Narrativa

IL RITRATTO DEL DIAVOLO

Barrili Anton Giulio

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana:

Anno: 1882

ISBN:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

 

Lettori gentili, siete mai stati ad Arezzo? Se non ci siete mai stati, vi prego di andarci alla prima occasione, anche a costo di farla nascere, o d’inventare un pretesto. Vi assicuro io che mi ringrazierete del consiglio. La Val di Chiana è una tra le più amene e le più pittoresche “del bel paese là dove il sì suona”. Anzi, un dilettante di bisticci potrebbe sostenere che il sì è nato proprio in Arezzo, poiché fu aretino quel monaco Guido, a cui siamo debitori della scala armonica. Ma, a farlo apposta, Guido d’Arezzo non inventò che sei note, dimenticando per l’appunto di inventare la settima. Forse, ribatterà il dilettante di cui sopra, Guido non ha inventato il si, perché questo era già nella lingua madre, o il brav’uomo non voleva farsi bello del sol di luglio. Comunque sia, andate in Val di Chiana e smontate ad Arezzo. La città non è vasta, ma che importa? […]

A buon conto, la città è piccola, ma ci ha le vie larghe, pulite e ben selciate, il che non si trova mica da per tutto; possiede molte ed insigni opere d’arte, un prefetto, un vescovo, due buoni alberghi e un caffè dei Costanti, che vi dà subito l’idea di una popolazione d’innamorati. La qual cosa non mi farebbe punto specie, poichè le aretine son belle di molto, tanto da far dimenticare perfino i grandi uomini che son nati in Arezzo, da Mecenate, amico d’Augusto, a Francesco Redi, amico del vino.

Frattanto, lettori gentili, venite in Arezzo con me. Non ci si va col vapore, ma a cavallo, perché siamo cinque secoli addietro; si passa una delle quattro porte della città, che è cerchiata di mura per un giro di tre miglia, e si scende alla bottega di mastro Jacopo da Casentino.

Quella narrata dal Barrili è la storia romanzata del pittore Spinello Spinelli (detto Spinello Aretino), discepolo del maestro Jacopo da Casentino e promesso sposo della figlia di quest’ultimo.

Spinello non aveva ancora scoperto il proprio incredibile talento di artista, il giorno in cui vide passare per strada Fiordalisa, la figlia del pittore Jacopo da Cosentino. Fu proprio per avvicinarsi a lei che si presentò come apprendista al maestro, che lo accettò entusiasta dopo aver visto gli schizzi del giovane. Da qui iniziò la brillante carriera di Spinello. Il suo immenso talento gli valse l’acclamazione degli aretini e, cosa più importante, la mano della donna amata. L’invidia dei tanti corteggiatori che la circondavano, senza che lei desse ad alcuno speranza di successo,  si frappose pero’ tra Spinello e Fiordalisa.

Il ritratto del diavolo è per Barrili il ritratto dell’amicizia tradita e dell’inganno. La bontà e la purezza d’animo di Fiordalisa e di Spinello, si contrappongono alla perfidia di Tuccio e del Buontalenti.

Seppur in un italiano non attuale, il romanzo è ben scritto e pieno di colpi di scena. La trama non annoia, anche se alcuni passaggi risultano forse un po’ lunghi. Il finale certamente non delude. Chi fosse interessato a leggerlo può digitare il titolo in qualsiasi motore di ricerca e scaricarlo gratuitamente, essendo le opere del Barrili entrate nel pubblico dominio.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giulio

Anton

Barrili

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barrili Anton Giulio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lezioni americane

Calvino Italo

Il Circolo de i-LIBRI – Segnalazione prossimo libro

E' una squadra che agisce in Sicilia da mesi. Si fanno chiamare i 'Bastaddi'. Il loro capo è Aldo Ranieri, soprannominato 'Aldo l'indiano' per la sua abitudine di fare lo scalpo a tutti i mafiosi che ammazza. A Siracusa c'è un piccolo cinema. Lo gestisce Giovanna, scampata per miracolo a una strage mafiosa. Il capo dei capi vuole celebrarci la sua gloria con un film di mafia. Ci saranno più di cento mafiosi, radunati lì. Ospite d'onore: Totò Riina. I Bastaddi l'hanno saputo e preparano l'attacco. Ma anche Giovanna prepara la sua vendetta personale. Con un film e tante pellicole in fiamme. Un grande omaggio a Quentin Tarantino, al suo Bastardi senza gloria: Amato riprende la sua storia, con I mafiosi al posto dei nazisti, ambientandola in terra di Sicilia. E sogna una Sicilia bonificata dalla mafia, dopo una resa dei conti spettacolare e definitiva. Dal film al romanzo, dalla cacciata dei nazisti dalla Francia alla cacciata dei mafiosi dalla Sicilia, e tutto grazie a un piccolo cinema di periferia: una cover letteraria avvincente e liberatoria.

Bastaddi

Amato Stefano

Nella casa di Pintor, Ruth, Noemi, Ester, discendenti da una famiglia nobile andata in rovina, il servo Efix con grande fatica riesce a conservare il decoro, coltivando l'ultimo podere rimasto. In passato una quarta sorella, Lia, era fuggita in continente e Efix era stato involontariamente causa della morte del padre che cercava di fermarla. Morta anche Lia, torna alla casa materna Giacinto, suo figlio, un giovane dissoluto che manda in rovina le zie. Noemi, legata da un ambiguo sentimento al nipote, rifiuta le nozze con don Predu a cui era stato venduto il podere. Efix che si era allontanato dalla casa da lui creduta maledetta per sua colpa, vi fa ritorno e muore il giorno stesso delle nozze tra Noemi e don Predu, avendo ritrovato la pace.

Canne al vento

Deledda Grazia