Narrativa

IL QUINTO FIGLIO

Lessing Doris

Descrizione: L'esperienza dell'arcano che si insedia nella quotidianità e nella domesticità, fra suspance e realismo.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 1992

ISBN: 9788807811999

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Siamo negli anni Sessanta, periodo di ribellioni, cambiamenti, voglia di libertà. Eppure, Harriet e David non sognano altro che una bella famiglia unita e numerosa.

I due si incontrano ad una festa, si innamorano perdutamente, decidono di sposarsi ed Harriet lascia il lavoro per dedicarsi interamente ai bambini.

Ne arrivano quattro, vispi, sani, “normali”. Ed è pura felicità.

 

Facile restare insieme quando le cose vanno nel verso giusto: non ci sono occasioni di scontro, ci si supporta a vicenda, c’è accordo su tutto.

Ma ecco che arriva Ben, un quinto figlio strano e raccapricciante che non sembra neanche umano. Ed è la crisi.

Sin da quando è nella pancia, Ben crea scompiglio. La gravidanza di Harriet si rivela un autentico strazio e quando, tra lacrime e dolore, riesce a portarla a termine, si ritrova tra le braccia un figlio deforme, un elfo dalla forza spropositata.

 

Il padre e la madre reagiscono in maniera completamente diversa al “problema”: Harriet appare pietosa, cerca di capire Ben; David lo rinnega, e così anche i parenti e gli amici che avevano bivaccato in casa loro quando vi regnava un’atmosfera piacevole e serena.

 

Ben crescendo crea sempre più disagi, tanto che vive segregato in una stanza così che non possa far del male ai fratellini, e diventa sempre più incomprensibile e rabbioso.

Solo quando viene portato via e rinchiuso in un terribile istituto, in casa sembra tornare la pace. Ma non per Harriet che, in un primo momento, si adegua alla decisione del marito:

Lei era in lacrime, sconvolta e insieme sollevata, riconoscente che si fosse assunto lui tutte le responsabilità”, ma poi va a riprendersi quel figlio sfortunato.

 

Una tematica importante, quella della diversità, che Doris Lessing affronta con durezza, schiettezza e senza ipocrisie, analizzandola da vari punti di vista. Romanzo inquietante,

diretto, acuto.

 

Voto: 6+

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Doris

Lessing

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lessing Doris


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mario Tagliarti è un maestro, a questo lavoro è arrivato un po' per caso, un po' per passione, un po' per amore. Quando negli anni Ottanta arriva a Torino, vince un concorso pubblico e si presenta a scuola per il suo primo giorno da maestro. La direttrice lo guarda, quasi scrutandolo, e poi dice "Che ne pensa del Ferrante Aporti, il carcere minorile della città?" Comincia così la storia di Mario, il maestro che accompagna sui banchi centinaia di ragazzi che tra quelle mura scontano la loro pena. Il suo è un mondo sconosciuto a chi sta fuori, un mondo di sconfitte e rabbia, ma anche di sorrisi, vittorie e persone che ti cambiano la vita.

Il maestro dentro

Tagliani Mario

Io guidavo e Vittorio stava seduto davanti, vicino a me. Divorava tutto con gli occhi, il suo sguardo attraeva a sè le facciate delle case, i pochi alberi, le persone. Rimaneva per lo più zitto. Solo a un certo punto ha detto di avere fame e poco dopo ha aggiunto, parlando a bassa voce senza staccare gli occhi dal finestrino, che doveva trovare il modo di dare un senso a quello che gli era successo. un senso estetico, ha detto ancora.

PICCOLO TESTAMENTO

Dadati Gabriele

C'era una volta la Provincia italiana ricca, felice e molto produttiva. Che commerciava con l'estero, dava del tu ai colossi oltre confine con l'orgoglio di una identità, prima che nazionale, comunale. C'era un tempo in cui anche gli stupidi facevano soldi, in un paese dove il PIL cresceva di due cifre l'anno. Dove i soldi guadagnati con allegria, spensieratezza e persine cafonaggine venivano ben esibiti in beni di lusso. Poi arrivarono i guru della globalizzazione a dire che si doveva cambiare, ad andare in televisione a sponsorizzare mercati stellari in Cina e a sostenere che il vecchio modello, quello dove si stava bene, andava male. Questa è "la storia della mia gente", non solo degli "stracciaroli di Prato", ma di una provincia felice e intelligente, sacrificata alla globalizzazione.

Storia della mia gente

Nesi Edoardo

Quando si parla delle leggi razziali si pensa all’infamia subita dagli ebrei italiani costretti all’umiliazione e alla persecuzione, ma non si hanno sempre presenti le tante storie individuali di dolore, paura, tradimento, disperazione; alle migliaia di individui che hanno visto i loro destini deviare tragicamente da un corso tranquillo. La storia raccontata da Lia Levi nella Notte dell’oblio è una di queste “piccole” storie che hanno travolto la serena esistenza di una famiglia qualsiasi. I Vivanti sono una famiglia composta dal padre Giacomo, commerciante a Roma, dalla madre e dalle due figlie ancora bambine ai tempi delle leggi razziali. Giacomo è costretto a cedere il proprio negozio a un prestanome. Gli ebrei non possono più avere attività economiche e quindi i Vivanti cedono il loro negozio a un commesso che formalmente ne diventa il titolare. Scoppia la guerra e i Vivanti possono nascondersi nella zona dei Castelli romani grazie a un amico prete. Tra la paura dei rastrellamenti e delle delazioni e le vivaci e franche discussioni religiose tra il padre e il prete amico, la famiglia trascorre i primi anni di guerra fino al giorno in cui il capofamiglia va in città per una furtiva visita di controllo al negozio e non fa più ritorno. Qualcuno lo ha denunciato ed è stato deportato in un lager in cui troverà la morte. Il resto della famiglia continua, pur nel dolore per la scomparsa, la sua vita, prima nel nascondiglio fuori Roma dove le ragazze crescono tra prime amicizie e amori, mentre la madre tiene per sé il segreto del tradimento di cui è stato vittima il marito. Nel dopoguerra, con il ritorno della vita normale, la madre, pur non riuscendo a farsi restituire il negozio inventa una nuova attività che dà alla famiglia un po’ di agio. Ma il destino le giocherà uno scherzo tremendo. Una delle due ragazze s’innamorerà per caso del figlio del commesso che aveva tradito suo padre.

LA NOTTE DELL’OBLIO