Giallo - thriller - noir

Il profumo delle foglie di limone

Sanchez Clara

Descrizione: Spagna, Costa Blanca. il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mauthausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Sa bene che le loro mani sottili e rugose si sono macchiate del sangue degli innocenti. Ma ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. A leggere dietro i loro silenzi, i sorrisi, le parole dette non dette, i regali. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché è impossibile restituire la vita alle vittime. Ma almeno fare in modo che tutto ciò che è successo non cada nell'oblio. E che il male non rimanga impunito.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811686620

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“Non potei evitare di sentirmi triste, e la tristezza rimise le cose a posto. Il mondo improvvisamente smise di avere quella glassa di meringa che lo aveva ricoperto dalla sera del porto e del bacio. Tornava ad essere serio e reale. E nel mondo reale succedevano cose terribili…”

Il disincanto è il prezzo da pagare per la verità e Sandra lo sa bene, giovane donna in fuga dal suo presente con in grembo il bambino di un uomo che non l’ha saputa far volare. L’incertezza del futuro e la confusione dei giorni conducono Sandra nella casa accogliente e familiare di una anziana coppia di pensionati, Fredrik e Karin, sotto il sole della Costa Blanca in una località accarezzata dal profumo dei limoni.

Con il tramonto, però, prendono forma le ombre lunghe del passato ed il sorriso di Karin svela un ghigno malefico, rivelatore di delitti indicibili. Intorno a lei e al marito, un microcosmo resuscitato dalle ceneri di una storia abbastanza lontana per perdersi nel ricordo, ma ancora troppo vicina per non fare più male.

L’anziano Juliàn quel male lo conosce bene e raccontarlo all’ingenua Sandra non è cosa facile. Sopravvissuto a Mauthausen e agli orrori dell’Olocausto, Juliàn non si lascia ingannare dall’abito borghese e rassicurante degli anziani aguzzini nazisti, con le mani ancora “lorde di sangue”, sfuggiti ad una giustizia distratta ma non al desiderio di vendetta delle vittime come lui, privato anche della libertà di scegliere della propria vita.

Non ci sentivamo eroi, ma piuttosto degli appestati. Eravamo vittime, e le vittime e i perdenti non piacciono a nessuno. Molti non ebbero altra scelta che tacere e sopportare la paura, la vergogna e il senso di colpa dei sopravvissuti, ma noi diventammo cacciatori“.

Il male si guarda allo specchio e si compiace, così come i nostalgici nazisti ostentano le loro uniformi impolverate e gli abiti di gala delle loro donne, come il marchio di fabbrica di una razza di esseri superiori destinata all’eternità. Non c’è senso di colpa nell’incedere fiero e sfrontato dei loro corpi, nella determinazione delle loro azioni, nella follia dei loro progetti, come la rincorsa – a tratti ridicola e disperante – verso il recupero di una giovinezza ormai perduta.

Sandra arriva a scorgere quel male, a lasciarsi ammaliare dal suo fascino antico, a barattare la sua solitudine con la familiarità confortante del gruppo, fino a guardare il maligno negli occhi e perdersi in essi.

Sarà Juliàn il suo contatto con la verità, grazie al racconto rivelatore di un passato per lei lontano ma ancora presente, e al coraggio dei legami e dei sentimenti profondi, come quello per la defunta moglie Raquel, conosciuta nell’inferno di un campo di concentramento. L’incontro con l’anziano amico è per Sandra un viaggio verso la conoscenza – quella necessaria della storia e quella dolorosa dentro se stessi -, presupposto fondamentale per la costruzione di un presente responsabile.

Due esistenze distanti quelle dei due protagonisti di queste pagine, scandite da un ritmo diverso, ma tese verso il comune ed umano bisogno di riscatto e il recupero pieno della libertà, quale bene supremo ed irrinunciabile di ogni individuo.

Clara Sanchez ci conduce per mano – attraverso una scrittura consapevole e delicata – dentro le pieghe più profonde dell’animo umano, là dove si annidano ossessioni, paure e segreti, per dare un volto ed un nome ai fantasmi di un passato con cui, prima o poi, è necessario fare i conti.

In queste pagine la scrittrice spagnola affronta temi dolorosi e – a volte – impopolari, come la paura tutta umana per il naturale quanto inesorabile declino fisico e mentale dell’individuo, sempre più saldamente attaccato al mito dell’eterna giovinezza, l’“attrazione maligna dei nostri tempi“.

