Saggi

Il ruolo economico dello stato

Stiglitz Joseph E.

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Il Mulino

Collana:

Anno: 1997

ISBN: 9788815062581

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

 

Questo libro, che riporta la relazione esposta dall’autore in un convegno organizzato in occasione del pensionamento di un influente banchiere, compendia la visione sviluppata fino alla fine degli anni ’80 dagli economisti liberali progressisti a riguardo del ruolo economico dello Stato.

Questa ricapitolazione delle dottrine liberali progressiste, esposta nel 1989, ovvero allo sgretolarsi dell’impero sovietico, assume il senso di una orgogliosa rivendicazione della plausibilità scientifica di una tradizione che riconosce allo Stato un ruolo centrale anche in un’economia di mercato: la disgregazione dell’URSS dimostra la strutturale inefficienza dell’economia socialista, ma non anche la bontà delle teorie monetariste e neo neoclassiche che invocano la compressione dello Stato fino a renderlo “minimo”.

L’autore, premio Nobel per l’economia per l’anno 2001, illustra, accettandole, le strutturali deficienze dello Stato come agente economico. È particolarmente convincente, ad esempio, una delle ragioni che vengono addotte per spiegare la frequente scarsa qualità delle classi politiche degli Stati democratici, che inficia la qualità delle decisioni politiche di questi regimi. Una simile modestia è in parte dovuta alla superficialità delle scelte degli elettori che, non internalizzando tutti i benefici della buona amministrazione, non hanno sufficienti incentivi a spendere risorse e tempo per esprimere un voto ben ponderato. Le politiche redistributive sono poi spesso inefficienti, “catturate”, come sono, da gruppi di interessi influenti che, meglio di altri, riescono a farsi “passare” per bisognosi di aiuto. Ancora, la mancanza della pressione della concorrenza fa sì che gli apparati pubblici siano più inclini di quelli privati ad essere ridotti al servizio di chi vi è impiegato, più che al servizio della collettività. Tuttavia lo Stato, che si qualifica come unica organizzazione che può imporre unilateralmente obblighi, primo fra tutti quello di appartenervi, ha alcune caratteristiche positive che lo rendono efficiente nella correzione dei fallimenti del mercato: lo Stato dispone del potere di tassare, di proibire, di punire, con cui può disincentivare i comportamenti inefficienti. Inoltre, poiché è un’organizzazione già esistente, può più economicamente di altre organizzazioni costituite ad hoc, permettere ai consociati di collaborare, ove ci si trovi di fronte a problemi economici per il superamento dei quali sia necessario adottare soluzioni cooperative (funzione di riduzione dei costi transattivi – i più appassionati avranno colto il rimando al teorema di Coase).

L’analisi delle regolarità economiche che si riscontrano nelle attività pubbliche e private suggerisce alcune modalità con cui plasmare l’intervento pubblico nell’economia, affinché esso sia più efficiente. È inaspettato che Stiglitz avanzi, tra le modalità preferibili di intervento, la decentralizzazione. Decentralizzare l’intervento pubblico può essere un’intelligente risposta alla necessità di sottoporre alla concorrenza le strutture pubbliche che erogano servizi. Infatti le diverse strutture decentrate che eroghino il medesimo servizio possono essere agevolmente confrontate nei loro risultati.

Il libro offre un ampio apparato di strumenti analitici, escogitati dalla scienza economica, per valutare l’efficienza dell’intervento dello Stato nell’esercitare una funzione economica. Farli propri permette di formarsi opinioni più consapevoli rispetto a problemi, quali la gestione dei servizi pubblici locali, che sono di scottante attualità, ma sono dibattuti spesso sulla base di posizioni preconcette e ideologiche.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

E.

Joseph

Stiglitz

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stiglitz Joseph E.

Una crisi coniugale o familiare costringe tre donne a mettere in discussione la propria vita e il proprio ruolo di madri e di mogli: e da questa confessione a piú voci nasce una riflessione lucida e disincantata sull'universo femminile.

UNA DONNA SPEZZATA

De Beauvoir Simone

La guerra del cinema

Puttnam David

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

La sovrana è sola nei suoi appartamenti. Ha congedato anche le dame di compagnia, contravvenendo a ogni etichetta di corte: l’incontro che sta per avvenire non deve avere testimoni. Perché l’ospite di Caterina de’ Medici, quell’ometto zoppicante dai lunghi capelli grigi, è messer Nostradamus, maestro dell’occulto. A lui Caterina vuol chiedere l’interpretazione dei sogni di morte che la tormentano sin dall’infanzia, a lui vuol chiedere una rassicurazione per il futuro dei propri figli, ma soprattutto da lui vuole una spiegazione sulla trentacinquesima quartina delle Profezie, che, ne è sicura, riguarda suo marito, Enrico II di Francia, destinato a morire giovane «di crudele morte». La risposta dell’astrologo è criptica, come le sue quartine: lui scrive quello che deve, ma non pretende di comprenderne il significato. Dentro di sé però Caterina conosce la verità, chiusa in quella perla insanguinata posata sul suo cuore: il destino non può essere ingannato, e il sangue versato chiama solo altro sangue...

LA REGINA MALEDETTA

Kalogridis Jeanne