Narrativa

Il prato in fondo al mare

Nievo Stanislao

Descrizione: 4 marzo 1861: parte da Palermo il battello a vapore “Ercole”, con a bordo Ippolito Nievo, in viaggio verso Napoli per riportare i documenti della spedizione garibaldina dei Mille cui aveva preso parte. Ma la nave “Ercole” nel corso di una violenta tempesta scompare nel nulla. Nessun superstite, nessuna traccia, nessuna inchiesta che riesca a capire cosa è accaduto. 5 marzo 1961: in occasione del centenario della scomparsa di Ippolito Nievo, Stanisalo, suo pronipote, viene abbagliato da un flash, che interpreta come un invito a riaprire le indagini su quella morte misteriosa. Stanislao Nievo dedica dieci anni della sua vita a raccogliere i materiali utili per ricostruire le fila di questo capitolo di storia patria. Così la vicenda di Nievo si sdoppia e si aggroviglia in tante storie diverse, e le ricerche non sono meno avventurose e romanzesche della fine leggendaria del vascello “Ercole”. Pubblicato nel 1974, il romanzo è il Premio Campiello 1975.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788831707497

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il prato in fondo al mare, Premio Campiello 1975, è l’omaggio vitale e letterario che Stanislao Nievo attribuisce – in qualità non soltanto di nipote – a  Ippolito Nievo. L’autore delle “Confessioni di un italiano” perì in circostanze misteriose (“L’uomo che li comandava era colonnello. Aveva la stessa età della nave su cui era imbarcato, 29 anni”) sul vascello a ruote denominato Ercole (“Benché ristrutturata più volte era una vecchia carretta”), forse inabissatosi tra Capri e Punta Campanella durante il viaggio che doveva riportare dalla Sicilia a Genova alcuni garibaldini (“Gli imbarcati sull’Ercole erano gli ultimi garibaldini che lasciavano la Sicilia”) e i documenti amministrativi inerenti la spedizione dei Mille (“L’amministrazione dei Mille… era ora sotto inchiesta”).

Quali furono le cause del naufragio (“Del vascello scomparso non fu trovato alcun segno”)?
Le teorie furono molteplici, poche le indagini svolte per appurare la verità (“Il 17 marzo 1861, 11 giorni dopo la scomparsa dell’Ercole, nasceva il regno d’Italia… L’attenzione del paese e delle sue sfere direttive era tutta presa da questo complicato parto nazionale. Nasceva l’Italia e i problemi più piccoli passavano in second’ordine”).
Si susseguirono sette ipotesi differenti, sette come le fatiche del mitico eroe omonimo della nave: “La ricerca aveva gettato tutte le esche… L’Ercole era una preda sfuggente. Quando i brandelli delle altre indagini si rivelavano inconsistenti, la ricerca continuava attraverso l’inconscio… Si era inserito un parallelo irritante, quasi infantile se non fantastico per un ricercatore, un mito ellenico, le fatiche d’Ercole.
Poi, accanto alle tesi più lineari (“Cos’è un colpo di mare? Una grande ondata, inaspettata di contromare, che arriva come un maglio smisurato contro il bordo della nave”) si affaccia una nuova possibilità: “Un’isola. Un’isola che sorge dal fondo, sbatte via tutto quel che trova, divora una nave e poi sprofonda nuovamente trascinando via i resti. Roba da Jules Vernes…”

Stanislao Nievo immagina le ultime ore trascorse dal vascello in pericolo (“Poi, dopo le due della notte, venne la tempesta”): è la parte forse più potente e immaginifica del romanzo (“Poche ore, ma un inferno. Il vento scendeva da nord. Da tramontana girò a maestrale e tutto si oscurò nel giorno nascente”).