E’ un romanzo che ci insegna l’importanza della conoscenza e che invita alla lettura, perché è proprio il romanzo – come dichiarato dalla stessa Sanchez – “il genere che più di altri sa rilevare, percepire e fotografare il meglio ed il peggio del genere umano in un dato momento storico“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Clara

Sanchez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sanchez Clara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che cosa va punito? In che modo? Con quali obiettivi? Come dobbiamo intendere la responsabilità e la colpa? Questioni come queste sono strettamente correlate ai mutevoli contesti politico-ideologici, alle tendenze culturali, all'evoluzione del pensiero filosofico e anche ai paradigmi elaborati dalle scienze. Il libro offre un quadro dei temi e dei problemi di fondo del diritto penale contemporaneo, sottolineando il rapporto di forte tensione, e in alcuni casi di contraddizione, tra i principi che dovrebbero conformare un diritto penale liberaldemocratico degno di questo nome e il concreto diritto penale che viene applicato nei tribunali.

Prima lezione di diritto penale

Fiandaca Giovanni

Oggi è un’anziana clochard costretta a vivere per le strade di Parigi, ma il suo passato le ha regalato fama e successo. Qualcuno la vuole morta, ed è solo l’intervento di Oswald Breil e Sara Terracini a salvare la vita di Luce de Bartolo. Ma qual è il segreto che custodisce, così potente da sconvolgere l’ordine mondiale? Chi è davvero quella donna? La sua storia inizia nell’Argentina fra le due guerre e racconta un’amicizia straordinaria, quella fra Luce e una tra le donne più ammirate di tutti i tempi: Eva Duarte. Mentre Luce diventa il soprano più famoso al mondo, Eva sposa il colonnello Juan Domingo Perón: nasce così il mito intramontabile di Evita. Le due amiche incontrano grandi soddisfazioni, ma anche tragedie e violenze che sembrano sgorgare dalla fonte stessa del male: il nazismo. Un’ideologia che trova la sua forza simbolica in un oggetto dal potere immenso: la leggendaria lancia di Longino, la cui punta trafisse il costato di Cristo. Il Reich sopravvive alla sconfitta, ed è proprio in Argentina che il male nazista intreccia le proprie trame oscure di rinascita con l’ascesa di Perón, per poi estendere i propri tentacoli sino a raggiungere le stanze più inviolabili: quelle delle alte sfere del Vaticano e della finanza più spregiudicata. E il male nazista oggi è pronto a risollevare la testa. Perché si scateni, manca soltanto una chiave: quella in possesso di una donna sopravvissuta con coraggio e determinazione a tutto ciò che il destino le ha riservato.

LA VOCE DEL DESTINO

Buticchi Marco

Fino ad allora Hajime aveva vissuto in un universo abitato solo da lui: figlio unico quando, nel Giappone degli anni Cinquanta, era rarissimo non avere fratelli o sorelle, aveva fatto della propria eccezionalità una fortezza in cui nascondersi, un modo per zittire quella sensazione costante di non essere mai lí dove si vorrebbe veramente. Invece un giorno scopre che la solitudine è solo un'abitudine, non un destino: lo capisce quando, a dodici anni, stringe la mano di Shimamoto, una compagna di classe sola quanto lui, forse di piú: a distinguerla non c'è solo la condizione di figlia unica, ma anche il suo incedere zoppicante, come se in quel passo faticoso e incerto ci fosse tutta la sua difficoltà a essere una creatura di questo mondo. Quando capisci che non sei destinato alla solitudine, che il tuo posto nel mondo è solo là dove è lei, capisci anche un'altra cosa: che sei innamorato. Ma Hajime se ne rende conto troppo tardi - è uno di quegli insegnamenti che si imparano solo con l'esperienza - quando ormai la vita l'ha separato da lei. Come il dolore di un arto fantasma, come una leggera zoppía esistenziale, Hajime diventerà uomo e accumulerà amori, esperienze, dolori, errori, ma sempre con la consapevolezza che la vita, la vita vera, non è quella che sta dissipando, ma quell'altra, quella che sarebbe potuta essere con Shimamoto, quella in un altrove indefinito, a sud del confine, a ovest del sole. Una vita che forse, venticinque anni dopo, quando lei riappare dal nulla, diventerà realtà. Torna in libreria, in una traduzione completamente rivista, uno dei romanzi piú amati di Murakami Haruki: un'opera malinconica e romantica, una storia di raffinata delicatezza, in cui l'esplorazione dei piú diafani movimenti dell'anima riesce a descrivere l'universale, umanissimo conflitto tra necessità e desiderio, destino e libertà.

A sud del confine, a ovest del sole

Murakami Haruki

L'ambiente è quello della buona borghesia romana sul finire degli anni Venti. La relazione tra Leo e Mariagrazia è ormai stanca; i due giovani figli di lei, Michele e Carla, assistono con disagio alle manifestazioni di questa crisi. Leo diventa l'amante di Carla e Michele sente confusamente, ma senza vera indignazione, di dover intervenire. Cerca di provocare Leo, compie anche un goffo tentativo di ucciderlo, ma poi si rassegna, cede a Lisa (una ex amante di Leo), invaghitasi di lui. Anche Mariagrazia si rassegna all'inevitabile e Carla sposerà Leo.

Gli indifferenti

Moravia Alberto