Classici

Il processo

Kafka Franz

Descrizione: Josef K. condannato a morte per una colpa inesistente è vittima del suo tempo. Sostiene interrogatori, cerca avvocati e testimoni soltanto per riuscire a giustificare il suo delitto di "esistere". Ma come sempre avviene nella prosa di Kafka, la concretezza incisiva delle situazioni produce, su personaggi assolutamente astratti, il dispiegarsi di una tragedia di portata cosmica. E allora tribunale è il mondo stesso, tutto quello che esiste al di fuori di Josef K. è processo: non resta che attendere l'esecuzione di una condanna da altri pronunciata.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 1988

ISBN: 9788804307686

Recensito da ElisabettaTerigi

Le Vostre recensioni

Qualcuno doveva aver calunniato Josef K., perché senza che avesse fatto niente di male, una mattina fu arrestato<

Inizia così il celebre romanzo di Franz Kafka, scritto tra il 1914 e il 1915, dedicato all’uomo e alla sua colpa. Josef K., procuratore trentenne di una grande banca praghese, scopre di dover affrontare un processo, ma non se ne capacita. Non riesce ad accettare di essere ritenuto colpevole da una giustizia che non comprende e non conosce. Non è disposto ad accettare una condanna, perché ritiene di non aver violato alcuna legge. Si ritrova invece imputato, obbligato a difendersi. Assiste alle sedute di un processo misterioso. Le udienze sono celebrate in edifici polverosi e cadenti. Luoghi, come questi, spogli e poveri fanno da sfondo a ogni scena del romanzo. In un appartamento sordido vive l’avvocato di Josef K. In una misera soffitta abita il pittore Tintorelli, personaggio che, attraverso le sue conoscenze in tribunale, dovrebbe aiutare il protagonista.

Per discolparsi l’eroe kafkiano affronta una burocrazia infernale, fatta di procedimenti oscuri, libri polverosi, palazzi tutti uguali di periferie. Una lotta impari, che il protagonista vuole combattere fino all’ultimo, perseguendo il suo nobile obiettivo: la proclamazione d’innocenza. La fine di Josef K. però non può che essere tragica.

Il romanzo racconta così la storia di un singolo, ma anche quella di ogni essere umano. Allude alla solitudine dell’uomo e all’impossibilità di stabilire un rapporto con il mondo che lo circonda. È ricco di significati simbolici e rimandi alla cultura ebraica, ma anche pieno di realismo. Lo scrittore fornisce sempre tutti i dettagli possibili, anche quelli in apparenza inutili alla comprensione del testo nella sua essenzialità. Con questa strategia riesce a coinvolgere il lettore nel suo universo narrativo.

Inizialmente il Processo appare facile da capire, senza un intreccio troppo elaborato, con un linguaggio semplice. Nonostante le apparenze, però, l’opera nasconde in sé mille significati che emergono, uno alla volta, ad ogni nuova lettura. Con estrema semplicità si ritrovano temi universali come la colpa e il rispetto della legge, ai quali Kafka riserva non solo il linguaggio piano del racconto, ma anche quello della parabola. Chi si affeziona a quest’opera, non smette mai di leggerla e rimane sconcertato dalla scoperta di un particolare che prima non aveva notato e che ora appare essenziale per la comprensione del testo.

Per descrivere l’originalità del romanzo basta pensare al suo lettore, trascinato in una realtà altra, credibile per come realisticamente è narrata, ma assolutamente surreale se vista nel complesso.

Chi legge il Processo entra dentro il romanzo e vive la vicenda secondo il punto di vista di Josef K., pur senza rendersene conto. L’autore praghese infatti compone un lungo monologo interiore. Il narratore, pur raccontando la vicenda in terza persona e con un formale distacco, si mette sempre nei panni del protagonista e, non solo racconta secondo la sua prospettiva, ma sembra essere a conoscenza della sua sola verità. Secondo il germanista Ladislao Mittner, il lettore ha l’impressone di assistere al resoconto dei fatti, mentre in realtà si trova costantemente dalla parte del personaggio, la vittima.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franz

Kafka

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kafka Franz

PORNO BLOC

Belli Marco

Tiziano Ferro nasce a Latina il 21 febbraio del 1980. A cinque anni riceve come regalo di Natale una tastiera: con quella scrive e compone le sue prime canzoni, due delle quali saranno inserite nell'album Nessuno è solo. Durante l'adolescenza prende lezioni di chitarra, canto, pianoforte, batteria, entra nel Coro Gospel di Latina. A ottobre 2001 esce per la Emi il suo primo album Rosso relativo, lanciato dal singolo Xdono. Ottiene un successo pressoché immediato - anche a livello internazionale. Vince il Premio Italiano della Musica come Artista rivelazione del 2001 e nell'estate 2002 il premio come Miglior Artista Esordiente al Festivalbar. Nell'autunno 2003 esce il secondo album, anticipato dal singolo Xverso, dal titolo autobiografico di 111, che prende il nome dal peso del cantante raggiunto durante l'adolescenza. Grazie a numerosi singoli (tra cui Sere nere), ottiene risultati straordinari, rimanendo ai vertici della classifica italiana per quattordici mesi. Nell'estate 2004 un nuovo tour lo porta in giro per l'Italia, con il tutto esaurito. In quell'anno, vince il premio MTv Europe Music Awards come Miglior artista italiano, il Premios Oye! come Miglior cantante Pop latino maschile, riceve il premio Billboard Latin Music Awards come miglior brano Pop latino dell'anno. L'album Nessuno è solo esce nel giugno 2006: è preceduto dal brano Stop!Dimentica ed è pubblicato in quarantaquattro Paesi, sbancando le classifiche europee e sudamericane.

TRENT’ANNI E UNA CHIACCHIERATA CON PAPA’

Ferro Tiziano

Vivere di Ilaria Spes in una videopoesia di Massimo Rotundo

Un uomo di molti mestieri è incaricato di un delicato restauro. La statua del crocifisso contiene segreti che si rivelano solo al tatto. Bisogna risalire a diverse nudità per eseguire. C'entra una città di mare e un villaggio di confine, un amore d'azzardo e una volontà di imitazione.

La natura esposta

De Luca Erri