Narrativa

Il regno degli amici

Montanari Raul

Descrizione: È l'estate del 1982. L'Italia ha appena vinto i mondiali di Spagna e Milano è deserta. Demo, Elia e Fabiano trovano una casa abbandonata sul naviglio Martesana e decidono di farne il loro Regno. Un posto segreto dove è possibile fumare, ascoltare i Led Zeppelin, sfogliare i giornaletti porno, scoprire il confine sottile tra complicità e gelosia, tra emulazione e rivalità. Un posto, anche, dove accogliere i nuovi amici, come Ric. Poi incontrano Valli, ed è un'apparizione. Lei è selvatica, ha gli occhi verdi, i capelli lunghi, un corpo esile chiuso in una salopette; vive in un camper con la madre e ogni giorno pesca nel canale. Senza volerlo la ragazza rompe il goffo equilibrio maschile del Regno, insinuando nel gruppo quella tensione erotica che è per tutti la grande scoperta e il grande dolore dell'adolescenza. Ma che qui genera un danno capace, in una sola notte, di cambiare il destino dei protagonisti. Mentre la pioggia si porta via l'ultima estate della loro giovinezza.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi. Stile libero big

Anno: 2015

ISBN: 9788806219734

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La notizia della pubblicazione dell’ultimo romanzo di Raul Montanari, “Il regno degli amici”, ha riattivato un meccanismo psicologico che, per struttura e modalità, accompagnava – nel mio passato studentesco – l’uscita di un nuovo disco di Lucio Battisti (soprattutto dopo il divorzio artistico da Mogol), quando si combinavano variamente la curiosità (ci saranno nuove sonorità?), il vago timore di rimaner delusi da un mito, la tattile soddisfazione di stringere tra le mani la materializzazione dell’espressione artistica idolatrata (il vinile era un manufatto unico. Ma anche i meno feticisti troveranno bellissima la cover del  nuovo romanzo di Montanari).

Sospeso tra istinti antitetici (quello di prolungare l’apnea della lettura per dilatarne il piacere, quello di concludere per interiorizzare e valutare il romanzo), ho affrontato “Il regno degli amici” con un duplice riferimento anagrafico-cabalistico.
Per cronologia e per il tema trattato, “Il regno degli amici” è adiacente a “Il tempo dell’innocenza: in quest’ultimo si tratta il difficile passaggio dall’infanzia alla pubertà, nel nuovo romanzo i protagonisti sono completamente immersi nell’adolescenza.
Pensando poi a “La perfezione” (1994), è facile constatare che in un ventennio Raul Montanari ci ha ormai regalato tredici romanzi…

Dunque, l’adolescenza occupa le pagine con le sue dinamiche di gruppo (“Mi stava dimostrando che era pronto a combattere contro un maschio, per me”) e con le individualità che rappresentano un’età nella quale le personalità affiorano, si determinano, interagiscono, soffrono e si divertono con autenticità e vigore vitalistico.
In questo ambito, i personaggi sono caratterizzati con potenza ora ironica, ora realistica: il narratore Demo; il leader del gruppo, quel Fabiano un po’ smargiasso che interpreta il ruolo che anche in natura viene assegnato all’esemplare capobranco sia per le attitudini sia per le doti estetiche (“Fabiano oggi era scintillante”); lo stralunato e ieratico Elia (“Il Profeta non veniva chiamato così solo perché il suo nome era Elia, ma per la capacità di pronunciare enormità sovrumane”); il misurato Ric Velardi (“Sotto molti aspetti era il sedicenne più sorprendente che avessi conosciuto e la sua influenza su di me crebbe di giorno in giorno”). Infine lei, la ninfa pescatrice (“Valli cacciava e pescava per mangiare, non per sport”), la ninfa della Martesana, la quattordicenne Valli, che si candida a sparigliare gli equilibri collettivi (“Accarezzò la gallinella con le sue mani da assassina e ci sfidò con lo sguardo”).

L’adolescenza viene poi rappresentata in tappe, processi e riti: il dissidio con il padre e la confidenza con un parente collaterale (lo zio Rainer, professione dimafonista); la scelta della scuola superiore; l’intimismo affidato a un diario (“La lingua di Omero, l’avevo usata per crittografare il diario”); il senso di libertà per una vacanza trascorsa senza i genitori; la ricerca del covo (“La fucina di Vulcano… La stanza sembrava una caldaia”); lo scontro tra branchi rivali; il disordine alimentare e i deliri assicurati da alcolici e cannabis (“Tutto era immerso in un brodo alcolico primordiale e il fumo ristagnava nel tinello, intossicandoci”); l’onanismo declinato al plurale (“Non avevo voglia… di complicarmi la vita con femmine vere, quando c’erano quelle di sogno ad aspettarmi fra le pagine patinate”) che ricorda quello solitario dell’Arturo Bandini de “La strada per Los Angeles” (“Il giorno dopo aver distrutto le mie donne mi pentii di averle distrutte”, John Fante); il gergo che crea un senso di appartenenza attraverso sigle e acronimi (ove CC-1 sta per cena cinese; N-1 narghilé; SS-1 seduta spiritica…); le esperienze di trasgressione in piccoli furti (al supermercato, in chiesa), in sedute spiritiche (“Proprio perché tutti spingono… il piattino… alla fine nella stanza è davvero presente un’altra persona… che è venuta fuori dall’insieme di tutti”), e altro ancora.

