Narrativa

IL SEGRETO DI ORTELIA

Vitali Andrea

Descrizione: Qual è il vergognoso segreto che Cirene Selva confida alla figlia Ortelia? In verità c'è più di un segreto dietro la vicenda di Amleto Selva, giovane garzone senza arte né parte ma molto ambizioso arrivato in paese nel 1919 al seguito di un sensuale di bestiame. Tanto per cominciare c'è il vero motivo del suo matrimonio con Cirene, timida e bruttina ma destinata a ereditare la macelleria del padre. Poi c'è la lunga guerra con la bottega rivale, quella del Bereni. Soprattutto c'è la passione del Selva per un'altra carne, un'esuberante vitalità sessuale che nel quieto tran tran del paese genera turbolenze e scandali subito soffocati ma destinati a generare lunghe ombre sul futuro.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2007

ISBN: 9788811686026

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La storia, ambientata negli anni dal 1919 al 1940 in piena epoca fascista, narra quale sia l’imbarazzante “segreto” che Ortelia Selva custodisce e svela nelle ultime pagine del romanzo.

Il “di lei” padre, Amleto Selva, è l’ennesimo eroe uscito dalla “piuma d’oca” nelle mani Di Andrea Vitali, che anche questa volta dipinge un uomo del popolo, un nullatenente garzone, intraprendente e vigoroso, che dal nulla – attraverso un matrimonio di convenienza con la timida,  scialba  e … frigida Cirene – si crea un proprio piccolo regno: quello della sua “bottega”. Dunque il protagonista è un macellaio, un esponente della piccolissima borghesia che, secondo molte analisi storiche, è stata parte essenziale della linfa che ha nutrito instaurazione e prosperità del regime.

E l’ascesa economica dell’Amleto (!) di Vitali procederebbe in progressione lineare, se non fosse che … lo stesso uomo, lungi dall’essere dilaniato dai dilemmi dell’omonimo eroe shakespeariano, è affetto da … satiriasi! La moglie (“malchiavata!” è l’insulto che il grezzo macellaio le rivolge da ubriaco), in prima battuta, fronteggia come meglio può le esuberanze sessuali del macellaio, che ben presto trova altre forme di evasione per soddisfare le sue traboccanti pulsioni: pratica il baratto, scambiando carne contro carne, e frequenta un gruppo di scapestrati borghesi che danno vita a un’allegra brigata stile “amici miei” dediti a escursioni improntate all’insegna del più bieco maschilismo. Naturale sbocco di queste scorribande, nel ventennio, non può che essere una delle case ante “legge Merlin”.

Se questa è la trama, ben potete immaginare quale possa essere il divertimento del lettore che si immerge in una storia, sempre narrata con garbo e umorismo, sullo sfondo della quale si stagliano autarchia, imperialismo fatto di aggressione al Negus e “giornate della fede” nelle quali la popolazione è chiamata a offrire gli ori di famiglia al fascio littorio …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Bartleby lo scrivano

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata "adottata" dai principali esponenti dell'élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Io sono Charlotte Simmons

Wolfe Tom

Cosa accadrebbe se a James Joyce venisse rifiutato ogni libro? E se Tolstoj fosse ospitato in radio a Roma, per ascoltare il parere di Ilaria da Foggia? E se William Shakespeare finisse alla sbarra con l'accusa di plagio? Sono solo alcuni dei ritratti paradossali che questo libro ha in serbo per il lettore. Con una prosa scanzonata, L'unico scrittore buono è quello morto illumina splendori e miserie del mondo letterario, senza risparmiare i mostri sacri. Autori e lettori, editori e traduttori finiscono in un frullatore di racconti che miscela una metafisica Praga ribattezzata Kafkania (dove i bordelli si chiamano "Il castello", "La condanna" o "La colonia penale") con una San Francisco iperletteraria dove vagano i sosia dei beat, uno scrittore beone alle prese con una lettrice assatanata e un poetastro in gara nel poetry slam più sgangherato della storia. Una parodia per aspiranti scrittori e lettori sgamati, che snocciola una carrellata di personaggi afasici, perduti, smarriti nel tragicomico labirinto delle lettere. Un libro per tutti quelli che vogliono scrivere e per chi li farebbe fuori volentieri, ma anche un grande atto d'amore per la forza della scrittura.

L’UNICO SCRITTORE BUONO E’ QUELLO MORTO

Rossari Marco

Prendendo spunto dalle Storie di Erodoto, A. Cortese ci conduce su uno tra i più antichi terreni di scontro tra Oriente e Occidente, tra imperialismo e anelito alla libertà: le Guerre Persiane. L'invenzione narrativa si mescola alla verità storica e si volge indietro, fino a guardare negli occhi la follia di Cambise, Gran Re dei Persiani, tra oscuri malefici, inganni e rivolte. Quindi cavalca la salita al potere di Dario, in una fame di potere che schiaccia e distrugge. E così è anche per Serse e i suoi fantasmi. Tra fautori e detrattori della guerra, in Grecia come in Persia, la narrazione si spinge sino alle acque schiumose della Battaglia di Salamina e alla definitiva disfatta persiana a Platea. Ma è nel periodo tra l'agosto e il settembre dell'anno 480 a.C. il suo apogeo, quando, con Serse, l'Ellade si trova a dover respingere un nuovo attacco da Oriente. Intimorite dalla marcia apparentemente inarrestabile dell'esercito persiano, molte città greche si lasciano corrompere o comprare. Tuttavia, in trecento si riuniscono a Sparta, e quando si viene a sapere che re Leonida condurrà i suoi guerrieri a combattere, a quelli si aggiungeranno altri...

Polimnia

Cortese Alessandro