Il professore di Viggiù

Nove Aldo

Descrizione: Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Categoria:

Editore: Bompiani

Collana: Narratori italiani

Anno: 2018

ISBN: 9788845296581

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aldo Nove affida a Il professore di Viggiù (“Il Professore era lo straniero. Uno straniero gentile e un custode di più profondi segreti. Il Professore era l’Altro”) onore e onere di rivelare verità.

Nell’immaginazione letteraria, tuttavia, è Il professore di Viggiù – una sorta di novello Zarathustra – che consegna al panettiere Matteo un manoscritto da recapitare ad Aldo Nove, affinché lo divulghi: “Voleva che te lo consegnassi perché a tua volta lo trascrivessi, e lo pubblicassi. Senza cambiare una parola. Nella speranza che raggiungesse il maggior numero di persone…”

L’occasione consente di riflettere su scrittura ed editoria, con qualche buona parola anche per i (poveri e sparuti) lettori:
I pochi che ancora si ricordano di me continuano a considerarmi uno scrittore cannibale, cosa che è quanto di più lontano da me possa essere ma che pure mi porto dietro come una pigra, svuotata etichetta, in un paese di deficienti in cui editori e lettori non si sottraggono certo alla demenza, alla povertà mentale e di valori del resto della popolazione per il fatto che leggono o dicono di leggere libri (sarebbe troppo facile).” 

Un libro… Le case editrici, ormai tutte sull’orlo della bancarotta e nella consapevolezza dell’imminente sparizione del libro in quanto oggetto, lo avrebbero comprensibilmente snobbato. E io, come scrittore, mi sono sottratto sempre più vertiginosamente al serrato gioco di reciproci favori, di accordi presi in inutili feste autopromozionali, ad accordi di finta amicizia e sicura convenienza con uffici stampa e insomma a tutto il lavoro di public relation apparentemente secondario, ma in realtà fondante che caratterizza la figura dello scrittore da una decina d’anni a questa parte, a prescindere dal valore intrinseco del libro, visto che non c’è più nessuno in grado di determinarlo, essendo i critici dei giornali o scrittori falliti e rabbiosi nei confronti di quelli che falliti non sono (ancora), o ragazzini sottopagati e dediti al taglia e incolla rimaneggiato di recensioni altrui e infine a «colleghi» che fanno cordata per promuoversi a vicenda e rafforzare i loro piccoli gruppi di potere con i quali si spartiscono premi letterari e presenziano a demenziali fiere o saloni…”

Le verità rivelate sono cosmogoniche (“Tutto di te esiste dall’inizio dei tempi… si è aggregato in tribù di idrogeno ed elio, di ossigeno e carbonio, per formare in vortici di luce atomi e corpi. E poi stelle, galassie e mondi, miti e culture che un giorno si scioglieranno per diventare altro, in un racconto con infinite varianti che… sono il Romanzo dell’uomo”) e s’impennano nella critica socio-economica: “Il capo supremo di questa religione mortale è in realtà immateriale… Si chiama Finanza, ed è un mostro che ha divorato millenni di civiltà.”

Nella seconda parte dell’opera scorrono in sequenza eventi surreali (“L’intera sala delle contrattazioni di Wall Street è stata invasa da migliaia di scoiattoli”), grotteschi (“Un canguro dichiara sciolta l’Unione Europea”) e improbabili (“Donald Trump si è dimesso… dopo una clamorosa dichiarazione”) che sono sinistri segnali di una civiltà fatiscente e condannata all’implosione. Fatti salvi eventuali interventi risolutivi di chi può e sa rivelare verità luminose ai mentecatti…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo

Poesie di Franco Di Carlo: La conoscenza – parte terza

In un tranquillo villaggio del Berkshire viene trovato il cadavere di una donna. Principale sospettato è un ospite del professor Kate Fansler, detective per caso e necessità, alter ego dell'autrice e protagonista di una serie di racconti gialli in cui le indagini coinvolgono sempre un mostro sacro della letteratura inglese. Il caso in questione sembrerebbe riguardare un inedito manoscritto di James Joyce...

Un delitto per James Joyce

Cross Amanda

È una sera di ottobre del 1942. La locanda di Proskurov è gremita di militari in trasferta. Il pastore venuto ad assistere un condannato a morte deve dividere la stanza con un capitano in partenza per il fronte di Stalingrado. È la guerra, la guerra di Hitler. La notte è nera e tempestosa, la follia nazista e la morte ammorbano l'aria, eppure in quella stanza trionfa la vita. La bella Melanie sale le scale di nascosto e viene ad abbracciare per l'ultima volta il suo capitano. In tre dividono pane e miele, un sorso di caffè vero. Poi, mentre gli amanti si appartano in un angolo, il pastore si immerge nella storia dell'uomo che verrà fucilato per diserzione: negli atti del processo trova la strada per giungere al suo cuore. E in carcere, più tardi, pastore e condannato si dicono addio come fratelli. All'alba il plotone d'esecuzione si metterà in marcia, l'aereo del capitano decollerà per Stalingrado. Ma in quella notte inquieta sguardi, abbracci, voci e parole uniscono per sempre, e rendono giustizia assoluta.

NOTTE INQUIETA

Goes Albrecht

Pubblicato nell'aprile del 1950 e considerato dalla critica il libro più bello di Pavese, "La luna e i falò" è il suo ultimo romanzo. Il protagonista, Anguilla, all'indomani della Liberazione torna al suo paese delle Langhe dopo molti anni trascorsi in America e, in compagnia dell'amico Nuto, ripercorre i luoghi dell'infanzia e dell'adolescenza in un viaggio nel tempo alla ricerca di antiche e sofferte radici. Storia semplice e lirica insieme, "La luna e i falò" recupera i temi civili della guerra partigiana, la cospirazione antifascista, la lotta di liberazione, e li lega a problematiche private, l'amicizia, la sensualità, la morte, in un intreccio drammatico che conferma la totale inappartenenza dell'individuo rispetto al mondo.

La luna e i falò

Pavese Cesare