Saggi

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

Descrizione: Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Categoria: Saggi

Editore: Edizioni Gruppo Abele

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788865790199

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

Il reddito di cittadinanza (o, meglio, di residenza, dacché i suoi  intendono estenderlo agli stranieri extracomunitari regolarmente soggiornanti) è l’obiettivo più ambizioso che la sinistra radicale contemporanea si prefigge.

È lo strumento che, solo, si ritiene in grado di tutelare la dignità umana in modo perfettamente soddisfacente perché, elargito in misura sufficiente a soddisfare tutte le esigenze materiali comuni,è in grado di debellare definitivamente il bisogno, fino al perdurare del quale, nessun diritto di libertà assicura il pieno svolgimento della personalità di ciascuno. Inoltre, poiché rivolto a tutti indifferentemente, il reddito di cittadinanza emenda uno strabismo tradizionale dei modelli di welfare occidentali: l’essere perlopiù costruito attorno al lavoratore dipendente, con conseguente discriminazione di categorie distanti dal lavoro tradizionale (precari, casalinghe, portatori di handicap).

Di più, il basic income deve essere distribuito anche agli abbienti: solo così la sua percezione da parte dei non abbienti può perdere lo stigma connesso con il riconoscimento dello stato di bisogno. Infine, il basic income non deve essere revocato se chi lo percepisce rifiuta un impiego: questo infatti è ritenuto ricattatorio, a meno che l’impiego offerto non sia rispondente alle inclinazioni ed alle aspirazioni del soggetto che riceve l’offerta.

La fiducia nell’efficacia del basic income è tale che questo pamphlet, redatto da un magistrato che presta servizio presso la sezione lavoro della Corte di Cassazione, presenta la misura non come il completamento del sistema del welfare europeo, “la ciliegina sulla torta”, ma come il pilastro fondamentale attorno al quale erigere un nuovo sistema di welfare.

Il liberale che si avventuri in una lettura così distante dalle sue normali frequentazioni – se sopravvive all’orticaria che lo assale – ha essenzialmente due censure da rivolgere: come possono Stati finanziariamente esangui, come sono oggi molti fra quelli europei, sostenere un simile peso? Come si può convincere a continuare a lavorare popoli cui lo Stato garantisce una vita degna, senza che essi debbano muovere un dito?

Lo stesso liberale non si dirà mai soddisfatto dalla risposta che l’autore dà alla prima obiezione, tuttavia deve riconoscergli di essersi impegnato –  politici e sindacalisti non si curano di indicare dove reperire le risorse per far fronte alle loro promesse – e di aver indicato qualche soluzione parziale non solo credibile, ma anche coraggiosa, se si considera che proviene dalla sinistra-sinistra.

L’autore riconosce infatti che il nostro sistema di welfare, a fronte dell’immensa massa di denaro movimentato nel ciclo che va dai prelievi fiscali alla finale erogazione delle prestazioni, è estremamente costoso – si pensi all’imponenza ed alla numerosità degli enti di carattere sociale – ed assai inefficiente, poiché dà a chi è discutibile che meriti di avere, e prende da chi è discutibile meriti di contribuire. Sono espressamente criticate le casse integrazione in deroga ultradecennali, le pensioni ai sessantenni (l’autore scrive poco prima delle rasoiate del prof. Monti), le sovrapposizioni di competenze su più livelli: provvidenze comunali-provinciali-regionali e i criteri poco trasparenti di selezione dei beneficiari.

Tutto vero, per quanto non basti. La realtà è che solo una forte ripresa economica e una robusta crescita del PIL pro capite degli stati europei possono permettere un sostanziale aumento delle prestazioni di welfare. Infatti, il correlato aumento del gettito potrebbe consentire maggiori spese, e le migliorate condizioni del mercato del lavoro assottiglierebbe il novero degli aspiranti percettori del basic income.

