Letteratura giapponese

Il paese delle nevi

Kawabata Yasunari

Descrizione: Capolavoro di inesprimibili e struggenti stati d'animo, Il paese delle nevi può essere considerato un piccolo poema in prosa, dove amore e morte si intrecciano in un'atmosfera di diffusa malinconia e di incombente tragedia.

Categoria: Letteratura giapponese

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili scrittori

Anno: 2007

ISBN: 9788806189235

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il paese delle nevi” è spesso considerato il capolavoro di Yasunari Kawabata.

Sarà per via dei personaggi?
L’esteta Shimamura (“Il sentimento che provava per le montagne si era esteso fino a includere lei”), la bella Komako (“Era nata in questo paese delle nevi, ma era stata ingaggiata come geisha a Tokyo”) – così contrastata tra il sentimento, la professione di geisha intrapresa per necessità, la gelosia e la propensione all’autodistruzione alcolica -, Yoko, la giovane rivale dalla voce melodiosa, il figlio della maestra di canto, malato di tubercolosi intestinale (“Non dovete essere geloso di lui. Fra non molto sarà morto”)…

Sarà per via delle atmosfere velate (“L’armonia tra cielo e montagne era ormai smarrita”), allusive (“Il colore della sera era già caduto sulla vallata montana, ormai sepolta tra le ombre”) , indirette (“Siete sola come la femmina della volpe di notte, non è vero?”) e sensuali (“Nella luce lunare la delicata pelle di geisha aveva lo splendore di una conchiglia”), per una sorta di velo di Maya che il Maestro Kawabata getta sui tumulti di passioni e dolori?

Sarà per l’evocazione casuale di storie occidentali (“Komako, salite su nella Stanza delle Camelie”) pur nell’originalità autarchica dello scrittore (“Non abitate più nella camera dei bachi da seta?”)?

Sarà per via delle macchie di colore (“La luminosità della neve era più intensa, pareva ardere di un gelido fuoco. Contro di essa i capelli della donna assumevano un nero meno intenso, sfumanti in uno splendore violaceo”) che trasformano l’opera in una tavolozza di impressioni?

E ancora, per le splendide descrizioni di paesaggi (“Nel boschetto di cedri di fronte, le libellule si dondolavano in sciami innumerevoli come steli di bocche di leone al vento”) e atmosfere (“Le stelle, troppe per sembrare vere, si affacciavano al cielo con uno scintillio così vivo che parevano precipitare nel vuoto”)?

Per il contrasto tra il freddo del paese (“L’anno scorso si arrivò ai diciotto sotto zero”), ove la neve cade abbondante (“Quanta neve? In genere due metri… talvolta quattro o cinque…”), e i vapori caldi del centro termale (“Gli sci dei clienti dell’albergo … erano allineati ad asciugare e il debole odore di muffa era addolcito dal vapore. La neve … era caduta dai rami dei cedri sul tetto del bagno pubblico…”)?

Per la capacità di intravedere nella natura (“Il tutto diede a Shimamura l’idea di una tana di volpe o di tasso”) occasioni e connessioni narrative?

O forse è il senso della tragedia incombente (“Per qualche ragione Shimamura non riuscì a scorgere la morte in quella forma rigida. Egli sentiva piuttosto che Yoko aveva subito una trasformazione, una metamorfosi”) a incatenare chi – ammaliato (“Il suono di un samisen giunse da lontano”) e ipnotizzato dalle difficoltose traduzioni degli ideogrammi – si accosta a una sensibilità così raffinata, così orientale (“Il 14 febbraio era la «festa della caccia agli uccelli», una festa di bambini che esprimeva lo spirito più autentico di questo paese delle nevi”), così attenta alla purezza di tradizioni antiche (“Esiste la tela Chijmi perché esiste la neve”) e rituali (“L’albergo era pieno di clienti arrivati per vedere gli aceri”), inesorabilmente minacciate (“Era quindi naturale che egli fosse profondamente scontento sia per il decadere delle antiche tradizioni sia per l’attività di riformatori che cercavano soltanto il proprio tornaconto”), ma immacolate (“Egli mandava ancora i suoi kimono al paese di origine per la sbiancatura a neve”) come quella neve che ovatta suggestioni (“Il crepitio della neve che gelava sulla terra pareva rimbombare nelle sue profondità”) e asperità emotive (“Barcollò per ritrovare il suo equilibrio, il capo riverso, e la Via Lattea si precipitò dentro di lui con un ruggito”)…

