Fantasy

IL PROFUMO DEL SANGUE

Singh Nalini

Descrizione: Ellie è la migliore cacciatrice di vampiri di New York, perché possiede il dono innato di «fiutare» la brama di sangue. Ma ora persino lei si trova in difficoltà: deve infatti neutralizzare Uram, un arcangelo che si è trasformato in un efferato assassino. Una missione praticamente impossibile, cui lei però non può sfuggire. Perché le è stato affidato da Raphael, l’affascinante arcangelo della città, uno degli immortali più potenti della Terra. Che vuole Ellie anche come sua nuova amante…

Categoria: Fantasy

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2011

ISBN: 9788842917014

Trama

Le Vostre recensioni

Un nuovo libro urban-fantasy sull’intramontabile e gettonatissimo mito dei vampiri.

Editrice Nord propone, come variazione sul tema, questo sensualissimo romanzo con protagonista Elena, una cacciatrice di vampiri alle prese con un caso pericoloso e insolito.

Nella storia di Nalini Singh, primo capitolo di una saga che ha già scalato le classifiche americane direttamente dalla Nuova Zelanda, dove vive l’autrice, non ci sono soltanto vampiri nel novero delle specie magiche e letali per l’uomo, ma anche una singolare stirpe di angeli, che dismessi i “panni” asessuati tradizionali, si presentano come creature smaccatamente preda di umane passioni e meno nobili istinti.

La cacciatrice di vampiri, in questo primo episodio della serie, è chiamata ad aiutare il potentissimo arcangelo Raphael nella ricerca e sconfitta dell’angelo caduto Uram, diventato un mostro assetato di sangue in preda ad una folle brama di potere.

Un viaggio in un universo fantasy che strizza l’occhio alla letteratura erotico – sentimentale, adatto a chi avendo apprezzato le saghe new gothic più adatte alle adolescenti, è in cerca di un’opera di intrattenimento dai toni decisamente più adulti.

Divertente la serrata storia d’amore nell’ormai classica e intramontabile coppia umana – essere soprannaturale, che per questa volta – chi l’avrebbe detto? – ha come protagonista maschile addirittura un arcangelo!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nalini

Singh

Libri dallo stesso autore

Intervista a Singh Nalini


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le madri atroci

Dazieri Sandrone

Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

Dodecamenos/inverno

Giuliani Rania

“Non so niente di mio fratello morto, se non che gli ho voluto bene. Sento moltissimo la sua mancanza, e tuttavia non so chi ho perso. Ho perso il piacere della sua compagnia, la gratuità del suo affetto, la serenità dei suoi giudizi, la complicità del suo senso dell’umorismo, ho perso la quiete. Ho perso quel po’ di tenerezza che c’era ancora al mondo. Ma chi ho perso?” Daniel Pennac sorprende ancora una volta il lettore con un oggetto letterario estremamente originale e toccante che intreccia il celebre racconto di Melville, Bartleby lo scrivano, alle vicende di vita del fratello Bernard. Poco tempo dopo la morte del fratello Bernard, Daniel Pennac allestisce una lettura scenica di un celebre racconto di Melville, Bartleby lo scrivano. Per il personaggio di Bartleby, lui e Bernard avevano la medesima predilezione. Alternando qui gli estratti del suo adattamento tea­trale di Bartleby e gli aneddoti su Bernard, ricordi affettuosi, divertenti o spietati, battute piene di humour e di lucidità, Daniel Pennac tratteggia il ricordo del fratello scomparso, vero e proprio complice, insostituibile compagno di vita. E al contempo mette in luce una singolare affinità tra i due personaggi. Come Bartleby, Bernard era sempre più incline a ritrarsi deliberatamente dalla vita sociale, a un rifiuto categorico di aggravare l’entropia. A questa testimonianza di affetto fraterno, Pennac affianca riflessioni appassionate sul teatro, la recitazione e le maschere sociali. Il tutto costituisce un singolare libro d’amo­re, insieme profondo, lucido e toccante.

Mio fratello

Pennac Daniel