Quanto alla seconda domanda – ma chi lavora più se si può avere uno stipendio regalato? – essa rimane inevasa: l’autore concepisce il basic income come il diritto principe del “cittadino laborioso europeo”, che si presume assolutamente, appunto, laborioso. Questa omissione non può stupire: è discendente remota dell’idea marxista per la quale l’uomo è buono per natura, ma è rovinato dal capitalismo. Insomma, si è di fronte alla consueta naïveté degli altero mondisti, che ce li rende, nell’errore, adorabili.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Bronzini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bronzini Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'è un patrimonio di inestimabile valore nascosto in una lussuosissima villa di Hollywood Heights. Si tratta di una collezione di vini tra i più pregiati e preziosi che si possano trovare sul mercato: Lafite Rothschild, Latour, Margaux, Figeac, Pétrus.Ogni bottiglia vale migliaia di dollari e Danny Roth, un ricco avvocato, le conserva gelosamente lontano da occhi indiscreti. Ma un giorno commette un errore e accetta di parlare dei suoi favolosi esemplari al «Los Angeles Times» per la pagina di enologia. Un peccato di vanità fatale, perché durante la notte di Capodanno qualcuno fa irruzione nella villa e i vini vengono rubati. Per indagare sul furto viene assoldato Sam Leavitt, un investigatore privato dal passato oscuro e rocambolesco: prima ladro-gentiluomo, poi avvocato. Sam è l'unico in grado di risolvere velocemente questa spinosa questione, proprio grazie ai suoi trascorsi non limpidissimi. Per localizzare una refurtiva così preziosa le prime ore sono fondamentali. Ecco perché Sam non perde tempo e inizia subito un viaggio che dai filari di viti della Califomia lo porta fino nei vigneti baciati dal caldo sole del Sud della Francia, a Bordeaux, la capitale mondiale del vino. Qui, aiutato dalla bellissima e misteriosa esperta di vini Sophie Costes, si mette sulle tracce di un ricco collezionista di Marsiglia, Monsieur Reboul. È solo un caso che l'uomo l'anno prima abbia tentato di comprare parecchi dei vini scomparsi? Per scoprirlo Sam e Sophie dovranno addentrarsi nei bui corridoi della cantina di Reboul, anche usando mezzi non del tutto leciti...

IL COLLEZIONISTA DI MARSIGLIA

Mayle Peter

Dopo il successo della trilogia dei noir marsigliesi - Casino totale, Chourmo, Solea - Jean-Claude Izzo, ha scritto questo romanzo altrettanto "nero", altrettanto impregnato di quella nostalgia per una felicità impossibile che è una nota caratteristica della sua scrittura. Il sole dei morenti non è un giallo, come non erano solo dei gialli i suoi romanzi precedenti. È la storia di un uomo sfortunato, un giovane sereno, innamorato della moglie, felice di avere un bambino, un lavoro, una casa. Poi la moglie lo lascia, lui perde il lavoro, la casa, finisce in strada: quello che chiamano un barbone. Ma dietro continua a vivere un uomo. E questo uomo, questo barbone, prova, in un ultimo slancio vitale, a lasciare la Parigi del freddo, dei metrò, dell'alcolismo, della solitudine, per raggiungere Marsiglia, il sole, il mare la città dove aveva scoperto l'amore. Il sole dei morenti è la storia di un viaggio e di una vita. Un romanzo struggente, di rara umanità.

Il sole dei morenti

Izzo Jean-Claude

Viaggiatrice nel passato suo malgrado per un dono di famiglia, Gwen, giovane londinese che vorrebbe avere a che fare con i problemi tipici della sua età e dei suoi compagni di scuola, si trova catapultata da un secolo all'altro con una pericolosa missione da compiere. Peccato che non sappia di chi può fidarsi, dei Guardiani del Tempo o del terribile Conte di Saint Germain, dell'affascinante ma scostante Gideon o dell'invidiosa cugina Charlotte. A un certo punto l'unico vero amico sembra essere Xemerius... un gargoyle col muso di gatto.

BLUE

Gier Kerstin

È domenica pomeriggio 22 marzo 1981 e al Bar Marco tra i tavoli da carte e il rumore dei flipper riecheggiano le partite di calcio. Tutti seguono la radiocronaca e controllano la schedina. A Sanremo, a pochi passi dai lustrini luccicanti del Casinò, dall'aristocratica clientela degli hotel dell'Imperatrice e dagli splendori delle ville liberty, il Bar illumina un quartiere sorto rapidamente, senza anima apparente ma stracolmo di umanità parallele. Qui sui tavoli del biliardo si sfiorano senza incontrarsi, destini impegnati a sopravvivere alla vita e vite impegnate a sopravvivere ad un destino. Vite in movimento apparente, vacuamente oscillanti al caso come la pallina della roulette, e destini sfilacciati, duri da mordere, incatenati ad un filo di necessità. Destini appesi al bancone del Bar Marco, fra un bicchiere di troppo e una sigaretta mai spenta, in attesa del tredici che ne cambierà per sempre segno e direzione. Una vincita milionaria, il furto della schedina, un mistero da risolvere in un intreccio di emozioni e traiettorie. Un ingorgo di miserie, furbizie, espedienti e sudore che trova la sua perfezione provvisoria nella geometria euclidea del biliardo, nella esatta corrispondenza della sponda, nella fredda pazienza del ragno che tesse l'ineludibile disegno della tela. Una melodia distillata in infinite modulazioni fra tonalità maggiori e minori, scale ascendenti e discendenti, alla ricerca di una cifra armonica che riempia e sazi gli spazi dell'anima ruota intorno a Mario, il barista-investigatore dalla debordante umanità.

Un pastis al bar Marco

Fellegara Morena