Narrativa

Il segreto di Lazzaro

Vicidomini Letizia

Descrizione: Lazzaro è un uomo quasi cinquantenne che ritorna a casa, nella terra natia di Puglia, dopo trent'anni di esilio volontario in Argentina. A riportarlo a casa è un omicidio e un'ingiustizia, di cui è stato testimone. Nel ritornare in Italia, Lazzaro ricava una nuova consapevolezza di sé pacificando i fantasmi del passato e le incognite del futuro. Un romanzo avvincente, una storia che emozionerà il lettore e lo trascinerà in un mistero a sfondo familiare, dove violenza e amore sono le due forse contrapposte.

Categoria: Narrativa

Editore: Cento Autori

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897121602

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Lazzaro è un uomo che ha avuto una vita intensa, colma di avvenimenti dolorosi e soprattutto all’insegna del distacco dagli affetti più grandi.

A diciassette anni andò via dalla Puglia, la sua terra natia. Lasciò la madre, l’adorata sorella e il padre, violento e alcolista, per fuggire in Argentina insieme al suo migliore amico e alla famiglia di lui. Si gettò alle spalle dolori grandi e grandi rimorsi.

Aveva visto troppo, Lazzaro; la sera della sua partenza era stato testimone di un omicidio e aveva vissuto trent’anni cercando di dimenticare.

Oggi però una lettera di sua sorella lo costringe a fare i conti con la propria coscienza e lo spinge a tornare a casa, dalla sua famiglia, nella sua terra.

Ha un mistero da svelare, Lazzaro, per salvare un innocente che sta pagando una colpa non sua e anche la propria coscienza. Ricomporrà frammenti di un passato tormentato e rimetterà insieme i brandelli della propria anima, non senza però pagare un prezzo.

Il segreto di Lazzaro è un romanzo intenso e ben scritto. L’autrice, Letizia Vicidomini, ha uno stile fluido e accattivante che aiuta a far scorrere con naturalezza una storia intensa e pregna di umanità e che ci aiuta a leggere in profondità i sentimenti più intimi dei protagonisti.

La scelta narrativa di far scorrere una serie di avvenimenti sul binario della doppia prospettiva a volte sottrae un po’ di mordente alla storia, rallentando l’intensità del racconto.

Il segreto di Lazzaro, come dice Maurizio de Giovanni nella prefazione: “È un romanzo sospeso tra passato e futuro, immerso in un presente tutto da scoprire”.

Letizia Vicidomini è speaker radiofonica. Vive a Nocera inferiore, dove e nata, ma lavora a Napoli della quale si sente cittadina onoraria. Il segreto di Lazzaro è il suo terzo romanzo. Per Akkuaria ha pubblicato Nella memoria del cuore (2006) e Angel (2007).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La poltrona di seta rossa – i-LIBRI

[…] speaker radiofonica. La poltrona rossa è il suo quarto romanzo. Per Cento Autori ha pubblicato Il segreto di Lazzaro (2012), mentre con Akkuaria ha pubblicato Nella memoria del cuore (2006) e Angel […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Letizia

Vicidomini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vicidomini Letizia

Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto

Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Voci smarrite

Pigozzi Laura

Per alcuni esseri umani c'è un momento nella vita nel quale si deve decidere di lasciarsi alle spalle le convenzioni per ritrovare se stessi in un luogo lontano dal consumismo, vicino alla natura. Il nostro Sognatore compie questo atto di coraggio spinto dall'amore per l'oceano e proprio lì, su una costa incontaminata, costruisce la sua casa di luce, che gli permette di rimanere sempre in contatto con il mondo che lo circonda. L'uomo riscopre bellezza e sintonia, riprende un dialogo silenzioso con le creature del mare e riscopre l'amicizia: quella con una piccola volpe selvatica, Chiqui, che diventa per lui una tenera guida.

La casa di luce

Bambaren Sergio

Il protagonista, Haroun, è il fratello del'"arabo" ucciso da un certo Meursault, crimine raccontato nello Straniero di Albert Camus. Sessant'anni più tardi, Haroun, che ha vissuto l'infanzia nel trauma di quell'omicidio avvenuto su una spiaggia assolata, non si rassegna a che il fratello rimanga senza nome, nell'anonimato. Quindi prende la parola, avvia una controinchiesta, ricostruisce i fatti dal punto di vista dell'"arabo" suo fratello e ridà dignità alla vittima.

Il caso Meursault

Daoud Kamel