Classici

Il partigiano Johnny

Fenoglio Beppe

Descrizione: Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli. Con un saggio di Dante Isella.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2014

ISBN: 9788806219277

Recensito da Eleonora Tirelli

Le Vostre recensioni

Avevo pensato di fare una bella recensione ordinata. Di cosa parla il romanzo? Parla del partigiano Johnny. Che è un ex sottoufficiale dell’esercito italiano sbandato l’8 settembre 1943. Che è un ex studente appassionato di letteratura inglese. Ecc.

Avevo pensato di affrontare anche la questione della turbolenta vicenda editoriale del Partigiano. Che è un romanzo lasciato incompiuto e pubblicato postumo. Che non c’era neanche il titolo e che Fenoglio ce lo ha tramandato in due differenti redazioni. Che è un testo che più filologi ci han lavorato sopra e che ci son saltate fuori tre diverse edizioni critiche (1968, Lorenzo Mondo; 1978, Maria Corti; 1992, Dante Isella). Ecc.

Poi mi son detta: a chi viene voglia di leggere un romanzo che ci vuole mezz’ora solo a seguire la recensione tutta zeppa di date e dati? Che tra l’altro tutte le beghe editoriali sono riassunte nella nota introduttiva dell’editore (e le potete trovare pure su Wikipedia, per dire).

Allora il piano B era quello di deviare in direzione del messaggio sintetico, un veloce imperativo, “vagamente” autoritario: DOVETE leggere Il partigiano Johnny. Che magari amici&parenti avrebbero perfino potuto prendermi in parola; gli altri (a buon diritto) per pazza.

A questo punto piano C: dire PERCHÉ bisogna leggere ’sto romanzo. Solo che ogni volta che ci penso, che penso come comunicare quanta e quale roba c’è lì dentro, nel Partigiano Johnny, mi sento sopraffatta. Perché c’è troppo in queste pagine. Ed è pure un troppo che richiede fatica e impegno.

Intanto c’è da dire che Beppe Fenoglio gioca (sarebbe meglio dire: lavora) con la lingua. Egli stesso dichiara (in Ritratti su misura di scrittori italiani a cura di Elio Filippo Accrocca):

Scrivo per un’infinità di motivi: per vocazione, anche per continuare un rapporto che un avvenimento e le convenzioni della vita hanno reso altrimenti impossibile, anche per giustificare i miei sedici anni di studi non coronati da laurea, anche per spirito agonistico, anche per restituirmi sensazioni passate; per un’infinità di ragioni insomma. Non certo per divertimento. Ci faccio una fatica nera. La più facile delle mie pagine esce spensierata da una decina di penosi rifacimenti.

E questo spirito agonistico, questa fatica nera, si traduce in «una prosa incessantemente produttiva di neoformazioni lessicali, morfologiche e sintattiche»[1]che attingono all’italiano, all’inglese, al francese, al latino e al piemontese. Se il lettore ci si mette, se scopre le regole del gioco, se si concentra non solo su ciò che è scritto, ma anche su COME è scritto… allora si troverà immerso-in e sommerso-da tutto questo. Da questa lingua magmatica ma non distruttrice. Anzi semmai il contrario, costruttrice. E allora mentre leggi riesci a vedere lo scrittore che si arrovella sulle parole, che le pesa una ad una, che le calibra e le forgia su misura per la pagina. E ne godi.

Ma dunque cosa c’è dentro Il partigiano Johnny? C’è la Resistenza, quella vera. Quella fatta di uomini e (non per forza) di eroi. Quella fatta di scelte più o meno consapevoli. Quella fatta di fame e di sporcizia e di freddo e di fango e di scorribande e di sguardi di sottecchi e di contadini che ti aprono e di compaesani che si fanno il segno della croce perché tu non bussi alla loro porta. E di spie e di giovani morti e di giovani scampati e di fughe e di tradimenti e di noia e di attesa e di mancanza di tutto e di niente e di revolverate alle spalle e di fucilazioni e di preti e di processi sommari e di… Poi, dentro al Partigiano, c’è la personale epopea di Johnny. All’inizio con la sua «vaga, gratuita, ma pleased and pleasing reputazione d’impraticità, di testa fra le nubi, di letteratura in vita…». O forse così lo vedono gli altri. O forse così si vede lui stesso, Johnny, che a starsene nascosto, al riparo dagli eventi, «sentiva intorno a sé, ed in sé, una precarietà, una miseria per cui tutto lui era sottilizzato, depauperato, spaventosamente ridotto rispetto ad una normale dimensione umana». E allora brama di salire «nell’arcangelico regno dei partigiani». E parte e va e trova i partigiani, che non sono angeli ma uomini, che non hanno fondato un regno ma bivaccano in «easy-going camp[s]». Solo che la ricerca di Johnny non è finita. Non finisce mai. Si sposta di volta in volta su un oggetto diverso: i partigiani, gli azzurri, i fascisti, la città, la spia, il reimbandamento, la solitudine… «E andando […] fogli di carne […] si addizionavano perfettamente al suo corpo e mente, al punto da renderlo un grosso uomo, così grosso da dover pensare di non poter sfuggire ad una raffica, una delle prossime volte». Di collina in collina, Johnny conquista faticosamente e, a volte, disperatamente, quella dimensione umana che prima aveva incontrato solo sulle pagine dei libri. «Al magistero della letteratura e dell’arte, si succede […] il magistero della vita», scrive Walter Mauro (Invito alla lettura di Fenoglio), che prosegue: «più forti sono le contraddizioni e le ambiguità cui assiste all’interno di quel mondo che aveva ritenuto puro e incontaminato, e più consistente e tenace si determina in lui la volontà di farsi adulto, di essere uomo fra gli uomini».

