Saggi

Il ruolo economico dello stato

Stiglitz Joseph E.

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Il Mulino

Collana:

Anno: 1997

ISBN: 9788815062581

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

 

Questo libro, che riporta la relazione esposta dall’autore in un convegno organizzato in occasione del pensionamento di un influente banchiere, compendia la visione sviluppata fino alla fine degli anni ’80 dagli economisti liberali progressisti a riguardo del ruolo economico dello Stato.

Questa ricapitolazione delle dottrine liberali progressiste, esposta nel 1989, ovvero allo sgretolarsi dell’impero sovietico, assume il senso di una orgogliosa rivendicazione della plausibilità scientifica di una tradizione che riconosce allo Stato un ruolo centrale anche in un’economia di mercato: la disgregazione dell’URSS dimostra la strutturale inefficienza dell’economia socialista, ma non anche la bontà delle teorie monetariste e neo neoclassiche che invocano la compressione dello Stato fino a renderlo “minimo”.

L’autore, premio Nobel per l’economia per l’anno 2001, illustra, accettandole, le strutturali deficienze dello Stato come agente economico. È particolarmente convincente, ad esempio, una delle ragioni che vengono addotte per spiegare la frequente scarsa qualità delle classi politiche degli Stati democratici, che inficia la qualità delle decisioni politiche di questi regimi. Una simile modestia è in parte dovuta alla superficialità delle scelte degli elettori che, non internalizzando tutti i benefici della buona amministrazione, non hanno sufficienti incentivi a spendere risorse e tempo per esprimere un voto ben ponderato. Le politiche redistributive sono poi spesso inefficienti, “catturate”, come sono, da gruppi di interessi influenti che, meglio di altri, riescono a farsi “passare” per bisognosi di aiuto. Ancora, la mancanza della pressione della concorrenza fa sì che gli apparati pubblici siano più inclini di quelli privati ad essere ridotti al servizio di chi vi è impiegato, più che al servizio della collettività. Tuttavia lo Stato, che si qualifica come unica organizzazione che può imporre unilateralmente obblighi, primo fra tutti quello di appartenervi, ha alcune caratteristiche positive che lo rendono efficiente nella correzione dei fallimenti del mercato: lo Stato dispone del potere di tassare, di proibire, di punire, con cui può disincentivare i comportamenti inefficienti. Inoltre, poiché è un’organizzazione già esistente, può più economicamente di altre organizzazioni costituite ad hoc, permettere ai consociati di collaborare, ove ci si trovi di fronte a problemi economici per il superamento dei quali sia necessario adottare soluzioni cooperative (funzione di riduzione dei costi transattivi – i più appassionati avranno colto il rimando al teorema di Coase).

L’analisi delle regolarità economiche che si riscontrano nelle attività pubbliche e private suggerisce alcune modalità con cui plasmare l’intervento pubblico nell’economia, affinché esso sia più efficiente. È inaspettato che Stiglitz avanzi, tra le modalità preferibili di intervento, la decentralizzazione. Decentralizzare l’intervento pubblico può essere un’intelligente risposta alla necessità di sottoporre alla concorrenza le strutture pubbliche che erogano servizi. Infatti le diverse strutture decentrate che eroghino il medesimo servizio possono essere agevolmente confrontate nei loro risultati.

Il libro offre un ampio apparato di strumenti analitici, escogitati dalla scienza economica, per valutare l’efficienza dell’intervento dello Stato nell’esercitare una funzione economica. Farli propri permette di formarsi opinioni più consapevoli rispetto a problemi, quali la gestione dei servizi pubblici locali, che sono di scottante attualità, ma sono dibattuti spesso sulla base di posizioni preconcette e ideologiche.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

E.

