Narrativa

Il morbo di Haggard

MacGrath Patrick

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 2002

ISBN: 9788845916731

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il morbo di Haggard di Patrick MacGrath riecheggia Follia per l’ambientazione clinica, risulta affine a Grottesco per l’ambiguità del protagonista, anticipa La guardarobiera per il tema della persistenza e della trasmigrazione della passione (cliccate sui titoli dei romanzi per leggere i commenti alle altre opere di McGrath).

Anche ne Il morbo di Haggard, Patrick MacGrath indulge alle descrizioni gotiche e ambienta la vicenda del medico Haggard in una villa (“Elgin cambiò tutto. Mi dette modo di agire”) che sembra costruita sul modello architettonico tanto caro a Lovecraft (“Rimasi a contemplare con crescente meraviglia i tetti dagli spioventi ripidi, i comignoli lunghi, le finestre alte e strette, a sesto acuto, con gli eleganti telai piombati”).

In questo luogo si completa la storia di un amore transizionale (“Oh, James. Ormai ho capito che l’amore, l’amore romantico, adulto, è una sorta di appassionata devozione a un ideale”) che sposta l’oggetto del desiderio da Fanny, affascinante moglie di Ratcliff Vaughan, primario anatomopatologo dell’ospedale ove Haggard intraprende la propria carriera, a James Vaughan, il figlio di Fanny: un pilota di caccia (“Un giovane con l’uniforme della RAF, un sottotenente di prima nomina, con il distintivo di pilota: una figura minuta, dai lineamenti delicati, la testa china per il dolore”) al quale il medico, trasferitosi a Elgin dopo il fallimento del suo tirocinio in un ospedale londinese, racconta non senza difficoltà (“Nessun figlio può ascoltare con distacco il racconto delle infedeltà di sua madre”) il ricordo della donna amata.

La figura dello sciancato e morfinomane Haggard è potente, tragica (“In quelle notti strane e urlanti… la prima , nascente sensazione… di una presenza dentro di me… la mia anima, il mio spirito”) e grottesca al tempo stesso (“Mi rivedo passare di corsa accanto agli Spitfire, una figura esile e zoppicante avvolta in una pelliccia nera che sgattaiola in una vasta distesa di ombre e di aerei”): nell’ostinazione di mantenere in vita la passione (“La certezza assoluta che lei era ancora viva e abitava il corpo di suo figlio… lei era tornata da me”), nell’ambizione medica che lo porta forse a vedere in James un caso clinico della sindrome di Fröhlich (“Ho notato una tendenza all’infantilismo degli organi sessuali, come pure una lieve convergenza degli arti inferiori alle ginocchia e un’impercettibile ginecomastia”), nella personificazione del dolore (“Il vecchio dolore, l’amico dolore. Il male, il morso del dolore: era sempre Spike che ricordava, non io…”).

Lo scenario ossianico è ingigantito dall’atmosfera bellica e minacciosa delle prime battute della guerra contro la Germania nazista (“La Luftwaffe attaccava la Raf giorno e notte, in aria e al suolo…”).

Lo stile di McGrath si riconferma unico per eleganza macabra e strategia di tensione narrativa.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Macgrath

Libri dallo stesso autore

Intervista a MacGrath Patrick

Poesie di Franco Di Carlo: La conoscenza – parte seconda

In queste settimane, il mondo della politica internazionale è in subbuglio: sono stati pubblicati numerosi e compromettenti documenti diplomatici riservati, provenienti dal Dipartimento di Stato americano. A farlo è stato Julian Assange, l’attivista Internet che con il suo sito, Wikileaks, ha aperto una nuova era nel giornalismo investigativo, svelando on line scandali e fenomeni di corruzione politica ripresi da decine di testate. Quello di Wikileaks è uno dei tanti e significativi esempi della rivoluzione dei modi e delle forme in atto nel giornalismo, internazionale e italiano, che vengono trattati nell’originale e interessantissima inchiesta di Bruno e Mastrolonardo, due giornalisti di crescente visibilità impegnati nella divulgazione dei temi legati ai nuovi media e alla cultura digitale. In un viaggio tra le divisioni online dei media più innovativi, centri universitari all’avanguardia, minuscole agenzie di comunicazione che uniscono design, tecnologia e, talvolta, guardano alla controinformazione, il libro osserva da vicino l’universo dei creativi e dei rivoluzionari della notizia, raccontandoci le loro storie, invenzioni e progetti.

La scimmia che vinse il Pulitzer

Bruno Nicola

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

Non ti voglio più