Si sfaldano le idee: l’aura divina che avvolgeva i partigiani nell’immaginario di Johnny (e nel nostro) si oscura progressivamente. Dunque per questo nella quarta di copertina (e in svariate critiche e recensioni) si legge che Il partigiano Johnny «è riconosciuto come il più originale e antieroico romanzo italiano sulla Resistenza». Antieroico. Eppure non riesco a farmi andare giù questo aggettivo. Perché a volte c’è qualcosa di eroico anche nella mera sopravvivenza. Nella sopportazione del dolore. E poi. E poi lo stesso Johnny che prosegue, prosegue sempre nella sua ricerca. Una ricerca alla Moby Dick, hanno detto alcuni. Una ricerca che non ha termine perché il suo obiettivo è utopico: rifondare un ordine morale e civile che è saltato in aria. Come ha scritto Dante Isella: «Johnny è una viva, affascinante reincarnazione dei cavalieri delle leggende antiche (insieme Robin Hood e Don Chisciotte) […] “consacrati” al ristabilimento della giustizia»[2]. È questa una “lotta contro il Male” che mi pare non abbia nulla di antieroico, anzi: è epica, è biblica, è palingenetica nella misura in cui Johnny, e noi attraverso lui, possiamo riappropriarci – anche solo momentaneamente, certo non definitivamente – del concetto di humanitas.

E poi – e infine – c’è la lingua. Per nulla antieroica, semmai salvifica, la lingua di Fenoglio. Salvifica perché creativa, perché generativa, perché VIVA… ma se n’è già detto qualcosa più sopra. Quindi ora basta, penso di tornare all’imperativo col quale avrei forse dovuto cominciare e col quale voglio certamente concludere: DOVETE LEGGERE Il partigiano Johnny.

 

[1] Dante Isella, La lingua del «Partigiano Johnny», fondamentale saggio che l’editore Einaudi ha piazzato (grazie!) al termine del libro.

[2] Ibidem.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Beppe

Fenoglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fenoglio Beppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'uomo senza qualita, il romanzo al quale Musil lavoro per gran parte della vita, e una delle massime costruzioni letterarie del Novecento e un'insuperabile rappresentazione delle grandi crisi del nostro secolo. Nella Vienna alle soglie del primo conflitto mondiale, il protagonista Ulrich, per una sorta di malattia dell'anima o del carattere, non sa ne vuole dare corpo e forme alle proprie inclinazioni. Preda di un'intelligenza affascinata dall'esattezza scientifica e dall'infinita indeterminatezza del reale, Ulrich si presta con lucida ironia a quell'infinito gioco di simulazioni e dissoluzioni che Musil orchestra con vertiginosa intelligenza.La presente edizione dell'Uomo senza qualita, prototipo dell'opera di immense ambizioni destinata per sua stessa natura a restare idealmente inconclusa, riordina e seleziona sulla scorta dell'ultima edizione critica tedesca a cura di Adolf Frise (1978) una vastissima mole di materiali inediti, chiarendo le linee di sviluppo della complesa architettura del progetto musiliano.

L’uomo senza qualità

Musil Robert

Narra la vita di Ghada Karmi, medico palestinese che trascorre l'infanzia in un sobborgo benestante di Gerusalemme. Quando la famiglia è costretta a fuggire in Inghilterra a causa delle crescenti violenze degli ebrei nei confronti della popolazione araba, Ghada deve imparare a convivere con la perdita del paese in cui è nata, sostituito da Israele. La scelta di privilegiare l'identità inglese è naturale e all'inizio risolutiva. Quando sceglie di sposare un inglese, Ghada è costretta a difendere il suo matrimonio agli occhi della famiglia tradizionalista, difendendo allo stesso tempo la fittizia identità inglese che ha attribuito a se stessa. Ben presto le contraddizioni di una tale decisione esplodono in tutta la loro violenza: durante la guerra dei Sei giorni Ghada farà i conti con l'indifferenza, o addirittura l'ostilità, di tutti quelli che credeva vicini. Convinta di dover cercare se stessa scavando nel passato, Ghada si getta anima e corpo nell'impegno politico: negli anni Settanta inizia a lottare per far sentire la voce dimenticata degli esuli palestinesi, si reca nei campi profughi dove lavora come medico, e alla fine torna addirittura a vivere in Siria. Incapace di sentirsi "a casa" dovunque provi, Ghada decide alla fine di visitare i luoghi della sua infanzia. Solo dopo questo viaggio capirà che non esiste per lei alcun posto dove fermarsi: che non sarà mai un'inglese, non potrà mai tornare in Palestina, e non appartiene per intero nemmeno al mondo arabo.

Alla ricerca di Fatima. Una storia palestinese

Karmi Ghada

Le vecchie abitudini di punizioni e decotti “ristoratori” non sono cambiate, il rigore e l’acrimonia della nonna Esmeralda non si sono affievoliti col tempo. L’immaginario infantile di Margherita si ricostituisce e la costringe a rivivere emozioni accantonate, a riappropriarsi di quella parte del passato rimasta in bilico tra verità e leggenda, tra omissione e mistificazione. Margherita non avrebbe mai immaginato di dover viaggiare con la mente fino alla Francia degli anni ’20 e della poesia di Paul Valéry; di dover chinare la testa ed entrare nelle grotte a oltre 20 metri di profondità in cui le zie si rifugiavano durante la guerra e si divincolavano dalle braccia dei soldati tedeschi; di doversi domandare un giorno: sono figlia di un’assassina?

QUANDO LE VOLPI SI SPOSANO

Carturan Rossana

Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Se non ti vedo non esisti

Levante