Narrativa

Il prato in fondo al mare

Nievo Stanislao

Descrizione: 4 marzo 1861: parte da Palermo il battello a vapore “Ercole”, con a bordo Ippolito Nievo, in viaggio verso Napoli per riportare i documenti della spedizione garibaldina dei Mille cui aveva preso parte. Ma la nave “Ercole” nel corso di una violenta tempesta scompare nel nulla. Nessun superstite, nessuna traccia, nessuna inchiesta che riesca a capire cosa è accaduto. 5 marzo 1961: in occasione del centenario della scomparsa di Ippolito Nievo, Stanisalo, suo pronipote, viene abbagliato da un flash, che interpreta come un invito a riaprire le indagini su quella morte misteriosa. Stanislao Nievo dedica dieci anni della sua vita a raccogliere i materiali utili per ricostruire le fila di questo capitolo di storia patria. Così la vicenda di Nievo si sdoppia e si aggroviglia in tante storie diverse, e le ricerche non sono meno avventurose e romanzesche della fine leggendaria del vascello “Ercole”. Pubblicato nel 1974, il romanzo è il Premio Campiello 1975.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788831707497

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il prato in fondo al mare, Premio Campiello 1975, è l’omaggio vitale e letterario che Stanislao Nievo attribuisce – in qualità non soltanto di nipote – a  Ippolito Nievo. L’autore delle “Confessioni di un italiano” perì in circostanze misteriose (“L’uomo che li comandava era colonnello. Aveva la stessa età della nave su cui era imbarcato, 29 anni”) sul vascello a ruote denominato Ercole (“Benché ristrutturata più volte era una vecchia carretta”), forse inabissatosi tra Capri e Punta Campanella durante il viaggio che doveva riportare dalla Sicilia a Genova alcuni garibaldini (“Gli imbarcati sull’Ercole erano gli ultimi garibaldini che lasciavano la Sicilia”) e i documenti amministrativi inerenti la spedizione dei Mille (“L’amministrazione dei Mille… era ora sotto inchiesta”).

Quali furono le cause del naufragio (“Del vascello scomparso non fu trovato alcun segno”)?
Le teorie furono molteplici, poche le indagini svolte per appurare la verità (“Il 17 marzo 1861, 11 giorni dopo la scomparsa dell’Ercole, nasceva il regno d’Italia… L’attenzione del paese e delle sue sfere direttive era tutta presa da questo complicato parto nazionale. Nasceva l’Italia e i problemi più piccoli passavano in second’ordine”).
Si susseguirono sette ipotesi differenti, sette come le fatiche del mitico eroe omonimo della nave: “La ricerca aveva gettato tutte le esche… L’Ercole era una preda sfuggente. Quando i brandelli delle altre indagini si rivelavano inconsistenti, la ricerca continuava attraverso l’inconscio… Si era inserito un parallelo irritante, quasi infantile se non fantastico per un ricercatore, un mito ellenico, le fatiche d’Ercole.
Poi, accanto alle tesi più lineari (“Cos’è un colpo di mare? Una grande ondata, inaspettata di contromare, che arriva come un maglio smisurato contro il bordo della nave”) si affaccia una nuova possibilità: “Un’isola. Un’isola che sorge dal fondo, sbatte via tutto quel che trova, divora una nave e poi sprofonda nuovamente trascinando via i resti. Roba da Jules Vernes…”

Stanislao Nievo immagina le ultime ore trascorse dal vascello in pericolo (“Poi, dopo le due della notte, venne la tempesta”): è la parte forse più potente e immaginifica del romanzo (“Poche ore, ma un inferno. Il vento scendeva da nord. Da tramontana girò a maestrale e tutto si oscurò nel giorno nascente”).

Il nipote decide di condurre un’indagine personale (“8 giugno 1961: 100 anni, 3 mesi e 3 giorni dopo la scomparsa le poste italiane emettono un francobollo commemorativo, ricordo di Nievo, col viso azzurro diffuso di mare”) per ricostruire lo sfortunato epilogo.
E dispiega forze ed energie sia nella ricerca testimoniale (“Un uomo si era salvato. Un naufrago vivo. Uno solo. Ma c’era… Si sapeva soltanto che era stato portato a Napoli. E poi era sparito”) e documentale, sia nelle esplorazioni del fondale (“Jaques Piccard… scese sul fondo”), sia mediante il ricorso a indagini “alternative”, rivolgendosi a Gerard Croiset (“Da bambino aveva rischiato di affogare e l’incidente aveva accentuato il suo particolare potere investigativo a distanza”), a radiestesisti, paragnosti e sensitivi…