Joseph

Stiglitz

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stiglitz Joseph E.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Michel Djerzinski e Bruno Clement sono fratellastri e sembrano essere accomunati unicamente dall'abbandono della madre. Michel è uno scienziato dedito alla biologia molecolare e vicino al Nobel. Un uomo che ha dedicato la sua esistenza agli studi scientifici che lo hanno portato all'isolamento e all'impermeabilità a qualunque emozione. Il suo sogno è riuscire a clonare gli esseri umani così da poter garantire a essi una vita perfetta. Bruno è un uomo di lettere, fa l'insegnante, è attirato dal sesso in modo morboso, ed è costretto dalla malattia a entrare e uscire dalle cliniche psichiatriche. Sia la morbosità patologica di Bruno sia l'asettica razionalità di Michel sono il risultato dell'ambiente che li circonda: un mondo fatto di solitudini e dominato dal caso in cui i desideri sembrano scaturire dagli spot pubblicitari. Nella descrizione di questo quadro apocalittico, nell'aridità di questa umanità scarnificata si intravedono scenari futuri dai risvolti inquietanti.

Le particelle elementari

Houellebecq

Un fiore non è solo un fiore. Ogni petalo, ogni foglia, ogni bocciolo comunicano un’emozione diversa e parlano di noi, di quello che proviamo o di quello che vogliamo esprimere agli altri. Fiducia con la primula, amicizia con la fresia, dichiarazione d’amore con il tulipano, ma anche rabbia, con la peonia, oppure odio, con il basilico. Ogni fiore parla un linguaggio segreto, che trova le sue antiche radici nell’epoca vittoriana. Allora, come adesso, i fiori accompagnano ogni occasione della nostra vita. per una promessa di fedeltà, un augurio di pronta guarigione, un matrimonio, un regalo di benvenuto. Questo libro ti aiuterà a trovare il fiore giusto per te e i tuoi regali. Contiene un dizionario dei fiori e un dizionario di tutte le emozioni che possiamo esprimere attraverso di loro, un selezione di fiori scelti per il loro significato storico e letterario e infine tantissime idee per creare il bouquet perfetto e anche più originale in ogni occasione della tua vita. perché a volte ciò che non riusciamo a comunicare con le parole si può dire con un fiore. E dietro la spina di un cactus potrebbe nascondersi inaspettatamente una confessione di amore appassionato…

I MESSAGGI SEGRETI DEI FIORI

Kirby Mandy

“Le Chat curieux” è una rinomata pasticceria nel centro di Montpellier gestita da Juliette e dalla figlia, Florence. La loro vita è scandita dalle visite dei clienti affezionati come Monsieur Girard, che tutti i giorni fa colazione lì da vent’anni, Claire, compagna di giochi dai tempi dell’infanzia, e Madame Marie, la proprietaria della pensione dove si è sistemato Alain, giovane architetto parigino che ha abbandonato lavoro, famiglia, amici per girare il mondo. E poi c’è Didier, scapestrato senza futuro e senza affetti, sempre in bilico tra l’onestà e i piccoli reati, che abita le pagine di un romanzo di cui Florance è l’autrice.

FLORENCE

Becco Monica

Ernesto vive un rapporto ormai logoro con la moglie depressa, il suo taxi è teatro di storie che si intrecciano a un delitto nella Roma "bene". La vittima è uno scultore di fama internazionale, pochissimi avevano accesso all'appartamento dove viene ritrovato cadavere e nessuno ha un movente valido per torturarlo a morte. L'ispettore Paolo Proietti, a capo dell'indagine, intuisce che sta per sollevare un verminaio. La verità lo lascerà schifato, esausto e fragile come mai un poliziotto dovrebbe sentirsi. É un malessere che conosce fin troppo bene, lo rivive negli incubi che lo angosciano a quattordici anni di distanza da un caso in cui si è lasciato coinvolgere troppo. Ernesto e Paolo sono fratelli senza un filamento di DNA in comune, condividono tutto fin dal giorno in cui si sono incontrati sui banchi delle scuole superiori. Tutto, tranne un segreto che ciascuno nasconde all'altro: il poliziotto per non giocarsi il distintivo, il tassista perché è impossibile confessare al suo amico cosa lo torturi da giorni. Il silenzio viaggia nel mondo degli artisti malati, viziati e viziosi, e in quello dei ricordi che fanno male da morire, nella paura di non essere più abbastanza o di non averci provato a sufficienza, protegge i mostri e offende gli innocenti. Si spezzerà, poi, nella voce di una giustizia sommaria che non regala pace o reale assoluzione dai peccati, ma dignità a quanti sono costretti a macchiarsi le mani di sangue.

I silenzi di Roma

Troncanetti Luana