Giallo - thriller - noir

Il profumo delle foglie di limone

Sanchez Clara

Descrizione: Spagna, Costa Blanca. il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mauthausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Sa bene che le loro mani sottili e rugose si sono macchiate del sangue degli innocenti. Ma ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. A leggere dietro i loro silenzi, i sorrisi, le parole dette non dette, i regali. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché è impossibile restituire la vita alle vittime. Ma almeno fare in modo che tutto ciò che è successo non cada nell'oblio. E che il male non rimanga impunito.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811686620

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“Non potei evitare di sentirmi triste, e la tristezza rimise le cose a posto. Il mondo improvvisamente smise di avere quella glassa di meringa che lo aveva ricoperto dalla sera del porto e del bacio. Tornava ad essere serio e reale. E nel mondo reale succedevano cose terribili…”

Il disincanto è il prezzo da pagare per la verità e Sandra lo sa bene, giovane donna in fuga dal suo presente con in grembo il bambino di un uomo che non l’ha saputa far volare. L’incertezza del futuro e la confusione dei giorni conducono Sandra nella casa accogliente e familiare di una anziana coppia di pensionati, Fredrik e Karin, sotto il sole della Costa Blanca in una località accarezzata dal profumo dei limoni.

Con il tramonto, però, prendono forma le ombre lunghe del passato ed il sorriso di Karin svela un ghigno malefico, rivelatore di delitti indicibili. Intorno a lei e al marito, un microcosmo resuscitato dalle ceneri di una storia abbastanza lontana per perdersi nel ricordo, ma ancora troppo vicina per non fare più male.

L’anziano Juliàn quel male lo conosce bene e raccontarlo all’ingenua Sandra non è cosa facile. Sopravvissuto a Mauthausen e agli orrori dell’Olocausto, Juliàn non si lascia ingannare dall’abito borghese e rassicurante degli anziani aguzzini nazisti, con le mani ancora “lorde di sangue”, sfuggiti ad una giustizia distratta ma non al desiderio di vendetta delle vittime come lui, privato anche della libertà di scegliere della propria vita.

Non ci sentivamo eroi, ma piuttosto degli appestati. Eravamo vittime, e le vittime e i perdenti non piacciono a nessuno. Molti non ebbero altra scelta che tacere e sopportare la paura, la vergogna e il senso di colpa dei sopravvissuti, ma noi diventammo cacciatori“.

Il male si guarda allo specchio e si compiace, così come i nostalgici nazisti ostentano le loro uniformi impolverate e gli abiti di gala delle loro donne, come il marchio di fabbrica di una razza di esseri superiori destinata all’eternità. Non c’è senso di colpa nell’incedere fiero e sfrontato dei loro corpi, nella determinazione delle loro azioni, nella follia dei loro progetti, come la rincorsa – a tratti ridicola e disperante – verso il recupero di una giovinezza ormai perduta.

Sandra arriva a scorgere quel male, a lasciarsi ammaliare dal suo fascino antico, a barattare la sua solitudine con la familiarità confortante del gruppo, fino a guardare il maligno negli occhi e perdersi in essi.

Sarà Juliàn il suo contatto con la verità, grazie al racconto rivelatore di un passato per lei lontano ma ancora presente, e al coraggio dei legami e dei sentimenti profondi, come quello per la defunta moglie Raquel, conosciuta nell’inferno di un campo di concentramento. L’incontro con l’anziano amico è per Sandra un viaggio verso la conoscenza – quella necessaria della storia e quella dolorosa dentro se stessi -, presupposto fondamentale per la costruzione di un presente responsabile.

Due esistenze distanti quelle dei due protagonisti di queste pagine, scandite da un ritmo diverso, ma tese verso il comune ed umano bisogno di riscatto e il recupero pieno della libertà, quale bene supremo ed irrinunciabile di ogni individuo.

Clara Sanchez ci conduce per mano – attraverso una scrittura consapevole e delicata – dentro le pieghe più profonde dell’animo umano, là dove si annidano ossessioni, paure e segreti, per dare un volto ed un nome ai fantasmi di un passato con cui, prima o poi, è necessario fare i conti.

In queste pagine la scrittrice spagnola affronta temi dolorosi e – a volte – impopolari, come la paura tutta umana per il naturale quanto inesorabile declino fisico e mentale dell’individuo, sempre più saldamente attaccato al mito dell’eterna giovinezza, l’“attrazione maligna dei nostri tempi“.

E’ un romanzo che ci insegna l’importanza della conoscenza e che invita alla lettura, perché è proprio il romanzo – come dichiarato dalla stessa Sanchez – “il genere che più di altri sa rilevare, percepire e fotografare il meglio ed il peggio del genere umano in un dato momento storico“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Clara

Sanchez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sanchez Clara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tiziano ha 45 anni, è nato a Cortona e vive a Torino. Si considera un ex scrittore perché ha pubblicato un solo libro da giovane. Ha rinunciato quando ha conosciuto una certa editoria, quella fatta di scambi di favori e di squallidi prodotti commerciali. La stessa per cui oggi lavora. Da anni infatti è un ghostwriter, pagato per rielaborare manoscritti scadenti e farne libri di successo. Una notte d'estate, però, sul terrazzino del piccolo appartamento dove vive con la gatta, Tiziano decide di tornare a scrivere. "Vicolo del Precipizio" sarà il titolo del suo nuovo libro, una raccolta di fatti ambientati a Cortona, un viaggio nella memoria: racconti toscani, amori finiti male, preti donnaioli, episodi partigiani ma anche fatti che riguardano la sua famiglia. Mentre prende corpo questo "libro nel libro", l'intera narrazione si riempie di personaggi e vicende, di episodi ora drammatici e ora grotteschi; leggende legate a Cortona e storie contadine, anche boccaccesche, che vanno a intrecciarsi ai ricordi personali di Tiziano, per confluire nel suo presente.

Vicolo del precipizio

Bassini Remo

Ciò che avviene fuori di noi può passare senza lasciare traccia, o modificare per sempre la traiettoria della nostra vita. L'autobiografia di ciascun italiano è una scheggia impazzita nell'autobiografia del Paese. "Il 22 giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista". Sono i Mondiali del '74, ai quarti di finale si gioca una partita storica: Germania Ovest contro Germania Est. Un bambino di dieci anni, seduto davanti alla televisione insieme a suo padre, si rende conto tutt'a un tratto di tifare per la squadra sbagliata. "Mentre lo stadio ammutolisce, tra la poltrona di mio padre e la mia, un piccolo muro, invisibile e incompreso, comincia a venire su, come se fossimo nel centro di Berlino". Francesco Piccolo ha scritto un romanzo personale e politico, divertente, serissimo, provocatorio, per raccontare la storia d'amore irrisolvibile che lega ogni uomo al suo tempo. Perché in fondo la nostra vita è il modo che scegliamo ogni giorno per partecipare al mondo.

Il desiderio di essere come tutti

Piccolo Francesco

Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

C'è una scena de Il posto delle fragole di Bergman in cui la mente del protagonista è attraversata da un'immagine del passato: il padre e la madre che pescano in un lago. Che cosa significa quest'immagine circonfusa di una bianca luminosità irreale? Che il passato è irrimediabilmente presente, risponde La Capria. Questo è solo uno dei nuclei tematici, dei tanti significati di un libro semplice e complesso, colloquiale e profondo, godibile da leggere e difficile da definire. Che cos'è allora L'estro quotidiano? È apparentemente un diario, un libro d'ore, delle "ore che restano" dopo il compimento dell'ottantesimo anno. È un libro di saggezza, ma scritto da un uomo che non ha mai voluto essere saggio e fa davvero fatica a vedersi nel ruolo dell'ottantenne perché si sente ancora un ragazzo. È un libro pieno di indimenticabili ritratti di amici, di uomini e di donne che non ci sono più, e quindi parla molto della morte, ma lo fa quasi "per esorcismo e con poca vera convinzione", con humour e allegria.

L’estro quotidiano

La Capria Raffaele