Classici

Il piacere

D'Annunzio Gabriele

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804495987

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Andrea Sperelli è diventato l’icona dell’esteta per eccellenza: una vita votata solo ed esclusivamente all’arte, in ogni forma essa si manifesti. Letteratura, pittura, scultura e persino architettura (e qualsiasi altro genere di arte “minore”) sono i parametri con i quali l’esteta si rapporta con la vita, una vita fatta di agi e di sfarzo. L’esteta è inevitabilmente appartenente all’aristocrazia, nutrito di tutto il disprezzo possibile per i “nuovi ricchi”, i borghesi, i quali, credendo di aver ragguagliato i loro rivali attraverso la ricchezza, restano in realtà ancorati alla loro volgarità, totalmente incapaci di elevarsi per mezzo dell’arte.

È nel quadro di una Roma completamente barocca che ha luogo la vicenda di Andrea Sperelli: una città attraversata dalla luce del tramonto, o illuminata dai lampioni della notte, durante la quale i maestosi palazzi di età papale vivono torbide esperienze. Il tentativo di vivere un’esistenza completamente all’insegna dell’istante, del piacere, sembra sostanzialmente essere riuscito ed aver dato ragione al protagonista, sennonché nella sua vita compare la bella Elena Muti: costei ammalierà a tal punto il giovane da diventare per lui un’ossessione. Il successivo abbandono sarà tanto scioccante da portare lo Sperelli a un comportamento che quasi gli costerà la vita: soltanto l’allontanamento dalla città e la vicinanza di un’amica della cugina, Maria Ferres, potranno guarirlo. L’amore provato nei confronti di quest’ultima gli concederà la speranza di una redenzione, di un cambiamento di vita, quasi religioso, ma il rientro in città lo farà cadere di nuovo nel limbo della perdizione, dalla quale aveva soltanto avuto l’impressione di poter fuggire.

Lacerato dall’amore verso due donne, il giovane, in nome di un’arte che diventa piuttosto follia, tenta una sintesi ideale, vicina alla perfezione, tra le due, tanto simili ma al contempo radicalmente opposte. Ma una vita condotta all’insegna dell’attimo, del fugace, della ricerca dell’ideale, non può avere nessuna forma di successo nella contingenza, nella realtà, in una società, come quella di inizio Novecento, che comincia ad essere sempre più in mano alla concretezza della borghesia. Andrea assisterà completamente inerte al suo trionfo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gabriele

D'annunzio

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Annunzio Gabriele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Così scrive Maria, la protagonista del nuovo, sorprendente romanzo di Paulo Coelho, all’inizio del suo diario. Maria è una ragazza del sertão brasiliano che, dopo aver incontrato un impresario teatrale sulla spiaggia di Rio de Janeiro, si lascia sedurre dal miraggio di una vita diversa. Trasferitasi a Ginevra, sfumato rapidamente il sogno di lavorare come ballerina di samba, la ragazza, con l’ingenuo cinismo di chi non ha ancora conosciuto il vero amore, affronterà la vita come un’avventura, cercando di conoscere il mondo e l’anima delle persone attraverso la lente dei fugaci incontri che la sua attività le impone, finché un pittore non saprà aprirle le porte di una nuova consapevolezza. Dall’autore di L’Alchimista, una sconvolgente meditazione sul sesso come strumento di conoscenza e di esplorazione di sé, un meraviglioso percorso di risveglio sensuale, emotivo e spirituale.

UNDICI MINUTI

Coelho Paulo

Una voce forte, corale e ipnotica racconta dunque la vita straordinaria di queste donne, partite dal Giappone per andare in sposa agli immigrati giapponesi in America, a cominciare da quel primo, arduo viaggio collettivo attraverso l’oceano. È su quella nave affollata che le giovani, ignare e piene di speranza, si scambiano le fotografie dei mariti sconosciuti, immaginano insieme il futuro incerto in una terra straniera. A quei giorni pieni di trepidazione, seguirà l’arrivo a San Francisco, la prima notte di nozze, il lavoro sfibrante, la lotta per imparare una nuova lingua e capire una nuova cultura, l’esperienza del parto e della maternità, il devastante arrivo della guerra, con l’attacco di Pearl Harbour e la decisione di Franklin D. Roosevelt di considerare i cittadini americani di origine giapponese come potenziali nemici. Fin dalle prime righe, la voce collettiva inventata dall’autrice attira il lettore dentro un vortice di storie fatte di speranza, rimpianto, nostalgia, paura, dolore, fatica, orrore, incertezza, senza mai dargli tregua. Un altro scrittore avrebbe impiegato centinaia di pagine per raccontare le peripezie di un intero popolo di immigrati, avrebbe sprecato torrenti di parole per dire cos’è il razzismo. Julie Otsuka ci riesce con queste essenziali, preziose pagine.

Venivamo tutte per mare

Otsuka Julie

Uno degli aspetti più straordinari dei disturbi dello spettro autistico è l'elevata frequenza di abilità speciali che in essi si rileva. È frequente che molte delle persone affette da questi disturbi possiedano abilità speciali nel campo della musica, dell'arte, del calcolo o della memoria. Perché soggetti con gravi compromissioni sul piano sociale e comunicativo sembrano predisposti a sviluppare l'orecchio assoluto, una memoria fotografica o la capacità di eseguire calcoli a velocità lampo? Questo libro esplora l'enigma del talento e il suo stretto legame con l'autismo indagando le numerose questioni che esso pone: esistono effetti genetici simili che predispongono al talento e all'autismo? Cosa c'è di speciale nei cervelli delle persone con abilità savant? Qual'è il modo migliore di promuovere i talenti in bambini e adulti con difficoltà comunicative e sociali? Con il contributo di alcune delle maggiori autorità mondiali, il volume cerca di districare il mistero delle abilità savant e di riflettere sul modo molto diverso in cui le persone con autismo vedono e comprendono il mondo. Una lettura stimolante per un pubblico interessato e scienze, arti e discipline umanistiche.

Autismo e talento

Happé Francesca

Miles Halter, solitario collezionista di Ultime Parole Famose, lascia la tranquilla vita di casa per cercare il suo Grande Forse a Culliver Creek, prestigiosa scuola dell'Alabama. È qui che conosce Alaska Young: brillante, svitata, imprevedibile e molto sexy. Per Miles sarà un enigma, un pensiero fisso, una magnifica ossessione... Età consigliata: da 14 anni

Cercando Alaska

Green John