Il professore di Viggiù

Nove Aldo

Descrizione: Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Categoria:

Editore: Bompiani

Collana: Narratori italiani

Anno: 2018

ISBN: 9788845296581

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aldo Nove affida a Il professore di Viggiù (“Il Professore era lo straniero. Uno straniero gentile e un custode di più profondi segreti. Il Professore era l’Altro”) onore e onere di rivelare verità.

Nell’immaginazione letteraria, tuttavia, è Il professore di Viggiù – una sorta di novello Zarathustra – che consegna al panettiere Matteo un manoscritto da recapitare ad Aldo Nove, affinché lo divulghi: “Voleva che te lo consegnassi perché a tua volta lo trascrivessi, e lo pubblicassi. Senza cambiare una parola. Nella speranza che raggiungesse il maggior numero di persone…”

L’occasione consente di riflettere su scrittura ed editoria, con qualche buona parola anche per i (poveri e sparuti) lettori:
I pochi che ancora si ricordano di me continuano a considerarmi uno scrittore cannibale, cosa che è quanto di più lontano da me possa essere ma che pure mi porto dietro come una pigra, svuotata etichetta, in un paese di deficienti in cui editori e lettori non si sottraggono certo alla demenza, alla povertà mentale e di valori del resto della popolazione per il fatto che leggono o dicono di leggere libri (sarebbe troppo facile).” 

Un libro… Le case editrici, ormai tutte sull’orlo della bancarotta e nella consapevolezza dell’imminente sparizione del libro in quanto oggetto, lo avrebbero comprensibilmente snobbato. E io, come scrittore, mi sono sottratto sempre più vertiginosamente al serrato gioco di reciproci favori, di accordi presi in inutili feste autopromozionali, ad accordi di finta amicizia e sicura convenienza con uffici stampa e insomma a tutto il lavoro di public relation apparentemente secondario, ma in realtà fondante che caratterizza la figura dello scrittore da una decina d’anni a questa parte, a prescindere dal valore intrinseco del libro, visto che non c’è più nessuno in grado di determinarlo, essendo i critici dei giornali o scrittori falliti e rabbiosi nei confronti di quelli che falliti non sono (ancora), o ragazzini sottopagati e dediti al taglia e incolla rimaneggiato di recensioni altrui e infine a «colleghi» che fanno cordata per promuoversi a vicenda e rafforzare i loro piccoli gruppi di potere con i quali si spartiscono premi letterari e presenziano a demenziali fiere o saloni…”

Le verità rivelate sono cosmogoniche (“Tutto di te esiste dall’inizio dei tempi… si è aggregato in tribù di idrogeno ed elio, di ossigeno e carbonio, per formare in vortici di luce atomi e corpi. E poi stelle, galassie e mondi, miti e culture che un giorno si scioglieranno per diventare altro, in un racconto con infinite varianti che… sono il Romanzo dell’uomo”) e s’impennano nella critica socio-economica: “Il capo supremo di questa religione mortale è in realtà immateriale… Si chiama Finanza, ed è un mostro che ha divorato millenni di civiltà.”

Nella seconda parte dell’opera scorrono in sequenza eventi surreali (“L’intera sala delle contrattazioni di Wall Street è stata invasa da migliaia di scoiattoli”), grotteschi (“Un canguro dichiara sciolta l’Unione Europea”) e improbabili (“Donald Trump si è dimesso… dopo una clamorosa dichiarazione”) che sono sinistri segnali di una civiltà fatiscente e condannata all’implosione. Fatti salvi eventuali interventi risolutivi di chi può e sa rivelare verità luminose ai mentecatti…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo

Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano

Una nuova avventura per Stella Spada. Diventata responsabile dell’agenzia investigativa SS, in questo romanzo dovrà indagare, con il suo metodo molto personale, sul caso di una ragazza scomparsa da quindici anni.

Terra alla terra

Lusetti Lorena

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Sospettando che ci sia qualcosa di strano nella sepoltura del padre, l'adolescente Kenneth Tyler e sua sorella Corrie fanno una terribile scoperta: la bara è stata profanata. Ma scoperchiando altre tombe, capiscono che c'è di peggio: cadaveri evirati, morti composti in fogge oscene. A dedicarsi alle perverse pratiche necrofile è l'impresario funebre, Fenton Breece. Mentre sua sorella vorrebbe ricattare il becchino, Tyler è invece ossessionato dall'idea di consegnarlo al giudizio della legge e degli uomini. Deve però sfuggire a Granville Sutter, un criminale assunto da Fenton Breece per recuperare - ad ogni costo - le prove incriminanti raccolte dal ragazzo. Comincia così l'avventurosa fuga per la salvezza del giovane Tyler, un inseguimento per le tortuose lande dell'Harrikin, oscura terra di nessuno e di confine.

CREPUSCOLO

Gay William