Classici

Il rosso e il nero

Stendhal

Descrizione: La bruciante e tragica ascesa di Julien Sorel, giovane avventuroso, romantico e calcolatore, nella Francia della Restaurazione. Il protagonista del piú celebre romanzo dello scrittore francese sfida se stesso e la società che vorrebbe conquistare: i suoi amori travolgenti e la sua arida sete di dominio, che di volta in volta gli consentono di affermarsi e lo portano alla distruzione, sono i segni distintivi di una letteratura che è riuscita a misurarsi con le piú profonde e misteriose contraddizioni del cuore umano. Il fascino estremo di un personaggio ambizioso e inquietante nel più celebre romanzo di Stendhal. Con uno scritto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa e una nota bibliografica.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2003

ISBN: 9788804516637

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Ci fu un tempo in cui alla televisione davano degli sceneggiati in bianco e nero che lasciavano senza respiro per la loro bellezza. Non c’era ancora Brooke in Beautiful che andava a letto pure con il cognato e il suocero, lanciando delle mode per cui adesso se la suocera si china un secondo il genero le sbircia le cosce.

Erano dei rifacimenti in celluloide di grandi romanzi del passato, fatti con attori del calibro di Alberto Lupo, quello che a Mina cantava: “se tu non ci fossi bisognerebbe inventarti” e lei gli rispondeva: “parole, parole, parole…”.

Uno di questi fu Il Rosso e il Nero, liberamente tratto, come usa, dall’omonimo libro di Stendhal.

Un libro poderoso, da reggere a due mani o preferibilmente da appoggiare sul tavolino, con le sue oltre cinquecento pagine. Lo si iniziava con una certa riluttanza, facendo fatica ad addentrarsi nel periodo storico successivo all’epopea napoleonica: un ambiente bigotto, chiuso, provinciale, con strane usanze e formalismi a gogò. Ma si restava avviluppati in una storia meravigliosa che non avrebbe mai dovuto aver termine.

C’era una volta un giovane di belle speranze, di umili origini, chiamato in casa di un signor Sindaco per fare da istitutore privato ai suoi figli. Istitutore è quel termine che si ritrova sempre nei cruciverba: parolina di tre lettere che inizia per a e finisce per o. Aio.
Ferrato in latino e nelle lettere, dava lezioni private ai suoi figli, vivendo insieme a loro.

Il signor Sindaco era sposato con una giovane donna, Madame de Renal, “ricca ereditiera di una zia bigotta, sposata a sedici anni con un bravo gentiluomo, in tutta la sua vita non aveva mai provato né visto nulla che assomigliasse all’amore. Ne aveva sentito parlare“.

Un così bel ragazzo, algido e colto, non poteva non creare scompiglio nella quiete della nuova casa.

Prima la corte di una cameriera, rifiutata per il suo stato sociale. Quindi il cuore ballerino della signora Renal, innamorata come una ragazzina e gelosa di tutto ciò che riguardasse Julien. “Cambia vestito due o tre volte al giorno“, “Non siete mai stata così giovane“, questo si diceva di Madame.

Gesticolando toccò la mano della signora Renal… La mano si ritirò rapidamente: ma Julien pensò che era suo dovere far sì che quella mano non si ritraesse quando egli la toccava“.

Abbiamo tutti spasimato per la riuscita della sua conquista. Scorrevamo le righe per carpire un termine che ci facesse intuire quel che c’era stato tra i due. Carezze, baci, abbracci. Il sesso, lasciato intendere. Altro che Brooke…

La liason però veniva scoperta, con lettera anonima da parte di? Ma della cameriera, parbleu!

Il nostro precettore quindi doveva volatilizzarsi da casa del signor Sindaco (altrimenti non avrebbe potuto poggiare le terga su una sedia per il resto dei suoi giorni).

Dapprima il periodo di permanenza in seminario per tentare la carriera ecclesiastica. Quindi una nuova abitazione con ulteriore conquista della marchesina Mathilde, resa gravida e in procinto di sposarla per riparare e suggellare la sua scalata sociale. In un feuilleton che si rispetti i rapporti amorosi iniziano con le scale sui balconi delle giovincelle da concupire. E anche questo è narrato.

Ma la signora de Renal si rifaceva viva, dopo aver patito per il dolore della fine del rapporto adultero, mettendolo in cattiva luce con la nuova famiglia. Figurarsi Julien, quasi al traguardo della sua rincorsa nel mondo dei migliori.
Tentava di ammazzare la sua antica innamorata con un colpo di pistola, ferendola soltanto. E venendo condannato a morte, nonostante madame cercasse di risparmiargli la vita intercedendo presso chi di dovere.

