Giallo - thriller - noir

Il nano rapito

Lusetti Lorena

Descrizione: Nonostante l'avversione dell'investigatrice Stella Spada ad uscire dalle mura della città di Bologna, in questa nuova indagine si sposta a Badi, un paese dell'Appennino bolognese sul lago di Suviana. Qui è stata chiamata ad indagare sulla morte di alcuni componenti della famiglia Doria, trovati annegati nel lago. Nel frattempo ha alcuni altri casi da portare a termine, come ad esempio la sparizione del nano Orfeo dall'aiuola della Arena Orfeonica. Attorno a lei molti personaggi e molti misteri famigliari. Stella dice di essere cambiata, o almeno ci sta provando, ma sarà vero?

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Damster

Collana:

Anno: 2019

ISBN: 9788868103774

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il nano rapito è la sesta avventura dell’investigatrice Stella Spada, il personaggio nato dalla vispa e irrituale fantasia di Lorena Lusetti.
Diciamo subito che il romanzo è divertente, si legge con piacere e curiosità, soprattutto per l’originalità plastica dei personaggi.

L’investigatrice

Bolognese doc (“Il mio studio di Via dell’Inferno, posto nell’antico e centralissimo Ghetto Ebraico di Bologna”), Stella Spada si caratterizza per il carattere aspro e il senso pratico di chi vede nel lavoro non soltanto una passione ma soprattutto una fonte di reddito, è razionale ma ha alcuni cedimenti rabbiosi alla superstizione (spesso si rivolge a Raimondo per avere qualche anticipazione attraverso i tarocchi).

Afflitta da una sorta di agorafobia (“L’idea di andare fuori Bologna mi procura attacchi di panico”), assiste alle apparizioni di un fantasma, con il quale dialoga (“Silvia era la proprietaria dell’agenzia che mi ha assunto alcuni anni fa, è stata uccisa durante un’indagine particolarmente complessa, da me. Un rimorso che ha deciso di perseguitarmi per tutta la vita e forse anche oltre”), e soprattutto ha un vizietto nei confronti della legalità. Ma è decisa a voltare pagina (“Una nuova Stella brilla su Bologna, una Stella che ha sotterrato la Spada”) e, forse anche per questo, decide di assumere (in prova gratuita) un assistente che di nome fa – nientepocodimeno che – Giacomo Puccini! E, pensate un po’, anche il baldo giovane aspirante detective è afflitto da una fobia: la pedofobia (“I bambini… mi fanno orrore…”).

Il giallo

Nella storia s’intrecciano tre casi: uno strambo (“Uno dell’Associazione Orfeonica… ci ha contattati per trovare il loro nano da giardino in gesso che è stato rapito”) e paradossale (“Ma lo sa che Orfeo faceva anche i miracoli?”), che dà il titolo al romanzo; uno ordinario che si risolve da sé, implodendo (“Leandro Leandri… vorrebbe che qualcuno seguisse sua moglie perché sospetta che lei lo tradisca… già la sorte è stata crudele con lui nel dargli un nome…”); uno inquietante che si svolge nella lussuosa villa di un’aristocratica famiglia (“Qualcuno sta sterminando la mia famiglia, anche le mie bambine sono in pericolo, io devo fare qualcosa senza aspettare la polizia”).

Ingaggiata dalla più intraprendente delle sorelle Doria (“La signora Dorella Doria, alla quale in tempi recenti sono successe alcune disgrazie famigliari”), Stella sfida la sua agorafobia (“A me spaventa uscire da Bologna, mi fa orrore l’aria fresca e gli spazi troppo aperti mi sgomentano”) e si reca con l’assistente Giacomo nella suggestiva proprietà tra lago e Appennino. Qui intervista le tre sorelle D  (Dorella, Desirée, Diletta), tiene a bada il viscido Armando, patisce i dispetti di un nugolo di bambini scatenati, tra i quali primeggiano due gemelline graziose (“Sono due belle bambine dai capelli biondi e dagli occhi scuri e profondi”), ma che tanto ricordano quelle di Shining (“Sembra si stiano mandando messaggi che a noi umani non è dato comprendere”) per quanto incarnano il concetto di doppio perturbante (“Annuiscono all’unisono, sembrano due cloni”).

Chi sarà il responsabile di delitti sbrigativamente catalogati dalla polizia come tragici annegamenti?
Un componente cupido o geloso della famiglia Doria, che emula Il groviglio di vipere di Mauriac (“Simpatici e gioiosi raduni familiari… prendono sempre più i connotati di ritrovi di vipere”), o – come negli algidi gialli di tradizione anglosassone – l’innocua coppia di inservienti della villa?

