Classici

Il pendolo di Foucault

Eco Umberto

Descrizione: Questo romanzo si svolge dall’inizio degli anni sessanta al 1984 tra una casa editrice milanese e un museo parigino dove è esposto il pendolo di Foucault. Si svolge dal 1943 al 1945 in un paesino tra Langhe e Monferrato. Si svolge tra il 1344 e il 2000 lungo il percorso del piano dei Templari e dei Rosa-Croce per la conquista del mondo. Si svolge interamente la notte del 23 giugno 1984, prima in piedi nella garitta del periscopio, poi in piedi nella garitta della statua della Libertà al Conservatoire des Arts et Métiers di Parigi. Si svolge la notte tra il 26 e il 27 giugno dello stesso anno nella stessa casa di campagna che Jacopo Belbo, il protagonista, ha ereditato da suo zio Carlo, mentre Pim rievoca le sequenze temporali di cui si è detto sopra. In sintesi: tre redattori editoriali, a Milano, dopo avere frequentato troppo a lungo autori “a proprie spese” che si dilettano di scienze occulte, società segrete e complotti cosmici, decidono di inventare, senza alcun senso di responsabilità, un Piano. Ma qualcuno li prende sul serio.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788845278662

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Quando, per dar prova della rotazione terrestre, Léon Foucault ideò il suo risolutivo pendolo, non si aspettava certo di essere ripreso in futuro da uno dei letterati contemporanei più importanti del panorama italiano: Umberto Eco, classe 1932, a esso ispiratosi per la redazione del suo secondo romanzo.

Pubblicato per la prima volta nel 1988 da Bompiani, “Il pendolo di Foucault” catapulta il lettore in un complesso intreccio di religione, cultura, filosofia, esoterismo, superstizione, rivisitando con acume e ironia le varie “teorie del complotto”, offrendo allo stesso una nuova possibilità di interpretazione della storia, dando man forte a un meccanismo che finisce con il mettere in discussione quelli che da sempre sono i pilastri della società occidentale.

Il gioco ha inizio con la volontà di Garamond, Jacopo Belbo, Diotallevi e la voce narrante Casaubon di promuovere un inedito filone letterario di carattere esoterico. Così facendo, il trio vuole suscitare curiosità negli appassionati del genere e indurli a reinterpretare liberamente quel passato che sino ad allora è stato dato per assodato. Purtroppo il confine tra realtà e finzione è labile, tanto da diventare pericoloso. A questi intrighi si affiancano le non meno semplici vicende personali dei protagonisti caratterizzate da un mix di manie, malattie, episodi e tormenti d’infanzia, e da uno sfondo storico cupo, difficile e volutamente non approfondito: quello del Dopoguerra, del Sessantotto, degli anni di piombo. Elementi dunque che, se da un lato restituiscono concretezza alla lettura, dall’altro non la rendono più piacevole perché per sua natura risulta complessa, eccessiva, irrazionale, al limite.

Pertanto, il filosofo offre una trama ricca di avvenimenti a cui si uniscono qualità stilistica, pluralità di argomenti trattati, nonché un ritratto dell’aspetto umano sviluppato proprio mediante il binomio complotto-esperienze presenti e passate dei personaggi.

In conclusione Eco cammina come un funambolo su quella linea sottile che separa il logico dall’illogico, la credulità dallo scetticismo, la riscoperta dall’apatia nel prendere tutto così com’è per mera, pura, semplice e radicata convinzione:  una penna erudita ed esperta invita a non fermarsi alle apparenze, a non fidarsi delle teorie così risolutive e convincenti tanto sposate dalle menti ingenue, a criticare i dogmi della cultura.

Diversamente apprezzato dalla critica, “Il pendolo di Foucault” è un’opera che, conformemente a quanto desiderato dall’autore e a prescindere dalla sua gradevolezza, è in grado di smuovere l’intelletto e l’anima di chi legge suscitando riflessioni, emozioni contrastanti, discussioni.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Umberto

Eco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eco Umberto

«David Golder è un libro che gronda odio, soprattutto verso il denaro e tutto ciò che può essere trasformato in denaro, oggetti e sentimenti, e verso le forme infinite che il denaro può assumere. Oggi, non ci rendiamo conto di cosa sia stato il denaro nel diciannovesimo secolo, o nella prima parte del ventesimo: una fiamma ardentissima, una colata di sangue disseccata, sbarre d’oro sciolte e di nuovo pietrificate. Diventava eros, pensiero, sensazioni, sentimenti, fango, abisso, potere, violenza, furore, come nella Comédie humaine ... David Golder è un libro durissimo e secchissimo, che incide di continuo terribili ritratti, che in parte ricordano la memorialistica e la tradizione aforistica francese».

DAVID GOLDER

Némirovsky Irène

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo

Πεταλούδες

Crudo e potente: così si presenta questo romanzo fin dalle prime pagine. Un’opera importante, la cui compiutezza sfiora la profondità di una riflessione filosofica sul potere e sulla violenza. È la storia di un affarista senza scrupoli che abbraccia l’ideale del dominio fino a farne la propria ragione di vita. L’uomo fa rapire una bambina, la piccola Isabel, in Amazzonia. La tiene con sé per anni, la sposa e le fa mettere al mondo una figlia, Marta. Intanto, sadico e consapevole, continua a gestire i suoi traffici, in nome di un successo che ai suoi occhi giustifica ogni aberrazione. Quando, anni dopo in Italia, Marta incontrerà Gianmario, un crescendo di tensione drammatica porterà a un finale sorprendente e inaudito.

TUTTO DEVE CROLLARE

Cannella Carlo