Narrativa

IL PAESE BELLO

Sgambati Stefano

Descrizione: Abitudine, omosessualità, dipendenza, violenza, corruzione, disoccupazione, religione: sette "dannazioni quotidiane". Uomini che si ricordano al mattino di un maglione dimenticato altrove la sera prima, un giovane Holden "non più giovane" che somiglia a Johnny Depp, un orecchino di perla che scivola tra i rimpianti di una spensieratezza perduta, un marito che non sa di essere violento, una ragazza morta ammazzata pronta a tutto per ritornare in vita, una donna prigioniera di un divano, Eluana Englaro. Sette racconti come sette nuovi peccati capitali: intervallati da brevi intermezzi luminosi in cui l'autore riporta i suoi pensieri, queste storie costruiscono parola dopo parola una stretta prigione claustrofobica, densa di pessimismo e ironia amara, fino all'ultimo racconto che dà il titolo alla raccolta, un "what if" grottesco e politicamente scorretto che chiude il cerchio e la cella del nostro bel paese.

Categoria: Narrativa

Editore: Intermezzi

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788890357695

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Quelli della metropolitana hanno orari diversi da tutti gli altri. Man mano acquisiscono esperienza e apprendono il momento conveniente per salire sui vagoni. E’ una specie di coreografia che parte dalla sera prima, quando hanno già chiaro in mente cosa indosseranno per guadagnare tempo. Il tempo è l’elemento fondamentale. C’è un preciso vagone che li attende, ci sono delle persone che incontreranno e che dovranno essere necessariamente quelle, altrimenti significherà ritardo. Non possono fallire, hanno una missione da compiere: dimostrare che muoversi coi mezzi è più conveniente

Tra gli elementi che connettono i vari racconti di questa raccolta, uno non secondario è un’atmosfera contemporaneamente pessimista ed ironica che permea l’intero volume. Il libro è composto da sette racconti centrati su altrettanti temi di ordinaria disperazione: solitudine, dipendenza, corruzione, mediocrità, violenza, disoccupazione, ipocrisia. La società contemporanea ne emerge smarrita e dolorante, orfana di ideali e di slanci.

Non è facile scegliere il racconto più riuscito; non si può non menzionare, anzitutto, “Commedia fragile”, ossia la storia che apre la raccolta e dà il tono all’intero libro. In questo brano la solitudine delle persone si fa tangibile dal momento del risveglio fino al termine del giorno e a nulla sembra valere il tentativo di riempirla di incontri tanto fugaci quanto evanescenti. Il racconto non ha una trama vera e propria ma è costruito attraverso la descrizione illuminante e sagace di momenti quotidiani che si susseguono in maniera abitudinaria e stereotipata. La noia sembra l’unico collante di un’apparentemente frenetica vita metropolitana vuota di entusiasmo e di colore: “Si ricerca il minuto per non pensare all’eternità”.

Tra gli altri racconti colpisce certamente, per l’attualità della tematica trattata, quello dal titolo “Non abbiamo fatto altro che stringerci la mano più forte”. In questo racconto ascoltiamo le parole di un uomo che parla della fine della sua storia d’amore senza accorgersi della violenza che segna e distrugge i rapporti umani e la vita più in generale.

Ogni racconto è intervallato da intermezzi in cui lo scrittore interviene in prima persona. In queste intrusioni l’autore dissacra mostri sacri e miti quotidiani, parlando con toni sfrontati della propria vita, dell’amicizia, della necessità dello scrivere, della ‘disdetta’ di essere intelligenti e di porsi delle domande di fronte al guazzabuglio dell’esistenza. “Essere intelligenti è una condanna abissale: pensandoci su un attimo posso dire di non avere mai conosciuto una persona intelligente perfettamente felice“.

Uno stile vivace ed accattivante caratterizza l’intera raccolta. L’autore riesce ad affrontare temi anche profondamente drammatici facendo ricorso ad un’ironia sottile, a volte velata di tristezza. La vena dissacratoria, sicuramente presente in tutto il libro, non diventa comunque mai inopportuna e fine a se stessa, ma costituisce sempre un onesto strumento di indagine della realtà.

Questo libro, la cui lettura si raccomanda senz’altro, è l’opera d’esordio di Stefano Sgambati, giovane autore impegnato anche in campo giornalistico. Un altro suo lavoro è in uscita a breve, lo attendiamo con interesse (nonostante l’ultima frase de “Il paese bello”…).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefano

Sgambati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sgambati Stefano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Elisa, grazie a un colloquio con una psicologa, scopre che la figlia diciassettenne Federica ha grossi problemi, tenuti ben nascosti dietro la facciata di studentessa e ballerina modello. Sentendo di non poter contare sull'aiuto di nessuno, dopo alcuni tentativi falliti miseramente, Elisa intuisce che solo un drastico cambiamento rispetto alla routine quotidiana può aiutarla. Decide di rifugiarsi con Federica in una casetta di montagna. Iniziano così giorni duri e decisivi nella vita delle due protagoniste. Giorni di passeggiate nei boschi, litigi, risate, lacrime, accuse reciproche, bicchieri di latte rovesciati e torte finite sul pavimento. Elisa non si arrenderà alle difficoltà e continuerà ad inseguire il suo obiettivo, ma prima dovrà trovare il coraggio di affrontare un segreto del suo passato.

I giorni di Elisa

Senestro Silvia

Nel 1855 Walt Whitman, il grande poeta dell'anima americana, dava alla luce le prime "Foglie d'erba", ovvero le prime poesie che comporranno la raccolta di una vita. Il grande edificio delle Foglie d'erba crescerà, una zolla dopo l'altra, una poesia dopo l'altra, un'edizione dopo l'altra, per tutta la vita di Whitman. Solo sul letto di morte il poeta mise la parola "fine" a questa raccolta, ricca come una vita umana e sconfinata come la natura che tanto amava. La prima edizione resta tuttavia la testimonianza più viva della novità della poesia di Whitman, di quella superiore indifferenza alle rigidità della metrica classica, di quello slancio, che lo renderanno unico e ne garantiranno l'immortalità artistica.

Foglie d’erba

Whitman Walt

Ambientato in una società del futuro prossimo dove sono state annullate le differenze individuali, la percezione del dolore, la passione e i sentimenti più profondi, il libro racconta un anno di vita di Jonas, un ragazzo di dodici anni che viene insignito del compito di ricevere le Memorie dell'Umanità. Mentre Jonas raccoglie i ricordi di The Giver, provando sulla propria pelle tutte quelle sensazioni che nessun altro membro della comunità conoscerà mai, scopre il terribile segreto della Società in cui vive. E realizza che la strada verso la conoscenza è un cammino senza ritorno Età di lettura: da 9 anni.

The Giver. Il donatore

Lowry Lois

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar