Il professore di Viggiù

Nove Aldo

Descrizione: Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Categoria:

Editore: Bompiani

Collana: Narratori italiani

Anno: 2018

ISBN: 9788845296581

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Aldo Nove affida a Il professore di Viggiù (“Il Professore era lo straniero. Uno straniero gentile e un custode di più profondi segreti. Il Professore era l’Altro”) onore e onere di rivelare verità.

Nell’immaginazione letteraria, tuttavia, è Il professore di Viggiù – una sorta di novello Zarathustra – che consegna al panettiere Matteo un manoscritto da recapitare ad Aldo Nove, affinché lo divulghi: “Voleva che te lo consegnassi perché a tua volta lo trascrivessi, e lo pubblicassi. Senza cambiare una parola. Nella speranza che raggiungesse il maggior numero di persone…”

L’occasione consente di riflettere su scrittura ed editoria, con qualche buona parola anche per i (poveri e sparuti) lettori:
I pochi che ancora si ricordano di me continuano a considerarmi uno scrittore cannibale, cosa che è quanto di più lontano da me possa essere ma che pure mi porto dietro come una pigra, svuotata etichetta, in un paese di deficienti in cui editori e lettori non si sottraggono certo alla demenza, alla povertà mentale e di valori del resto della popolazione per il fatto che leggono o dicono di leggere libri (sarebbe troppo facile).” 

Un libro… Le case editrici, ormai tutte sull’orlo della bancarotta e nella consapevolezza dell’imminente sparizione del libro in quanto oggetto, lo avrebbero comprensibilmente snobbato. E io, come scrittore, mi sono sottratto sempre più vertiginosamente al serrato gioco di reciproci favori, di accordi presi in inutili feste autopromozionali, ad accordi di finta amicizia e sicura convenienza con uffici stampa e insomma a tutto il lavoro di public relation apparentemente secondario, ma in realtà fondante che caratterizza la figura dello scrittore da una decina d’anni a questa parte, a prescindere dal valore intrinseco del libro, visto che non c’è più nessuno in grado di determinarlo, essendo i critici dei giornali o scrittori falliti e rabbiosi nei confronti di quelli che falliti non sono (ancora), o ragazzini sottopagati e dediti al taglia e incolla rimaneggiato di recensioni altrui e infine a «colleghi» che fanno cordata per promuoversi a vicenda e rafforzare i loro piccoli gruppi di potere con i quali si spartiscono premi letterari e presenziano a demenziali fiere o saloni…”

Le verità rivelate sono cosmogoniche (“Tutto di te esiste dall’inizio dei tempi… si è aggregato in tribù di idrogeno ed elio, di ossigeno e carbonio, per formare in vortici di luce atomi e corpi. E poi stelle, galassie e mondi, miti e culture che un giorno si scioglieranno per diventare altro, in un racconto con infinite varianti che… sono il Romanzo dell’uomo”) e s’impennano nella critica socio-economica: “Il capo supremo di questa religione mortale è in realtà immateriale… Si chiama Finanza, ed è un mostro che ha divorato millenni di civiltà.”

Nella seconda parte dell’opera scorrono in sequenza eventi surreali (“L’intera sala delle contrattazioni di Wall Street è stata invasa da migliaia di scoiattoli”), grotteschi (“Un canguro dichiara sciolta l’Unione Europea”) e improbabili (“Donald Trump si è dimesso… dopo una clamorosa dichiarazione”) che sono sinistri segnali di una civiltà fatiscente e condannata all’implosione. Fatti salvi eventuali interventi risolutivi di chi può e sa rivelare verità luminose ai mentecatti…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Magda Tiller era una moglie felice. Ora non più. Suo marito l’ha tradita e deve pagare il suo tradimento. Nella villa isolata nella campagna toscana dove i due coniugi trascorrono da anni le vacanze, non è difficile commettere un crimine senza essere visti. E nascondere un cadavere… Magda ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Finché un piccolo granello non inceppa la catena perfetta delle sue azioni…

DORMI PER SEMPRE

Thiesler Sabine

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche in Italia viene chiesto: «A cosa serve?». Dietro questa domanda agisce una vera e propria rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura e della creazione intellettuale («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini economiche, sta il fatto che la storia testimonia un’immagine della creazione intellettuale decisamente rovesciata rispetto a quella che si va affermando oggi. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». Se si vuole mantenere viva la presenza della cultura classica in Italia, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole.

A che servono i Greci e i Romani?

Bettini Maurizio

1311. In missione segreta per conto dell'imperatore, Dante fa il suo ingresso a Venezia, una città umida e inospitale, che lui detesta. Non ha intenzione di trattenersi a lungo, ma poi viene fermato da un uomo che sembra sapere molte cose su di lui e soprattutto sull'opera che sta scrivendo, l'Inferno, e che lo invita alla riunione di una setta in possesso di una reliquia straordinaria: la Sindone del diavolo. Così, quando alcune persone vengono trovate morte in circostanze misteriose, il poeta capisce che a Venezia sta accadendo qualcosa di molto strano. Qualcosa su cui è necessario indagare...

La sindone del diavolo

Leoni Giulio

Racconti sul tema dell'amore e dell'inganno in cui passione e abbandono, magia e perdizione, amori duraturi e amori fugaci, erotismo e romanticismo descrivono l'universo di questo sentimento nelle sue svariate forme.

AMORI STREGATI

Jelloun Tahar Ben