Il nipote decide di condurre un’indagine personale (“8 giugno 1961: 100 anni, 3 mesi e 3 giorni dopo la scomparsa le poste italiane emettono un francobollo commemorativo, ricordo di Nievo, col viso azzurro diffuso di mare”) per ricostruire lo sfortunato epilogo.
E dispiega forze ed energie sia nella ricerca testimoniale (“Un uomo si era salvato. Un naufrago vivo. Uno solo. Ma c’era… Si sapeva soltanto che era stato portato a Napoli. E poi era sparito”) e documentale, sia nelle esplorazioni del fondale (“Jaques Piccard… scese sul fondo”), sia mediante il ricorso a indagini “alternative”, rivolgendosi a Gerard Croiset (“Da bambino aveva rischiato di affogare e l’incidente aveva accentuato il suo particolare potere investigativo a distanza”), a radiestesisti, paragnosti e sensitivi…

Nella parte finale del romanzo troviamo la descrizione accurata delle (tre) immersioni sperimentali, delle quali Stanislao approfittò per perlustrare il fondale del Tirreno. La seconda esplorazione (accostata al mito delle cavalle di Diomede) vive momenti drammatici perché la pinza del batiscafo rimane impigliata e ciò impedisce la risalita. Durante la terza discesa, lo scrittore è vicino alla soluzione: l’asportazione della ruota e della cassa del relitto potrebbe costituire una prova, che però si sfalda e si disintegra (“La nave non esisteva più. Il suo fantasma si sfaceva appena si giungeva a toccarlo”). Allora la solitudine di Nievo affiora in tutta la sua potenza artistica nella strana ricorrenza di coincidenze e assonanze classiche (“L’ultima fatica d’Ercole… era stata la lotta al di là del mare per catturare un cinto a uno strano nemico. La regina di un regno lontano. Una regina di nome Ippolita”)…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un giovane cui "difetta in via assoluta qualsiasi forma di voglia carnale per l'altro sesso" deve imparare a vivere celando la propria autentica identità. In pagine in cui risultano indissolubilmente commisti sessualità e candore, esultanza e disperazione, il protagonista di questo romanzo confessa le esperienze cruciali attraverso le quali è giunto a conoscere se stesso: dalla "adorazione indicibile" per un paio di calzoni all'elaborazione di fantasie sadomasochistiche, dall'identificazione con personaggi femminili celebri alle sconcertanti interpretazioni di fiabe e motivi iconografici occidentali... L'accettazione di se stesso come uomo diverso dagli altri uomini non si attua senza una lotta, tanto strenua quanto vana, per conquistare la normalità: simula vizi immaginari per far passare inosservate le proprie vere inclinazioni, si costringe a corteggiare giovinette per chiarire sino a qual punto la donna possa offrire piaceri reali, corregge con zelo manifestazioni di rischiosa passionalità... Ma "le emozioni non hanno simpatia per l'ordine fisso" e i suoi sentimenti reali rimangono, tenaci, quelli nascosti dalla maschera della correttezza ufficiale.

Confessioni di una maschera

Mishima Yukio

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

NIENT’ALTRO CHE AMARE

Di Cesare Amneris

Guido Marchisio, torinese, 46 anni, è un uomo arrivato. Dirigente di una multinazionale, appoggiato dai vertici, compagno di una donna molto più giovane: la sua pare una strada tutta in discesa. Fino al giorno in cui un uomo in un bar vicino allo stabilimento, un locale dove Guido non entra mai, gli chiede se lui non sia per caso Ernesto Bolle, suo compagno di scuola e di giochi negli anni Settanta, nel quartiere operaio della Falchera. Anche Ernesto, come Guido, aveva gli occhi di due colori diversi e un neo sullo zigomo sinistro. Guido nega, sprezzante, ma un pensiero comincia a tormentarlo, come un tarlo impossibile da sopprimere. Tra risvolti privati ed eventi pubblici, la vicenda di Guido si snoda verso un finale a sorpresa.

LE COLPE DEI PADRI

Perissinotto Alessandro