Narrativa

IL PARADISO DEGLI ORCHI

Pennac Daniel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788807812101

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Con questo romanzo si apre il Ciclo di Malaussène, chiamato anche serie di Belville in riferimento al quartiere variopinto di Parigi in cui tutta la saga è ambientata.

Il quartiere di Belville, vero e proprio centro della più varia immigrazione della capitale francese, si trasforma nelle opere di Pennac in una realtà onirica, brulicante di personaggi, culture, tradizioni e profumi diversi.

Un’opera con più di un protagonista, ove Benjamin Malaussène occupa il posto del capo tribù, circondato da fratelli e sorelle bizzarri e sorprendenti, una mamma ondivaga e un cane epilettico, tutti completamente fuori da ogni cliché e straordinariamente uniti.

In questo primo capitolo del “Quartetto di Belville” si incontrano anche il grande amore di Benjamin, la rossa Julie, la “zia Theo” e gli altri suoi amici travestiti, Stojil, una ex guardia jugoslava, ora impiegata nella sicurezza del Grande Magazzino, la famiglia araba di Hadouch Ben Tayeb, che gestisce un ristorante a Belville, e che in qualche modo adotta tutta la tribù Malaussène, personaggi che si ritroveranno nei romanzi successivi della serie.

Tutta la vicenda, orchestrata come un giallo in piena regola, è intrisa di ironia, di assurdo, di sogno che sfiora spesso il confine con l’incubo. La professione, indimenticabile, di Benjamin, è il capro espiatorio, geniale trovata di Pennac, paradosso di un’estraniante vita cittadina moderna che non riesce a escludere del tutto la poesia di un personaggio romantico, coraggioso e un po’ folle.

Il titolo, che fa il verso al romanzo Il paradiso delle signore di Emile Zola, anch’esso ambientato sullo sfondo di un grande magazzino, ma in un mondo tanto diverso da apparire come un altro universo, si riferisce alla pericolosa avventura che Benjamin si trova ad affrontare nel Centro Commerciale dove lavora, mentre un Babbo Natale assassino miete vittime, esplodono bombe e dilaga il terrore.

Un’opera che ormai è un classico, assolutamente indimenticabile, come tutta la saga a cui dà inizio, che ci ricorda che l’umorismo, per dirla con l’autore, è “irriducibile espressione dell’etica”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniel

Pennac

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pennac Daniel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sono passati tre anni da quando Harry Hole è andato via. Via da Oslo, via dalla Centrale di polizia, via dalla donna che ha amato e ferito troppo, e troppe volte. Ma dai suoi fantasmi no, da quelli non è riuscito a fuggire: l'hanno inseguito a Hong Kong e ora lo reclamano, e Harry non può non rispondere, non può non tornare. Oleg, il figlio di Rakel, il ragazzo che lui ha cresciuto come fosse anche figlio suo, è in carcere. Accusa: l'omicidio di Gusto Hanssen, il suo migliore amico. Movente: secondo gli investigatori, un regolamento di conti nel mondo della droga. Ma Harry non ci crede. Oleg, il suo Oleg, il bambino che lo teneva per mano e lo chiamava papà, può essere diventato un tossicodipendente, ma non un assassino. E a lui non resta che correre a casa, correre contro il tempo, in cerca di una verità diversa da quella già decretata. Una verità che si nasconde tanto nelle maglie dei sentimenti piú profondi che legano le persone, quanto nei quartieri dello spaccio, con l'ombra misteriosa di un nemico inafferrabile che lo vuole morto.

Lo spettro

Nesbø Jo

È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l'improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell'amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l'equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una grande saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico, dando nuovo splendore al genere fantasy in Italia.

TERRA IGNOTA

Santoni Vanni

Questa è la storia di una bambina che perde entrambi i genitori a sei anni e viene affidata alle «cure» di nonni e prozii troppo bigotti per distinguere il confine tra la pedagogia e il sadismo, e che in seguito viene salvata da una coppia di nonni più affettuosi e bonari ma altrettanto severi nel loro conformismo sociale. È la storia di un’educazione rigida e di infiniti passaggi, da un collegio religioso all’altro, da Minneapolis a Seattle, da una famiglia cattolica a una protestante. Ma è anche una storia di scoperte e innamoramenti, di accesi litigi e comici malintesi: tra discussioni teologiche con i padri gesuiti sull’esistenza di Dio, recite scolastiche ambientate nell’antica Roma repubblicana, gite istruttive ai parchi naturalistici che si tramutano in rocamboleschi tour de force alcolici, vere o presunte iniziazioni sessuali, letture proibite e appuntamenti clandestini, la personalità della bambina lascia gradualmente il posto a quella di un’adolescente ribelle e infine a quella di una giovane donna lucida e coraggiosa, aliena alle convenzioni e a ogni forma di moralismo. Pubblicato originariamente nel 1957, Ricordi di un’educazione cattolica è un memoir appassionante come i migliori romanzi di formazione, che unisce il ritratto di un’epoca e la dolorosa confessione personale.

Ricordi di un’educazione cattolica

McCarthy Mary

«Ho sempre pensato che a Milano sto bene, che è un posto da combattenti, da apolidi, una legione straniera. Che non saprei dove altro vivere. Ho fatto tutto qui: università, figli, matrimonio, lavoro. Milano mi somiglia. Parla poco, non ha tempo, sembra che non si affezioni a nessuno, ma non è così. Milano è come me, va di fretta e cerca di fare tutto meglio che può, nonostante se stessa.» Mila è stata una bambina amata e luminosa, una ragazza solitaria: oggi è la moglie di Paolo e la madre di Maddi e dei gemelli, una donna che ha perso il filo del suo destino. Un giorno cede a un impulso segreto, e si ritrova in ospedale. Qui incontra Annamaria, un'insegnante laica che, come le suore, ha fatto voto di povertà, castità e obbedienza. Tramite lei Mila torna in contatto con una figura straordinaria della sua infanzia, santa Rita, la santa degli impossibili, che ha attraversato i secoli con la forza della sua testimonianza: quella di una donna che – a nome di tutte le donne – riuscì a volare oltre ogni ostacolo grazie alla potenza magica di una passione inestinguibile. Attraverso un racconto asciutto e raccolto, Daria Bignardi dà vita a un personaggio inquieto, pieno di contraddizioni, segnato da un bisogno di trascendenza inespresso eppure capace di cogliere l'amore del mondo che silenziosamente ci può salvare.

Santa degli impossibili

Bignardi Daria