Giallo - thriller - noir

IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI

Sacheri Eduardo A.

Descrizione: Benjamín Chaparro, cancelliere di tribunale nell’Argentina degli anni ’70, si imbatte nel caso di una donna violentata e uccisa su cui la giustizia non vuole fare chiarezza: il marito della vittima, devastato e inconsolabile, viene lasciato solo a covare la vendetta contro un misterioso assassino rimasto in libertà. Venticinque anni dopo, ormai pensionato, Benjamín decide di colmare questo vuoto e aprire una sua personale indagine sul caso. Lungo il percorso rivivrà l’amore mai dichiarato che l’ha legato a Irene - giudice nello stesso tribunale in cui lui lavorava ai tempi del caso irrisolto -, vedrà tornare a tormentarlo sensi di colpa pesanti come macigni per la morte di un amico, ma soprattutto svelerà poco a poco il mistero dell’omicidio e degli eventi che lo hanno seguito. Sullo sfondo di un’Argentina che sprofonda progressivamente nella violenza politica, Il segreto dei suoi occhi narra la storia di un gruppo di persone che fanno della ricerca della verità il proprio destino, della memoria un percorso imprescindibile e della lealtà un valore che trascende il tempo, le distanze e la morte.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: BUR Extra

Anno: 2010

ISBN: 9788817043182

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Attenzione, siamo davanti a un caso quasi unico in cui la trasposizione cinematografica di un ottimo romanzo produce un ottimo film! Il film di Juan José Campanella, con Ricardo Darín, Soledad Villamil, Guillermo Francella, José Luis Gioia, Pablo Rago si è aggiudicato meritatamente l’Oscar come miglior opera straniera nel 2010 perché, nonostante un paio di significativi scostamenti dal romanzo di Sacheri, è riuscito nella difficile opera di conservazione delle atmosfere di una Buenos Aires agli albori del golpe del 1976.

Il New Yorker per il romanzo – in cui si fondono almeno tre generi, noir, storico e sentimentale – ha parlato di lineare semplicità, quella dei veri capolavori. Non posso non accodarmi. La figura di Benjamin Esposito, vice cancelliere del tribunale ormai in pensione, ha tratti davvero epici. Stoico nella sua rinuncia all’amore (inteso come sentimento e come donna che incarna quel sentimento) si accinge a scrivere un romanzo, quasi per chiudere veramente una vecchia indagine, il caso Morales, una storia giudiziaria di stupro ed omicidio che da venticinque anni lo ossessiona.

Il vero incipit del romanzo può essere considerato quello del secondo capitolo ed è folgorante: “Il 30 maggio 1968 fu l’ultimo giorno in cui Ricardo Agustìn Morales fece colazione con Liliana Colotto, e per il resto della vita ricordò non solo di che cosa avevano parlato, ma anche cosa avevano bevuto e mangiato, qual era il colore della vestaglia di lei e il bell’effetto di un raggio di sole che la illuminava da un lato, sulla gota sinistra, mentre era seduta in cucina”.

Lo stesso Morales è figura epica. L’eroe che soffre, incapace di dimenticare la perdita dell’amata e di pensare anche solo di perdonare la mano che gliel’ha strappata. Tanto da vocare la propria vita alla vendetta e sacrificare tutto il tempo libero per appostamenti nelle principali stazioni ferroviarie della città, nella speranza di incrociare la persona verso cui convergono i sospetti. L’unico che, pervicacemente, proseguirà nelle indagini sarà proprio Esposito, aiutato dal collega e amico Pablo Sandoval, geniale e di grande umanità, ma vittima dell’alcol. L’inchiesta, frammentata nel corso di un lungo arco temporale in cui le vicende storiche dell’Argentina fungono da sfondo, si mescola con l’impossibile attrazione che spinge Esposito verso il suo capo, la cancelliera Irene Menendez-Hastings, donna affascinante (e sposata, come lo è stato due volte Esposito) che sarà anche la prima attenta lettrice del romanzo. La conclusione della vicenda di Morales e delle indagini di Esposito rimandano al titolo stesso del romanzo, quel segreto custodito nei suoi occhi (suoi di chi? A voi scoprirlo) e a sentimenti tanto forti quanto duri.

Sacheri scava in profondità nell’anima dei suoi personaggi e, di riflesso, in quella dei lettori. Difficile non immedesimarsi, difficile non chiedersi cosa saremmo disposti a fare nei panni di Morales o di Esposito o di Irene. Da rimarcare, nel film, la spettacolare scena della cattura del sospettato allo stadio del Racing, sottolineata dal ritmo de “La Gloria” dei Gotan Project. Da vedere, ascoltare e… leggere!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

A.

