Saggi

Il programma di arricchimento strumentale di Feuerstein

Feuerstein Reuven, Raphael Feuerstein, Falik Louis, Rand Yaacov

Descrizione: Il metodo Feuerstein è una strategia per lo sviluppo delle strutture cognitive apprezzata e ampiamente utilizzata a livello internazionale. In questo libro il celebre psicologo presenta, nella prima traduzione italiana, i fondamenti teorici e le applicazioni pratiche di questo metodo. Il programma ha due obiettivi fondamentali: arricchire il repertorio dell'individuo di strategie cognitive che portano a un apprendimento e a un problem solving più efficace, e sviluppare strategie in individui con ritardo mentale. Può così essere usato sia come programma di recupero per individui con bisogni speciali, sia come programma di arricchimento per individui con prestazioni normali. Il metodo Feuerstein può essere applicato in tutte le situazioni in cui è necessario favorire un incremento delle prestazioni individuali e accrescere la flessibilità di risposta rispetto al cambiamento.

Categoria: Saggi

Editore: Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2008

ISBN: 978-88-6137-296-2

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il Programma di Arricchimento Strumentale di Feuerestein” (PAS) rientra tra le guide edite da Erickson ed è la prima traduzione italiana dello studioso Reuven Feuerstein, fondatore appunto dell’omonimo metodo.

La guida affronta in modo chiaro i fondamenti teorici e le applicazioni pratiche del PAS, inteso come sistema applicativo di educazione cognitiva, apprezzato e utilizzato in ambito internazionale.

Il Programma persegue sostanzialmente due obiettivi: arricchire il repertorio individuale delle strategie cognitive per un apprendimento efficace e recuperare le funzioni cognitive carenti. In questo senso, pertanto, il Programma può essere utilizzato efficacemente anche a scuola e in una duplice funzionalità: “arricchire” appunto bambini/adulti con prestazioni nella norma e come programma di recupero per soggetti con bisogni educativi speciali.

La metodologia Feuerstein si inserisce a buon diritto nel quadro generale internazionale (ONU, Unicef e OMS) in cui si parla di life skills, abilità per la vita: insegnare a pensare, è questo l’obiettivo. L’intelligenza non è fissa e immodificabile, ma è un sistema aperto, uno stato che reagisce a eventi interni ed esterni alla persona. È la capacità dell’organismo di modificare le proprie strutture mentali per adattarsi alla realtà. L’obiettivo, quindi, dell’intervento di potenziamento è la cosiddetta modificabilità cognitiva strutturale (MCS), ossia un cambiamento sostanziale nel funzionamento cognitivo: non è coinvolta una sola abilità, ma il modo stesso in cui l’organismo interagisce con l’informazione.

Tale cambiamento è possibile solo attraverso Esperienze di Apprendimento Mediato ( EAM ) e qui entra in gioco la figura del mediatore (che può anche coincidere con l’insegnante, in ambito scolastico, ma non necessariamente; è importante però che sia sempre adeguatamente formato e autorizzato), ossia una guida: nella lettura, nella decodifica delle consegne, nella definizione del problema, ma altresì nel promuovere il sentimento di autostima e fiducia, stimolando la curiosità e la ricerca.

Gli obiettivi del PAS, quindi, non sono quelli di ampliare il repertorio delle conoscenze, quanto piuttosto rendere il soggetto più efficiente nell’acquisizione di nuove tecniche e nell’apprendimento e nell’utilizzo di nuove informazioni.

Il programma si compone di quattordici strumenti, ossia eserciziari che non fanno riferimento a contenuti disciplinari; ciascuno di essi è pensato per intervenire su precise funzioni cognitive.

Una guida da leggere e un metodo da approfondire, per imparare a imparare e far parte di un progetto più ampio: Le nuove strutture cognitive, diventate attive nell’individuo attraverso le applicazione del PAS, lo rendono in grado di produrre cambiamenti in se stesso, su base intenzionale e cambiamenti rilevanti nell’ambiente circostante in quanto l’individuo è parte di un sistema: se si modificherà contagerà il sistema.” ( R. Feuerstein )

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raphael

Reuven,

Feuerstein

Libri dallo stesso autore

Intervista a Feuerstein Reuven, Raphael Feuerstein, Falik Louis, Rand Yaacov


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"I giorni scanditi da pensieri ordinati, la messa a fuoco di un'esistenza che sembra crollare da un giorno all'altro, le ansie, gli istanti, le paure e le insicurezze. La pioggia, le cicale, i toraci in fiamme e Gian Maria Volontè che prega in 'Todo Modo'. Una lunga ed attenta riflessione sul significato dell'esistenza, sul dolore, sull'odio e sull'oblio. Un unico racconto, una granitica e tortuosa discesa nella quotidianità che, per emersione, illumina i dettagli della nostra esistenza facendoli danzare tra loro."

Appunti per un discorso sull’odio

Di Carlo Andrea Alessandro

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, che nomina incessantemente il suo morto: è piccola e astuta, un’abile mercante che venderebbe l’acqua santa al diavolo. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo. Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer. Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote...

Le sultane

Oliva Marilù

In quasi tutto il mondo la disuguaglianza sta aumentando, e ciò significa che i ricchi, e soprattutto i molto ricchi, diventano più ricchi, mentre i poveri, e soprattutto i molto poveri, diventano più poveri. Questa è la conseguenza ultima dell’aver sostituito la competizione e la rivalità alla cooperazione amichevole, alla condivisione, alla fiducia, al rispetto. Ma non c’è vantaggio nell’avidità. Nessun vantaggio per nessuno. Eppure abbiamo creduto che l’arricchimento di pochi fosse la via maestra per il benessere di tutti.

“LA RICCHEZZA DI POCHI AVVANTAGGIA TUTTI” FALSO!

Bauman Zygmunt

Attore cinematografico e teatrale, regista, doppiatore, Giancarlo Giannini è un grande protagonista del cinema italiano, tra i più dotati e apprezzati dal pubblico e dalla critica, pluripremiato (nel suo palmarès vanta anche una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista per "Pasqualino Settebellezze"). Grazie alla sua lunga e fulgida carriera, tutti conoscono le grandi interpretazioni di Giannini in film famosissimi in cui è stato diretto da registi del calibro di Lina Wertmüller, Luchino Visconti, Ettore Scola, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Mario Monicelli, Dino Risi e Rainer Fassbinder. Quello che scopriamo in queste pagine è sì il Giannini attore e personaggio pubblico, ma anche e soprattutto il Giannini privato, che da grande affabulatore qual è si racconta a ruota libera, intrecciando la sua storia personale a quella del nostro paese e del cinema internazionale. In questa autobiografia, generosa e travolgente come lui, troviamo dunque il racconto della sua adolescenza tra Napoli e Roma, gli studi di perito elettronico, la grande passione per la cucina e per le invenzioni (è suo il giubbotto pieno di gadget che Robin Williams indossa nel film "Toys"), i suoi incontri con le stelle del cinema internazionale, il lungo sodalizio con Mariangela Melato, le telefonate (e le abbuffate) notturne con Fellini...

Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi)

Giannini Giancarlo