Giallo - thriller - noir

Il sangue dei padri

Fabro Giuseppe

Descrizione: Genova, 1964. Hanno vent'anni o poco più, sono senza scrupoli e scalpitano per diventare i padroni della città. Il loro tirocinio è stato la strada - scippi, furti, piccole rapine violente nei caruggi - e ora, mentre l'Italia cambia e soffia il vento di nuove rivoluzioni, Caio, Parodi, Criss, Albino, Pumas e Michele sono pronti a dare l'assalto al cielo criminale di Genova, spazzando via la vecchia malavita al ritmo di Beatles e Rolling Stones. La loro è una banda di fratelli, tutti con la stessa violenta brama di emergere ma con un capo riconosciuto: Caio. Il carisma del leader ce l'ha anche Mauro, detto il Moro: nato come gli altri ragazzi nei vicoli, e nell'immediato dopoguerra, perciò frutto delle colpe e delle storie disperate di chi lo ha messo al mondo, forma con Vittorio una coppia criminale diversa, che rispetta le leggi non scritte della strada. Ma quando i percorsi delle due bande si incrociano, tra pestaggi in galera, risse nelle bische e rapimenti messi a segno, la scia di sangue che si lasciano dietro degenera presto in una serrata caccia agli uomini che ha come teatro il cuore della città.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2020

ISBN: 9788817140874

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Il sangue dei padri di Giuseppe Fabro

Giuseppe Fabro, da più di trent’anni, svolge l’attività di educatore professionale. Ha fondato tre comunità terapeutiche per il recupero da tossicodipendenze, alcol e disagio sociale. Ora approda in libreria con Il  sangue dei padri, un noir piuttosto violento, la cui lettura, non sempre facile da sopportare per i contenuti espressi, trascina lontano nel tempo, con temi di grande attualità.

Essenzialmente è una storia di amicizia, ove i protagonisti  “si sono giurati lealtà e tra loro si chiamano fratelli”: una vicenda di condivisione pura ed eccelsa, ma nel male.

Siamo a Genova nel 1964 con qualche incursione all’indietro nel 1946. Un gruppo di giovani sconvolge la città con razzie, rapine e ogni tipo di azione delinquenziale. I responsabili si chiamano Caio, Parodi, Criss, Albino, Pumas e Michele, e non fanno altro che sopravvivere a una vita che li ha segnati indelebilmente.

Tra tutti la stoffa del vero leader ce l’ha sicuramente Mauro, detto il Moro: è il  frutto della violenza bruta e cieca di un soldato americano che nel 1946 violenta ripetutamente la madre vergine. Lui è  “nato come gli altri ragazzi nei vicoli, e nell’immediato dopoguerra, perciò frutto delle colpe e delle storie disperate di chi lo ha messo al mondo” e forma con Victor un connubio indissolubile.

Tutti razziano senza pietà, spesso con il consenso tacito e terribile delle stesse genitrici, che mai emettono verdetti o giudizi nei loro confronti. La scia di sangue che si lasciano dietro le due bande di delinquenti è comunque il risultato di un’educazione errata e dell’ambiente ove i ragazzi sono cresciuti e si sono formati. L’unico che cerca di portarli sulla retta via è Don Andrea, ma purtroppo è scarsamente considerato e ascoltato.

Il romanzo è un noir mediterraneo che si colloca sulla scia maestra di Massimo Carlotto o Jean Claude Izzo, con un distinguo: dov’era protagonista la città di Marsiglia, qui c’è Genova, descritta con puntigliosità e conoscenza approfondita.

La storia nera di amicizia al negativo ha una forte eticità in sottofondo r viene sempre descritta con parole forti e crude. Il giallo è ben congegnato, i personaggi sono ben descritti e colpiscono per il vissuto difficile e di sofferenza. L’esordio dell’autore è destinato ad avere un seguito di sicuro e meritato successo.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Fabro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fabro Giuseppe

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo

I bambini osservano muti le giostre dei grandi

Marotta Giuseppe

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

Romanzo tra i più intensi e riusciti della grande scrittrice inglese, "Mrs Dalloway" inaugura un originale modo di narrare e costituisce la prima opera in cui Virginia Woolf attinge alla propria esperienza femminile. Vi si racconta la giornata di Clarissa Dalloway, cinquantenne, esponente dell'alta borghesia londinese, impegnata a organizzare per la serata un sontuoso ricevimento nella propria casa. La protagonista esce per comprare dei fiori e nel suo itinerario scopre o intravede le esistenze di tanti sconosciuti, tra i quali lo sfortunato Septimus Warren Smith. La serata si svolge con pieno successo, anche se nel corso del ricevimento si apprende del suicidio di Septimus. L'incrociarsi di destini paralleli, ritmato dai rintocchi del Big Ben, conferisce alla narrazione un andamento musicale; nota dopo nota, frase dopo frase, il contrappunto drammatico dalla storia di Septimus spinge Mrs Dalloway, proprio grazie alla consapevolezza della fugacità e dell'"incompletezza" della nostra esistenza, a trasformare la certezza della fine in esaltazione della vita.

Mrs. Dalloway

Woolf Virginia