Narrativa

IL QUADERNO DI MAYA

Allende Isabel

Descrizione: Maya Vidal, l’adolescente protagonista del nuovo romanzo di Isabel Allende, caduta nel circuito dell’alcol e della droga riesce a riemergere dai bassifondi di Las Vegas e in fuga da spacciatori e agenti dell’Fbi approda nell’incontaminato arcipelago di Chiloé, nel sud del Cile. Amori difficili, frammenti di storia cilena ancora carichi di sofferenza, famiglie disgregate, disagio giovanile, marginalità e degrado trovano come contraltare il valore delle tradizioni locali, il rispetto per l’ambiente e un modello di vita comunitaria nell’affermazione del valore della diversità e del rispetto reciproco. Isabel Allende torna a raccontare la vita di una grande donna, la storia di Maya, in un romanzo che affronta con grande delicatezza le relazioni umane: le amicizie incondizionate, le storie d’amore palpabili come quelle più invisibili, gli amori adolescenziali e quelli lunghi una vita. Un ritmo incalzante, una prosa disincantata e ironica per questa nuova prova narrativa che si tinge di noir e per l’ennesima eccezionale galleria di donne volitive e uomini capaci di amare.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018688

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Maya Vidal ha soli 19 anni. Non ha avuto un’infanzia comune. Un padre pilota sempre in giro per il mondo, e una madre scappata quando era ancora troppo piccola per ricordarla. Maya è cresciuta con i nonni, Nini e Popo, che l’hanno amata e protetta dal mondo. Nini e Popo non sono due persone qualunque e sono molto diversi l’uno dall’altro. Lei, nata in Cile e trasferitasi prima in Canada e poi, dopo aver conosciuto Popo, negli Stati Uniti. Una donna esplosiva e piena di colore. Lui un gigante nero, uno scienziato, un professore, un uomo unico che trasmette calma e serenità.
La morte di Popo segna indelebilmente la vita di Nini e Maya. La prima che si chiude in se stessa, la seconda che sbanda nel mondo, incapace di orientarsi.
Senza quella che era stata la sua guida, la sua protezione, che veniva meno proprio nel momento in cui più ne avrebbe avuto bisogno, Maya si perde e si circonda di persone senza futuro e senza aspettative. Da qui si susseguono una lunga serie di eventi che coinvolgono Maya in un vero e proprio incubo. Quella che vive a Las Vegas è un’esperienza distruttiva, che annienterebbe la più forte delle persone. Proprio nel momento in cui Maya ha deciso di arrendersi e di lasciarsi distruggere, è la sua Nini ad intervenire per tirarla fuori dall’inferno, spedendola nel posto più remoto che conosca, un’isola nell’arcipelago di Chiloé, in Cile.
In questo posto fuori dal mondo Maya vive la sua rinascita. Per una ragazza nata e cresciuta in California trovarsi in una piccola isola sperduta è esperienza non facile. Deve abituarsi a convivere con se stessa, ad accettarsi, in un posto dove di tempo per pensare ce n’è molto. Con lei c’è Manuel, un amico della nonna che spera di allontanarla da un mondo di droga, alcol e criminalità.
La rinascita è un percorso lento. E’ come rimettersi da una febbre che ci ha costretto a letto per giorni. Una mattina ci alziamo e tutto sembra più bello. Quello che sino alla sera prima vedevamo offuscato è finalmente chiaro. Un entusiasmo ci pervade.
E’ un po’ questo che ho vissuto leggendo la storia di Maya. Un percorso di vita, sicuramente portato all’eccesso, ma che non si discosta molto dalla realtà che ci circonda e che non vediamo o non vogliamo vedere. La Allende alterna i capitoli in cui Maya rinasce sull’isola con quelli in cui, come scrivendo in un diario, la ragazza racconta la tragedia della sua vita. E’ una tragedia a lieto fine, quella che ci narra l’autrice. In un’intervista rilasciata dopo l’uscita del libro alla Repubblica parla dei suoi nipoti, alcuni dei quali hanno l’età di Maya. “Come nonna, so che non potrò proteggere i miei nipoti da tutti i pericoli della vita, sono esposti al crimine nelle strade, alle droghe e all’alcol che sono ovunque, al porno su Internet, alla violenza nei film e in tv, e tutto il resto. Posso solo pregare che diventino adulti illesi“. Non so dire se Maya sarebbe cresciuta come un adulto illeso. Certamente però se fosse esistita avrebbe avuto un futuro, e questo è già qualcosa. Ritengo che l’autrice ci comunichi un messaggio positivo e di speranza.
Cosa vi risponderei se mi chiedeste apertamente: ti è piaciuto questo libro?
Direi che il libro senza dubbio mi é piaciuto, seppur a tratti l’abbia trovato un pó pesante. Nel complesso il mio voto é positivo.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Isabel

Allende

Libri dallo stesso autore

Intervista a Allende Isabel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

Federico Rampini ha vissuto nella Silicon Valley nei primi tempi della new economy e ha sempre seguito con attenzione i temi del digitale e della rete. Ma quello che una volta sembrava contenere in sé i semi di una nuova economia, più favorevole al consumatore e più competitiva, e di una nuova società, più aperta e informata, oggi si presenta ai suoi occhi in modo molto diverso. Ormai siamo tutti connessi, sempre, e la nostra attenzione è diventata sempre più superficiale, la nostra vita sempre più multitasking, la nostra privacy sempre più esposta allo sguardo virtuale di amici e non solo. Intanto i cosiddetti "nativi digitali" vivono in un mondo dominato da "app" che sembrano poter colonizzare ogni aspetto della loro vita. I giganti del web sembrano non porsi limiti nella loro corsa alla supremmazia: vogliono mappare tutte le informazioni del mondo, connettere tutte le persone del mondo, essere il negozio unico per tutto il mondo, occupare il tempo libero di tutti. Ma possiamo permettere che tutto sia nelle mani di pochissimi? Che le nostre vite intime, professionali, politiche siano affidate alle grandi aziende digitali? E che succederebbe se dovessimo scoprire che alcune di loro sono diventate davvero cattive?

Rete padrona

Rampini Federico

Lorenzo, padre Pizzarro, Quèlo, il Massone, Vulvia, Aniene e le memorabili interpretazioni di Tremonti, Venditti e Rutelli; queste e altre le voci, vecchie e nuove, di Corrado Guzzanti, raccolte in un unico volume animato da ironia corrosiva e raffinata comicità. Un viaggio satirico attraverso gli ultimi vent'anni di storia italiana, uno specchio del paese immerso nella crisi, un ritratto della sua classe dirigente e dei "mostri" che ne popolano l'apparente normalità, una riflessione sui vizi e i difetti degli italiani attraverso personaggi dall'irresistibile ironia. Una guida completa ai testi dei personaggi di Corrado Guzzanti che contiene il testo completo di "Aniene 2. Molto rigore per nulla" e il meglio delle battute storiche di uno degli attori di satira più amati in Italia.

PAROLA DI CORRADO

Guzzanti Corrado

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria