Giallo - thriller - noir

IL PAZIENTE

French Nicci

Descrizione: Londra. Un bambino dai capelli rossi è scomparso: il caso è su tutti i giornali, con tanto di dettagli macabri e orribili illazioni; la polizia è impotente; l'opinione pubblica è scossa. Frieda Klein, giovane psicanalista londinese, non potrebbe essere più lontana da tanto clamore. Il suo lavoro è già fin troppo intenso, con tutto il male di cui deve farsi carico esplorando la mente di persone turbate. La cronaca può aspettare. Finché arriva da lei un nuovo paziente, Alan. A quel punto, Frieda deve fare i conti con l'orrore della realtà più vera. Perché Alan, tormentato da inquietanti visioni, continua a vedere proprio il viso di un bambino dai capelli rossi...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Pandora

Anno: 2011

ISBN: 9788820051068

Trama

Le Vostre recensioni

Ho letto “Il paziente”, thriller psicologico scritto da due giornalisti inglesi, Sean French e Nicci Gerrard, coniugi che hanno fuso la loro identità nello pseudonimo di Nicci French. E’ una storia che percorre il ricco filone del quale fanno parte anche romanzi di successo come “La psichiatra” di Wulf Dorn o “L’ipnotista” di Lars Kepler.

E ho letto questa storia al ritmo delle evocazioni cinematografiche che il romanzo mi ha indotto.

La mia passione per lo ‘psico-dramma’ di tensione affonda le sue radici in due film in bianco e nero di Hitchcock: “Io ti salverò” e “Marnie”, che ho visto da adolescente e mi hanno molto impressionato.

Nel primo, corre l’anno 1945 e Ingrid Bergman veste i panni della dottoressa Constance Peterson. John Ballantines (Gregory Peck), è pesantemente sospettato di omicidio, ma la tenace dottoressa, per puro amore, crede nella sua innocenza e intende guarirlo da una grave amnesia e da una strana fobia: sì, perché il giovanotto perde i sensi al sol vedere linee scure parallele su fondo bianco … Curiosità: il regista si rivolse al surrealismo artistico di Salvador Dalì per concepire alcune scene (indimenticabili) di carattere onirico.

Nel secondo film, datato 1964, Tippie Hedren impersona Marnie, cleptomane e, anche lei, ricolma di psicosi: avversione fobica al sesso maschile (androfobia), paura per i temporali (e qui c’è l’imbarazzo della scelta semantica: astrafobia, brontofobia, ceraunofobia, cheimofobia, tonitrofobia), terrore per l’accostamento bianco-rosso (un ibrido tra leukofobia e erytofobia). Anche qui l’amore di Mark Rutland (Sean Connery, deciso a tutto pur di variare il cliché dello 007!) avrà una funzione taumaturgica e porterà a galla “il rimosso”.

Ebbene, il romanzo “Il paziente” – come i due film di Hitchcock citati – rispondono allo schema tipico del thriller psicologico classico: la turba manifesta permette all’analista/eroe di risalire la corrente e, attraverso un percorso tortuoso, riportare a galla – cioè guarire – il disagio.

Segnalo soltanto che, in epoca più recente, assistiamo a varianti di questo schema a lieto fine: come in “Analisi finale” del 1992, ove lo psichiatra Isaac (Richard Gere) deve penetrare i misteri di Heather (Kim Basinger), ma il risultato finale sarà l’unica forma di guarigione possibile: quella estrema.

La lettura de “Il paziente” mi ha evocato, per connessione d’argomento, almeno altri due film, le cui scene mi sono apparse davanti agli occhi con prepotenza in alcuni passaggi del libro.

Sorvolo sul legame viscerale e totalizzante che connette due gemelli omozigoti attraverso coincidenze e sovrapposizioni: anche questo è un tema al quale la cinematografia ha ampiamente attinto. Ma l’uccello impagliato che ciascuno dei due gemelli espone in bella mostra nel proprio appartamento mi ha ovviamente rimandato a Psycho, film nel quale lo stralunato Anthony Perkins ha il macabro hobby di imbalsamare volatili e pennuti.

E come non pensare alla Maryl Streep de “La scelta di Sophie”, dinnanzi a una madre che deve scegliere (certo, per premesse ben diverse!) quale figlio abbandonare?

Poi mi chiedo: ma questa mia lettura visionaria del romanzo, non sarà per caso dovuta alla frequentazione di www.i-FILMSonline.com ?

Concludo questa mia recensione sui generis con un’annotazione del tutto personale. Segnalo che un altro psico-thriller, tanto per rimanere in argomento, potrà essere ‘prelevato’ GRATUITAMENTE in formato e-book su “Amazon.it: ciesse edizioni: Kindle Store” (www.amazon.it) nella settimana dal 13 al 18 febbraio. Ringrazio chi vorrà approfittarne,  è “Il carnevale dei delitti” di …

…. Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicci

French

Libri dallo stesso autore

Intervista a French Nicci

MADRE E FIGLIO

Compton Burnett Ivy

Poesie del coraggio

Ci sono due tipi di passione. Una non mi piace, l'altra non m'interessa. Cosa hanno in comune la vita di Elsina Marone, miliardaria, impareggiabile ancheggiatrice e una breve esperienza da pilota di Formula 1, e quella di Salvatore Varriale detto (dai nemici) 'a Libellula, boss della camorra nascosto (dagli amici) in uno scantinato del casertano? E quelle di Peppino Valletta, romantico cantante di piano-bar, che vive per il figlio disabile, e di Linda Giugiù, imbattibile, o quasi, al tavolo da poker? O ancora quelle di Aristide Perrella, inesorabile e mostruosa forza della natura, di Donna Emma, perfida viceportiera in un signorile stabile sulla panoramica di Napoli, di Girolamo Santagata, "avvocato romano e misantropo internazionale", di Enza Condé, scienziata di fama planetaria, di Marco Valle, bolognese e taciturno, e di Settimio Valori, "infaticabile patrocinatore di se stesso e uomo di sconcertante banalità"? Hanno in comune che sono, appunto, vite. E come ogni vita sono composte di tutte le cose che ci sembrano decisive e non lo sono, di sparuti momenti di felicità e abissi di dolore, di una apparente monotonia rotta da squarci di luce e grazia, da illuminazioni improvvise, da migliaia di aspetti forse irrilevanti ma non per questo secondari. Partendo dai ritratti del fotografo Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino immagina l'esistenza delle persone immortalate, senza conoscere i loro nomi, le loro generalità, che cosa facciano o abbiano fatto.

Gli aspetti irrilevanti

Sorrentino Paolo

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène