Giallo - thriller - noir

IL POETA DI GAZA

Sarid Yishai

Descrizione: Il Minotauro trent’anni dopo. Un giovane ufficiale dei servizi segreti israeliani specializzato nella prevenzione degli attentati, in seguito alla morte di un prigioniero, ha un incarico differente dal solito. Deve avvicinare, fingendo di essere un aspirante romanziere, l’affascinante e misteriosa scrittrice Daphna. La donna è israeliana ma per qualche motivo i servizi segreti vogliono usarla per avvicinare il suo amico Hani, conosciutissimo poeta palestinese. L’innominato protagonista è in crisi, non sa più cosa è giusto e cosa è sbagliato nel suo lavoro, ma anche nella sua famiglia e nei rapporto con la moglie e con “il bambino”. Anche la famiglia di Daphna è in crisi a causa dei problemi del figlio tossicodipendente inseguito da un trafficante di Tel Aviv. L’unica famiglia a sembrare unita è quella di Hani, una famiglia palestinese tradizionale con legami molto stretti tra Hani e i figli, uno dei quali è il vero obiettivo dei servizi segreti. Man mano che il protagonista penetra nelle vite di Daphna e Hani i muri delle sue certezze crollano: i due fanno riemergere in lui sentimenti soffocati da anni di attentati, interrogatori muscolari e torture. Tuttavia porta avanti la sua missione obbligato dal senso del dovere e dai suoi solidi riflessi da soldato. Ma per quanto tempo ancora durerà? Un libro stupendo sulle contraddizioni dell’Israele di oggi, dei rapporti tra i vari settori della società, sul vivere sempre sotto pressione in un paese in guerra e su come ciò influenzi l’etica pubblica e personale.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni e/o

Collana: Tascabili Originals

Anno: 2012

ISBN: 9788866321132

Trama

Le Vostre recensioni

Un ufficiale dei servizi segreti israeliani vive un momento di alienazione. Interroga prigionieri palestinesi e  lo fa con particolare cattiveria, anche omicida.  Per tenerlo lontano dagli interrogatori gli viene affidato un compito delicato: dovrà avvicinare una scrittrice israeliana e il suo amico Hani, celebre poeta palestinese. Hani è il padre di un terrorista pericoloso e grazie a lui l’uomo potrà arrivare a suo figlio.

Daphna, la scrittrice, è molto affascinante. Dal primo  incontro l’uomo sente un coinvolgimento strano per  lei, ma è convinto che la missione sarà semplice. Eppure qualcosa non torna, perché il protagonista si allontana dalla sua famiglia per la dedizione ossessiva al lavoro e si invaghisce di Daphna. Entra in confidenza con Hani e ne carpisce l’umanità. Così entra in crisi, perché dietro al palestinese vede il nemico ma soprattutto l’uomo con una famiglia viva e presente.  Le ferite del suo animo si allargano sempre di più, si rende conto di vivere in un mondo alienato, che miete vittime anche tra i vivi perché li annichilisce in  conflitti irrisolvibili.

Il poeta di Gaza è un romanzo su due piani: mentre segui la storia personale dei personaggi ti invade un forte senso di lacerazione e per qualche secondo riesci a percepire quello che alberga nel cuore di chi vive in un paese dove la diffidenza è la chiave per sopravvivere.

La narrazione è in prima persona e del protagonista non si dice mai il nome, come se avesse perso l’identità anche nello stile. Lo strumento per la missione, chiamato inizialmente “l’uomo di Gaza”, malato e debolissimo, diventa “il poeta”, esemplare anche solo con la sua esistenza.

Il libro custodisce un messaggio di speranza in una storia intensa che nel finale lascia senza respiro.

L’amore si rivela sempre l’arma più potente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yishai

Sarid

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sarid Yishai

Nella teoria e nella filosofia dell’arte viene evidenziata di solito la differenza tra l’arte e le altre pratiche umane. Ciò fa sì che non vengano sufficientemente spiegate né la pluralità delle arti né la rilevanza dell’arte nell’ambito della forma di vita umana. Per questa ragione Georg W. Bertram propone una nuova impostazione nella definizione dell’arte, difendendo la tesi che nell’esperienza delle opere d’arte vengono rinegoziate diverse determinazioni della prassi umana. In questo senso, l’arte è una prassi riflessiva molto produttiva nell’ambito del rapporto dell’essere umano con il mondo. Di più: l’arte è una prassi della libertà.

L’arte come prassi umana

Bertram Georg W.

Edizione essenziale di «La fine è il mio inizio» - Domande e risposte su come fare una vita.

Fine inizio

Terzani Folco

Arlind non è ancora nato che già la vita si prende gioco di lui. Sua madre Lilla ha sognato che partorirà un'altra femmina, la quarta. Perciò ha promesso di darla in adozione alla cognata Eleni, che non può avere figli. Ma quando nascerà un maschio, Arlind, Lilla rinuncerà lo stesso a lui, perché in un villaggio albanese venir meno alla parola data attira la cattiva sorte. Arlind cresce con un profondo senso di smarrimento, che diventa a poco a poco dolore, e poi odio profondo. Unico punto di riferimento, il nonno Kristo che gli insegna "il discreto rumore del perdono". Nel frattempo un'onda travolge il mondo attorno a lui: il crollo dei regimi dell'Est. Cambia il mondo dei vivi, ma anche quello dei morti: e chi è stato creduto morto, si scopre essere vivo.

Non c’è dolcezza

Ibrahimi Anilda

A differenza dei vangeli che conosciamo, quello di Saramago svela sentimenti e intimità del personaggio, in una dimensione umana e a noi vicina. Gesù nasce da donna e dunque reca in sé debolezza, amore, sensualità. Gesù è un bambino scapestrato, un fanciullo della sua età, e un adolescente insicuro come tutti gli altri. Tuttavia, egli è anche creatura divina, generata da Dio, e in quanto tale subisce tutto il mistero e lo sconcerto di una lontananza incolmabile. Gesù vaga, vive nel deserto, apprende l'arte dei pastori, abbandona la famiglia e impara dal "Nemico di Dio" a crescere conoscendo il significato del dolore, della rinuncia, della sofferenza.

IL VANGELO SECONDO GESU’ CRISTO

Saramago José