Eduardo

Sacheri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sacheri Eduardo A.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Figlio unico di madre single, J.R. cresce ascoltando alla radio la voce del padre, un dj di New York che ha preso il Volo prima che lui dicesse la sua prima parola. Poi anche quella voce scompare. Sarà il bar di quartiere, con l'umanità varia che lo popola, a crescerlo e farne un uomo. Appassionata e malinconicamente divertente, una grande storia di formazione e riscatto, di turbolento amore tra una madre e il suo unico figlio, ma anche l'avvincente racconto della lotta di un ragazzo per diventare uomo e un indimenticabile ritratto di come gli uomini rimangano, nel fondo del loro cuore, dei ragazzi perduti.

IL BAR DELLE GRANDI SPERANZE

Moehringer J. R.

Poeti, attori, donne che attendono e uomini che si perdono, giovani squattrinati e affittacamere, donne di strada e gigolò. Eccola l’America di Tennessee Williams, una terra generosa e traditrice dove l’umanità più varia gioca le sue carte al tavolo di un destino baro e beffardo. I protagonisti di questi racconti sono anime perse, derelitte, destinate a gettarsi nel ventre e nelle strade di un’America che li ignora, perché non è per tutti che nascono le opportunità. Williams racconta le loro vite una dopo l’altra, con una compassione che non cancella la durezza di un mondo da cui presto verranno sopraffatti, perché è così che vanno le cose e quello che ci resta da fare è giocare le nostre carte una mano dopo l’altra. È in questa raccolta che nascono le storie che faranno di Tennessee Williams una delle penne più celebrate del teatro mondiale (dal racconto Ritratto di ragazza in vetro verrà tratto il dramma Lo Zoo di vetro).

L’innocenza delle caramelle

Williams Tennessee

Succede in Provenza, d'autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Ancora un grande evento però si prepara. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po' per fini umanitari, un po' per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. I preparativi fervono, tutti organizzati con piglio fermo da Aileen, futura moglie di Nick. In paese c'è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d'artista. Un rovello continuo che ruota attorno all'equilibrio instabile del gelato, alla sua imperfetta meraviglia perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare. Milena ha detto addio agli uomini e convive da qualche anno con Viviane. Un rapporto solido, quasi a compensare l'evanescenza dei gelati, l'appoggio di una donna stabile e forte, al punto che, tra qualche giorno, Milena si sottoporrà alla fecondazione assistita. Eppure, in fondo, Milena non ha voglia di farlo davvero questo passo che forse non ha proprio deciso. Incerta senza confessarselo, Milena. Come Nick, che si domanda da quando il suo rapporto con Aileen ha perso l'incanto dei primi tempi.

L’imperfetta meraviglia

De Carlo Andrea

È un Pasolini che si abbandona a momenti di vera e propria gioia quello che tra il giugno e l’agosto del 1959, al volante di una Fiat 1100, percorre la «lunga strada di sabbia», da Ventimiglia a Palmi e poi, spinto da una specie di «ossessione deliziosa», fino al comune siciliano più meridionale, per risalire infine la costa orientale e arrivare a Trieste. A La Spezia, da dove parte per San Terenzo e Lerici, sente che sta per avere inizio una fra le domeniche più belle della sua vita; a Livorno, non lascerebbe mai «l’enorme lungomare, pieno di ragazzi e marinai, liberi e felici»; e, finalmente, al Circeo: «Il cuore mi batte di gioia, di impazienza, di orgasmo. Solo, con la mia millecento e tutto il Sud davanti a me. L’avventura comincia». A commissionargli il viaggio è stata la rivista «Successo», che pubblicherà il reportage in tre puntate fra luglio e settembre, e Pasolini, spiaggia dopo spiaggia, incontra amici intellettuali e personaggi noti, si lascia incantare dalla gente semplice dei paeselli più remoti (a Portopalo «la gente è tutta fuori, ed è la più bella gente d’Italia, razza purissima, elegante, forte e dolce») e, portandosi in giro il suo entusiasmo per la scoperta, il suo sguardo emozionato e insieme acuto di futuro regista, annota scorci e impressioni tanto potenti da restituirci un quadro dell’Italia di allora: un’Italia in cui il boom economico, solo presagito, non riesce ancora ad avere la meglio sulla felicità del sogno pasoliniano d’innocenza.

La lunga strada di sabbia

Pasolini Pier Paolo