ne Il morbo di Haggard, Patrick MacGrath indulge alle descrizioni gotiche e ambienta la vicenda del medico Haggard in una villa (“Elgin cambiò tutto. Mi dette modo di agire”) che sembra costruita sul modello architettonico tanto caro a Lovecraft (“Rimasi a contemplare con crescente meraviglia i tetti dagli spioventi ripidi, i comignoli lunghi, le finestre alte e strette, a sesto acuto, con gli eleganti telai piombati”).

In questo luogo si completa la storia di un amore transizionale (“Oh, James. Ormai ho capito che l’amore, l’amore romantico, adulto, è una sorta di appassionata devozione a un ideale”) che sposta l’oggetto del desiderio da Fanny, affascinante moglie di Ratcliff Vaughan, primario anatomopatologo dell’ospedale ove Haggard intraprende la propria carriera, a James Vaughan, il figlio di Fanny: un pilota di caccia (“Un giovane con l’uniforme della RAF, un sottotenente di prima nomina, con il distintivo di pilota: una figura minuta, dai lineamenti delicati, la testa china per il dolore”) al quale il medico, trasferitosi a Elgin dopo il fallimento del suo tirocinio in un ospedale londinese, racconta non senza difficoltà (“Nessun figlio può ascoltare con distacco il racconto delle infedeltà di sua madre”) il ricordo della donna amata.

La figura dello sciancato e morfinomane Haggard è potente, tragica (“In quelle notti strane e urlanti… la prima , nascente sensazione… di una presenza dentro di me… la mia anima, il mio spirito”) e grottesca al tempo stesso (“Mi rivedo passare di corsa accanto agli Spitfire, una figura esile e zoppicante avvolta in una pelliccia nera che sgattaiola in una vasta distesa di ombre e di aerei”): nell’ostinazione di mantenere in vita la passione (“La certezza assoluta che lei era ancora viva e abitava il corpo di suo figlio… lei era tornata da me”), nell’ambizione medica che lo porta forse a vedere in James un caso clinico della sindrome di Fröhlich (“Ho notato una tendenza all’infantilismo degli organi sessuali, come pure una lieve convergenza degli arti inferiori alle ginocchia e un’impercettibile ginecomastia”), nella personificazione del dolore (“Il vecchio dolore, l’amico dolore. Il male, il morso del dolore: era sempre Spike che ricordava, non io…”).

Lo scenario ossianico è ingigantito dall’atmosfera bellica e minacciosa delle prime battute della guerra contro la Germania nazista (“La Luftwaffe attaccava la Raf giorno e notte, in aria e al suolo…”).

Lo stile di McGrath si riconferma unico per eleganza macabra e strategia di tensione narrativa.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Macgrath

Libri dallo stesso autore

Intervista a MacGrath Patrick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Dunque realismo! - proclama l'autore nella premessa al suo romanzo - E realismo vuol dire verità, vuol dire ricerca di ciò che veramente succede, sia pur doloroso e brutto; vivisezione, fisiologia palpitante, studio della vita quale essa si mostra, senza rispetti umani e senza reticenze." E l'esortazione è decisamente messa in atto nelle pagine del volume, che sono dense di vividi personaggi - primo fra tutti, la camaleontica protagonista Nanà, che, partita da Parigi, Arrighi fa capitare "per caso a Milano sullo scorcio del 1869" - e che fotografano un mondo, quello della Milano della seconda metà dell'Ottocento, con la lucidità di chi non è disposto a nascondere proprio nulla. "...Nanà giunta a Milano non era più né poteva essere più la stessa donna ch'ella era a Parigi. Io l'ho conosciuta nei pochi mesi che stette nella mia città, l'ho studiata e ho trovato che il mutamento avvenuto in lei era cosa degnissima di studio attento e profondo, e che il mondo milanese che s'aggirava intorno a lei sarebbe stato un vero peccato mortale se lo si fosse trascurato e non si fosse pensato da alcuno a portarlo innanzi ai lettori, fotografato a caldo in una fisiologia di costumi contemporanei."

NANA’ A MILANO

Arrighi Cletto

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello

Una voce forte, corale e ipnotica racconta dunque la vita straordinaria di queste donne, partite dal Giappone per andare in sposa agli immigrati giapponesi in America, a cominciare da quel primo, arduo viaggio collettivo attraverso l’oceano. È su quella nave affollata che le giovani, ignare e piene di speranza, si scambiano le fotografie dei mariti sconosciuti, immaginano insieme il futuro incerto in una terra straniera. A quei giorni pieni di trepidazione, seguirà l’arrivo a San Francisco, la prima notte di nozze, il lavoro sfibrante, la lotta per imparare una nuova lingua e capire una nuova cultura, l’esperienza del parto e della maternità, il devastante arrivo della guerra, con l’attacco di Pearl Harbour e la decisione di Franklin D. Roosevelt di considerare i cittadini americani di origine giapponese come potenziali nemici. Fin dalle prime righe, la voce collettiva inventata dall’autrice attira il lettore dentro un vortice di storie fatte di speranza, rimpianto, nostalgia, paura, dolore, fatica, orrore, incertezza, senza mai dargli tregua. Un altro scrittore avrebbe impiegato centinaia di pagine per raccontare le peripezie di un intero popolo di immigrati, avrebbe sprecato torrenti di parole per dire cos’è il razzismo. Julie Otsuka ci riesce con queste essenziali, preziose pagine.

Venivamo tutte per mare

Otsuka Julie

Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

La metamorfosi

Kafka Franz