Lorena Lusetti ha il merito di forgiare un investigatore davvero insolito – allusivamente umoristico, a tratti caricaturale, che cattura simpatia e divertimento del lettore – e di creare una storia intrigante per un piacevole, appassionato e assicurato intrattenimento.

Bruno Elpis

________________________________________________

Clicca sui titoli per leggere i commenti agli altri episodi della serie:

1) L’ombra della Stella

2) Terra alla terra

3) Grigio come il sangue

4) L’orecchio del diavolo

5) I vasi di Ariosto

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorena

Lusetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lusetti Lorena

Tutto comincia con "Delitto e castigo", un romanzo che Paolo Nori legge da ragazzo: è una iniziazione e, al contempo, un'avventura. La scoperta è a suo modo violenta: quel romanzo, pubblicato centododici anni prima, a tremila chilometri di distanza, apre una ferita che non smette di sanguinare. "Sanguino ancora. Perché?" si chiede Paolo Nori, e la sua è una risposta altrettanto sanguinosa, anzi è un romanzo che racconta di un uomo che non ha mai smesso di trovarsi tanto spaesato quanto spietatamente esposto al suo tempo. Se da una parte Nori ricostruisce gli eventi capitali della vita di Fëdor M. Dostoevskij, dall'altra lascia emergere ciò che di sé, quasi fraternamente, Dostoevskij gli lascia raccontare. Perché di questa prossimità è fatta la convivenza con lo scrittore che più di ogni altro ci chiede di bruciare la distanza fra la nostra e la sua esperienza di esistere. Ingegnere senza vocazione, genio precoce della letteratura, nuovo Gogol', aspirante rivoluzionario, condannato a morte, confinato in Siberia, cittadino perplesso della "città più astratta e premeditata del globo terracqueo", giocatore incapace e disperato, marito innamorato, padre incredulo ("Abbiate dei figli! Non c'è al mondo felicità più grande", è lui che lo scrive), goffo, calvo, un po' gobbo, vecchio fin da quando è giovane, uomo malato, confuso, contraddittorio, disperato, ridicolo, così simile a noi. Quanto ci chiama, sembra chiedere Paolo Nori, quanto ci chiama a sentire la sua disarmante prossimità, il suo essere ferocemente solo, la sua smagliante unicità? Quanto ci chiama a riconoscere dove la sua ferita continua a sanguinare?

Sanguina ancora

Nori Paolo

Seminario diverso

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo

Come si fa a diventare buoni? E, soprattutto, che cosa significa essere buoni? Katie Carr non se l'è mai chiesto: una donna che ha scelto di diventare medico per aiutare gli altri e che ha cresciuto i figli ai valori morali più profondi non ha nemmeno bisogno di porsi la questione. Finché quella donna non tradisce il marito. E allora il marito, David, decide di dare una svolta alla sua vita. Abbandona le arguzie sarcastiche con le quali non risparmiava nessuno, nemmeno la moglie e i figli, e rinuncia a versare veleno su tutto e tutti nella rubrica che firmava regolarmente su un quotidiano locale; insomma, smette di essere «l'uomo più arrabbiato di Holloway» per diventare buono. Ma buono sul serio. Niente di più azzeccato, a questo punto, dell' entrata in scena di BuoneNuove. Con tanto di piercing alle sopracciglia, una storia di droga alle spalle e tecniche di guarigione dello spirito e del corpo capaci di sfidare tutta la scienza medica, BuoneNuove aiuta David a mettere a punto strategie di bontà e varare progetti piccoli e grandi per contribuire a risolvere il problema della sofferenza umana: lasagne prese dal congelatore di casa per sfamare i barboni del parco, giocattoli e computer sottratti ai figli per intrattenere i bambini meno fortunati, esortazioni agli abitanti della via perché ciascuna famiglia metta a disposizione una stanza per un senzatetto e infine un bel manuale di istruzioni su come redistribuire equamente le ricchezze mondiali. Com'è prevedibile, Katie perde ogni punto di riferimento: il marito è irriconoscibile, i due figli si schierano l'uno con la madre e l'altra col padre, e lei deve sopportare la convivenza coatta con BuoneNuove e un senzatetto che si fa chiamare Scimmia. E, catapultata in una realtà tutta nuova, è costretta a riflettere anche sulla crisi del suo matrimonio.

COME DIVENTARE BUONI

Hornby Nick