Nella parte finale del romanzo troviamo la descrizione accurata delle (tre) immersioni sperimentali, delle quali Stanislao approfittò per perlustrare il fondale del Tirreno. La seconda esplorazione (accostata al mito delle cavalle di Diomede) vive momenti drammatici perché la pinza del batiscafo rimane impigliata e ciò impedisce la risalita. Durante la terza discesa, lo scrittore è vicino alla soluzione: l’asportazione della ruota e della cassa del relitto potrebbe costituire una prova, che però si sfalda e si disintegra (“La nave non esisteva più. Il suo fantasma si sfaceva appena si giungeva a toccarlo”). Allora la solitudine di Nievo affiora in tutta la sua potenza artistica nella strana ricorrenza di coincidenze e assonanze classiche (“L’ultima fatica d’Ercole… era stata la lotta al di là del mare per catturare un cinto a uno strano nemico. La regina di un regno lontano. Una regina di nome Ippolita”)…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Arrivata a Londra in cerca di fortuna, Iris, attraverso la tenacia e i compromessi riesce ad ottenere il successo tanto desiderato, ma ormai è diventata incapace di goderselo. Il ricordo costante della sua terra, la Grecia, del suo primo amore e dei dialoghi con il suo primo grande amico la tengono divisa tra i sogni di gloria e le insoddisfazioni. L'incontro con un vagabondo segnerà l'inizio di un viaggio introspettivo alla scoperta di sé stessa che raggiungerà il suo culmine con la conoscenza di Dimitri, un uomo che ha lasciato il lavoro della sua vita, il circo, per qualcosa che vale di più. Dopo cinque anni, per Iris, è arrivato il momento di innamorarsi di nuovo. Però proprio quando la vita inizia a sorriderle capisce che deve partire nuovamente, ma non più in cerca di fortuna, questa volta scappa da qualcosa. Una storia che svela il segreto della felicità, il significato dei tradimenti, il sottile confine tra amicizia e amore, il senso della vita e il valore di un legame che resiste alla distanza, al tempo, ai silenzi, alla morte... e a far da sfondo a tutto questo, una promessa impossibile da mantenere... forse.

TI PROMETTO

Pezzolla Indro

C'era una volta la Provincia italiana ricca, felice e molto produttiva. Che commerciava con l'estero, dava del tu ai colossi oltre confine con l'orgoglio di una identità, prima che nazionale, comunale. C'era un tempo in cui anche gli stupidi facevano soldi, in un paese dove il PIL cresceva di due cifre l'anno. Dove i soldi guadagnati con allegria, spensieratezza e persine cafonaggine venivano ben esibiti in beni di lusso. Poi arrivarono i guru della globalizzazione a dire che si doveva cambiare, ad andare in televisione a sponsorizzare mercati stellari in Cina e a sostenere che il vecchio modello, quello dove si stava bene, andava male. Questa è "la storia della mia gente", non solo degli "stracciaroli di Prato", ma di una provincia felice e intelligente, sacrificata alla globalizzazione.

Storia della mia gente

Nesi Edoardo

OCEANO MARE

Baricco Alessandro

Come si fa a diventare buoni? E, soprattutto, che cosa significa essere buoni? Katie Carr non se l'è mai chiesto: una donna che ha scelto di diventare medico per aiutare gli altri e che ha cresciuto i figli ai valori morali più profondi non ha nemmeno bisogno di porsi la questione. Finché quella donna non tradisce il marito. E allora il marito, David, decide di dare una svolta alla sua vita. Abbandona le arguzie sarcastiche con le quali non risparmiava nessuno, nemmeno la moglie e i figli, e rinuncia a versare veleno su tutto e tutti nella rubrica che firmava regolarmente su un quotidiano locale; insomma, smette di essere «l'uomo più arrabbiato di Holloway» per diventare buono. Ma buono sul serio. Niente di più azzeccato, a questo punto, dell' entrata in scena di BuoneNuove. Con tanto di piercing alle sopracciglia, una storia di droga alle spalle e tecniche di guarigione dello spirito e del corpo capaci di sfidare tutta la scienza medica, BuoneNuove aiuta David a mettere a punto strategie di bontà e varare progetti piccoli e grandi per contribuire a risolvere il problema della sofferenza umana: lasagne prese dal congelatore di casa per sfamare i barboni del parco, giocattoli e computer sottratti ai figli per intrattenere i bambini meno fortunati, esortazioni agli abitanti della via perché ciascuna famiglia metta a disposizione una stanza per un senzatetto e infine un bel manuale di istruzioni su come redistribuire equamente le ricchezze mondiali. Com'è prevedibile, Katie perde ogni punto di riferimento: il marito è irriconoscibile, i due figli si schierano l'uno con la madre e l'altra col padre, e lei deve sopportare la convivenza coatta con BuoneNuove e un senzatetto che si fa chiamare Scimmia. E, catapultata in una realtà tutta nuova, è costretta a riflettere anche sulla crisi del suo matrimonio.

COME DIVENTARE BUONI

Hornby Nick