Classici

Il processo

Kafka Franz

Descrizione: Josef K. condannato a morte per una colpa inesistente è vittima del suo tempo. Sostiene interrogatori, cerca avvocati e testimoni soltanto per riuscire a giustificare il suo delitto di "esistere". Ma come sempre avviene nella prosa di Kafka, la concretezza incisiva delle situazioni produce, su personaggi assolutamente astratti, il dispiegarsi di una tragedia di portata cosmica. E allora tribunale è il mondo stesso, tutto quello che esiste al di fuori di Josef K. è processo: non resta che attendere l'esecuzione di una condanna da altri pronunciata.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 1988

ISBN: 9788804307686

Recensito da ElisabettaTerigi

Le Vostre recensioni

Qualcuno doveva aver calunniato Josef K., perché senza che avesse fatto niente di male, una mattina fu arrestato<

Inizia così il celebre romanzo di Franz Kafka, scritto tra il 1914 e il 1915, dedicato all’uomo e alla sua colpa. Josef K., procuratore trentenne di una grande banca praghese, scopre di dover affrontare un processo, ma non se ne capacita. Non riesce ad accettare di essere ritenuto colpevole da una giustizia che non comprende e non conosce. Non è disposto ad accettare una condanna, perché ritiene di non aver violato alcuna legge. Si ritrova invece imputato, obbligato a difendersi. Assiste alle sedute di un processo misterioso. Le udienze sono celebrate in edifici polverosi e cadenti. Luoghi, come questi, spogli e poveri fanno da sfondo a ogni scena del romanzo. In un appartamento sordido vive l’avvocato di Josef K. In una misera soffitta abita il pittore Tintorelli, personaggio che, attraverso le sue conoscenze in tribunale, dovrebbe aiutare il protagonista.

Per discolparsi l’eroe kafkiano affronta una burocrazia infernale, fatta di procedimenti oscuri, libri polverosi, palazzi tutti uguali di periferie. Una lotta impari, che il protagonista vuole combattere fino all’ultimo, perseguendo il suo nobile obiettivo: la proclamazione d’innocenza. La fine di Josef K. però non può che essere tragica.

Il romanzo racconta così la storia di un singolo, ma anche quella di ogni essere umano. Allude alla solitudine dell’uomo e all’impossibilità di stabilire un rapporto con il mondo che lo circonda. È ricco di significati simbolici e rimandi alla cultura ebraica, ma anche pieno di realismo. Lo scrittore fornisce sempre tutti i dettagli possibili, anche quelli in apparenza inutili alla comprensione del testo nella sua essenzialità. Con questa strategia riesce a coinvolgere il lettore nel suo universo narrativo.

Inizialmente il Processo appare facile da capire, senza un intreccio troppo elaborato, con un linguaggio semplice. Nonostante le apparenze, però, l’opera nasconde in sé mille significati che emergono, uno alla volta, ad ogni nuova lettura. Con estrema semplicità si ritrovano temi universali come la colpa e il rispetto della legge, ai quali Kafka riserva non solo il linguaggio piano del racconto, ma anche quello della parabola. Chi si affeziona a quest’opera, non smette mai di leggerla e rimane sconcertato dalla scoperta di un particolare che prima non aveva notato e che ora appare essenziale per la comprensione del testo.

Per descrivere l’originalità del romanzo basta pensare al suo lettore, trascinato in una realtà altra, credibile per come realisticamente è narrata, ma assolutamente surreale se vista nel complesso.

Chi legge il Processo entra dentro il romanzo e vive la vicenda secondo il punto di vista di Josef K., pur senza rendersene conto. L’autore praghese infatti compone un lungo monologo interiore. Il narratore, pur raccontando la vicenda in terza persona e con un formale distacco, si mette sempre nei panni del protagonista e, non solo racconta secondo la sua prospettiva, ma sembra essere a conoscenza della sua sola verità. Secondo il germanista Ladislao Mittner, il lettore ha l’impressone di assistere al resoconto dei fatti, mentre in realtà si trova costantemente dalla parte del personaggio, la vittima.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franz

Kafka

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kafka Franz

Come ogni anno, un «padre che è anche un nonno» va in Svezia a curare i suoi interessi e visitare la famiglia che ha abbandonato. Il padre ha cultura e tradizioni che si scontrano con la «svedesità» dei figli. E il suo atteggiamento borioso non facilita di certo i rapporti. Un tacito accordo vincola il figlio a occuparsi di lui a ogni penoso ritorno. Ora che a sua volta ha dei figli, un lavoro che odia e una vita da cui vuole fuggire, forse in fondo non sopporta di vedersi riflesso nel padre. Anche sua sorella è già madre e incinta di un altro bambino che non è sicura di voler tenere: la sorte del feto sarà affidata a una singola connessione telefonica. Ma dieci giorni possono influenzare in modo inatteso le dinamiche di una famiglia tormentata dai fantasmi del passato e dai non detti del presente. Se per questi buffi personaggi, che potrebbero essere scappati dal set di un film di Wes Anderson, esiste una possibilità di riscatto, può venire solo dall’innocenza e dalla freschezza delle nuove generazioni.

La clausola del padre

Khemiri Jonas Hassen

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu

Balzano Anna Maria

L’altare dei morti

James Henry

Le coincidenze non esistono. Aurélie Bredin ne è sicura. Giovane e attraente chef, Aurélie gestisce da qualche anno il ristorante di famiglia, Le Temps des cerises. È in quel piccolo locale con le tovaglie a quadri bianchi e rossi in rue Princesse, a due passi da boulevard Saint-Germain, che il padre della ragazza ha conquistato il cuore della futura moglie grazie al suo famoso Menu d’amour. Ed è sempre lì, circondata dal profumo di cioccolato e cannella, che Aurélie è cresciuta e ha trovato conforto nei momenti difficili. Ora però, dopo una brutta scottatura d’amore, neanche il suo inguaribile ottimismo e l’accogliente tepore della cucina dell’infanzia riescono più a consolarla. Un pomeriggio, più triste che mai, Aurélie si rifugia in una libreria, dove si imbatte in un romanzo intitolato Il sorriso delle donne. Incuriosita, inizia a leggerlo e scopre un passaggio del libro in cui viene citato proprio il suo ristorante. Grata di quel regalo inatteso, decide di contattare l’autore per ringraziarlo. Ma l’impresa è tutt’altro che facile. Ogni tentativo di conoscere lo scrittore – un misterioso ed elusivo inglese – viene bloccato da André, l’editor della casa editrice francese che ha pubblicato il romanzo. Aurélie non si lascia scoraggiare e, quando finalmente riuscirà nel suo intento, l’incontro sarà molto diverso da ciò che si era aspettata. Più romantico, e nient’affatto casuale. Con mano fresca, leggera e piena di passione, Nicolas Barreau mescola amore, un pizzico di mistero, lo charme di Parigi e la sensualità della cucina per regalarci una storia tenera e gustosa, che nutre e scalda il cuore.

GLI INGREDIENTI SEGRETI DELL’AMORE

Barreau Nicolas