Letteratura araba

Il primo scrittore egiziano nominato per il Premio Nobel per la letteratura

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

TahaHusseinAll’inizio di ogni anno gli organizzatori del Premio Nobel aprono i loro archivi di cinquant’anni prima. Ci vorrà molto tempo quindi prima che divengano pubblici i dati relativi alle nomination del 1988  (2038!), l’anno in cui Naguib Mahfouz ha vinto il premio. Il database delle nomination è stato aggiornato solo con i dati relativi al periodo tra il 1901 e il 1950.



Se provate a fare una ricerca per paese, troverete che la maggior parte delle nomination della prima metà del 20simo secolo sono di autori europei: 226 di autori francesi, 156 di autori inglesi, 133 danesi e così via.

Un solo iraniano ad essere nominato (Abolghassem Etessam Zadeh), un afgano (Mohammad H Khan), e due nomination dal Giappone  — entrambe per Toyohiko Kagawa.

Ci sono anche due nomination per un autore egiziano, nel 1949 e 1950 – gli ultimi due anni per i quali i dati sono disponibili – entrambe per Taha Hussein. Non ci è dato sapere nulla a parte i nomi di coloro che lo hanno nominato: Ahmad Lutfi el-Sayed and Bernard Guyon.

tahahussein10-hpHussein, che è addirittura stato Google Doodled (che è praticamente la stessa cosa che ricevere il premio Nobel), ha diverse opere tradotte in inglese, anche se la maggior parte di queste sono fuori produzione o pubblicate dalla  General Egyptian Book Organization e non disponibili al di fuori dell’Egitto. Hussein (1889 – 1973) ha avuto un ruolo influente e controverso sia come riformatore sociale che come romanziere.

Hussein ha certamente influenzato Naguib Mahfouz e molti altri con il suo stile filo-europeo. Il famoso romanziere egiziano Bahaa Taher, ha dichiarato al giornalista Mohammad Shoair che Hussein lo ha introdotto alla gioia per la letteratura:

 ”Durante il liceo, la libraria di scuola mi disse, “invece di giocare nel cortile, perchè non passi del tempo a leggere in biblioteca? Da allora, Taha Hussein è stato il mio compagno” ridendo “il giorno in cui ho letto “I giorni” di Hussein, è stata la svolta della mia vita”.

I giorni, le memorie di Hussein, è probabilmente la sua miglior opera. La prima parte (Una infanzia egiziana) fu pubblicata in più uscite tra il 1926 e il 1927. Fu seguita dalla seconda parte, sempre in più uscite nel 1940, e dalla terza nel 1967. La traduzione inglese è apparsa in un volume unico nel 2001.

Molti in Egitto hanno chiesto che l’opera venisse rimossa dal curriculum di studi scolastici per aver macchiato l’immagine di  Al Azhar.

Ci si immagina che quando le informazioni sulle nomination successive saranno disponibili, i prossimi scrittori egiziani ad apparire saranno Tawfiq al-Hakim, nel decennio successivo, seguito da Yusuf Idris, Tayib Salih, Adonis, e Naguib Mahfouz, among tra gli altri.


*     *     *     *

Articolo tradotto dall’inglese, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2013/01/05/the-first-egyptian-nominated-for-the-nobel-prize-for-literature/



...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IL LIBRO DELL’INQUIETUDINE

Pessoa Fernando

Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia tra l’occhieggiare di antiche tombe e il vorticare di corsi d’acqua carezzati dall’opulenza degli oleandri. È qui che la famiglia Carpinteri si raduna intorno al capezzale di zia Anna, scivolata in una svagata ma presaga demenza senile. Esistono davvero le pietre di cui la donna vaneggia nel suo letto? Dove sono nascoste? Ma soprattutto, qual è il nodo che lega la zia al bellissimo Bede, vero custode della proprietà e ambiguo factotum? Come acqua nel morbido calcare i Carpinteri scavano nel passato, cercano negli armadi, rivelano segreti - vogliono, all’unisono, verità mai dette e ricchezze mai avute. Tra le ombre del giorno e i chiarori della notte, emergono influenze di notabili locali, traffici con i poteri occulti, e soprattutto passioni ingovernabili. Le voci di Mara, nipote prediletta di Anna, e di Bede ci guidano dentro questo sinuoso labirinto di relazioni, rimozioni, memorie, fino a scavalcare il confine della stessa morte. Simonetta Agnello Hornby mette a fuoco, con la sapienza di una immaginazione maestosa, un micromondo che pare allargarsi, con un brivido, a rappresentare i guasti, le ambizioni e le ansie di liberazione dell’universo famigliare, tutto intero.

IL VELENO DELL’OLEANDRO

Agnello Hornby Simonetta

In un freddo giorno di autunno del 1686 la diciottenne Nella Oortman arriva ad Amsterdam per iniziare una nuova vita, come moglie di un ricco mercante, Johannes Brandt. La casa in cui giunge Nella, benché splendente, non sembra essere accogliente nei suoi confronti: Johannes è freddo con lei, anche sessualmente, sempre preso dalle sue attività commerciali, oppure chiuso nel suo studio. Così Nella rimane sola con la sorella di suo marito, Marin, che non sembra gradire la nuova e giovane presenza, guarda Nella con sospetto ma nasconde una seconda vita, dietro l'apparenza dell'istitutrice. Il mondo di Nella cambia quando Johannes le fa un dono di nozze: una miniatura perfetta della casa in cui vivono.

Il miniaturista

Burton Jessie

Il silenzio di Calli è popolato di immagini. Qualcosa di terribile le ha strappato la voce, ma non è riuscito a mettere a freno la sua fantasia. Il bosco è un rifugio per lei, ne conosce tutti gli angoli, sa dare un nome a ogni singolo rumore. Ma un giorno qualcuno la trascina fra quegli alberi così familiari, e per la prima volta si sente smarrita. Petra è la sua migliore amica, la compagna di giochi che la comprende alla perfezione. Qualcosa di molto più forte delle parole le unisce. Tutto accade una tranquilla mattina d'estate, e mentre sorge l'alba in una piccola cittadina dell'Iowa, due famiglie scoprono che le loro bambine sono scomparse. Antonia ha provato a essere la madre perfetta per Calli, nei limiti di un matrimonio che la lega a un uomo assente e spesso irascibile. E ora teme che in gioco ci sia ben altro che la voce di sua figlia. In un crescendo di tensione e colpi di scena, le due famiglie si confrontano con i propri limiti, con timori ancestrali e con il peso di segreti troppo difficili da rivelare, perché nulla è ciò che sembra... Una storia profonda raccontata, dove la fantasia e l'amicizia riescono a scalfire il più fìtto dei silenzi.

IL PESO DEL SILENZIO

Gudenkauf Heather