Narrativa

Il museo dell’innocenza

Pamuk Orhan

Descrizione: Entrato in un negozio per comprare una borsa alla fidanzata, Kemal Basmaci, trentenne rampollo di una famiglia altolocata di Istanbul, si imbatte in una commessa di straordinaria bellezza: la diciottenne Füsun, sua lontana cugina. Fra i due ha ben presto inizio un rapporto anche eroticamente molto intenso. Kemal tuttavia non si decide a lasciare Sibel, la fidanzata: per quanto di mentalità aperta e moderna, in lui sono comunque radicati i valori tradizionali (e anche un certo opportunismo). Così si fidanza e perde tutto: sconvolta dal suo comportamento, Füsun scompare, mentre Kemal, preda di una passione che non gli dà tregua, trascura gli affari e alla fine scioglie il fidanzamento. Quando, dopo atroci patimenti, i due amanti si ritrovano, nella vita di Füsun tutto è cambiato. Kemal però non si dà per vinto. In assoluta castità, continua a frequentarla per otto lunghi anni, durante i quali via via raccoglie un'infinità di oggetti che la riguardano: cagnolini di porcellana, apriscatole, righelli, orecchini... Poterli guardare, assaggiare, toccare è spesso la sua unica fonte di conforto. E quando la sua esistenza subisce una nuova dolorosa svolta, quegli stessi oggetti confluiranno nel Museo dell'innocenza, destinato a rendere testimonianza del suo amore per Füsun nei secoli futuri. La storia di un'incontenibile passione, ma allo stesso tempo uno sguardo ora severo, ora ironico, ma certamente non privo di profondo affetto sulla Istanbul di quegli anni e sulla sua contraddittoria borghesia.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2014

ISBN: 9788806221492

Recensito da Arianna

Le Vostre recensioni

Ne Il museo dell’innocenza lo scrittore turco Orhan Pamuk dà voce a una passione che si consuma nella Istanbul degli anni ’70, città attraversata dalla tensione della modernità e imbrigliata dalla forza della tradizione.

Il protagonista, Kemal, sembra avere tutto: giovane, ricco e fidanzato alla bella Sibel, trascorre il suo tempo tra feste scintillanti, bevute di raki e serate mondane nella struggente bellezza del Bosforo. La sua vita, però, deraglia nell’istante in cui mette piede in una boutique, nel momento esatto in cui incontra la diciottenne Füsun, la bellissima commessa del negozio con sogni da attrice. Fra i due inizia una breve e febbrile storia d’amore che Pamuk racconta servendosi delle formule della passione clandestina, dell’attrazione che imprigiona come un magnete.

Ma non della pace.

Non c’è pace per Kemal e Füsun: come spesso accade, i due sono davvero pronti ad amarsi in momenti diversi e, nel frattempo, la passione del protagonista lo infetta fino a diventare una condanna. Per più di otto anni – casti e faticosi – Kemal raccoglie, senza sapere bene perché, un’infinità di oggetti che appartengono alla ragazza e alla sua vita: cucchiaini, fazzoletti, migliaia di mozziconi di sigaretta, ciocche di capelli, eleganti boccette di profumo, reperti della sua ossessione per Füsun. Ogni oggetto è un ricordo, ogni cosa un conforto dalla sua religiosa passione per l’amata.

Così nasce il museo dell’innocenza, un museo sentimentale che custodisce un messaggio inatteso: bisogna essere orgogliosi della propria vita nonostante le manie e le ossessioni che la incidono, bisogna andarne fieri qualunque forma essa abbia.

Orhan Pamuk ci regala un libro unico, in cui la rigida divisone in paragrafi e il linguaggio quasi scientifico sono la veste dell’amore morboso che ci racconta, una storia in cui i tormenti di un collezionista sono interrotti da scene che sembrano quasi girate, non scritte, per quanto sono visive: splendida quella del foulard che cade leggero dal balcone del protagonista, segnando coi suoi colori la fine della sua serenità, forse proprio della sua innocenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Orhan

Pamuk

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pamuk Orhan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Presentazione dell'autore. Argomento principe della storia, narrata in questo romanzo, è il tormento che Sofia e Marcello sono costretti a subire ad opera della sorella di lei, Viviana, che con l'aiuto dei genitori ostacola, con tutte le sue forze, l'unione dei due amanti fino ad ottenerne la separazione. Viviana va oltre… ma prima di raccontarlo bisogna fare un passo indietro. Sofia e Marcello si innamorano quando entrambi sono rispettivamente fidanzati da oltre dieci anni. Sarà proprio questa loro condizione a far scatenare Viviana che, attraverso il suo impianto accusatorio fondato su pregiudizi e retaggi culturali, oltre a separare i due amanti, costringerà Sofia a riconciliarsi con Roberto, il vecchio fidanzato. La forzata separazione porrà Sofia e Marcello in uno stato inverosimile, di totale disperazione, dal quale cercheranno con ogni forza di tirarsi fuori per rivendicare la loro vita… il loro amore.

Un incontro d’amore

Capolongo Antonio

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

In una cittadina della provincia inglese, presso una famiglia bigotta che l'ha adottata, Jeanette vive la sua "diversità" che la spinge ad amare una coetanea senza alcuna malizia. Ma la gente si chiede: sfortunata vittima o creatura malvagia? Il primo romanzo della Winterson, al quale è stato assegnato il prestigioso premio letterario Whitebread Award.

NON CI SONO SOLO LE ARANCE

Winterson Jeanette