Teatro

Il rinoceronte

Ionesco Eugène

Descrizione: Quest'opera è valida per le dimensioni di teatro che, una volta di più, lo straordinario talento inventivo di Ionesco. La metamorfosi a vista del personaggio Jean, dentro e fuori la stanza da bagno, ogni volta sempre meno uomo e sempre più rinoceronte, sotto gli occhi atterriti di Berenger, è un modello di teatro antipsicologico, ridotto a puro gesto, che la parola accompagna con una semplice funzione indicativa. E'il ritorno alla pantomima, ai valori didascalici e parodistici della pantomima e qui Ionesco - sembra impossibile - si incontra con Brecht'. Dalla Prefazione di Roberto De Monticelli

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezione di teatro

Anno: 1997

ISBN: 9788806069087

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il rinoceronte” è un’opera in tre atti nella quale Eugène Ionesco si avvale della commedia dell’assurdo per rappresentare il dramma del conformismo.

Il primo atto si svolge in una piazza, la domenica mattina. Qui s’incontrano i due amici Jean e Berenger: quest’ultimo si caratterizza per un malessere di fondo (“Io non mi ci adatto. Proprio non mi ci adatto alla vita”) che lo induce a bere. I dialoghi tra i personaggi nella piazza vengono animati dal duplice passaggio di un rinoceronte. Un fatto insolito e inspiegabile (“Perché in questa città non abbiamo più lo zoo da quando gli animali sono stati decimati dalla peste… Ma di che circo parla?”), che viene comunque ritenuto complessivamente plausibile al punto che i discorsi proseguono indisturbati (il filosofo, ad esempio, continua i suoi ragionamenti: “Altro sillogismo. I gatti sono mortali. Ma anche Socrate è mortale. Dunque Socrate è un gatto”). Almeno fino al secondo passaggio del pachiderma (“Era già passato poco fa davanti al mio negozio! Ma questo è un altro!”), quando gli attori cominciano a chiedersi se il rinoceronte è uno o se vi siano due bestie (“…rinoceronti con un corno, o due corni, asiatici o africani?”) in circolazione…

L’atto secondo si svolge in due scene: la prima nell’ufficio di Berenger, la seconda nell’appartamento di Jean. In ufficio si discute del fatto strano (“Precisamente: un mito! Come la storia dei dischi volanti!”) e si tentano razionalizzazioni (“Un fenomeno di psicosi collettiva”) fino a una tragica scoperta (“E’ mio marito! Boeuf, povero mio Boeuf, che cosa ti è successo?”). Intanto gli avvistamenti si moltiplicano (“Sono segnalati in molti posti: stamattina ce n’erano sette, ora ce ne sono diciassette”).
Ma è nell’appartamento di Jean che la metamorfosi va in diretta attraverso sintomi (“Ecco, è la fronte qui, che mi fa male”) inequivocabili (“Un bernoccolo?”) e inquietanti (“Che diavolo le importa della mia pelle? Mi occupo della sua, io?”).

L’atto terzo si svolge nella camera di Berenger: questi, avendo assistito alla trasformazione di Jean, è in preda all’angoscia (“Ho… ho paura di diventare un altro”) e dichiara il proprio amore a Daisy, sperando di trovare nel sentimento la forza per contrastare l’epidemia in atto (“E allora perché se la prende tanto per qualche caso di rinocerontite? Magari è una malattia… Resta l’ipotesi dell’epidemia. Sarà come l’influenza. Le epidemie non sono una novità.”)

La metamorfosi (“Be’ almeno questo dimostra che la metamorfosi è sincera… sono sicuro che si tratta di una metamorfosi volontaria…”) è un espediente vistoso e scenografico per rappresentare tematiche sociali (“E chi ti dice che non siamo noi che abbiamo bisogno di essere salvati? Forse gli anormali siamo proprio noi!”) e concettuali (“Non esiste una ragione assoluta. La ragione è sempre della maggioranza, noi non contiamo niente!”) attraverso un incubo paradossale (“E queste metamorfosi saranno reversibili?”) e portato alle estreme conseguenze.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Rinoceronte in fuga e Ionesco - New i-LIBRI

[…] dei cittadini di fronte a un’esibizione inattesa e surreale richiamano alla nostra mente “Il rinoceronte” di Eugène Ionesco, che oggi commentiamo nella home page di […]

Rinoceronte in fuga e Ionesco – i-LIBRI

[…] dei cittadini di fronte a un’esibizione inattesa e surreale richiamano alla nostra mente “Il rinoceronte” di Eugène Ionesco, che oggi commentiamo nella home page di […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eugène

Ionesco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ionesco Eugène

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto

L’evoluzione tecnologica sta portando un grande progresso in molti campi della vita dell’uomo, ma ha anche un impatto crescente sul suo comportamento. Gli smartphone su cui passiamo la maggior parte del nostro tempo sono oggi vere e proprie protesi di corpo e mente e stanno creando una pericolosa divisione “tra due cervelli”...

Incontrare Vittorino Andreoli

Andreoli Vittorino

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco

Tratto dal diario non censurato di Anaïs Nin, questo ritratto autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra il 1931 e il 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che segnerà una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e turbata dalla fisicità di June, la giovane Anaïs Nin inizia una sorta di educazione erotico-sentimentale che la condurrà alla completa maturazione emotiva e personale. Da questo gioco a tre, sotto la magistrale “regia” di Miller, sullo sfondo della Parigi negli anni trenta, si sviluppa un libro dai risvolti morbosi che completa l’immagine provocatoria di una scrittrice ormai consacrata tra i nomi più illustri della letteratura contemporanea.

Henry & June

Nin Anais