Ma erano tempi di ghigliottina.

Il rosso del sangue, dell’adulterio, del furore politico, contro il nero dell’abito talare, della morte, dei sentimenti ostili e invidiosi. Tutto è presente in un libro da rileggere a distanza di anni, trattenendo la commozione per la psicologia descritta minuziosamente nei personaggi.

Nulla è tralasciato. C’è l’amore, la gelosia, la ripicca di Madame de Renal, con il coraggio di sputtanarsi agli occhi di tutti quando ormai non converrebbe più. Il furore giovanile, la rottura delle barriere sociali e la devozione della signorina Mathilde. La brama di conquista, l’innamoramento, la strafottenza, il senso eroico della vita di Julien Sorel.

Stendhal ha operato un quadro psicologico nei suoi personaggi mostrandoli nella loro umanità o debolezza, così come nella loro grandezza.

Si fa fatica a non parteggiare per la signora Renal, colpita dal destino tragico del suo giovane amante. O a non parteggiare per la marchesina Mathilde, innamorata e devota alla testa del suo bel Julien. O a non provare ammirazione per il carattere e la dignità dell’antico precettore conquistatore di cuori femminili.

Quelle oltre cinquecento pagine scivolano via meglio delle noccioline che vengono servite col Campari, una via l’altra.

Stendhal ha scritto davvero un romanzone coi fiocchi.

Chapeau!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stendhal

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stendhal


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

Fratelli d'Italia... ma sarà poi vero? Perché, festeggiati i centocin-quant'anni dall'Unità d'Italia, il conflitto fra Nord e Sud pare aver superato il livello di guardia. Per Pino Aprile, pugliese doc, la storia di oggi è ancora quella di ieri. Ripercorrendo gli eventi di quella che per alcuni fu conquista, per altri liberazione, l'autore porta alla luce una serie di fatti, volutamente rimossi nella retorica dell'unificazione, che aprono una nuova, sconvolgente finestra sulla facciata del trionfalismo nazionalistico.

Terroni

Aprile Pino

Come nei primi due romanzi di Laurent Mauvignier, Lontano da loro e La camera bianca, anche in questo volume, i monologhi in prima persona ruotano intorno a un evento drammatico e doloroso: lo stupro subito da Claire, che però non viene mai nominato. Mauvignier preferisce definirlo per confine, tramite la descrizione di due vite di solitudine e sofferenza narrate a voci alterne: da una parte la vicina di casa e amica di Claire e dall’altra l’uomo che ha violentato Claire una sera di ritorno dalla piscina.

I passanti

Mauvignier Laurent

Per anni ha custodito frammenti di una vita lontana e ora aspetta solo di essere scoperta. Trevor Stratton, professore americano, la trova per puro caso. Al suo interno lettere, vecchie foto, pagine di diari, vari oggetti, tra cui spiccano un paio di guanti a rete. I guanti di una santa o di una peccatrice? Trevor non lo sa. Per ora sa solo che la donna che li indossava si chiamava Louise Brunet e viveva a Parigi tra le due guerre. La risposta alle altre domande è in quei frammenti, tra i loro profumi e segreti, tra le parole nascoste e quei ritratti seppia. Pezzo dopo pezzo, parola dopo parola, Trevor cerca di ricostruire la vita della donna sconosciuta. Dall'amore tenero e tragico per il cugino, al rapporto morboso con il padre, al matrimonio fatto di noia per un uomo non scelto da lei fino alla passione impossibile per l'affascinante professore di francese, vicino della casa dove abita al numero 13 di Rue Thérèse. Ma più Trevor si immerge negli oggetti del passato e ripercorre i luoghi di Louise, più qualcosa di strano e misterioso inizia ad accadere nella vita del presente. Chi è veramente Josienne, la bibliotecaria dai capelli rossi, che sembra prevedere qualunque movimento di Stratton? Perchè il professore si sente così attratto da lei? Che cosa sa veramente quella donna di Louise Brunet? Solo la scatola possiede la verità. Solo gli oggetti custodiscono una promessa e una speranza. E spetta a Trevor discernere tra realtà e finzione per far sì che il destino segua il suo corso.

VITA PRIVATA DI UNA SCONOSCIUTA

Shapiro Elena Mauli