Narrativa

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett

Descrizione: Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

Categoria: Narrativa

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2010

ISBN: 9788854121409

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Questo romanzo è talmente bello che già è difficile definirlo “romanzo”.

E’ un esperimento di metanarrativa, inserito in una trama meravigliosamente sconclusionata, deliziosamente interrotta assiduamente da riflessioni sulla letteratura e sul senso dell’universo. In bilico tra un realismo finalmente autentico e anticonvenzionale (assolutamente lontano dall’amarezza a tutti i costi) e una dolcissima nostalgia per un soprannaturale rincorso tra infanzia e superstizione, quest’opera, quarta pubblicazione di Scarlett Thomas per Newton Compton, è degna rappresentante di un’autrice vera e ancor troppo poco conosciuta in Italia.

La protagonista, Meg, è una maestra dell’approssimazione nella vita, un fulgido esempio di ciò che più di tutto desideriamo: il punto a capo sulla fissazione dell’epopea moderna, la pausa consolante dal mito obbligatorio dell’eroe che si realizza e trionfa e da un significato ad ogni disavventura.

Eppur non è una sciocca, non fa parte della schiera degli inetti, non entra nella schiavitù della disgrazia narrativa alla rincorsa della conclusione lacrimosa: è né più né meno che una possibile noi stessa, che non rinuncia ad interrogarsi su ciò che è, ciò che vuole, i sogni che ha.

Si scoraggia e si solleva il morale, sceglie ma non bistratta, infine, dopo trecento pagine di riflessioni da vertigine sul significato della scrittura e della realtà, se ne esce con un’osservazione di atavica saggezza: “Ma se l’universo ha un qualche genere di coscienza, viverci diventa una cosa completamente diversa. Ti toglie la possibilità della libera scelta, in qualche modo. Non voglio vivere in un universo con un significato prefissato, senza più mistero. L’universo dovrebbe essere insondabile. Non dovresti poter dare un significato definito all’universo, proprio come non dovresti poter ridurre Amleto o Anna Karenina a una frase o a un significato ben preciso. Voglio un universo tragico, non uno ordinato e ben fatto con una morale alla fine. E non credo che avere una risposta definitiva sul senso dell’universo possa essere in alcun modo gratificante. Tolstoj ci ha provato, e i risultati sono stati molto meno interessanti della sua narrativa“.

Ben sapendo che si tratta di un romanzo di non facilissimo accostamento e privo di quelle tradizionali attrattive che incoraggiano il lettore, rinunciando perfino ad un più marcato e sostitutivo senso dell’umorismo, non posso che consigliare comunque la paziente lettura di questo libro, perché, citando un passaggio del libro “avremmo bisogno di storie che non ci dicano come vivere o come trasformare le nostre vite in un romanzo, ma che ci salvino da tale obbligo“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scarlett

Thomas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thomas Scarlett


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Ricordo i ragazzi con cui giocavo sui bordi del vecchio tubo di cemento che usciva dallo sfiatatoio e a noi sembrava uscisse dal mare. Cos’era un mare, allora non lo sapevamo mica. Ce ne parlavano i vecchi a ridosso, alzavano lo sguardo e noi giovani associavamo quello sguardo al mare. Era sopra di noi, di questo avevamo la certezza, e per raggiungerlo si andava attraverso le fessure fino allo sfiatatoio e lassù c’era il tombino e da qualche parte il mare.»

LA RICERCA DEL LEGNAME

Magliani Marino

«L'amore, mia cara, è un sentimento di lusso!»: questo cerca di spiegare una madre che ha molto vissuto (e che dalla vita ha imparato una grande lezione: «Dare pochissimo e pretendere ancora meno») alla figlia innamorata e infelice. Ma lei, Denise, non lo capisce: quando suo marito glielo ha presentato sulla spiaggia di Hendaye, Yves le è apparso come un giovanotto elegante, raffinato, di bell'aspetto; e poiché alloggiava nel suo stesso albergo, ha creduto che fosse ricco quanto l'uomo che ha sposato, e a cui la lega un affetto tiepido e un po' annoiato. Poi il marito è stato richiamato a Londra da affari urgenti, e quelle giornate di settembre «piene e dorate» sono state come un sogno: la scoperta della reciproca attrazione, le passeggiate, le notti d'amore. Il ritorno a Parigi ha significato anche un brusco ritorno alla realtà: no, Yves non è ricco, tornato dal fronte si è reso conto di aver perduto tutto, ed è stato costretto (lui, cresciuto in un mondo in cui «c'erano ancora persone che potevano permettersi di non fare niente») a trovare un impiego che lo avvilisce e lo mortifica. In questa cronaca di un amore sghembo, in cui si fronteggiano due inconsapevoli egoismi, la giovanissima Irène Némirovsky sfodera già il suo sguardo acuminato e una perfetta padronanza della tecnica narrativa.

Il malinteso

Némirovsky Irène

Lynda e Robert Graham possono dirsi soddisfatti della vita che si sono costruiti. Una bella casa in un quartiere benestante di Dublino, la sicurezza economica, due figli invidiabili, Katie e Ciaràn. Nonostante qualche nuvola passeggera e qualche preoccupazione legata al comportamento un po' aggressivo del figlio adolescente, i Graham vedono scorrere la loro esistenza placidamente, riflessa nel giardino giapponese che ogni mattina all'alba Lynda si ferma qualche attimo a contemplare con l'orgoglio dell'artista. C'è solo un neo in questo perfetto quadro famigliare: si tratta di Danny, il fratello minore di Robert, uno scapestrato che periodicamente sconvolge la loro routine con le sue pretese e i suoi modi prepotenti. Per fortuna, nella casa dei Graham arriva una persona che porta un po' di serenità. Ciaràn infatti presenta ai suoi Jon, un amico bello, educato e sensibile, che presto diventa una presenza fissa al punto da trasferirsi da loro. Agli occhi di tutti Jon sembra l'ospite perfetto, forse troppo: l'istinto di Lynda le suggerisce che qualcosa non va... Chi è veramente il dolce e disponibile Jon?

DONNA ALLA FINESTRA

Dunne Catherine

È il 2 maggio del 1945. Martin Bormann, braccio destro di Adolf Hitler, scompare per le strade di Berlino durante l'avanzata sovietica. Vent'anni dopo, fonti prossime alla CIA lo identificano come Martin Weisberg, finanziatore eccentrico e pacifista della rock band The Love's White Rabbits vicina al Movimento radicale. Da qui ha inizio una caccia all'uomo che coinvolgerà settori deviati dei servizi segreti americani e israeliani, uno scovanazisti italiano, un attore cieco fan di Charles Bronson, un reduce dal Vietnam fuori di testa. La vicenda è ambientata prevalentemente negli Stati Uniti, con incursioni fra Città del Guatemala, Singapore, Saigon. Sullo sfondo il clima esplosivo dell'estate del '68. Storia, cronaca e finzione si rincorrono fondendosi dalla prima all'ultima pagina di questo originale romanzo dal ritmo incalzante e dal finale al cardiopalma. Così accade che una spia in gonnella semini il Caos. Uno scheletro sia perdutamente innamorato di Anita Garibaldi. Una chitarra racconti la Beat generation. Una scultrice plasmi marijuana e hashish. Uno spietato killer del Mossad adori indossare scarpe rosa coi tacchi a spillo. E mentre scorrono fiumi di limonata all'LSD, esplode la questione nera, le università sono in rivolta, la musica psichedelica spopola tra i giovani e gli agenti dell'FBI reprimono le proteste.

Quando le chitarre facevano l’amore

Mazzoni Lorenzo