Bruno Elpis

 Dance of Eternal Love - Toshi Yoshida

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari

Jeremy Rifkin spiega come allo schiudersi del nuovo secolo "l'Internet delle cose", una nuova realtà in via di formazione, stia dando luce a un inedito sistema economico, basato sulla "condivisione collaborativa" e destinato a mutare radicalmente il nostro modo di vivere. Questa infrastruttura intelligente, composta dall'Internet delle comunicazioni, la nascente Internet dell'energia e l'Internet della logistica, è destinata a spingere la produttività fino al punto in cui il costo marginale della produzione di numerosi beni e servizi sarà quasi azzerato. Nei prossimi anni il vortice del costo marginale zero trascinerà con sé quasi ogni settore dell'economia generando un'economia ibrida, in parte orientata al mercato capitalistico e in parte alla condivisione collaborativa, con ricadute sociali notevolissime. In questo nuovo mondo il capitale sociale è non meno importante del capitale finanziario, la libertà di accesso prevale sulla proprietà, la cooperazione soppianta la concorrenza e al "valore di scambio" nel mercato capitalista va sempre più sostituendosi il "valore di condivisibilità" nel comune spazio collaborativo. Nell'immediato futuro il capitalismo rimarrà tra noi, con un ruolo sempre più circoscritto fino a scomparire nella seconda metà del XXI secolo. Stiamo per entrare in un mondo che ha trasceso i mercati, per imparare a vivere gli uni accanto agli altri in uno spazio di condivisione collaborativa caratterizzato da una sempre più profonda interdipendenza.

La società a costo marginale zero

Rifkin Jeremy

La vita dispari è la pirotecnica, profonda ed esilarante parabola umana di un ragazzino che vede solo una metà del mondo, destinato a diventare un adulto che vive solo a metà. E se metà fosse meglio di tutto? Paolo Colagrande compie un prodigio, perché in queste pagine – dove Gianni Celati incontra Woody Allen – il godimento vivissimo di una scrittura straordinaria va a braccetto con un'allegria contagiosa. La «vita dispari» è quella che – ridendo di noi stessi – conduciamo tutti noi a qualsiasi età quando tentiamo di indovinare la parte mancante delle cose. Paolo Colagrande è nato a Piacenza nel 1960. Il suo ultimo romanzo è Senti le rane (nottetempo 2015, Premio Campiello Selezione Giuria dei Letterati). Paolo Colagrande è nato a Piacenza nel 1960. Ha pubblicato i romanzi: Fídeg (Alet 2007, Premio Campiello Opera Prima, finalista Premio Viareggio), Kammerspiel (Alet 2008), Dioblú (Rizzoli 2010), Senti le rane (nottetempo 2015, Premio Campiello Selezione Giuria dei Letterati). Quando Buttarelli scompare – e intorno alla sua figura si crea un alone di mistero – non resta che raccogliere, per tentare di fare un po' di chiarezza o forse per aumentare la confusione, la testimonianza del suo amico nullafacente Gualtieri. Ecco che allora si snoda una trama di malintesi e incastri rovinosi, sempre all'insegna del paradosso: la silenziosa guerra con la preside Maribèl, la passione per Eustrella, il fidanzamento simultaneo con otto – otto – compagne di scuola, gli strambi insegnamenti esistenziali impartitigli dal padre putativo, il matrimonio con Ciarma, l'infatuazione per una certa Berengaria. «Buttarelli provava a fare quello che vedeva fare agli altri, con enorme fatica. A volte riusciva a reggere la parte per un tratto breve, ma era come se a un certo punto si ritrovasse nel fitto di un bosco senza piú il sentiero tracciato, e allora era piú prudente tornare indietro»...

La vita dispari

Colagrande Paolo

E’ colpa del cuore

Indro Pezzolla

Márcia Théophilo, brasiliana, di estro e d'arte poetici dirompenti, oltre che di appassionata cultura etnica ed endemica, ha levato un inno e un grido a questo mondo minacciato di estinzione, ai meninos su cui si accanisce una bieca perversità che giunge fino a una tenebrosa persecuzione. "Questo libro-poema - come dice la Theophilo nell'introduzione - vuole ispirarsi ad un misticismo panteista e rappresenta un intero mondo. I suoi versi sono piccole orazioni sostenute da un ritmo incalzante. Attraverso la poesia si fa emergere la qualità sacra della vita e di quei valori straordinari che stiamo perdendo. Non è una poesia dedicata solo ai cuccioli dell'uomo, ma anche a tutto ciò che germoglia, che nasce, come l'acqua che sgorga limpida da una sorgente, un fiore che sboccia. È una poesia dedicata alla parte più tenera dell'universo, a tutto ciò che è ancora ritenuto inutile allo sviluppo perché nulla ha a che fare con il consumo e che per questo viene disprezzato o semplicemente non considerato". Il lettore trova qui La passione antropologica, l'indignazione ambientalistica, la sofferenza per la terra violata, l'amore veemente e dolcissimo per le creature che la rappresentano.

Amazzonia è poesia

Théophilo Marcia