Classici

Il nipote

Purdy James

Descrizione: Cliff (il nipote di Boyd e Alma) è un giovane soldato sul fronte della guerra di Corea, la cui improvvisa scomparsa piomba a turbare il sonnolento paesino dove viveva con gli zii. Scossa dall'accaduto, Alma tenterà di ricostruire la vera personalità di un nipote con cui da sempre ha avuto un rapporto contrastato e che in fondo non ha mai conosciuto davvero, coinvolgendo nella sua indagine gli altri abitanti della cittadina. Romanzo sull'assenza, Il nipote è un'appassionata opera corale in cui lo stile visionario e ribelle di Purdy cede il passo alla rappresentazione piana ma acutissima della provincia americana di quegli anni, mostrando come anche sotto la placida immobilità della campagna si nascondano incomunicabilità, segreti, bugie e pregiudizi propri del nostro tempo.

Categoria: Classici

Editore: Minimum Fax

Collana: Classics

Anno: 2005

ISBN: 9788875210496

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel romanzo Il nipote di James Purdy a Rainbow Centerin, Ohio, gli anziani fratelli Alma e Boyd Mason vivono nell’attesa delle lettere del nipote Cliff.
Cliff praticamente era stato allevato da Boyd e Alma da quando, a quattordici anni, aveva perso entrambi i genitori in un incidente aereo”.

Per la verità, le lettere sono laconiche (“Cliff non dice mai molto nelle sue lettere”), ma rappresentano il veicolo di un affetto al quale la malinconica Alma si aggrappa (“Cliff era vissuto con loro a Rainbow Center per quattro o cinque anni: Alma era sempre fuori, perché insegnava in un’altra città; e quanto a Boyd, era sovente in viaggio per affari”).

Poi, un giorno, in luogo della lettera, arriva un telegramma: “Il telegramma conteneva diversi errori… diceva semplicemente che Cliff era stato ferito una settimana prima in Corea e risultava disperso.

La notizia è il detonatore che induce Alma a interrogarsi sulla vita di Cliff (“Cliff aveva in sé qualcosa, ne erano sicuri”) e sulla natura del suo legame con lui (“Lo amavo soltanto. Io non conoscevo Cliff”). La ricerca investe l’intero vicinato: l’ambiguo Willard Baker (“La famiglia Baker… era, con quella della signora Barrington, una delle più antiche e rispettate della regione”) e il convivente Vernon, il professor Mannheim dai trascorsi di dongiovanni (“Li aveva sorpresi, come disse ad Alma, nell’atto assoluto”), la signora Barrington (“Il vecchio monarca… da allora lei aveva sempre portato un arto artificiale”)…

Alma passava molto tempo nella sua poltrona a dondolo a guardare dalla finestra: a seconda di come si metteva, poteva scorgere le case di Faye Laird, di Willard Baker, di Clara Himbaugh, e della signora Van Tassel.

La ricerca di Alma è carica di attesa (“Tutti con lei erano evasivi a proposito di Cliff”), poi un incendio devasta la villa di Willard, che custodisce il segreto di un’amicizia tra Cliff e Vernon (“Cliff odiava Rainbow – cominciò Vernon. – Odiava vivere della carità degli zii. Voi eravate il suo orfanotrofio. Odiava tutto quanto, credo. Era infelice…”).

La conclusione malinconica (“Siamo tutti degli estranei l’uno per l’altro”) di un romanzo che scava con raffinata cura nei rapporti e nei sentimenti umani giunge sulle note della rassegnazione e della pacatezza.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Purdy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Purdy James

Clary Fray vorrebbe soltanto che qualcuno le restituisse la sua vecchia, normalissima, vita. Ma non c'è niente di normale nella tua vita se puoi vedere licantropi, vampiri e altri Nascosti, se tua madre è in un coma magicamente indotto e tu scopri di essere uno Shadowhunter, un cacciatore di demoni. Se Clary si lasciasse il mondo dei Cacciatori alle spalle avrebbe più tempo per Simon (forse più di un amico ormai). Ma è il mondo dei Cacciatori che non è disposto a lasciar andare lei, soprattutto Jace, il suo affascinante, permaloso fratello appena ritrovato. Per Clary l'unico modo di salvare la madre è inseguire Valentine, il cacciatore ribelle, che è probabilmente pazzo, sicuramente malvagio e anche, purtroppo, suo padre. A complicare le cose a New York si moltiplicano gli omicidi dei figli dei Nascosti. E la città diventa sempre più pericolosa, anche per uno Shadowhunter come Clary. Età di lettura: da 13 anni.

Shadowhunters. Città di cenere

Clare Cassandra

"Mi chiamo D'Arco e sono uno sbirro morto." Comincia così questo romanzo, metafisico e d'azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore, delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile. La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto. La polizia dei vivi e la polizia dei morti sono in contatto e collaborano, quando devono risolvere i casi più difficili. Dispongono di cellulari tarati per la comunicazione tra vivi e morti, e di e-mail criptate. Ma c'è un'altra cosa, che però nessuno sa dire: quale dei due mondi venga prima. Ora D'Arco deve tornare nel mondo dei vivi, nel quale fu ucciso, per fermare un massacro di vittime innocenti. Ma, se la morte venisse davvero prima della vita e il male prima del bene, come si potrà invertire la spirale? D'Arco ci proverà perché è uno che non si arrende, perché ha una formidabile guida e un alleato: un bambino dal cranio rasato, gli occhi spalancati e i denti serrati, una creatura senza più voce e con il collo percorso da una cicatrice prodotta da una collana di filo spinato, ma con la volontà attraversata dalla stessa indomabile sete di giustizia. Una coppia di eroi fragili e indistruttibili, individui solitari e disillusi ma disposti a mettere in gioco tutto per difendere chi sia stato umiliato e offeso: un uomo che si è gettato alle spalle le speranze e un bambino muto ma capace di guardare.

L’addio

Moresco Antonio

Le sue clienti la chiamano l’Amantide. Detesta questo soprannome. È così banale. E poi lei non è un’assassina. Come sanno bene gli usurai, i morti non pagano i loro debiti. È a Nizza, nel cuore della Costa Azzurra, in compagnia di un omuncolo che si illude di essere in vacanza con la sua amante. L’atmosfera sembra quella giusta, l’illusione si accende. Ma la fiaba erotica dura poco. La realtà torna a mostrare il suo vero volto, fatto di sopraffazione. Il divertimento è finito, è arrivata l’ora di tirare fuori i punteruoli da ghiaccio. L’Amantide deve portare a termine il suo lavoro.

L’AMANTIDE. Nizza, Francia

Di Martino Antonella

Sinestesieonline: il N. 14 di Dicembre 2015