Narrativa

IL QUADERNO DI MAYA

Allende Isabel

Descrizione: Maya Vidal, l’adolescente protagonista del nuovo romanzo di Isabel Allende, caduta nel circuito dell’alcol e della droga riesce a riemergere dai bassifondi di Las Vegas e in fuga da spacciatori e agenti dell’Fbi approda nell’incontaminato arcipelago di Chiloé, nel sud del Cile. Amori difficili, frammenti di storia cilena ancora carichi di sofferenza, famiglie disgregate, disagio giovanile, marginalità e degrado trovano come contraltare il valore delle tradizioni locali, il rispetto per l’ambiente e un modello di vita comunitaria nell’affermazione del valore della diversità e del rispetto reciproco. Isabel Allende torna a raccontare la vita di una grande donna, la storia di Maya, in un romanzo che affronta con grande delicatezza le relazioni umane: le amicizie incondizionate, le storie d’amore palpabili come quelle più invisibili, gli amori adolescenziali e quelli lunghi una vita. Un ritmo incalzante, una prosa disincantata e ironica per questa nuova prova narrativa che si tinge di noir e per l’ennesima eccezionale galleria di donne volitive e uomini capaci di amare.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018688

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Maya Vidal ha soli 19 anni. Non ha avuto un’infanzia comune. Un padre pilota sempre in giro per il mondo, e una madre scappata quando era ancora troppo piccola per ricordarla. Maya è cresciuta con i nonni, Nini e Popo, che l’hanno amata e protetta dal mondo. Nini e Popo non sono due persone qualunque e sono molto diversi l’uno dall’altro. Lei, nata in Cile e trasferitasi prima in Canada e poi, dopo aver conosciuto Popo, negli Stati Uniti. Una donna esplosiva e piena di colore. Lui un gigante nero, uno scienziato, un professore, un uomo unico che trasmette calma e serenità.
La morte di Popo segna indelebilmente la vita di Nini e Maya. La prima che si chiude in se stessa, la seconda che sbanda nel mondo, incapace di orientarsi.
Senza quella che era stata la sua guida, la sua protezione, che veniva meno proprio nel momento in cui più ne avrebbe avuto bisogno, Maya si perde e si circonda di persone senza futuro e senza aspettative. Da qui si susseguono una lunga serie di eventi che coinvolgono Maya in un vero e proprio incubo. Quella che vive a Las Vegas è un’esperienza distruttiva, che annienterebbe la più forte delle persone. Proprio nel momento in cui Maya ha deciso di arrendersi e di lasciarsi distruggere, è la sua Nini ad intervenire per tirarla fuori dall’inferno, spedendola nel posto più remoto che conosca, un’isola nell’arcipelago di Chiloé, in Cile.
In questo posto fuori dal mondo Maya vive la sua rinascita. Per una ragazza nata e cresciuta in California trovarsi in una piccola isola sperduta è esperienza non facile. Deve abituarsi a convivere con se stessa, ad accettarsi, in un posto dove di tempo per pensare ce n’è molto. Con lei c’è Manuel, un amico della nonna che spera di allontanarla da un mondo di droga, alcol e criminalità.
La rinascita è un percorso lento. E’ come rimettersi da una febbre che ci ha costretto a letto per giorni. Una mattina ci alziamo e tutto sembra più bello. Quello che sino alla sera prima vedevamo offuscato è finalmente chiaro. Un entusiasmo ci pervade.
E’ un po’ questo che ho vissuto leggendo la storia di Maya. Un percorso di vita, sicuramente portato all’eccesso, ma che non si discosta molto dalla realtà che ci circonda e che non vediamo o non vogliamo vedere. La Allende alterna i capitoli in cui Maya rinasce sull’isola con quelli in cui, come scrivendo in un diario, la ragazza racconta la tragedia della sua vita. E’ una tragedia a lieto fine, quella che ci narra l’autrice. In un’intervista rilasciata dopo l’uscita del libro alla Repubblica parla dei suoi nipoti, alcuni dei quali hanno l’età di Maya. “Come nonna, so che non potrò proteggere i miei nipoti da tutti i pericoli della vita, sono esposti al crimine nelle strade, alle droghe e all’alcol che sono ovunque, al porno su Internet, alla violenza nei film e in tv, e tutto il resto. Posso solo pregare che diventino adulti illesi“. Non so dire se Maya sarebbe cresciuta come un adulto illeso. Certamente però se fosse esistita avrebbe avuto un futuro, e questo è già qualcosa. Ritengo che l’autrice ci comunichi un messaggio positivo e di speranza.
Cosa vi risponderei se mi chiedeste apertamente: ti è piaciuto questo libro?
Direi che il libro senza dubbio mi é piaciuto, seppur a tratti l’abbia trovato un pó pesante. Nel complesso il mio voto é positivo.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Isabel

Allende

Libri dallo stesso autore

Intervista a Allende Isabel

“La moglie del colonnello” è il terzo romanzo di Montaner, pubblicato per la prima volta in Italia, dopo aver riscosso un grande successo di critica e di pubblico in Spagna, USA e America Latina. L’edizione inglese è stata un best-seller di vendite sul portale Amazon. È la storia tragica e universale di un adulterio e delle sue conseguenze, raccontata con una prosa chiara e diretta. Montaner approfitta di un tema universale come l’adulterio, per analizzare la repressione della sessualità a Cuba. “La moglie del colonnello” è un romanzo erotico, un thriller carico di suspense, che parla d’amore, adulterio, desiderio e solitudine, esplorando i meandri della sessualità umana. Nella seconda parte il libro è ambientato in una Roma ricca di fascino e di rovine d’un glorioso passato.

LA MOGLIE DEL COLONNELLO

Montaner Carlos Alberto

Eveline Crone, studiosa di psicologia dello sviluppo, spiega sulla base delle ricerche più recenti delle neuroscienze le logoranti turbolenze che si verificano durante la pubertà. E mostra con esempi illuminanti come il comportamento, spesso terribilmente irritante, dei più giovani dipenda da un processo molto particolare: la progressiva riorganizzazione del cervello durante l'adolescenza. Crone non solo fa capire perché ragazzi e ragazze sono così inclini a eccessi e sbalzi emotivi e a comportamenti pericolosi, finendo non di rado per essere disorientati o bruciarsi, ma mostra anche i limiti e le opportunità propri di questa fase della vita. Un libro chiaro e tranquillizzante per insegnanti, educatori e genitori, che non riescono più a capire i loro figli. Un libro che promuove la comprensione e la pazienza, ma solleva anche interrogativi su come gli adulti possono trattare con gli adolescenti nel modo più adeguato.

Nella testa degli adolescenti

Crone Eveline

«Me. Scegli me.» In fila con gli altri, Antonio Casagrande sa che la sua preghiera muta non troverà ascolto. Scelgono sempre qualcun altro. È stato così per gli undici anni che ha trascorso al Pammatone, l'orfanotrofio genovese che lo ha accolto appena venuto al mondo, il 13 giugno 1855. E non c'è dubbio che sia per quella pupilla color perla. Chi vorrebbe un bambino difettoso? Invece un bel giorno succede. «Lui» indica l'omone grondante di pioggia che gli sta davanti. Gli serve un apprendista, poche storie. Nella bottega di Alessandro Pavia, Antonio impara quel che gli servirà a stare al mondo: la magia dell'alfabeto, la passionaccia per la politica, l'amore per la giustizia e soprattutto la nuovissima arte della fotografia. Misture alchemiche, carta albuminata e la luce, la cosa più importante. Il resto glielo spiega madama Carmen, tenutaria di bordello con il cuore spezzato e un gran talento per gli affari. Sono tempi decisivi, quelli, e anche Pavia ha una missione: la folle, visionaria impresa di ritrarre uno per uno i Mille che con Garibaldi fecero l'Italia. A Borgo di Dentro, un pugno di case sulle colline piemontesi, ne ha scovati addirittura quattro. Proprio lì, in un giorno di festa, Antonio scopre il suo potere: liberato dalla benda, potenziato dall'obiettivo della macchina fotografica, l'occhio cieco vede ciò che nessuno può vedere, il destino, l'ineluttabile. È un dono, forse. Secondo Antonio, una maledizione. Sullo sfondo, l'Italia è appena nata e l'orfano del Pammatone si fa uomo attraversando i momenti che trasformano un paese straccione e inconsapevole in una nazione. In mezzo a una folla in rivolta per il pane, Caterina, libera e coraggiosa, lo prende per mano e lo aiuta a capire, mentre le sue visioni si fanno sempre più caotiche e terribili. L'occhio cieco nel mirino, Antonio vede ciò che nessuno vorrebbe vedere, il fango delle trincee nello sguardo dei giovani che inneggiano alla guerra, la fine di chi amiamo...

Di luce propria

Romagnolo Raffaella

Virginia Woolf scrisse che il greco antico è una lingua «che ci tiene schiavi, che ci seduce e ci attira» pur nella sua irreparabile incomprensione. Sì, perché il greco oggi non lo comprendiamo più: la sua unicità è scomparsa per sempre. La lingua greca era, innanzitutto, un modo di vedere il mondo: un mondo in cui non esisteva il tempo delle cose, ma il come, l’aspetto. In cui i numeri delle parole erano tre, singolare plurale e duale – due per gli occhi, due per gli amanti –, ed esisteva un modo verbale per esprimere il desiderio, l’ottativo. Non esisteva il futuro, il greco moderno ha dovuto inventarlo. Il nostro modo di pensare è così diverso che il greco antico non è più parte di noi – linguisticamente siamo orfani. O meglio, diseredati. Queste Lezioni di greco nascono dalla cocciutaggine di chi ha a lungo studiato la lingua greca per rintracciarne il significato profondo – e per dare, nel 2016, significato a chi a questa lingua si avvicina. Nascono soprattutto dalla volontà di mettere fine a ogni paura, soggezione, separazione tra gli italiani moderni e i greci antichi. Si tratta quindi di un viaggio intimo del lettore nelle particolarità del greco antico, con la convinzione che solo l’immaginazione, la fantasia e l’ironia, supportate dalla conoscenza, ci possano liberare dalla schiavitù di una lingua che da millenni ci seduce senza capirla – e trasformarla in amore.

La lingua geniale

Marcolongo Andrea