Narrativa

IL QUINTO FIGLIO

Lessing Doris

Descrizione: L'esperienza dell'arcano che si insedia nella quotidianità e nella domesticità, fra suspance e realismo.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 1992

ISBN: 9788807811999

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Siamo negli anni Sessanta, periodo di ribellioni, cambiamenti, voglia di libertà. Eppure, Harriet e David non sognano altro che una bella famiglia unita e numerosa.

I due si incontrano ad una festa, si innamorano perdutamente, decidono di sposarsi ed Harriet lascia il lavoro per dedicarsi interamente ai bambini.

Ne arrivano quattro, vispi, sani, “normali”. Ed è pura felicità.

 

Facile restare insieme quando le cose vanno nel verso giusto: non ci sono occasioni di scontro, ci si supporta a vicenda, c’è accordo su tutto.

Ma ecco che arriva Ben, un quinto figlio strano e raccapricciante che non sembra neanche umano. Ed è la crisi.

Sin da quando è nella pancia, Ben crea scompiglio. La gravidanza di Harriet si rivela un autentico strazio e quando, tra lacrime e dolore, riesce a portarla a termine, si ritrova tra le braccia un figlio deforme, un elfo dalla forza spropositata.

 

Il padre e la madre reagiscono in maniera completamente diversa al “problema”: Harriet appare pietosa, cerca di capire Ben; David lo rinnega, e così anche i parenti e gli amici che avevano bivaccato in casa loro quando vi regnava un’atmosfera piacevole e serena.

 

Ben crescendo crea sempre più disagi, tanto che vive segregato in una stanza così che non possa far del male ai fratellini, e diventa sempre più incomprensibile e rabbioso.

Solo quando viene portato via e rinchiuso in un terribile istituto, in casa sembra tornare la pace. Ma non per Harriet che, in un primo momento, si adegua alla decisione del marito:

Lei era in lacrime, sconvolta e insieme sollevata, riconoscente che si fosse assunto lui tutte le responsabilità”, ma poi va a riprendersi quel figlio sfortunato.

 

Una tematica importante, quella della diversità, che Doris Lessing affronta con durezza, schiettezza e senza ipocrisie, analizzandola da vari punti di vista. Romanzo inquietante,

diretto, acuto.

 

Voto: 6+

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Doris

Lessing

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lessing Doris


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un DJ di radio Monte Carlo riceve, durante la sua trasmissione notturna, una telefonata delirante. Uno sconosciuto rivela di essere un assassino. Il caso viene archiviato come uno scherzo di pessimo gusto. Il giorno dopo un pilota di Formula Uno e la sua compagna vengono trovati orrendamente mutilati. Da questo momento ha inizio una serie di delitti, preceduti ogni volta da una telefonata con un indizio sulla prossima vittima e sottolineati da una scritta tracciata con il sangue: «io uccido». Non c'è mai stato un serial killer nel Principato di Monaco. Adesso c'è. Il romanzo d'esordio nel thriller del comico italiano.

IO UCCIDO

Faletti Giorgio

Per il famoso scrittore di libri gialli Gian Claudio Vasco, il nuovo romanzo si rivela un'impresa quasi impossibile. Perché questa volta non c'è finzione, deve scrivere di un'indagine vera. Anzi, di una vita intera passata a seguire tracce, a smascherare intrighi criminali. La vita di Bacci Pagano. L'investigatore dei carruggi ha un conto aperto con la morte. L'ultima indagine l'ha messo in pericolo al punto che ora è costretto a casa in una convalescenza forzata e complicata. Ma i suoi amici, il senatore Almansi e l'avvocato Gina Aliprandi, non si sono dimenticati di lui e hanno pensato fosse arrivato il momento di rendere onore a un'esistenza trascorsa a cercare la verità a ogni costo. E Vasco è l'uomo giusto per raccontarla. Eppure il giallista deve faticare non poco per convincerlo. Bacci Pagano non ha nessuna intenzione di finire in un libro. Fino a quando il suo intuito infallibile non gli dice di fidarsi di quello scrittore che fa poche domande e con cui trova un'intesa inaspettata. I due scavano nel passato di Bacci Pagano, tra rimpianti, rimorsi e donne a cui ha spezzato il cuore. E piano piano arrivano a ricostruire quel fatidico giorno in cui qualcuno ha tentato di ucciderlo, per toglierlo di mezzo. Bacci Pagano deve sapere. E se non può indagare di persona, in Vasco ha trovato un valido alleato. Un alleato che a sue spese scopre che il male esiste davvero, che gli incubi peggiori a volte si avverano.

Un conto aperto con la morte (dialogando con l’autore)

Morchio Bruno

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri

È un annuncio surreale quello che un lunedì come tanti compare sul Metroquadro, rivista milanese di inserzioni immobiliari: una vecchia contessa caduta in miseria mette in vendita un loculo cimiteriale della tomba di famiglia al Monumentale di Milano. Il cliente ideale? Secondo lei il pendolare che, intrappolato ogni giorno sui treni sovraffollati che fanno la spola tra Milano e l'hinterland, troverà in quell'offerta la soluzione ai suoi problemi. Almeno fino a quando l'anziana morirà. Allora, e solo allora, l'inquilino dovrà restituirle la dimora del suo eterno riposo. Colpevole della svista che ha permesso la pubblicazione dell'inserzione è Federico Plomb, impiegato alla redazione del Metroquadro e pendolare lui stesso. Dopo aver rischiato il licenziamento per questo errore, Federico assiste inerme alle reazioni a catena che ha innescato, a partire dall'atteggiamento dei media che, dapprima interessati al lato folkloristico della vicenda, ne fanno poi oggetto di serie discussioni nei talk show. Ha inizio un nuovo fenomeno: i milanesi che possiedono un loculo trovano l'idea della contessa ottima per guadagnare, e i pendolari, stanchi delle risse quotidiane per un posto sul treno regionale, rispondono alle inserzioni. E comprano. Le leggi di mercato fanno il resto. È il boom di un nuovo mercato immobiliare.

Comodo, silenzioso, vicinanze metrò

Spinaci Antonio