Libri per ragazzi

Il piccolo regno

Wu Ming 4

Descrizione: Campagna inglese, anni Trenta. Per quattro ragazzi è il tempo delle conversazioni con gli animali, delle zuffe al villaggio, della casa-albero che custodisce segreti, dell'amicizia con Ned, eroe di guerra, un raro adulto che sa parlare coi bambini. Un giorno una pecora sprofonda in un tumulo, rivelando la tomba di un antico guerriero da cui il protagonista ruba un bracciale d'oro: lo spettro lo cerca, lascia tracce di sangue accanto alla sua stanza, prende le sembianze di un mastino nero. Tra le bugie e i misteri dei grandi, la ferocia di due gemelli troppo biondi e una tragedia ingiusta, la Gente Bassa scoprirà suo malgrado e tutto in una volta il male di vivere.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria italiana

Anno: 2016

ISBN: 9788845281129

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il piccolo regno è un libro scritto dal narratore come atto di memoria (“Si torna all’origine prima di diventare anche noi i ricordi di qualcuno, una fotografia nell’album di famiglia”) nei confronti di tre cugini co-protagonisti dalle alterne sorti, “Il piccolo regno” di Wu Ming 4 è il paese di campagna ove i bambini trascorrono le loro vacanze (“Ogni giorno studiavamo una nuova impresa a cui dedicarci con metodo, un territorio da esplorare, un nuovo gioco da sperimentare”).

Come spesso accade, il mondo dell’infanzia è pervaso dalle contrapposizioni con gli adulti (gente alta, gente bassa) e dilacerato nell’antinomia tra buoni (“Noi siamo fabiani”) e cattivi. Le gesta del narratore e di Julius, Ariadne e Fedro si svolgono veloci: esplorando il vecchio mulino, intervistando l’anziana coppia di archeologi, i Kirk, ammirando le imprese fluviali dell’eroe Ned, frequentando di malavoglia la villa dei Williamson.
Poi un incidente rivela la tomba di un antico guerriero sotto un tumulo. I ragazzi compiono un atto temerario: si impadroniscono di un monile e risvegliano così lo spettro del guerriero: “Il demone custodiva i tumuli affinché nessuno risvegliasse lo spettro del morto… Gli antichi credevano che il demone apparisse nelle sembianze di un grosso, feroce cane nero”…

La storia de Il piccolo regno è soffusa di nostalgia per un’infanzia avventurosa e promettente, che sarà seguita dai drammi della vita e delle sue guerre…

Wu Ming 4 è lo pseudonimo usato dall’autore, Federico Guglielmi, membro del gruppo Wu Ming, il cui sito è questo.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

4

Ming

Wu

Libri dallo stesso autore

Intervista a Wu Ming 4


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pierluigi Cappello

Una madre parla alla figlia tra le mura di una clinica serba. Al di là di una porta stanno preparando la sala operatoria. Eva ha appena compiuto diciotto anni e da quando è nata aspetta questo momento. Vuole cambiare sesso sottoponendosi all'intervento che la renderà come si è sempre sentita: uomo. Sua madre le parla col corpo, perché è il corpo ad essere sbagliato, ingannevole, traditore, un corpo come il suo che la natura stessa vuole negare. In un dialogo senza risposte, sospeso tra l'immaginato e il reale, la madre racconta la loro vita fino a quel momento, ne ripercorre i sentieri come muovendosi in una terra straniera. La sua voce è concreta, toccante, vivida e parla di una lotta che non ha vincitori né vinti, per cui non esiste resa, in cui la forma più pura dell'amore diventa bifronte e feroce.

La madre di Eva

Ferreri Silvia

È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

«Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Sindrome del distacco e tregua – parte terza

Cucchi Maurizio