Saggi

Il ruolo economico dello stato

Stiglitz Joseph E.

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Il Mulino

Collana:

Anno: 1997

ISBN: 9788815062581

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

 

Questo libro, che riporta la relazione esposta dall’autore in un convegno organizzato in occasione del pensionamento di un influente banchiere, compendia la visione sviluppata fino alla fine degli anni ’80 dagli economisti liberali progressisti a riguardo del ruolo economico dello Stato.

Questa ricapitolazione delle dottrine liberali progressiste, esposta nel 1989, ovvero allo sgretolarsi dell’impero sovietico, assume il senso di una orgogliosa rivendicazione della plausibilità scientifica di una tradizione che riconosce allo Stato un ruolo centrale anche in un’economia di mercato: la disgregazione dell’URSS dimostra la strutturale inefficienza dell’economia socialista, ma non anche la bontà delle teorie monetariste e neo neoclassiche che invocano la compressione dello Stato fino a renderlo “minimo”.

L’autore, premio Nobel per l’economia per l’anno 2001, illustra, accettandole, le strutturali deficienze dello Stato come agente economico. È particolarmente convincente, ad esempio, una delle ragioni che vengono addotte per spiegare la frequente scarsa qualità delle classi politiche degli Stati democratici, che inficia la qualità delle decisioni politiche di questi regimi. Una simile modestia è in parte dovuta alla superficialità delle scelte degli elettori che, non internalizzando tutti i benefici della buona amministrazione, non hanno sufficienti incentivi a spendere risorse e tempo per esprimere un voto ben ponderato. Le politiche redistributive sono poi spesso inefficienti, “catturate”, come sono, da gruppi di interessi influenti che, meglio di altri, riescono a farsi “passare” per bisognosi di aiuto. Ancora, la mancanza della pressione della concorrenza fa sì che gli apparati pubblici siano più inclini di quelli privati ad essere ridotti al servizio di chi vi è impiegato, più che al servizio della collettività. Tuttavia lo Stato, che si qualifica come unica organizzazione che può imporre unilateralmente obblighi, primo fra tutti quello di appartenervi, ha alcune caratteristiche positive che lo rendono efficiente nella correzione dei fallimenti del mercato: lo Stato dispone del potere di tassare, di proibire, di punire, con cui può disincentivare i comportamenti inefficienti. Inoltre, poiché è un’organizzazione già esistente, può più economicamente di altre organizzazioni costituite ad hoc, permettere ai consociati di collaborare, ove ci si trovi di fronte a problemi economici per il superamento dei quali sia necessario adottare soluzioni cooperative (funzione di riduzione dei costi transattivi – i più appassionati avranno colto il rimando al teorema di Coase).

L’analisi delle regolarità economiche che si riscontrano nelle attività pubbliche e private suggerisce alcune modalità con cui plasmare l’intervento pubblico nell’economia, affinché esso sia più efficiente. È inaspettato che Stiglitz avanzi, tra le modalità preferibili di intervento, la decentralizzazione. Decentralizzare l’intervento pubblico può essere un’intelligente risposta alla necessità di sottoporre alla concorrenza le strutture pubbliche che erogano servizi. Infatti le diverse strutture decentrate che eroghino il medesimo servizio possono essere agevolmente confrontate nei loro risultati.

Il libro offre un ampio apparato di strumenti analitici, escogitati dalla scienza economica, per valutare l’efficienza dell’intervento dello Stato nell’esercitare una funzione economica. Farli propri permette di formarsi opinioni più consapevoli rispetto a problemi, quali la gestione dei servizi pubblici locali, che sono di scottante attualità, ma sono dibattuti spesso sulla base di posizioni preconcette e ideologiche.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

E.

Joseph

Stiglitz

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stiglitz Joseph E.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C’è qualcuno che ride

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

Charles Baudelaire e Graham Greene, rispettivamente padri nobili del flâneur metropolitano e dell’occidentale incline a perdersi in vari Orienti, sarebbero stati entrambi fieri di quel loro imprevedibile, inclassificabile, incorreggibile rampollo che risponde al nome di Lawrence Osborne. Il quale Osborne, nel Turista nudo, aveva già anticipato la tentazione di scrivere questo libro, e cioè una guida turistica che nei limiti del possibile smentisse tutte le altre («Ogni volta che la Lonely Planet dice di evitare un certo posto, perché è losco, mi ci fiondo»): ma che a differenza delle altre, anziché pretendere di edificare, divertisse. E non si può dire che non abbia tenuto fede alle promesse. A partire da un programma minimo – cioè la scelta di vivere nell’unico posto al mondo dove uno scrittore «senza un soldo, senza una carriera, senza niente» possa condurre un’esistenza accettabile –, Osborne trascorre un anno a Bangkok, lasciando che gli capiti quasi tutto: di cenare nel ristorante No Hands (dove i clienti vengono provvisti di bavaglino, e imboccati), di andare a passeggio per il mattatoio della città (dove la notte adolescenti marci di droghe sintetiche massacrano animali nel modo meno pulito e indolore possibile), di essere scelto come improbabile gigolo da una signora giapponese ovviamente feticista (e quindi fornito del - l’indispensabile kit da dottore). E lasciando che quel tutto prenda prima la forma di una vita diversa da ogni altra, poi quella di un libro altrettanto unico. Che ci offre, insieme a infinite storie, anche il regalo di una scoperta – la scoperta di come la presunta capitale di tutti i piaceri sia anche la capitale del piacere più sublime: quello che talvolta solo un onesto, morbido, contagioso dilettantismo assoluto riesce a trasmettere.

Bangkok

Osborne Lawrence

Il ragazzo e il mare: si può racchiudere cosi l'avventura di un'estate per un adolescente degli anni cinquanta. Il lento addestramento alla pesca, le conversazioni sulla guerra con il pescatore che è stato soldato sul fronte orientale, l'isola del sud: tutto questo fa da sfondo all'incontro del protagonista con una ragazza più grande venuta da un colleggio svizzero a far vacanza al mare.

Tu, mio

De Luca Erri