Letteratura araba

Il primo scrittore egiziano nominato per il Premio Nobel per la letteratura

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

TahaHusseinAll’inizio di ogni anno gli organizzatori del Premio Nobel aprono i loro archivi di cinquant’anni prima. Ci vorrà molto tempo quindi prima che divengano pubblici i dati relativi alle nomination del 1988  (2038!), l’anno in cui Naguib Mahfouz ha vinto il premio. Il database delle nomination è stato aggiornato solo con i dati relativi al periodo tra il 1901 e il 1950.



Se provate a fare una ricerca per paese, troverete che la maggior parte delle nomination della prima metà del 20simo secolo sono di autori europei: 226 di autori francesi, 156 di autori inglesi, 133 danesi e così via.

Un solo iraniano ad essere nominato (Abolghassem Etessam Zadeh), un afgano (Mohammad H Khan), e due nomination dal Giappone  — entrambe per Toyohiko Kagawa.

Ci sono anche due nomination per un autore egiziano, nel 1949 e 1950 – gli ultimi due anni per i quali i dati sono disponibili – entrambe per Taha Hussein. Non ci è dato sapere nulla a parte i nomi di coloro che lo hanno nominato: Ahmad Lutfi el-Sayed and Bernard Guyon.

tahahussein10-hpHussein, che è addirittura stato Google Doodled (che è praticamente la stessa cosa che ricevere il premio Nobel), ha diverse opere tradotte in inglese, anche se la maggior parte di queste sono fuori produzione o pubblicate dalla  General Egyptian Book Organization e non disponibili al di fuori dell’Egitto. Hussein (1889 – 1973) ha avuto un ruolo influente e controverso sia come riformatore sociale che come romanziere.

Hussein ha certamente influenzato Naguib Mahfouz e molti altri con il suo stile filo-europeo. Il famoso romanziere egiziano Bahaa Taher, ha dichiarato al giornalista Mohammad Shoair che Hussein lo ha introdotto alla gioia per la letteratura:

 ”Durante il liceo, la libraria di scuola mi disse, “invece di giocare nel cortile, perchè non passi del tempo a leggere in biblioteca? Da allora, Taha Hussein è stato il mio compagno” ridendo “il giorno in cui ho letto “I giorni” di Hussein, è stata la svolta della mia vita”.

I giorni, le memorie di Hussein, è probabilmente la sua miglior opera. La prima parte (Una infanzia egiziana) fu pubblicata in più uscite tra il 1926 e il 1927. Fu seguita dalla seconda parte, sempre in più uscite nel 1940, e dalla terza nel 1967. La traduzione inglese è apparsa in un volume unico nel 2001.

Molti in Egitto hanno chiesto che l’opera venisse rimossa dal curriculum di studi scolastici per aver macchiato l’immagine di  Al Azhar.

Ci si immagina che quando le informazioni sulle nomination successive saranno disponibili, i prossimi scrittori egiziani ad apparire saranno Tawfiq al-Hakim, nel decennio successivo, seguito da Yusuf Idris, Tayib Salih, Adonis, e Naguib Mahfouz, among tra gli altri.


*     *     *     *

Articolo tradotto dall’inglese, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2013/01/05/the-first-egyptian-nominated-for-the-nobel-prize-for-literature/



...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un freddo giorno di autunno del 1686 la diciottenne Nella Oortman arriva ad Amsterdam per iniziare una nuova vita, come moglie di un ricco mercante, Johannes Brandt. La casa in cui giunge Nella, benché splendente, non sembra essere accogliente nei suoi confronti: Johannes è freddo con lei, anche sessualmente, sempre preso dalle sue attività commerciali, oppure chiuso nel suo studio. Così Nella rimane sola con la sorella di suo marito, Marin, che non sembra gradire la nuova e giovane presenza, guarda Nella con sospetto ma nasconde una seconda vita, dietro l'apparenza dell'istitutrice. Il mondo di Nella cambia quando Johannes le fa un dono di nozze: una miniatura perfetta della casa in cui vivono.

Il miniaturista

Burton Jessie

Ferrara. È una notte afosa di inizio agosto...

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico.

Mazzoni Lorenzo

Una vincita insperata in un casinò sul confine cambogiano-thailandese, e Robert, giovane insegnante inglese in vacanza, decide di non tornare più al torpido grigiore del Sussex e restare invece in Cambogia, come «barang» a tempo indeterminato - uno dei tanti espatriati occidentali che «cacciano al buio», cercando a tentoni la felicità in un mondo che non potranno mai comprendere appieno, e finiscono per lasciarsi semplicemente trascinare alla deriva. Ma anziché la chiave d'accesso a una nuova vita, quella vincita si rivelerà l'innesco di una reazione a catena, destinata a coinvolgere un americano incongruamente elegante, un poliziotto locale dal lugubre passato e la rampolla di un ricco cambogiano.

Cacciatori nel buio

Osborne Lawrence

Rose è delusa dalla sua vita pur non avendone motivo: ha una bella famiglia e una deliziosa casa in un bel quartiere. Ma per Rose questa vita ordinaria è messa in ombra dalla sua altra vita, quella che vive ogni notte nei suoi sogni. Da bambina, in seguito a un incidente, ha iniziato a sognare una meravigliosa isola ricca di avventure. Su quest’isola non è mai stata sola: c’è sempre Hugo, un ragazzo coraggioso che cresce assieme a lei negli anni fino a diventare il suo eroe. Ma quando Rose incontra casualmente Hugo nella vita vera, sia i suoi sogni che la vita reale cambieranno per sempre. Si trova infatti davanti l’uomo che ha condiviso le sue incredibili avventure in luoghi impossibili, che è cresciuto assieme a lei, ma ambedue sono molto diversi da come si erano immaginati. Il loro incontro dà il via a una cascata di domande e bugie, e a una pericolosa ossessione, che minaccia di rovesciare il mondo di Rose. Lei vorrà veramente perdere tutto ciò che le è caro per capire lo straordinario rapporto che li unisce?

Hugo e Rose

Bridget Foley