Classici

Il piacere

D'Annunzio Gabriele

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804495987

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Andrea Sperelli è diventato l’icona dell’esteta per eccellenza: una vita votata solo ed esclusivamente all’arte, in ogni forma essa si manifesti. Letteratura, pittura, scultura e persino architettura (e qualsiasi altro genere di arte “minore”) sono i parametri con i quali l’esteta si rapporta con la vita, una vita fatta di agi e di sfarzo. L’esteta è inevitabilmente appartenente all’aristocrazia, nutrito di tutto il disprezzo possibile per i “nuovi ricchi”, i borghesi, i quali, credendo di aver ragguagliato i loro rivali attraverso la ricchezza, restano in realtà ancorati alla loro volgarità, totalmente incapaci di elevarsi per mezzo dell’arte.

È nel quadro di una Roma completamente barocca che ha luogo la vicenda di Andrea Sperelli: una città attraversata dalla luce del tramonto, o illuminata dai lampioni della notte, durante la quale i maestosi palazzi di età papale vivono torbide esperienze. Il tentativo di vivere un’esistenza completamente all’insegna dell’istante, del piacere, sembra sostanzialmente essere riuscito ed aver dato ragione al protagonista, sennonché nella sua vita compare la bella Elena Muti: costei ammalierà a tal punto il giovane da diventare per lui un’ossessione. Il successivo abbandono sarà tanto scioccante da portare lo Sperelli a un comportamento che quasi gli costerà la vita: soltanto l’allontanamento dalla città e la vicinanza di un’amica della cugina, Maria Ferres, potranno guarirlo. L’amore provato nei confronti di quest’ultima gli concederà la speranza di una redenzione, di un cambiamento di vita, quasi religioso, ma il rientro in città lo farà cadere di nuovo nel limbo della perdizione, dalla quale aveva soltanto avuto l’impressione di poter fuggire.

Lacerato dall’amore verso due donne, il giovane, in nome di un’arte che diventa piuttosto follia, tenta una sintesi ideale, vicina alla perfezione, tra le due, tanto simili ma al contempo radicalmente opposte. Ma una vita condotta all’insegna dell’attimo, del fugace, della ricerca dell’ideale, non può avere nessuna forma di successo nella contingenza, nella realtà, in una società, come quella di inizio Novecento, che comincia ad essere sempre più in mano alla concretezza della borghesia. Andrea assisterà completamente inerte al suo trionfo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gabriele

D'annunzio

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Annunzio Gabriele

Crimini su donne e bambine originarie delle società patriarcali e tribali

Novelli Noemi

Bristol, anni '80. Tar vuole fuggire da casa e soprattutto da suo padre, e Gemma, che lo ama benché contrastata dalla famiglia, decide di andare con lui. Ben presto si ritrovano a precipitare nella spirale dell'eroina, della quale pensavano di potersi liberare in ogni momento con la sola forza di volontà. Questa è la loro storia: una lotta costante per procurarsi l'eroina, a qualunque costo, sfidando la prigione e la morte; ma è anche una storia di rinascita e riscatto, di scelte coraggiose per liberarsi della dipendenza e di un nuovo inizio. Un diario a più mani, sullo sfondo di una Bristol cupa e notturna, tra case occupate e ritrovi punk. Età di lettura: da 13 anni.

Storia d’amore e perdizione

Burgess Melvin

Il romanzo che ha dato origine al film-culto di Spike Lee. L’opera che ci svela il lato oscuro della New York di oggi, tra i club privati di Downtown e i freddi locali di Wall Street, dove si aggirano brokers e uomini d’affari, gangster senza scrupoli e giovani senza illusioni.

La 25ª ora

Benioff David

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano