Giallo - thriller - noir

IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI

Sacheri Eduardo A.

Descrizione: Benjamín Chaparro, cancelliere di tribunale nell’Argentina degli anni ’70, si imbatte nel caso di una donna violentata e uccisa su cui la giustizia non vuole fare chiarezza: il marito della vittima, devastato e inconsolabile, viene lasciato solo a covare la vendetta contro un misterioso assassino rimasto in libertà. Venticinque anni dopo, ormai pensionato, Benjamín decide di colmare questo vuoto e aprire una sua personale indagine sul caso. Lungo il percorso rivivrà l’amore mai dichiarato che l’ha legato a Irene - giudice nello stesso tribunale in cui lui lavorava ai tempi del caso irrisolto -, vedrà tornare a tormentarlo sensi di colpa pesanti come macigni per la morte di un amico, ma soprattutto svelerà poco a poco il mistero dell’omicidio e degli eventi che lo hanno seguito. Sullo sfondo di un’Argentina che sprofonda progressivamente nella violenza politica, Il segreto dei suoi occhi narra la storia di un gruppo di persone che fanno della ricerca della verità il proprio destino, della memoria un percorso imprescindibile e della lealtà un valore che trascende il tempo, le distanze e la morte.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: BUR Extra

Anno: 2010

ISBN: 9788817043182

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Attenzione, siamo davanti a un caso quasi unico in cui la trasposizione cinematografica di un ottimo romanzo produce un ottimo film! Il film di Juan José Campanella, con Ricardo Darín, Soledad Villamil, Guillermo Francella, José Luis Gioia, Pablo Rago si è aggiudicato meritatamente l’Oscar come miglior opera straniera nel 2010 perché, nonostante un paio di significativi scostamenti dal romanzo di Sacheri, è riuscito nella difficile opera di conservazione delle atmosfere di una Buenos Aires agli albori del golpe del 1976.

Il New Yorker per il romanzo – in cui si fondono almeno tre generi, noir, storico e sentimentale – ha parlato di lineare semplicità, quella dei veri capolavori. Non posso non accodarmi. La figura di Benjamin Esposito, vice cancelliere del tribunale ormai in pensione, ha tratti davvero epici. Stoico nella sua rinuncia all’amore (inteso come sentimento e come donna che incarna quel sentimento) si accinge a scrivere un romanzo, quasi per chiudere veramente una vecchia indagine, il caso Morales, una storia giudiziaria di stupro ed omicidio che da venticinque anni lo ossessiona.

Il vero incipit del romanzo può essere considerato quello del secondo capitolo ed è folgorante: “Il 30 maggio 1968 fu l’ultimo giorno in cui Ricardo Agustìn Morales fece colazione con Liliana Colotto, e per il resto della vita ricordò non solo di che cosa avevano parlato, ma anche cosa avevano bevuto e mangiato, qual era il colore della vestaglia di lei e il bell’effetto di un raggio di sole che la illuminava da un lato, sulla gota sinistra, mentre era seduta in cucina”.

Lo stesso Morales è figura epica. L’eroe che soffre, incapace di dimenticare la perdita dell’amata e di pensare anche solo di perdonare la mano che gliel’ha strappata. Tanto da vocare la propria vita alla vendetta e sacrificare tutto il tempo libero per appostamenti nelle principali stazioni ferroviarie della città, nella speranza di incrociare la persona verso cui convergono i sospetti. L’unico che, pervicacemente, proseguirà nelle indagini sarà proprio Esposito, aiutato dal collega e amico Pablo Sandoval, geniale e di grande umanità, ma vittima dell’alcol. L’inchiesta, frammentata nel corso di un lungo arco temporale in cui le vicende storiche dell’Argentina fungono da sfondo, si mescola con l’impossibile attrazione che spinge Esposito verso il suo capo, la cancelliera Irene Menendez-Hastings, donna affascinante (e sposata, come lo è stato due volte Esposito) che sarà anche la prima attenta lettrice del romanzo. La conclusione della vicenda di Morales e delle indagini di Esposito rimandano al titolo stesso del romanzo, quel segreto custodito nei suoi occhi (suoi di chi? A voi scoprirlo) e a sentimenti tanto forti quanto duri.

Sacheri scava in profondità nell’anima dei suoi personaggi e, di riflesso, in quella dei lettori. Difficile non immedesimarsi, difficile non chiedersi cosa saremmo disposti a fare nei panni di Morales o di Esposito o di Irene. Da rimarcare, nel film, la spettacolare scena della cattura del sospettato allo stadio del Racing, sottolineata dal ritmo de “La Gloria” dei Gotan Project. Da vedere, ascoltare e… leggere!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

A.

Eduardo

Sacheri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sacheri Eduardo A.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per migliaia di chilometri, in auto, a piedi, su traghetti, bus e funivie, una carovana piena di colori tenta di stare dietro al ritmo furibondo imposto dai ciclisti che in tre settimane girano tutta l'Italia, dalla costiera amalfitana agli aspri profili del Vajont. Fa parte della carovana anche uno scrittore, che fin da bambino sognava di partecipare al Giro d'Italia e affronta questa avventura con entusiasmo assoluto, pronto a infiammarsi per l'epica che il ciclismo da sempre sprigiona. Ma presto scoprirà che la tenacia e la passione dei corridori sono solo una parte della storia. Perché sarà proprio tutto quello che accade intorno alla corsa a rendere il viaggio strepitoso. Lungo le strade secondarie, nel cuore selvatico o cementificato della provincia italiana, si rischia di perdersi a ogni bivio mentre si incontrano folle festanti e personaggi clamorosi, paesini pazzeschi come la gente che li abita, assessori dediti alla promozione di figlie cantanti, pompieri ballerini di break dance, maturi musicisti da pianobar che cercano di infilarsi in casting riservati agli adolescenti, oscuri poeti a caccia di editori... le mille impossibili follie che solo la vita vera ci può regalare. Alla passione ardente per il ciclismo - grandissima metafora della fatica e della gloria nascosta a ogni curva della vita - Fabio Genovesi unisce il suo impareggiabile umorismo, facendo di queste pagine la cronaca di un'impresa sportiva straordinaria e insieme il racconto stralunato e memorabile del nostro Paese, delle sue debolezze e dei suoi grandi sogni.

TUTTI PRIMI SUL TRAGUARDO DEL MIO CUORE

Genovesi Fabio

Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan