Giallo - thriller - noir

Il sangue dei padri

Fabro Giuseppe

Descrizione: Genova, 1964. Hanno vent'anni o poco più, sono senza scrupoli e scalpitano per diventare i padroni della città. Il loro tirocinio è stato la strada - scippi, furti, piccole rapine violente nei caruggi - e ora, mentre l'Italia cambia e soffia il vento di nuove rivoluzioni, Caio, Parodi, Criss, Albino, Pumas e Michele sono pronti a dare l'assalto al cielo criminale di Genova, spazzando via la vecchia malavita al ritmo di Beatles e Rolling Stones. La loro è una banda di fratelli, tutti con la stessa violenta brama di emergere ma con un capo riconosciuto: Caio. Il carisma del leader ce l'ha anche Mauro, detto il Moro: nato come gli altri ragazzi nei vicoli, e nell'immediato dopoguerra, perciò frutto delle colpe e delle storie disperate di chi lo ha messo al mondo, forma con Vittorio una coppia criminale diversa, che rispetta le leggi non scritte della strada. Ma quando i percorsi delle due bande si incrociano, tra pestaggi in galera, risse nelle bische e rapimenti messi a segno, la scia di sangue che si lasciano dietro degenera presto in una serrata caccia agli uomini che ha come teatro il cuore della città.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2020

ISBN: 9788817140874

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Il sangue dei padri di Giuseppe Fabro

Giuseppe Fabro, da più di trent’anni, svolge l’attività di educatore professionale. Ha fondato tre comunità terapeutiche per il recupero da tossicodipendenze, alcol e disagio sociale. Ora approda in libreria con Il  sangue dei padri, un noir piuttosto violento, la cui lettura, non sempre facile da sopportare per i contenuti espressi, trascina lontano nel tempo, con temi di grande attualità.

Essenzialmente è una storia di amicizia, ove i protagonisti  “si sono giurati lealtà e tra loro si chiamano fratelli”: una vicenda di condivisione pura ed eccelsa, ma nel male.

Siamo a Genova nel 1964 con qualche incursione all’indietro nel 1946. Un gruppo di giovani sconvolge la città con razzie, rapine e ogni tipo di azione delinquenziale. I responsabili si chiamano Caio, Parodi, Criss, Albino, Pumas e Michele, e non fanno altro che sopravvivere a una vita che li ha segnati indelebilmente.

Tra tutti la stoffa del vero leader ce l’ha sicuramente Mauro, detto il Moro: è il  frutto della violenza bruta e cieca di un soldato americano che nel 1946 violenta ripetutamente la madre vergine. Lui è  “nato come gli altri ragazzi nei vicoli, e nell’immediato dopoguerra, perciò frutto delle colpe e delle storie disperate di chi lo ha messo al mondo” e forma con Victor un connubio indissolubile.

Tutti razziano senza pietà, spesso con il consenso tacito e terribile delle stesse genitrici, che mai emettono verdetti o giudizi nei loro confronti. La scia di sangue che si lasciano dietro le due bande di delinquenti è comunque il risultato di un’educazione errata e dell’ambiente ove i ragazzi sono cresciuti e si sono formati. L’unico che cerca di portarli sulla retta via è Don Andrea, ma purtroppo è scarsamente considerato e ascoltato.

Il romanzo è un noir mediterraneo che si colloca sulla scia maestra di Massimo Carlotto o Jean Claude Izzo, con un distinguo: dov’era protagonista la città di Marsiglia, qui c’è Genova, descritta con puntigliosità e conoscenza approfondita.

La storia nera di amicizia al negativo ha una forte eticità in sottofondo r viene sempre descritta con parole forti e crude. Il giallo è ben congegnato, i personaggi sono ben descritti e colpiscono per il vissuto difficile e di sofferenza. L’esordio dell’autore è destinato ad avere un seguito di sicuro e meritato successo.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Fabro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fabro Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

«Straordinario, questo romanzo di Roth; è stupefacente, sferzante, uno dei capolavori narrativi piú insoliti che mi sia capitato di leggere... Una vera delizia». James Wood, «New Republic» Il teatro di Sabbath è una creazione comica di proporzioni epiche, e Mickey Sabbath ne è lo smisurato eroe. Un tempo burattinaio scandalosamente creativo, a sessantaquattro anni Sabbath conserva il suo sprezzante antagonismo e la sua sfrenata libidine. Ma dopo la morte della sua amante di vecchia data - uno spirito libero in fatto di erotismo, la cui audacia nell'adulterio supera perfino quella dello stesso Sabbath - egli s'imbarca in un viaggio turbolento nel proprio passato. Nudo e dolente, perseguitato dai fantasmi di coloro che piú l'hanno amato e odiato, ordirà una sequela di disastri farseschi che lo condurranno sull'orlo della follia e dell'estinzione.

Il teatro di Sabbath

Roth Philip

Attraverso le avventure di Gulliver l'autore si sfogò contro una congiuntura sociale e politica dell'Inghilterra del primo Settecento e soprattutto contro l'intolleranza, la corruzione, l'avidità, l'ipocrisia della cieca fiducia nella scienza.

I viaggi di Gulliver

Swift Jonathan

Al termine di un drammatico iter processuale durato dal 1988 al 2003 i giudici italiani hanno condannato a ventidue anni i militanti di Lotta continua Ovidio Bompressi, Giorgio Pietrostefani e Adriano Sofri per l'omicidio del commissario Luigi Calabresi avvenuto nel 1972. Eppure in Italia una parte larga e talvolta autorevole dell'opinione pubblica continua a credere nell'estraneità totale di Lc a quel delitto. Ventimila pagine di atti processuali documentano un'altra storia, un'azione che per Giampiero Mughini è nata «dalle viscere di Lotta continua», a cominciare dalla campagna implacabile condotta contro Calabresi, indicato senza alcuna verità come capro espiatorio della tragedia di piazza Fontana. Fondatore e direttore di «Giovane critica», una delle riviste che hanno modellato l'anima del Sessantotto, ex direttore responsabile di giornali provenienti dall'area di Lotta continua, a lungo lui stesso un innocentista, Mughini percorre in queste pagine un itinerario doloroso in nome della «verità» e del bilancio ideale della sua generazione.

GLI ANNI DELLA PEGGIO GIOVENTU’

Mughini Giampiero