Fantasy

IL PROFUMO DEL SANGUE

Singh Nalini

Descrizione: Ellie è la migliore cacciatrice di vampiri di New York, perché possiede il dono innato di «fiutare» la brama di sangue. Ma ora persino lei si trova in difficoltà: deve infatti neutralizzare Uram, un arcangelo che si è trasformato in un efferato assassino. Una missione praticamente impossibile, cui lei però non può sfuggire. Perché le è stato affidato da Raphael, l’affascinante arcangelo della città, uno degli immortali più potenti della Terra. Che vuole Ellie anche come sua nuova amante…

Categoria: Fantasy

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2011

ISBN: 9788842917014

Trama

Le Vostre recensioni

Un nuovo libro urban-fantasy sull’intramontabile e gettonatissimo mito dei vampiri.

Editrice Nord propone, come variazione sul tema, questo sensualissimo romanzo con protagonista Elena, una cacciatrice di vampiri alle prese con un caso pericoloso e insolito.

Nella storia di Nalini Singh, primo capitolo di una saga che ha già scalato le classifiche americane direttamente dalla Nuova Zelanda, dove vive l’autrice, non ci sono soltanto vampiri nel novero delle specie magiche e letali per l’uomo, ma anche una singolare stirpe di angeli, che dismessi i “panni” asessuati tradizionali, si presentano come creature smaccatamente preda di umane passioni e meno nobili istinti.

La cacciatrice di vampiri, in questo primo episodio della serie, è chiamata ad aiutare il potentissimo arcangelo Raphael nella ricerca e sconfitta dell’angelo caduto Uram, diventato un mostro assetato di sangue in preda ad una folle brama di potere.

Un viaggio in un universo fantasy che strizza l’occhio alla letteratura erotico – sentimentale, adatto a chi avendo apprezzato le saghe new gothic più adatte alle adolescenti, è in cerca di un’opera di intrattenimento dai toni decisamente più adulti.

Divertente la serrata storia d’amore nell’ormai classica e intramontabile coppia umana – essere soprannaturale, che per questa volta – chi l’avrebbe detto? – ha come protagonista maschile addirittura un arcangelo!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nalini

Singh

Libri dallo stesso autore

Intervista a Singh Nalini


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Bellano 1916. In una fredda serata di metà dicembre una fedele parrocchiana, la Stampina, si presenta in canonica: ha urgente bisogno di parlare con il prevosto. Suo figlio Geremia, che in trentadue anni non ha mai dato un problema, da qualche settimana sembra aver perso la testa per una donna: vuole sposarla o si butterà nel lago. L'oggetto del suo desiderio è Giovenca Ficcadenti, che insieme alla sorella Zemia ha appena aperto in paese un bottonificio, suscitando un putiferio di chiacchiere e sospetti. Come fanno ad avere prezzi così bassi per prodotti così buoni? Qual è l'origine di quel "Premiata" di cui fregiano la loro ditta? Quali traffici nascondono il giovedì sera? E come si può impedire all'ingenuo Geremia di finire vittima di qualche inganno? Sul loro passato si allungano molte ombre e servirà tutta l'astuzia dei compaesani - ma anche la loro ironia - per evitare guai più seri.

Premiata ditta sorelle Ficcadenti

Vitali Andrea

Quando, nel 1925, Virginia Woolf si accinse a scrivere Gita al Faro era decisamente giunta alla soglia della maturità artistica: in questa sua opera riuscì infatti mirabilmente a mostrare il suo sapiente dominio delle possibilità del monologo interiore e la straordinaria capacità di muoversi liberamente tra il flusso delle coscienze dei personaggi. Con tutta la sua avvolgente bellezza, questo romanzo è una commossa elegia all'Assenza: assenza innanzitutto della madre, morta quando la Woolf aveva solo tredici anni, lasciandole un vuoto incolmabile. Ed è proprio tale immagine cara a legare le diverse solitudini dei protagonisti di questa rievocazione corale, tutti chiusi in un proprio mondo isolato da cui è difficile comunicare. Fluido e ritmato come il mare sotto il raggio ora breve ora lungo del Faro che fende l' oscurità della notte, il romanzo si impone al lettore con la forza della memoria, il fascino del ricordo, la voce struggente della nostalgia.

Gita al faro

Woolf Virginia

Brillante studentessa di provincia vincitrice del soggiorno offerto da una rivista di moda, a New York Esther si sente «come un cavallo da corsa in un mondo senza piste». Intorno a lei, l'America spietata, borghese e maccartista degli anni Cinquanta: una vera e propria campana di vetro che nel proteggerla le toglie a poco a poco l'aria. L'alternativa sarà abbandonarsi al fascino soave della morte o lasciarsi invadere la mente dalle onde azzurre dell'elettroshock. Fortemente autobiografico, La campana di vetro narra con agghiacciante semplicità le insipienze, le crudeltà incoscienti, gli assurdi tabù che spezzano un'adolescenza presa nell'ingranaggio stritolante della normalità che ignora la poesia. Include sei poesie da "Ariel"

La campana di vetro

Path Sylvia

Tre generazioni di donne disposte a tutto per vivere nel lusso. La nonna, Beatrice, reginetta di bellezza d’antan, è la matriarca e con il suo carattere volitivo e cinico detta legge. Ha addomesticato figlia e nipoti al credo di famiglia: meglio non lavorare ma cercare uomini sponsor, da compiacere e sfruttare. Relazioni senza emozioni e sentimenti per non rischiare di perdere il controllo e di conseguenza anche il reddito. Isabella, la figlia, ex modella, è mantenuta da un ricco e vecchio fidanzato. Mentre Angelica, la primogenita, facendo la ragazza immagine, si è accasata con un uomo che ha il doppio della sua età ma un bel conto in banca. Poi c’è Viola, la sorellina di sedici anni che arrotonda mettendo foto hard sul web. Con qualche inevitabile rinuncia, dovuta alla crisi, la vita di queste donne trascorre secondo la consolidata routine fra shopping, beauty-farm e sesso a comando. Ma un giorno irrompe un elemento destabilizzante: Angelica si innamora. Il suo cuore congelato dal cinismo delle regole di famiglia comincia a sciogliersi per un bel barista, giovane e spiantato. Uno scandalo per mamma e nonna, che non tollerano questo sciagurato cambiamento di rotta e tentano in ogni modo di riportarla sulla «retta» via. La ragazza abdicherà nel nome dell’interesse famigliare o si toglierà gli anelli di Pomellato per preparare insalate nel bar del suo amore?

AFFARI D’AMORE

Violi Patrizia