Saggi

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

Descrizione: Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Categoria: Saggi

Editore: Edizioni Gruppo Abele

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788865790199

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

Il reddito di cittadinanza (o, meglio, di residenza, dacché i suoi  intendono estenderlo agli stranieri extracomunitari regolarmente soggiornanti) è l’obiettivo più ambizioso che la sinistra radicale contemporanea si prefigge.

È lo strumento che, solo, si ritiene in grado di tutelare la dignità umana in modo perfettamente soddisfacente perché, elargito in misura sufficiente a soddisfare tutte le esigenze materiali comuni,è in grado di debellare definitivamente il bisogno, fino al perdurare del quale, nessun diritto di libertà assicura il pieno svolgimento della personalità di ciascuno. Inoltre, poiché rivolto a tutti indifferentemente, il reddito di cittadinanza emenda uno strabismo tradizionale dei modelli di welfare occidentali: l’essere perlopiù costruito attorno al lavoratore dipendente, con conseguente discriminazione di categorie distanti dal lavoro tradizionale (precari, casalinghe, portatori di handicap).

Di più, il basic income deve essere distribuito anche agli abbienti: solo così la sua percezione da parte dei non abbienti può perdere lo stigma connesso con il riconoscimento dello stato di bisogno. Infine, il basic income non deve essere revocato se chi lo percepisce rifiuta un impiego: questo infatti è ritenuto ricattatorio, a meno che l’impiego offerto non sia rispondente alle inclinazioni ed alle aspirazioni del soggetto che riceve l’offerta.

La fiducia nell’efficacia del basic income è tale che questo pamphlet, redatto da un magistrato che presta servizio presso la sezione lavoro della Corte di Cassazione, presenta la misura non come il completamento del sistema del welfare europeo, “la ciliegina sulla torta”, ma come il pilastro fondamentale attorno al quale erigere un nuovo sistema di welfare.

Il liberale che si avventuri in una lettura così distante dalle sue normali frequentazioni – se sopravvive all’orticaria che lo assale – ha essenzialmente due censure da rivolgere: come possono Stati finanziariamente esangui, come sono oggi molti fra quelli europei, sostenere un simile peso? Come si può convincere a continuare a lavorare popoli cui lo Stato garantisce una vita degna, senza che essi debbano muovere un dito?

Lo stesso liberale non si dirà mai soddisfatto dalla risposta che l’autore dà alla prima obiezione, tuttavia deve riconoscergli di essersi impegnato –  politici e sindacalisti non si curano di indicare dove reperire le risorse per far fronte alle loro promesse – e di aver indicato qualche soluzione parziale non solo credibile, ma anche coraggiosa, se si considera che proviene dalla sinistra-sinistra.

L’autore riconosce infatti che il nostro sistema di welfare, a fronte dell’immensa massa di denaro movimentato nel ciclo che va dai prelievi fiscali alla finale erogazione delle prestazioni, è estremamente costoso – si pensi all’imponenza ed alla numerosità degli enti di carattere sociale – ed assai inefficiente, poiché dà a chi è discutibile che meriti di avere, e prende da chi è discutibile meriti di contribuire. Sono espressamente criticate le casse integrazione in deroga ultradecennali, le pensioni ai sessantenni (l’autore scrive poco prima delle rasoiate del prof. Monti), le sovrapposizioni di competenze su più livelli: provvidenze comunali-provinciali-regionali e i criteri poco trasparenti di selezione dei beneficiari.

Tutto vero, per quanto non basti. La realtà è che solo una forte ripresa economica e una robusta crescita del PIL pro capite degli stati europei possono permettere un sostanziale aumento delle prestazioni di welfare. Infatti, il correlato aumento del gettito potrebbe consentire maggiori spese, e le migliorate condizioni del mercato del lavoro assottiglierebbe il novero degli aspiranti percettori del basic income.

Quanto alla seconda domanda – ma chi lavora più se si può avere uno stipendio regalato? – essa rimane inevasa: l’autore concepisce il basic income come il diritto principe del “cittadino laborioso europeo”, che si presume assolutamente, appunto, laborioso. Questa omissione non può stupire: è discendente remota dell’idea marxista per la quale l’uomo è buono per natura, ma è rovinato dal capitalismo. Insomma, si è di fronte alla consueta naïveté degli altero mondisti, che ce li rende, nell’errore, adorabili.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Bronzini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bronzini Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

La riva del silenzio

Yoon Paul

Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Cuore primitivo

De Carlo Andrea

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali. Incredibilmente sospeso tra le sinuose eleganze dell’Art Nouveau e la solida concretezza delle scomposizioni cubiste, il poeta crea effetti stilistici unici, senza mai rinunciare a sfruttare gli spazi aperti della sua immaginazione formale, cassa di risonanza della sua malinconia, della sua vitalità, del suo male di vivere. Ricchissima di senso metrico e sonoro, fondata sul valore espressivo della parodia e del falsetto, la poesia di Apollinaire è proposta nell’attenta traduzione di Giovanni Raboni a cui fanno da indispensabile complemento le incisioni di Raoul Dufy, presenti già nell’edizione originale.

Bestiario

Apollinaire Guillaume

Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Il professore di Viggiù

Nove Aldo