Narrativa

IL PARADISO DEGLI ORCHI

Pennac Daniel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788807812101

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Con questo romanzo si apre il Ciclo di Malaussène, chiamato anche serie di Belville in riferimento al quartiere variopinto di Parigi in cui tutta la saga è ambientata.

Il quartiere di Belville, vero e proprio centro della più varia immigrazione della capitale francese, si trasforma nelle opere di Pennac in una realtà onirica, brulicante di personaggi, culture, tradizioni e profumi diversi.

Un’opera con più di un protagonista, ove Benjamin Malaussène occupa il posto del capo tribù, circondato da fratelli e sorelle bizzarri e sorprendenti, una mamma ondivaga e un cane epilettico, tutti completamente fuori da ogni cliché e straordinariamente uniti.

In questo primo capitolo del “Quartetto di Belville” si incontrano anche il grande amore di Benjamin, la rossa Julie, la “zia Theo” e gli altri suoi amici travestiti, Stojil, una ex guardia jugoslava, ora impiegata nella sicurezza del Grande Magazzino, la famiglia araba di Hadouch Ben Tayeb, che gestisce un ristorante a Belville, e che in qualche modo adotta tutta la tribù Malaussène, personaggi che si ritroveranno nei romanzi successivi della serie.

Tutta la vicenda, orchestrata come un giallo in piena regola, è intrisa di ironia, di assurdo, di sogno che sfiora spesso il confine con l’incubo. La professione, indimenticabile, di Benjamin, è il capro espiatorio, geniale trovata di Pennac, paradosso di un’estraniante vita cittadina moderna che non riesce a escludere del tutto la poesia di un personaggio romantico, coraggioso e un po’ folle.

Il titolo, che fa il verso al romanzo Il paradiso delle signore di Emile Zola, anch’esso ambientato sullo sfondo di un grande magazzino, ma in un mondo tanto diverso da apparire come un altro universo, si riferisce alla pericolosa avventura che Benjamin si trova ad affrontare nel Centro Commerciale dove lavora, mentre un Babbo Natale assassino miete vittime, esplodono bombe e dilaga il terrore.

Un’opera che ormai è un classico, assolutamente indimenticabile, come tutta la saga a cui dà inizio, che ci ricorda che l’umorismo, per dirla con l’autore, è “irriducibile espressione dell’etica”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniel

Pennac

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pennac Daniel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Non esiste modo migliore per capire un musicista che quello di farlo parlare nel suo stesso linguaggio: la musica. È con questo presupposto che Ben Radiff, erede della più autorevole critica jazz statunitense, ha incontrato quindici fra i maggiori jazzisti contemporanei e li ha invitati a conversare di musica liberamente e disinteressatamente, fuori dalle logiche della promozione discografica o da quelle della confessione biografica. Il risultato è questo libro unico nel suo genere, destinato a rinnovare radicalmente la metodologia del giornalismo musicale. Chiedendo a ciascun artista di scegliere uno o più brani da ascoltare e commentare insieme a lui, Radiff accompagna i suoi interlocutori in un affascinante viaggio nella musica che è allo stesso tempo esame delle tecniche esecutive, espressione dei sentimenti suscitati dall'ascolto, riconoscimento delle paternità e dei debiti artistici. Che sia Pat Metheny a commentare la tromba di Miles Davis, Sonny Rollins a spiegare il genio di Charlie Parker, o Joshua Redman a confrontarsi con il mostro sacro Coltrane, i musicisti che prendono la parola in questo libro non smettono di ricordarci a ogni pagina che la magia del jazz è sempre lì, a un tiro di stereo dalle nostre orecchie, se soltanto siamo disposti a lasciarcene catturare.

Come si ascolta il jazz

Ratliff Ben

Cosa accade a un uomo che torna nella propria città di notte come uno straniero, come un profugo, cosa accade a un uomo quando torna e nessuno lo aspetta, chi chiamerà il suo nome? Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l'uomo continuerà a esistere?

Preghiera di novembre

Gianeselli Irene

Stoccolma, 1767. Deve lasciare la città, subito. Per il giovane compositore, l’unica possibilità di salvezza è affrontare un lungo cammino e rifugiarsi a Trondheim. Lì cambierà identità e, con il nome di Jon Blund, potrà dedicarsi anima e corpo al suo grande amore: la musica. Ma il destino è sempre in agguato e, alla fine, le strade della vita conducono tutte alla stessa destinazione: la morte… Trondheim, oggi. Il detective Odd Singsaker stenta a crederci. Eppure è proprio lì: un antico carillon – risalente al XVIII secolo – adagiato sul petto di una donna barbaramente assassinata, cui sono state asportate le corde vocali. Oltre a quell’indizio inquietante, i suoi uomini non hanno trovato nulla: non ci sono impronte digitali né tracce di DNA, né testimoni che possano fornire un identikit del killer. Per risolvere il mistero, Singsaker deve quindi aggrapparsi a quell’unica, flebile traccia: l’ipnotica melodia suonata dal carillon. E ben presto scopre non solo chi l’ha composta – un certo Jon Blund –, ma anche che, nel corso dei secoli, è stata considerata una musica maledetta. Perché promette il sonno eterno a chiunque l’ascolti…

IL SILENZIO DEL CARNEFICE

Brekke Jørgen

LA CURA DELLE PAROLE

Piazza Tania