Letteratura giapponese

Il paese delle nevi

Kawabata Yasunari

Descrizione: Capolavoro di inesprimibili e struggenti stati d'animo, Il paese delle nevi può essere considerato un piccolo poema in prosa, dove amore e morte si intrecciano in un'atmosfera di diffusa malinconia e di incombente tragedia.

Categoria: Letteratura giapponese

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili scrittori

Anno: 2007

ISBN: 9788806189235

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il paese delle nevi” è spesso considerato il capolavoro di Yasunari Kawabata.

Sarà per via dei personaggi?
L’esteta Shimamura (“Il sentimento che provava per le montagne si era esteso fino a includere lei”), la bella Komako (“Era nata in questo paese delle nevi, ma era stata ingaggiata come geisha a Tokyo”) – così contrastata tra il sentimento, la professione di geisha intrapresa per necessità, la gelosia e la propensione all’autodistruzione alcolica -, Yoko, la giovane rivale dalla voce melodiosa, il figlio della maestra di canto, malato di tubercolosi intestinale (“Non dovete essere geloso di lui. Fra non molto sarà morto”)…

Sarà per via delle atmosfere velate (“L’armonia tra cielo e montagne era ormai smarrita”), allusive (“Il colore della sera era già caduto sulla vallata montana, ormai sepolta tra le ombre”) , indirette (“Siete sola come la femmina della volpe di notte, non è vero?”) e sensuali (“Nella luce lunare la delicata pelle di geisha aveva lo splendore di una conchiglia”), per una sorta di velo di Maya che il Maestro Kawabata getta sui tumulti di passioni e dolori?

Sarà per l’evocazione casuale di storie occidentali (“Komako, salite su nella Stanza delle Camelie”) pur nell’originalità autarchica dello scrittore (“Non abitate più nella camera dei bachi da seta?”)?

Sarà per via delle macchie di colore (“La luminosità della neve era più intensa, pareva ardere di un gelido fuoco. Contro di essa i capelli della donna assumevano un nero meno intenso, sfumanti in uno splendore violaceo”) che trasformano l’opera in una tavolozza di impressioni?

E ancora, per le splendide descrizioni di paesaggi (“Nel boschetto di cedri di fronte, le libellule si dondolavano in sciami innumerevoli come steli di bocche di leone al vento”) e atmosfere (“Le stelle, troppe per sembrare vere, si affacciavano al cielo con uno scintillio così vivo che parevano precipitare nel vuoto”)?

Per il contrasto tra il freddo del paese (“L’anno scorso si arrivò ai diciotto sotto zero”), ove la neve cade abbondante (“Quanta neve? In genere due metri… talvolta quattro o cinque…”), e i vapori caldi del centro termale (“Gli sci dei clienti dell’albergo … erano allineati ad asciugare e il debole odore di muffa era addolcito dal vapore. La neve … era caduta dai rami dei cedri sul tetto del bagno pubblico…”)?

Per la capacità di intravedere nella natura (“Il tutto diede a Shimamura l’idea di una tana di volpe o di tasso”) occasioni e connessioni narrative?

O forse è il senso della tragedia incombente (“Per qualche ragione Shimamura non riuscì a scorgere la morte in quella forma rigida. Egli sentiva piuttosto che Yoko aveva subito una trasformazione, una metamorfosi”) a incatenare chi – ammaliato (“Il suono di un samisen giunse da lontano”) e ipnotizzato dalle difficoltose traduzioni degli ideogrammi – si accosta a una sensibilità così raffinata, così orientale (“Il 14 febbraio era la «festa della caccia agli uccelli», una festa di bambini che esprimeva lo spirito più autentico di questo paese delle nevi”), così attenta alla purezza di tradizioni antiche (“Esiste la tela Chijmi perché esiste la neve”) e rituali (“L’albergo era pieno di clienti arrivati per vedere gli aceri”), inesorabilmente minacciate (“Era quindi naturale che egli fosse profondamente scontento sia per il decadere delle antiche tradizioni sia per l’attività di riformatori che cercavano soltanto il proprio tornaconto”), ma immacolate (“Egli mandava ancora i suoi kimono al paese di origine per la sbiancatura a neve”) come quella neve che ovatta suggestioni (“Il crepitio della neve che gelava sulla terra pareva rimbombare nelle sue profondità”) e asperità emotive (“Barcollò per ritrovare il suo equilibrio, il capo riverso, e la Via Lattea si precipitò dentro di lui con un ruggito”)…

Bruno Elpis

 Dance of Eternal Love - Toshi Yoshida

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un titolo enigmatico che ha il sapore di un'amara liberazione, o magari forse di una resa. Michele è una produttrice cinematografica di successo con un figlio, un matrimonio fallito alle spalle, una madre tutta rifatta e un padre che marcisce in galera. Una sera viene violentata da uno sconosciuto in passamontagna mentre rientra a casa e inizia così la sua lenta e inesorabile discesa agli inferi. Uno straordinario ritratto di donna, un romanzo politicamente scorretto, il racconto di una società che non merita salvezza.

Oh…

Djian Philippe

È il 1859 a Londra e davanti alla legatoria Damage si è appena fermata una carrozza con le ruote di un rosso fiammante, i fanali dorati e uno stemma sulla portiera. Dalla carrozza è sceso un uomo alto, abbronzato, elegantissimo con la sua redingte nera, il foulard scarlatto, gli occhiali d’oro e il bastone da passeggio sormontato da un enorme rubino. È sir Jocelyn Knightloey che, con la sua cerchia di amici, aristocratici come lui, coltiva il sogno di liberare la società dalle «pastoie del ritegno» e della morale. Da quando la legge ha stabilito che è illegale pubblicare e diffondere opere letterarie di genere immorale ma non possederle, sir Knightley e i suoi amici collezionano quei libri proibiti che i puritani dell’epoca vorrebbero bruciare tra le fiamme dell’inferno: il Decamerone, il Satyricon di Petronio, l’Ars Amatoria di Ovidio…A rilegare quei libri con preziose pelli e fodere scarlatte è Dora Damage, la moglie di Peter Damage. L’artrite reumatica sta deformando e immobilizzando le mani del marito e, in barba a tutte le leggi della corporazione dei legatori che vietano il lavoro alle donne, Dora è stata costretta a prenderne il posto. Le sue originali rilegature, così morbide e seducenti, suscitano l’entusiasmo di sir Knightley e dei suoi amici, i «Sauvages Nobles». Dora comincia così a rilegare tutte le opere proibite e galanti del gruppo con l’aiuto di Jack, un giovane apprendista, e di Din, uno schiavo nero americano condotto nel laboratorio dalla filantropica e ambigua Lady Sylvia, la moglie di sir Knightley.

La rilegatrice dei libri proibiti

Starling Belinda

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco

Sotto la bottiglia

Filippo Kalomenidis