Letteratura giapponese

Il paese delle nevi

Kawabata Yasunari

Descrizione: Capolavoro di inesprimibili e struggenti stati d'animo, Il paese delle nevi può essere considerato un piccolo poema in prosa, dove amore e morte si intrecciano in un'atmosfera di diffusa malinconia e di incombente tragedia.

Categoria: Letteratura giapponese

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili scrittori

Anno: 2007

ISBN: 9788806189235

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il paese delle nevi” è spesso considerato il capolavoro di Yasunari Kawabata.

Sarà per via dei personaggi?
L’esteta Shimamura (“Il sentimento che provava per le montagne si era esteso fino a includere lei”), la bella Komako (“Era nata in questo paese delle nevi, ma era stata ingaggiata come geisha a Tokyo”) – così contrastata tra il sentimento, la professione di geisha intrapresa per necessità, la gelosia e la propensione all’autodistruzione alcolica -, Yoko, la giovane rivale dalla voce melodiosa, il figlio della maestra di canto, malato di tubercolosi intestinale (“Non dovete essere geloso di lui. Fra non molto sarà morto”)…

Sarà per via delle atmosfere velate (“L’armonia tra cielo e montagne era ormai smarrita”), allusive (“Il colore della sera era già caduto sulla vallata montana, ormai sepolta tra le ombre”) , indirette (“Siete sola come la femmina della volpe di notte, non è vero?”) e sensuali (“Nella luce lunare la delicata pelle di geisha aveva lo splendore di una conchiglia”), per una sorta di velo di Maya che il Maestro Kawabata getta sui tumulti di passioni e dolori?

Sarà per l’evocazione casuale di storie occidentali (“Komako, salite su nella Stanza delle Camelie”) pur nell’originalità autarchica dello scrittore (“Non abitate più nella camera dei bachi da seta?”)?

Sarà per via delle macchie di colore (“La luminosità della neve era più intensa, pareva ardere di un gelido fuoco. Contro di essa i capelli della donna assumevano un nero meno intenso, sfumanti in uno splendore violaceo”) che trasformano l’opera in una tavolozza di impressioni?

E ancora, per le splendide descrizioni di paesaggi (“Nel boschetto di cedri di fronte, le libellule si dondolavano in sciami innumerevoli come steli di bocche di leone al vento”) e atmosfere (“Le stelle, troppe per sembrare vere, si affacciavano al cielo con uno scintillio così vivo che parevano precipitare nel vuoto”)?

Per il contrasto tra il freddo del paese (“L’anno scorso si arrivò ai diciotto sotto zero”), ove la neve cade abbondante (“Quanta neve? In genere due metri… talvolta quattro o cinque…”), e i vapori caldi del centro termale (“Gli sci dei clienti dell’albergo … erano allineati ad asciugare e il debole odore di muffa era addolcito dal vapore. La neve … era caduta dai rami dei cedri sul tetto del bagno pubblico…”)?

Per la capacità di intravedere nella natura (“Il tutto diede a Shimamura l’idea di una tana di volpe o di tasso”) occasioni e connessioni narrative?

O forse è il senso della tragedia incombente (“Per qualche ragione Shimamura non riuscì a scorgere la morte in quella forma rigida. Egli sentiva piuttosto che Yoko aveva subito una trasformazione, una metamorfosi”) a incatenare chi – ammaliato (“Il suono di un samisen giunse da lontano”) e ipnotizzato dalle difficoltose traduzioni degli ideogrammi – si accosta a una sensibilità così raffinata, così orientale (“Il 14 febbraio era la «festa della caccia agli uccelli», una festa di bambini che esprimeva lo spirito più autentico di questo paese delle nevi”), così attenta alla purezza di tradizioni antiche (“Esiste la tela Chijmi perché esiste la neve”) e rituali (“L’albergo era pieno di clienti arrivati per vedere gli aceri”), inesorabilmente minacciate (“Era quindi naturale che egli fosse profondamente scontento sia per il decadere delle antiche tradizioni sia per l’attività di riformatori che cercavano soltanto il proprio tornaconto”), ma immacolate (“Egli mandava ancora i suoi kimono al paese di origine per la sbiancatura a neve”) come quella neve che ovatta suggestioni (“Il crepitio della neve che gelava sulla terra pareva rimbombare nelle sue profondità”) e asperità emotive (“Barcollò per ritrovare il suo equilibrio, il capo riverso, e la Via Lattea si precipitò dentro di lui con un ruggito”)…

Bruno Elpis

 Dance of Eternal Love - Toshi Yoshida

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel 1878 Goethe pubblicò una seconda stesura del romanzo, destinata a diventare un classico della letteratura tedesca mondiale. Ai nostri giorni, passate le mode e i furori wertheriani, e di là dalla sua importanza storica come primo grande testo del romanticismo, l'opera conserva un fascino profondo, una sua inconfondibile originalità che si dispiega nell'adesione della frase ai successivi stati emozionali del personaggio, ora rapito nell'osservare la bellezza estasiante di un frammento di natura, ora rinchiuso in se stesso, mentre nel suo cuore si agitano tempestose passioni.

I dolori del giovane Werther

Goethe Johann Wolfgang

«Nell’anno 2000. Un giorno di aprile». Siamo sull’East River. Il giovane miliardario Eric Packer sale sulla limousine per andare a tagliarsi i capelli a Hell’s Kitchen, il quartiere dove è nato e cresciuto. È l’inizio di un viaggio che lo porterà ad attraversare Manhattan per andare incontro al proprio destino. Eric Packer non pare intenzionato a uscire dal proprio mondo e, blindato nella limousine su cui viaggia, controlla i mercati finanziari globali da cui è ossessionato, racchiuso nella sua bolla di lusso. Ma il mondo esterno è più forte di ogni suo tentativo di starne alla larga. In un solo giorno, perciò, incontrerà gli uomini e le donne della sua vita, si troverà a partecipare al funerale di un famoso rapper, a un rave party all’interno di un teatro abbandonato, a una protesta no-global repressa con violenza dalla polizia, in una spirale di autodistruzione che sembra non giungere mai alla fine. A nove anni dall’uscita del libro, David Cronenberg porta in concorso a Cannes 2012 Cosmopolis con Robert Pattinson che interpreta il giovane miliardario Eric Packer.

Cosmopolis

DeLillo Don

"Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali