Giallo - thriller - noir

Il passato non muore

Veroni Laura

Descrizione: Una donna viene trovata morta nel proprio appartamento in via Prima Cappella, ai piedi del Sacro Monte. Si tratta di Milva Rossi, psichiatra. A rinvenire il corpo, Susanna, la figlia di quattordici anni. La donna ha la gola squarciata. L'assassino non ha lasciato tracce, tranne una propria fugace apparizione davanti alla telecamera del condominio: si tratta di una donna dai capelli lunghi e scuri. È l'unico indizio per la polizia che comincia a indagare. Da questo momento ha inizio la caccia al killer che vede scendere in prima linea il P.M. Elena Macchi, affiancata dal commissario Auteri e dal vicecommissario Pozzi. Si indaga nella cerchia delle amicizie e dei colleghi di lavoro della vittima, nonché nella vita dell'ex marito e della sua nuova compagna. È in questa occasione che Elena Macchi conosce Athena Bini, giovane psicologa, nonché ex allieva della vittima. Athena prende in carico Susanna e la segue nel suo percorso di psicoterapia, per aiutarla a superare il trauma della morte della madre. Mentre la polizia brancola nel buio, un altro omicidio sconvolge la tranquillità della provincia di Varese. Le indagini portano ancora alla misteriosa donna dai capelli neri. Ulteriori ricerche conducono Elena Macchi nel borgo di Castiglione Olona, dove il dottor Del Fante la attende per parlare della sua collaborazione con la collega Rossi. Si fa strada così l'ipotesi che la donna dai capelli neri possa essere un'ex paziente della prima vittima e che abbia agito per vendetta. Ma la catena degli omicidi pare non doversi fermare. La situazione è forse sfuggita di mano alla killer...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Fratelli Frilli

Collana: Supernoir

Anno: 2020

ISBN: 9788869434204

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Il passato non muore di Laura Veroni, Fratelli Frilli Editori

Laura Veroni, dopo aver pubblicato con successo I delitti di Varese, Varese non aver paura, Concerto di morte e  Il fantasma di Giada (ndr: clicca sui titoli per visualizzare le schede delle opere), torna con la sua creatura letteraria, il magistrato Elena Macchi, ne Il passato non muore. Un libro giallo che si rifà in un certo qual modo ai precedenti “Varese, non aver paura” e “I delitti di Varese”, ma con una sua particolare autonomia. Il romanzo si apprezza per la sua piacevole scorrevolezza, per il tratteggio preciso e puntuale dei personaggi e per l’originalità della trama.

Protagonista assoluta della vicenda narrata, con perfetta ricostruzione, è il magistrato Elena Macchi, una donna con tante ferite nell’animo, di carattere refrattaria ai legami a causa di vincoli familiari problematici e di una educazione che l’hanno segnata. Figlia di un notaio, è una donna “a detta di tutti, inflessibile e determinata e caparbia, dal cuore di pietra… in realtà, una persona piena di insicurezze e fragilità, che si nascondeva dietro una maschera. Temuta da molti, rispettata da tutti per il suo temperamento forte, celava nel suo intimo un’anima di bambina ferita.”

Nel romanzo in commento Elena è alle prese con un caso tanto complicato quanto delicato: l’omicidio brutale di una psichiatra, Milva Rossi, brutalmente sgozzata all’interno del suo appartamento. L’assassino ha lasciato la sua immagine immortalata da una telecamera: si tratta di una donna bruna, dai capelli lunghi, vestita succintamente, scarpe tacco 12, con il viso coperto. Una donna che, vista la sfrontatezza del comportamento, pare non avere nulla da nascondere. Ma tutto è  avvolto in una nebbia che s’infittisce quando viene trovato il cadavere di un ex bidello, ucciso con modalità analoghe. Trovare la soluzione è un percorso irto di ostacoli, ma l’arguzia e l’intuizione aiuteranno l’operato della bella donna-magistrato.

La lettura è avvincente e intrigante, il finale inaspettato e sorprendente. La trama ben congegnata è arricchita da una prosa frizzante, precisa, mai ridondante nei particolari. Il giallo è ambientato a Varese, città descritta in modo diretto e puntiglioso nel corso della narrazione. Romanzo molto consigliato.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laura

Veroni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veroni Laura

Theresa Osborne, giornalista di Boston, divorziata e madre di un ragazzino dodicenne, raccoglie sulla spiaggia, durante una vacanza, una bottiglia contenente una lettera. Garrett, l'uomo che la firma, ha perso la donna amata e le strazianti parole del suo messaggio insinuano in Theresa una sottile curiosità. Profondamente turbata da emozioni che non riesce a frenare, Theresa si avventura, grazie anche a fortunate coincidenze, in una località turistica della costa alla ricerca del protagonista di questo amore infelice.

LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO

Sparks Nicholas

Capolavoro di inesprimibili e struggenti stati d'animo, Il paese delle nevi può essere considerato un piccolo poema in prosa, dove amore e morte si intrecciano in un'atmosfera di diffusa malinconia e di incombente tragedia.

Il paese delle nevi

Kawabata Yasunari

"Anche sulla luna ci sono della macchie nere", recita un proverbio bengalése, ed è proprio a Dhaka, capitale del Bangladesh che si svolge questa struggente e delicata storia d'amore e d'amicizia. Kazi e Aniza sono due dodicenni, amici del cuore, che vivono in uno dei tanti quartieri poveri della città. I ragazzi stanno sempre insieme e condividono gioie e dolori quotidiani, fino a quando Aniza non viene venduta, dalla sua famiglia, a una casa d'appuntamenti e Kazi, pieno di sensi di colpa per non essere riuscito a liberare l'amica, se ne va. Qualche anno più tardi si rincontreranno, e dovranno fare i conti con i lati oscuri del passato e con terribili minacce rappresentate da fanatici religiosi. Una storia scritta in modo armonioso, semplice e lineare, capace di raccontare la forza dell'amore e la volontà di riscatto di chi continua a sognare, nonostante tutto, un futuro migliore.

Le sfumature della luna

Saba Bilkis

“Tundurundù è il nomignolo affettuoso con cui mi chiamava mia madre sin dai primi mesi dell’infanzia”. Un viaggio affascinante tra pensieri e ricordi a un anno dalla morte della madre. L’occasione per una nuova consapevolezza del Trascendente che passa attraverso un rapporto materno denso di amore e di bellezza.

Tundurundù

Di Giandomenico Marco Eugenio