Narrativa

IL PARADISO DEGLI ORCHI

Pennac Daniel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788807812101

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Con questo romanzo si apre il Ciclo di Malaussène, chiamato anche serie di Belville in riferimento al quartiere variopinto di Parigi in cui tutta la saga è ambientata.

Il quartiere di Belville, vero e proprio centro della più varia immigrazione della capitale francese, si trasforma nelle opere di Pennac in una realtà onirica, brulicante di personaggi, culture, tradizioni e profumi diversi.

Un’opera con più di un protagonista, ove Benjamin Malaussène occupa il posto del capo tribù, circondato da fratelli e sorelle bizzarri e sorprendenti, una mamma ondivaga e un cane epilettico, tutti completamente fuori da ogni cliché e straordinariamente uniti.

In questo primo capitolo del “Quartetto di Belville” si incontrano anche il grande amore di Benjamin, la rossa Julie, la “zia Theo” e gli altri suoi amici travestiti, Stojil, una ex guardia jugoslava, ora impiegata nella sicurezza del Grande Magazzino, la famiglia araba di Hadouch Ben Tayeb, che gestisce un ristorante a Belville, e che in qualche modo adotta tutta la tribù Malaussène, personaggi che si ritroveranno nei romanzi successivi della serie.

Tutta la vicenda, orchestrata come un giallo in piena regola, è intrisa di ironia, di assurdo, di sogno che sfiora spesso il confine con l’incubo. La professione, indimenticabile, di Benjamin, è il capro espiatorio, geniale trovata di Pennac, paradosso di un’estraniante vita cittadina moderna che non riesce a escludere del tutto la poesia di un personaggio romantico, coraggioso e un po’ folle.

Il titolo, che fa il verso al romanzo Il paradiso delle signore di Emile Zola, anch’esso ambientato sullo sfondo di un grande magazzino, ma in un mondo tanto diverso da apparire come un altro universo, si riferisce alla pericolosa avventura che Benjamin si trova ad affrontare nel Centro Commerciale dove lavora, mentre un Babbo Natale assassino miete vittime, esplodono bombe e dilaga il terrore.

Un’opera che ormai è un classico, assolutamente indimenticabile, come tutta la saga a cui dà inizio, che ci ricorda che l’umorismo, per dirla con l’autore, è “irriducibile espressione dell’etica”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniel

Pennac

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pennac Daniel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il disturbo di un corpo

Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l'uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell'incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d'origine del marito. Con l'aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d'infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell'uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Tutto questo ti darò

Redondo Dolores

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

MEMORIE DI ADRIANO

Yourcenar Marguerite

Vedere la luce: Il mare della giovinezza di Platonov