Narrativa

IL PARADISO DEGLI ORCHI

Pennac Daniel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788807812101

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Con questo romanzo si apre il Ciclo di Malaussène, chiamato anche serie di Belville in riferimento al quartiere variopinto di Parigi in cui tutta la saga è ambientata.

Il quartiere di Belville, vero e proprio centro della più varia immigrazione della capitale francese, si trasforma nelle opere di Pennac in una realtà onirica, brulicante di personaggi, culture, tradizioni e profumi diversi.

Un’opera con più di un protagonista, ove Benjamin Malaussène occupa il posto del capo tribù, circondato da fratelli e sorelle bizzarri e sorprendenti, una mamma ondivaga e un cane epilettico, tutti completamente fuori da ogni cliché e straordinariamente uniti.

In questo primo capitolo del “Quartetto di Belville” si incontrano anche il grande amore di Benjamin, la rossa Julie, la “zia Theo” e gli altri suoi amici travestiti, Stojil, una ex guardia jugoslava, ora impiegata nella sicurezza del Grande Magazzino, la famiglia araba di Hadouch Ben Tayeb, che gestisce un ristorante a Belville, e che in qualche modo adotta tutta la tribù Malaussène, personaggi che si ritroveranno nei romanzi successivi della serie.

Tutta la vicenda, orchestrata come un giallo in piena regola, è intrisa di ironia, di assurdo, di sogno che sfiora spesso il confine con l’incubo. La professione, indimenticabile, di Benjamin, è il capro espiatorio, geniale trovata di Pennac, paradosso di un’estraniante vita cittadina moderna che non riesce a escludere del tutto la poesia di un personaggio romantico, coraggioso e un po’ folle.

Il titolo, che fa il verso al romanzo Il paradiso delle signore di Emile Zola, anch’esso ambientato sullo sfondo di un grande magazzino, ma in un mondo tanto diverso da apparire come un altro universo, si riferisce alla pericolosa avventura che Benjamin si trova ad affrontare nel Centro Commerciale dove lavora, mentre un Babbo Natale assassino miete vittime, esplodono bombe e dilaga il terrore.

Un’opera che ormai è un classico, assolutamente indimenticabile, come tutta la saga a cui dà inizio, che ci ricorda che l’umorismo, per dirla con l’autore, è “irriducibile espressione dell’etica”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniel

Pennac

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pennac Daniel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La neve avvolge in una coltre silenziosa la piccola cittadina di Rumilly, nell’Alta Savoia. Due bambini corrono a perdifiato nel bianco sterminato. Per festeggiare il loro decimo compleanno hanno deciso di sfidare la proibizione paterna e intrufolarsi nella tenuta del Castello. In punta di piedi si avvicinano alla finestra e incollano il naso al vetro. Devono scoprire se quello che si racconta del padrone di casa è la realtà. E quello che vedono è ancora più sorprendete delle voci di paese. Il canarino rinchiuso nell’elegante gabbia dorata è davvero tutto blu, e dello stesso colore è il viso del suo padrone, Jean-Antoine Giobert, che vive isolato in quell’edificio in rovina, circondato da campi di Isatis Tintoria, una pianta che fornice un particolarissimo pigmento blu. Unico superstite di una famiglia massacrata durante la rivoluzione, il ricco signorotto non ha che una passione e ossessione: l’indaco. Lo studia e lo sperimenta in ogni sua sfumatura e gradazione, per poi venderla a peso d’oro. Tutta la sua esistenza è dedicata alla ricerca del blu perfetto, su cui scrive un ponderoso trattato e per la quale partecipa, vincendoli sempre, a bizzarri concorsi per la premiazione del colore più puro. Ma nei giorni che seguono a questi successi vengono scoperti efferati delitti che sono pericolosamente simili ai deliri onirici di cui Giobert è preda ormai da molte notti. Per sfuggire al dubbio scagionarsi, è costretto a intrecciare la sue ricerche con quella dell’assassino, in una spirale cupa e ipnotica. Gérard Roero di Cortanze descrive tutta la crudeltà del nostro essere interiore, fino nei meandri più nascosti e proibiti. Una vera e propria favola del male.

Il colore della paura

Cortanze Gérard Roero di

CONFESSIONI DI UN BARMAN

Cavalli Mirco

Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico

È come se portasse il destino nel nome, Signorina: suo padre, capostazione in un piccolo paese di provincia, l'ha chiamata così ispirandosi al soprannome di una locomotiva di straordinaria eleganza. E creare eleganza, grazia, bellezza è il suo talento. Un giorno dal treno sbuca un omino con gli occhi a mandorla e, con pochi semplici gesti, crea un vestitino di carta per la sua bambola. L'omino scompare, ma le lascia un dono, un dono che lei scoprirà di possedere solo quando una sarta assisterà a una delle sue creazioni. Potrebbe essere l'atto di nascita di una grande stilista, ma ci sono il fascismo, la povertà e gli scontri in famiglia, le responsabilità, i divieti e poi la guerra... e Signorina poco a poco rinuncia a parti di se stessa, a desideri e aspirazioni, soffocando anche la propria femminilità, con una generosità istintiva e assoluta. E quando infine anche lei, quasi all'improvviso, si scopre donna e conosce l'amore, il sogno dura comunque troppo poco, sopraffatto da nuovi doveri e nuove fatiche, e dalla prova più difficile: un figlio nato troppo presto e nato malato, costretto a "succhiare aria" intorno a sé come un ciclista in salita. Nonostante i binari della ferrovia siano ormai lontani e la giovinezza lasci il posto a una maturità venata di nostalgia, ancora una volta Signorina sfodera il suo coraggio e la sua determinazione al bene e lotta per far nascere suo figlio una seconda volta, forte e capace di respirare da solo. Solo alla fine, nell'attimo esatto in cui la lotta cede il passo alla quiete, quel figlio nato due volte si renderà conto che l'amore coraggioso, quello di una donna e di una madre come Signorina, porta nel suo stesso corpo le ferite e i graffi del tempo... L'amore graffia il mondo è il ritratto appassionante di una donna più forte delle proprie fragilità e del vento della storia: una figura indimenticabile, unica, eppure sorella delle tante donne che ogni giorno come guerriere silenziose rinunciano a se stesse per abnegazione e per amore. Ma - come Il dolore perfetto, con cui Riccarelli ha vinto il premio Strega nel 2004 - questo romanzo è anche la saga di una grande famiglia, con una galleria di personaggi severi o meschini, inermi o tenaci che rimangono incisi nella memoria perché appartengono a un tempo perduto. È la storia dell'amore più assoluto e viscerale, quello tra madre e figlio, e della speranza più visionaria. Ed è la celebrazione della forza dell'immaginazione: quella di una donna capace di trarre un abito dalle pieghe di un foglio di carta, perché bastano pochi semplici gesti per vestire di bellezza il mondo.

L’AMORE GRAFFIA IL MONDO

Riccarelli Ugo