Narrativa

IL SEGRETO DI ORTELIA

Vitali Andrea

Descrizione: Qual è il vergognoso segreto che Cirene Selva confida alla figlia Ortelia? In verità c'è più di un segreto dietro la vicenda di Amleto Selva, giovane garzone senza arte né parte ma molto ambizioso arrivato in paese nel 1919 al seguito di un sensuale di bestiame. Tanto per cominciare c'è il vero motivo del suo matrimonio con Cirene, timida e bruttina ma destinata a ereditare la macelleria del padre. Poi c'è la lunga guerra con la bottega rivale, quella del Bereni. Soprattutto c'è la passione del Selva per un'altra carne, un'esuberante vitalità sessuale che nel quieto tran tran del paese genera turbolenze e scandali subito soffocati ma destinati a generare lunghe ombre sul futuro.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2007

ISBN: 9788811686026

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La storia, ambientata negli anni dal 1919 al 1940 in piena epoca fascista, narra quale sia l’imbarazzante “segreto” che Ortelia Selva custodisce e svela nelle ultime pagine del romanzo.

Il “di lei” padre, Amleto Selva, è l’ennesimo eroe uscito dalla “piuma d’oca” nelle mani Di Andrea Vitali, che anche questa volta dipinge un uomo del popolo, un nullatenente garzone, intraprendente e vigoroso, che dal nulla – attraverso un matrimonio di convenienza con la timida,  scialba  e … frigida Cirene – si crea un proprio piccolo regno: quello della sua “bottega”. Dunque il protagonista è un macellaio, un esponente della piccolissima borghesia che, secondo molte analisi storiche, è stata parte essenziale della linfa che ha nutrito instaurazione e prosperità del regime.

E l’ascesa economica dell’Amleto (!) di Vitali procederebbe in progressione lineare, se non fosse che … lo stesso uomo, lungi dall’essere dilaniato dai dilemmi dell’omonimo eroe shakespeariano, è affetto da … satiriasi! La moglie (“malchiavata!” è l’insulto che il grezzo macellaio le rivolge da ubriaco), in prima battuta, fronteggia come meglio può le esuberanze sessuali del macellaio, che ben presto trova altre forme di evasione per soddisfare le sue traboccanti pulsioni: pratica il baratto, scambiando carne contro carne, e frequenta un gruppo di scapestrati borghesi che danno vita a un’allegra brigata stile “amici miei” dediti a escursioni improntate all’insegna del più bieco maschilismo. Naturale sbocco di queste scorribande, nel ventennio, non può che essere una delle case ante “legge Merlin”.

Se questa è la trama, ben potete immaginare quale possa essere il divertimento del lettore che si immerge in una storia, sempre narrata con garbo e umorismo, sullo sfondo della quale si stagliano autarchia, imperialismo fatto di aggressione al Negus e “giornate della fede” nelle quali la popolazione è chiamata a offrire gli ori di famiglia al fascio littorio …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Venezia, fine del Cinquecento. In una città tentacolare e spietata l'amore e i buoni sentimenti di Michele e Bianca - un giovane muratore e la sua sposa piena di promesse - non bastano a farli vivere sereni. Per sfuggire a un'accusa ingiusta, Michele è costretto a lasciare Venezia e a imbarcarsi su una galera. Bandito dalla Serenissima, rematore su una nave che vaga per il Mediterraneo carica di zecchini e di spezie, con molti dell'equipaggio che addirittura ignorano la sua destinazione finale, senza nessuna speranza di ritornare a breve, Michele è destinato a vivere straordinarie avventure nei porti e gli angiporti del mare nostrum. E tuttavia prove ancora più dure e incontri non meno straordinari toccheranno a Bianca che rimane a Venezia, sola, giovane e bella... La terra e il mare, Oriente e Occidente, due vite e un unico grande amore, agli albori del mondo moderno: storico tra i più autorevoli, vincitore del Premio Strega, Barbero ha scritto un romanzo che si pone al livello dei migliori bestseller d'intrattenimento degli ultimi anni.

Gli occhi di Venezia

Barbero Alessandro

Lago di Como, primi giorni d'estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l'ipotesi di una fuga volontaria e cercare un'altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all'inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov'è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva? Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

La valle dei cadaveri

Invernici Antonio

Ad alta voce, la poesia interpretata da Luigi Maria Nastasi Corsanico

Anna, in seguito a un fortuito errore durante un'operazione di neurochirurgia, non riesce più a parlare del proprio passato: ogni volta che è chiamata a farlo si esprime con un linguaggio onirico, privo di riferimenti comprensibili. Ezio, brillante neurologo responsabile dell'errore chirurgico, è colpito e amareggiato dalla patologia di Anna. I due si frequentano, si innamorano, ma il mistero della donna persiste, e diventa per il medico un'irrinunciabile ossessione: più si avvicina all'enigma, più questo si nasconde dietro una fitta rete di coincidenze. È Anna a non saper comunicare il proprio passato o è Ezio a non saperlo comprendere? Gli amanti si inseguono dall'Italia a Berlino, tra sospetti, eminenti psichiatri e rapporti epistolari, correndo affiancati, come rette parallele, a costruire il percorso di un amore impossibile; per scoprire che la loro storia si può leggere da una parte o dall'altra, proprio come un palindromo.

Anna. Storia di un palindromo

D'Isa Francesco