In mezzo a tanta ricchezza, è bello poi tentare di rintracciare il Montanari-pensiero (“Per ottenere non devi desiderare… La vita è generosissima nelle cose di cui t’importa poco e terribilmente avara in quelle che agogni con tutto te stesso”) in considerazioni sulla religione (“Per cominciare, una religione è una storia; anzi, tante storie insieme, spesso molto belle, che sopravvivono anche alla perdita della fede. Da quanti secoli nessuno crede più a Zeus e Apollo? Eppure questi dèi e i loro miti vivono ancora fra noi…”), sulla morte (“A quell’età la contempli con una purezza che non avrai mai più, senza sporcarla con miserie accessorie – vecchiaia, malattia, come starò, chi ci sarà al mio capezzale”), sul tempo (“Poi, quando il futuro è arrivato, ho scoperto che la felicità vera era quella che avevo vissuto allora. Avevo scambiato l’esecuzione per i preparativi: quella a cui avevo assistito a quindici anni non era la prova d’orchestra. Era già il concerto”). Per concludere, senza per questo cedere alla superstizione, che Raul Montanari ha brillantemente superato anche la scaramanzia della triscaidecafobia.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 2 commenti )

Nobel assegnati, Nobel negati – i-LIBRI

[…] ma al tempo stesso illuministico e illuminante il no ammirato di uno scrittore del calibro di Raul Montanari, che dalla sua pagina Facebook indirettamente celebra il cantautore americano mietendo like (e […]

Premio Scerbanenco 2015 – i-LIBRI

[…] perfetta, Einaudi Raul Montanari, Il regno degli amici, Einaudi (qui trovate il nostro commento: http://www.i-libri.com/libri/il-regno-degli-amici) Giampaolo Simi, Cosa resta di noi, Sellerio (http://www.i-libri.com/libri/cosa-resta-di-noi) […]

Gli anni Ottanta e “Il regno degli amici” di Raul Montanari – i-LIBRI

[…] del 1982 (“Nell’82 ristoranti e rosticcerie cinesi non avevano ancora colonizzato Milano”), che oggi commentiamo nella home page della nostra […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raul

Montanari

Libri dallo stesso autore

Intervista a Montanari Raul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il segreto di Enoch

Alberico Dettori

Tutto ha inizio con una lista di nomi. Non sono nomi qualunque, ma quelli di pericolosi terroristi che minacciano la sicurezza internazionale tanto da dover essere eliminati uno a uno. Solo sette persone nelle segrete stanze di Washington conoscono l¿esistenza della "lista nera", tra queste il presidente degli Stati Uniti. La minaccia è reale, ma deve rimanere top secret o si scatenerà il panico. Il primo di questi nomi è anche il più temibile: "il Predicatore", un fondamentalista islamico senza scrupoli che ha come unico scopo la distruzione degli infedeli. Incita all'odio attraverso messaggi che diffonde tramite il web e riesce a raccogliere attorno a sé una folla di proseliti che scatenano una serie incontrollabile di eventi mortali. Gli omicidi si moltiplicano, non solo negli Stati Uniti ma anche sul territorio inglese, dove cadono altre vittime. Troppe. Solo un uomo può compiere quella che sembra una missione impossibile: l'ex marine Kit Carson, soprannominato "il Segugio", che viene prontamente incaricato di trovare e uccidere il responsabile di quell'inferno. Kit, però, non sa che faccia abbia il suo nemico, dove si nasconda e quale sia il suo vero nome. Sarà un giovane ed espertissimo hacker a rintracciare per lui le postazioni del Predicatore e dei suoi complici utilizzando solo la tecnologia. Si scatena così una guerra tra due schieramenti, totalmente diversi tra loro ma con un obiettivo comune: la distruzione dell'avversario. Con La lista nera Frederick Forsyth si riconferma un maestro del genere firmando un thriller che non lascia scampo, in cui attualità e fiction si mescolano grazie a un eccellente lavoro di documentazione che svela i retroscena dei servizi segreti britannici, americani, pachistani e israeliani.

LA LISTA NERA

Forsyth Frederick

In quel fine ottobre del 1929 sferzato dal vento e da una pioggerella fastidiosa e insistente, a Bellano non succede nulla di che. Ma se potessero, tra le contrade volerebbero sberle, eccome. Le stamperebbe volentieri il maresciallo dei carabinieri Ernesto Maccadò sul muso di tutti quelli che si credono indovini e vaticinano sul sesso del suo primogenito in arrivo, aumentando il tormento invece di sciogliere l'enigma, perché uno predice una cosa e l'altro l'esatto contrario. Se le sventolerebbero a vicenda, e di santa ragione, il brigadiere Efìsio Mannu, sardo, e l'appuntato Misfatti, siciliano, che non si possono sopportare e studiano notte e giorno il modo di rovinarsi la vita l'un l'altro. E forse c'è chi, pur col dovuto rispetto, ne mollerebbe almeno una al giovane don Sisto Secchia, coadiutore del parroco arrivato in paese l'anno prima. Mutacico, spento, sfuggente, con un naso ben più che aquilino, don Sisto sembra un pesce di mare aperto costretto a boccheggiare nell'acqua ristretta e insipida del lago. Malmostoso, è inviso all'intero paese, perfino al mite presidente dei Fabbriceri, Mistico Lepore, che tormenta il prevosto in continuazione perché, contro ogni buon senso, vorrebbe che lo mandasse via. E poi ci sono sberle più metaforiche, ma non meno sonore, che arrivano in caserma nero su bianco. Sono quelle che qualcuno ha deciso di mettere in rima e spedire in forma anonima ai carabinieri, forse per spingerli a indagare sul fatto...

Quattro sberle benedette

Vitali Andrea

Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca