Classici

Il piccolo principe

De Saint-Exupery Antoine

Descrizione: È la storia dell'incontro tra un aviatore, costretto da un guasto ad un atterraggio di fortuna nel deserto, e un ragazzino alquanto strano, che gli chiede di disegnargli una pecora. Il bambino viene dallo spazio e ha abbandonato il suo piccolo pianeta perchè si sentiva troppo solo lassù: unica sua compagna era una rosa. Un libro che si rivolge ai ragazzi e "a tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano più", come dice lo stesso autore nella dedica del suo libro. Prefazione di Nico Orengo. Edizione speciale per i 70 anni. Età di lettura: da 8 anni.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788845273803

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

Mi pare scontato che un libro talmente famoso come quello in questione non abbia bisogno di alcuna recensione.  Di fatto, queste poche righe vogliono solo essere un promemoria: ogni tanto, tra un libro e l’altro, tra un piacere e un dovere, tra una fase e l’altra della nostra vita, riprendiamo in mano – o per mano – Il Piccolo Principe e rileggiamolo.

I viaggi, le avventure, gli incontri del piccolo principe, raccontati all’aviatore sperduto nel deserto, così concreti e al contempo assurdi, sono lo specchio di una società ipocrita e piena di falsi bisogni e necessità.

Ogni pagina restituisce al lettore l’essenza delle cose vere, delle cose che, banalmente, contano davvero e che perdiamo di vista, confuse nel nostro tran tran quotidiano.

Una storia semplice, deliziosa… per bambini? Sì, forse. Ma, per chi l’avesse scordato, noi “adulti” siamo, dopotutto, degli “ex bambini”, quindi questo libro è anche, ancora, rivolto a noi.

Lo scrittore Antoine de Saint-Exupéry arricchisce il racconto con disegni e colori e inoltre con la sua intrigante e misteriosa vicenda personale: aviatore di professione, dopo qualche mese dall’uscita del libro, e dal successo, partirà per una missione, l’ultima. Di lui e del suo aereo non fu mai più trovata alcuna traccia, esattamente come il suo piccolo protagonista.

Mettiamolo davvero, se serve, questo promemoria, dobbiamo pur ricordarcelo che non siamo sempre stati così vecchi, che dietro un cappello si può nascondere un intero mondo, che “l’essenziale è invisibile agli occhi”.

«Ma allora che ci guadagni?»

«Ci guadagno», – disse la volpe – «il colore del grano».

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antoine

Saint-exupery

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Saint-Exupery Antoine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati...

Dannati

Cooper Glenn

Tirannico e orgoglioso primo scalpellino d' America, il vecchio Nick Molise è di nuovo in crisi con la moglie. Nessuno dei figli ha voglia di intervenire; d'altronde Nick, che sarebbe stato un uomo più felice se non avesse avuto famiglia... i suoi quattro figli erano i chiodi che lo tenevano crocifisso a mia madre, non ha intenzione di chiedere nulla a nessuno, tanto più che se la spassa a meraviglia con i vecchi amici e, nonostante l'età, coltiva un mucchio di progetti. Può divertirsi, sbevazzare e gloriarsi quanto gli pare del suo grande passato (la città di San Elmo era il suo Louvre, il suo museo a cielo aperto offerto agli occhi del mondo). Il sogno, neppure troppo segreto, sarebbe una tribù di figli-muratori seguaci della sua arte, mentre gli tocca fare i conti con un frenatore di treni, un funzionarietto di banca e uno scrittore. In barba alla propria innata pigrizia, Henry - alias John Fante - lascia moglie e figli, si imbarca su un aereo e si tuffa alla volta dei genitori; giunto a San Elmo, il padre lo prende in contropiede, invitandolo a un'impresa assurda quanto inutile: costruire un essiccatoio per pelli di cervo, in una località impervia a duemila metri di altezza. Henry in un primo tempo esita, poi acconsente, attratto dalla banda di squinternati confratelli del babbo...

La confraternita del Chianti

Fante John

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’